Ciao ragazze!

Prima che passiate tutto il tempo di lettura a chiedervi cos’è quella strana sigla nel titolo, chiarisco subito i vostri dubbi: NCSPPN sta per Nun Ce Semo Proprio Per Niente! 😉 In questo caso non vi parlo di un prodotto specifico, ma di un’abitudine che hanno tantissime ragazze, cioè di fare il bagno nel profumo! 

6a0105356c398f970c0133f3d2f033970b-500wi

Già di per sé non bisognerebbe farlo, ma le cose peggiorano notevolmente quando utilizziamo profumi molto intensi e particolari. Quando ero una giovincella andava di gran moda Hypnotic Poison di Dior, fortissimo e fruttato: io lo odiavo! Diciamo che il nome era azzeccatissimo, visto che era DECISAMENTE ipnotico, anzi, ti stordiva quasi!

Dior-162213_L

Più recentemente è stato il turno di Alien di Thierry Mugler: buono per carità, ma davvero troppo impegnativo per i miei gusti!

publicite_fragrance_alien

Le più giovani, invece, si fanno attrarre da quelli dolcissimi stile Pink Sugar dell’Aquolina:

vanessa_hudgens_favorite_perf

Sarò noiosa, ma secondo me il profumo dovrebbe essere delicato, non troppo persistente; l’ideale sarebbe sentirlo solo quando ci si avvicina a una persona, mentre in molti casi capita di percepire la presenza di qualcuno in una stanza dall’intensità dell’odore che emana! Quando poi sale in metropolitana un uomo o una donna colpevole di eccesso di profumo, mi viene quasi mal di testa! 🙂 (e va bene, lo ammetto, sono noiosa io!) Qua in America sono iniziate delle vere e proprie crociate anti-profumo da parte dei gruppi salutisti, che invitano a non utilizzare fragranze troppo forti in luoghi come uffici pubblici e ospedali; il motivo? Quella che viene chiamata Sensibilità Chimica Multipla, un disturbo che si manifesta attraverso insonnia, perdita di appetito e problemi respiratori, causata proprio dall’esposizione prolungata ai profumi!

Guardatela come è felice mentre si accinge a intossicare l'aria, guardate quanto gode per le Clio di tutto il mondo! ;)
Guardatela come è felice mentre si accinge a intossicare l’aria, guardate quanto gode per le Clio di tutto il mondo! ;)

In realtà sono sicura che nella maggior parte dei casi non lo facciamo apposta: il problema dei profumi è che 1) su noi stessi tendiamo a sentirli pochissimo, perciò non ci rendiamo conto di esagerare e 2) quando siamo vestiti e spruzziamo finiscono per impregnarsi anche gli abiti (per non parlare delle sciarpe in inverno!), così quando quotidianamente ripetiamo il gesto andiamo a stratificare ulteriormente l’odore!

Lavorando a stretto contatto con le persone, cerco di scegliere sempre fragranze leggerissime, che non si sentono quasi! L’unico profumo che mi concedo è il deodorante al limone 🙂

E voi ragazze siete delle spruzzatrici seriali? Qual è il vostro profumo preferito? Li scegliete più intensi o freschi e leggeri?