Ciao ragazze!

Qualche giorno fa sono stata invitata all’Iper di Varese per l’inaugurazione di uno dei primi “Make Up Studio” lanciati in Italia; visto che solo una minima parte di voi ha avuto la possibilità di partecipare, proverò a raccontarvi qua sul blog questa bellissima esperienza!

1385952_10151848379001051_148463544_n
eravate tantissimeeeee !!! :D

Grazie a Maybelline per la torta gigantesca!
Grazie all’Iper di Varese  per la torta gigantesca!

Iniziamo subito con la domanda principale: cos’è il Make Up Studio( quello di Modena si chiama Make up World) ? Si tratta di un concetto nuovo e molto interessante, lanciato in questi giorni all’interno di tre ipermercati italiani (Varese, Modena e dintorni di Milano), per andare incontro alle numerose lamentele di chi, come me, odia acquistare trucchi confezionati “a scatola chiusa”, che non possono essere aperti, toccati e provati. Deborah Milano (con la sottomarca Debbie), Rimmel London (con la sottomarca NYC), L’Oreal Paris e Maybelline New York si sono messe d’accordo per aprire un corner in cui i loro prodotti potranno essere testati, anche con l’aiuto di commesse e truccatrici. Trovo che l’idea sia geniale, così come il fatto di aver unito quattro case cosmetiche che rappresentano le città della moda per eccellenza! Lo scopo principale è di fornire ai clienti stufi di mascara e rossetti attaccati a un muro una vera e propria esperienza di acquisto; come vi dicevo, per ora è ancora una prova, ma sono sicura che l’iniziativa avrà un grande successo! Oltre a tutto è sempre bello vedere dei grandi brand collaborare tra loro!

In quanto madrina dell’evento ho potuto dare una piccola dimostrazione invitando sul palco alcune ragazze con qualche dilemma cosmetico da risolvere; mi sembra carino riportare qui un po’ dei consigli che ho dato loro!

DSC_6527

DSC_6680 DSC_6599

Sopracciglia: questa ragazza aveva un bel trucco, ma non aveva fatto le sopracciglia, che finivano a metà occhio visto che mancava la codina esterna. Ho spiegato i diversi prodotti che si possono usare (ombretti, matite, gel, cere) e poi ho sistemato le sue con due matite di colori simili, una leggermente più chiara e una più scura. In pochi secondi si possono disegnare dei sottili trattini che ricordano i peletti delle sopracciglia; mischiando le due matite, poi, viene fuori un effetto un po’ mélange molto naturale (ricordate che peli e capelli raramente sono di un blocco unico di colore, ma hanno delle sfumature più o meno visibili).

Occhiali: il secondo problema che abbiamo affrontato è stato il make-up giusto per chi porta gli occhiali. La ragazza in questione era praticamente struccata e aveva un po’ di occhiaie; ho applicato un velo di correttore del suo tono di pelle (non troppo scuro perché evidenzia la borsa, né troppo chiaro perché assolutamente innaturale), ingrandito l’occhio con una matita chiara e curvato le ciglia con un piegaciglia, facendo tre passate (all’attaccatura, poi sempre più verso l’esterno), in modo da creare una forma armoniosa e non un’unica piega dritta. Tre semplici passaggi, ma la differenza era abissale e la ragazza è stata molto contenta del risultato!

Mento pronunciato: questa ragazza voleva un consiglio per mimetizzare un mento un po’ pronunciato. Le ho spiegato che con il chiaro-scuro (illuminante e terra o correttore più chiaro e più scuro) si può creare equilibrio, andando a scurire la parte sotto il mento (per portarla in secondo piano) e a illuminare la zona subito sotto il labbro inferiore (per portarla in primo piano). Una correzione di questo tipo aiuta a distogliere l’attenzione, ma comunque la cosa migliore resta puntare su qualcos’altro, ad esempio gli occhi e le sopracciglia! Con uno sguardo sexy nessuno si accorgerà del mento! 🙂

Ombretto: che forma dare agli ombretti, soprattutto se scuri? Fino a che punto stenderli? Tendenzialmente uno step che non dovrebbe mai mancare è l’ombretto marroncino opaco sfumato nella piega dell’occhio. Oltre a definire e a dare profondità allo sguardo, serve anche per rendere più dolce la transizione dall’ombretto alla pelle: immaginate di stendere sulla palpebra mobile un grigio o un nero e di lasciarlo così, senza sfumarlo. L’effetto “macchia di colore” è ovviamente in agguato! Quindi prendete il vostro marroncino e usatelo per ammorbidire i contorni del primo colore: il look sarà più soft e ordinato.

Rossetto: Questa ragazza aveva dei problemi con il rossetto, perché non riusciva ad applicarlo in modo omogeneo e a farlo restare al suo posto senza che sbavasse in giro. In questi casi è fondamentale iniziare con una matita con cui tracciare il contorno, insistendo sugli angoli della bocca, che spesso ci dimentichiamo (immaginate di dire la lettera “A” per distendere quella zona e stendere al meglio il colore). Mi raccomando, usate la matita anche per colorare interamente le labbra! Dopodiché passate il rossetto, meglio con un pennellino in modo da pressare e sigillare per bene il prodotto. Infine appoggiate una velina sulla bocca e picchiettateci sopra un velo di cipria trasparente, per fissare il tutto.

DSC_6935

Questi erano alcuni dei consigli che ho dato a Varese; nella seconda parte dell’evento ho scattato un bel po’ di foto con le partecipanti e le prime 400 hanno ottenuto delle simpatiche polaroid!

Insomma ragazze, grazie a tutte quelle che hanno partecipato! E grazie agli organizzatori dell’evento, che hanno festeggiato il mio compleanno con una mega-torta! 🙂

DSC_6858

Mi raccomando, domani (cioè sabato) sarò a Modena all’ipermercato Grandemilia: accorrete numerose e preparatevi un po’ di domande! 😉 Infine…cosa ne pensate dell’idea del Make Up Studio? Stimolerà i vostri acquisti? Un bacioneee