Ciao ragazze!

La Settimana della Moda di Milano è finita da un pezzo, ma solo ora riesco a raccontarvi per benino la mia esperienza di quest’anno! Come alla Fashion Week di Settembre, ho lavorato come capo-team per Kristina Ti e Aigner (trovate qui e qui il resoconto della scorsa stagione), ovviamente sempre in team con Maybelline. Se volete scoprire tutti i dietro le quinte di una sfilata, leggete oltre!

IMG_1728

Schermata 2014-03-05 alle 16.02.09


Questa era la mia terza collaborazione con Kristina Ti, il brand torinese della stilista Cristina Tardito; lavorare con lei è sempre un piacere, è una donna davvero in gamba, ma gentilissima e dolce. Insomma, la stimo sia come designer, che come persona! Il giorno prima della sfilata sono andata nel suo showroom, dove era impegnata con gli ultimi dettagli della collezione; mi ha mostrato i vestiti e spiegato le idee che aveva pensato per il trucco, trovando ispirazione sulle riviste. Insieme abbiamo fatto brainstorming e poi le ho presentato la mia proposta: labbra e occhi sull’arancione. Un make-up monocromatico poteva essere la scelta migliore per non distogliere troppo l’attenzione dagli abiti, già molto articolati e complessi; lo step successivo è stato decidere se adattare il trucco alle modelle in base a carnagioni e capelli, ma in questo caso abbiamo optato per lo stesso look su tutte, visto che, a parte qualcuna più mediterranea e una di colore, le altre erano abbastanza simili tra di loro.

Schermata 2014-03-05 alle 17.14.18

Sopra vedete la foto del trucco pensato durante la prova: ne ho stampato diverse copie da distribuire agli altri make-up artist, scrivendo accanto i prodotti da usare. Di solito preparavo le face chart, ma sono meno precise e realistiche, così abbiamo deciso di fotografare direttamente il make-up. La mattina dopo c’era la sfilata: appena arrivati noi truccatori ci sistemati lungo degli immensi tavoloni e abbiamo preparato la nostra postazione. Dopodiché ho acchiappato al volo una modella e ho ricreato il make-up davanti al team, spiegando quali prodotti e tecniche usare e dando consigli pratici in base alle ragazze che avrebbero truccato: per esempio il look prevedeva le sopracciglia naturali, ma se una le aveva decolorate o particolarmente sottili avrebbero dovuto insistere di più e disegnarle meglio. Dopodiché ho distribuito le fotografie, da usare come riferimento.

IMG_1608

Dopo circa un’ora di lavoro entrano decine di fotografi e giornalisti e scoppia il finimondo: in quanto capo-team il mio ruolo prevedeva che intrattenessi la stampa, spiegando il trucco e le nostre scelte. Questo è un compito importante, perché è un modo per far conoscere il proprio lavoro anche all’esterno.

IMG_1785

IMG_1778

Una delle cose più divertenti per chi guarda dall’esterno è sicuramente l’arrivo dei fotografi, che usano queste carte riflettenti per gli scatti beauty, in cui vogliono cogliere alla perfezione il trucco. Le modelle si mettono in posa, lanciano uno sguardo penetrante e si fanno fotografare:

IMG_1692

IMG_1720

Qui potete vedere qualche abito della collezione, tutta giocata sui contrasti: tessuti leggeri e pellicce, bretelle e cravatte maschili abbinate ad abiti romantici, colori fluo e neutri.

IMG_1683

download (1) download (2) download (3) download (4)

Ragazze, questa è stata la mia meravigliosa esperienza con Kristina Ti! Ancora una volta voglio ringraziare Maybelline e il team per l’opportunità di lavorare ancora insieme! Ma voi… conoscevate questo brand? Cosa ne pensate della collezione? E del trucco? Voi che make-up avreste realizzato? Un bacioneee

161 COMMENTI

  1. Trovo molto bello questo excursus con noi sul dietro le quinte della fashion week.. Complimenti, non deve essere facile reggere la tensione di quei momenti in cui i tempi sono stretti e ogni cosa deve comunque alla fine risultare perfetta. Belli gli abiti, splendido il trucco: mi piacciono questi colori un po’ folli!
    Sei sempre bravissima, complimenti Clio!

  2. Bellissimo il completo pantaloni verdi e casacca lo voglio!!!! Make up come sempre perfetto! Grande Clio

  3. complimenti clio! all’ altezza come sempre! anche io voglio sapere i prodotti utilizzati! un bacio!

  4. Ciao Clio! Mi piacciono molto questi post, i dietro le quinte delle sfilate sono sempre interessanti e affascinanti. Gli abiti e lo stile di kristina ti mi piacciono sempre e il trucco che hai realizzato secondo me ci stava alla perfezione! 🙂
    Un bacio e buona giornata a tutte! Ah buona Disney vacanza Clio! 🙂

  5. Bello, bello, bello…!
    Uccidiamo più animali che possiamo così avremo tante belle pellicce che abbelliranno le nostre spalle autunno/inverno sempre così trendy e fashion…!

  6. Non conoscevo il brand finché non ho conosciuto te, e trovo che in un certo senso sia quasi “il tuo stile” quello di Kristina Ti…il make-up che hai realizzato è fantastico davvero! Forse avrei utilizzato anche dei toni sul verde scuro, nel complesso tutti veramente bello! E brava Clio!!!!

  7. Gli abiti sn interessanti ma vanno abolite assolutam le pellicce…..nns puo pensare ke nel 2014 siano anc in uso…..e uno skifo….sn disgustata igni volta ke ne vedo una!! Dobb finirla….possiamo scaldarci con altro!!il trucco ke hai scelto sec me e azzeccatissimo….sei mitica cone senpre!!

  8. Bello il trucco, un pop di colore arancio nel grigiore invernale! Bellissimi i capelli arancioni di quella modella!!!

  9. concordo, ancora pellicce! bastaaaaaa! con tutti i tessuti e le ecopellicce che possiamo creare!!!

  10. Visto che la sfilata l’hai fatta con maybelline puoi usare solo i loro prodotti? E sono davvero gli stessi ke troviamo noi in giro? Me lo chiedo xke ogni brad ha certi prodotti fantastici e altri non proprio ottimi x cui mi chiedo se anche negli spot usano davvero solo i loro prodotti o no..

  11. Davvero assurdo -_-
    ma sono davvero necessarie le pellicce? non possiamo proprio farne a meno? mah..

  12. Io nella mia somma ignoranza non riesco a distinguere se siano pellicce vere.
    E nella mia somma ingenuità voglio illudermi con tutta me stessa che siano finte.

  13. che interessante e deve essere davvero un’esperienza magnifica!! Come mi piacerebbe assistere a qualche sfilata ovviamente dietro le quinte con te !! un baciottolo

  14. Credo che Clio non sia molto sensibile al tema (purtroppo) sebbene adori i suoi gatti..A me sembra un controsenso e, come ho già scritto altre volte, sarebbe interessante parlare dei test dei cosmetici sugli animali visto che è un blog di makeup…

  15. Sono felicissima per la tua esperienza Clio,si vede che ne parli sempre con entusiasmo :).Il trucco é bello e originale ma nessun capo mi piace ;p!ma non perché siano di Cristina Ti : in generale l’80% degli abiti che sfilano non sono di mio gusto!Devo dire che trovo piú abiti che mi piacciono nelle collezioni primavera/estate!
    Le pellicce spero siano finte,non sono in grado di distinguerle dalle false,in ogni caso non mi piacciono!
    Un bacione e buona giornata a tutte :).

    P.s. Clioooo fai tante foto a Disneyland ;D!

  16. Bellissima collezione, molto trendy!!! E tu hai fatto un ottimo lavoro. Bel makeup, semplice ma di effetto. Brava Clio!!! Grazie per qusti post “sfilate dietro le quinte” ci rivelano tante cose interessanti del mondo della moda. Buona giornata a tutte!!! E buona vacanza a disneyland Clio!!!!!

  17. Clio ho adorato il trucco che hai realizzato, sei riuscita a rendere portabile un colore difficilissimo come l’arancione, complimenti di cuore!
    Posso chiederti, se e quando potrai, che prodotti hai utilizzato per la base delle modelle? E’ perfetta, sembrano avere la pelle trasparente!
    Un bacione e grazie per aver condiviso quest’esperienza con noi e… buon Disneyland 🙂
    Un abbraccio ragazze! 🙂

  18. Credo che se Clio fosse sensibile al tema, l’avrebbe specificato… Magari è stata una svista (?!?)

  19. Forse anche l’educazione e a non offendere in modo gratuito. Tu comunque sei la prima a sbagliare: se vogliamo essere pignoli dopo il punto esclamativo si usa la lettera maiuscola.
    Forse dovresti pensarci prima di dare dell’ignorante alle persone.

  20. Allora da un blog di make-up lo facciamo diventare un blog su non fare esperimenti sugli animali, non mangiamo carne, pesce e uova, diventiamo vegani e non indossate pellicce! Non puoi obbligare Clio a fare una battaglia che non vuole fare, né insinuare che Clio non se ne freghi niente. Insomma siamo qui per parlare di argomenti leggeri perché la vita è già troppo amara. Certo è che ogni tanto si parli di cose più “pesanti”. Ma non facciamo di questo blog, un blog che non parli più di make-up e moda, e parli solo di tristezze varie!

  21. Ti costava tanto scrivere il primo commento in modo comprensibile e non come una bambina di 12 anni dato che hai dimostrato ora di esserne capace?! Bahh..

  22. Ciao Ele, guarda che non sono la stessa persona che ha scritto il primo commento, grazie comunque per la risposta. Ciao e buona giornata.

  23. Cara Fia, ahinoi sono vere.
    E comunque, ragionando un via del tutto teorica, se anche fossero finte (e non lo sono), rimane la questione che mettersi addosso qualcosa che sia un surrogato di un mantello animale costituisca uno status di bellezza.
    A mio parere quindi, se anche c’è stato, in questi ultimi anni, un decremento nell’utilizzo di pellicce, siamo comunque molto lontani dall’avere un’idea di abbellimento scevra da sofferenza (l’importante è che non si veda).
    Vuoi perché ad un certo punto la pelliccia non era fashion, vuoi perché piano piano lì ci si torna, l’idea di partenza non è mai stata il ripudio della violenza la violenza.
    So sad…

  24. Bellissimo post Clio! !! Che prodotti hai usato per le modelle?? Io uso diverse cosette di maybeline e devo dire che come brand economico l’ ho abbastanza rivalutato 😉 idea per il prossimo concorso…. cosa ne dici di darci delle dritte o di farci ispirare da un brand con il quale hai lavorato e farci inventare a noi un trucco da sfilata? ? 😉 ; ) chissà che verrebbe fuori!! Un bacione!! Ps prima che mi dimentichi…. per la palette nude della vita…cosa ne pensi di quella della lorac pro??? Ne ho sentito parlare benissimo!!!! 😉

  25. Ciao Francesca, ti ringrazio per la tua risposta. Credo che nessuno voglia cambiare la natura di questo blog.
    I test dei prodotti cosmetici sugli animali credo siano qualcosa di attinente al mondo del make-up. Sarebbe interessante, a mio avviso, che Clio spiegasse come riconoscere i prodotti per aiutarci a fare acquisti più consapevoli (e.g. c’è qualche simbolo sulla confezione?). Questo non vuol dire che debba utilizzare solo alcuni prodotti: siamo liberi di scegliere quello che vogliamo, Clio per prima! Per quanto riguarda l’utilizzo delle pellicce, credo sia un tema spinoso che naturalmente solleva polemiche: Clio potrebbe chiarire la sua opinione in merito, anche se magari diversa dalla nostra. Siamo qui per confrontarci liberamente. Se però vedo immagini di pellicce sul blog presentate come capi “fashion”, mi sento di dire cosa ne penso.

  26. Tutti noi condividiamo la nostra vita con persone che direttamente o indirettamente non hanno problemi a venire a patti con la sofferenza animale, purché questa non sia visibile.
    In effetti Clio ha voluto condividere la sua esperienza di make-up e su questo era il focus del post.
    Ciò non toglie che, se è lecito, qualcuno proponga delle riflessioni che vanno anche oltre la semplice considerazione di quanto sia piacevole vedere un lavoro armonioso e quanto sia apprezzabile la professionalità di chi l’ha realizzato.
    Clio non può fare proprie battaglie che non le appartengono e per questo è sacrosanto che accetti tutti i lavori che le pare.
    Chi è più sensibile a certi argomenti condivida il proprio pensiero, se verrà raccolto tanto meglio; altrimenti è stato un semplice confronto che male non ha fatto (almeno questo).
    😉

  27. mi sono innamorata del primo vestito, quello blu con coprispalle giallo e parigine grigio chiaro…. mi ricorda i vestiti che mettevo tempo fa e che ora non trovo più!! 🙁

  28. http://www.youtube.com/watch?v=p5c3m_vYWf4

    come vedi mia cara, Clio ne ha già parlato. Se mette foto in cui forse ci sono pellicce fatte con animali veri non è perchè vuole urlare al mondo che dei pelosetti se ne frega. Ma per l’appunto è un blog di make up e se Clio dovesse voler pubblicizzare qualcosa è solo il suo ottimo lavoro che ha svolto come MUA per Kristina Ti e come capo make up artist (anche e non solo per intrattenere la stampa che sono dei veri rompipalle). è vero, viviamo nell’era dell’immagine e uno può facilmente associare Clio-immagini sfilata-trucchi-pellicce-pubblicità, ma dobbiamo darci una calmata. Fino a prova contraria Clio non ti viene a mettere le foto perchè vuole che tu compri quei vestiti o è a favore delle pellicce di animali (che poi non si sa nemmeno se siano eco o meno). Ha voluto condividere semplicemente un’esperienza con noi. Non ha fatto nemmeno eccessiva pubblicità quando uscì la Mimì e Oscar collection, perchè dovrebbe farne a chi (forse) usa animali morti per vestire le proprie modelle? Solo una stupida lo farebbe e Clio non mi sembra appartenga alla categoria, non credi?

  29. Io conosco il brand perché, incuriosita dagli outfit della Littizzetto a Che tempo che fa, ho spulciato nei titoli di coda 🙂
    Sono abiti femminili e romantici ma allo stesso tempo contemporanei e soprattutto PER TUTTE. Complimenti Clio e a Kristina Ti.

  30. Credo che una persona possa esprimere la propria opinione anche se per una volta è “negativa” nei confronti di Clio. Io la adoro ma non per questo seguo ogni sua parola come fosse oro colato, nè la difendo a tutti i costi. Credo che l’intento di questi commenti sia solo quello di porre l’attenzione su questo argomento. Non dico che Clio avrebbe dovuto trattare l’argomento (o fare delle considerazioni in merito), ma visto che non l’ha fatto, trovo giusto che l’abbia fatto una di noi.

  31. Ciao Stefania, sono d’accordo con te. Ma nel nostro piccolo credo che ognuno possa lanciare dei messaggio, soprattutto i personaggi pubblici.

  32. Ciao Irene, ti ringrazio molto per il tuo link e la tua risposta. Purtroppo non la penso come te, ma rispetto il tuo punto di vista. Se Clio avesse parlato solo della sua esperienza come make-up artist avrei preferito, anche perché il trucco mi piace molto. Però Clio ha anche detto, riferendosi alla stilista, “la stimo sia come designer, che come persona”. Per me questo è andare oltre il mondo del make-up e apprezzare una stilista che utilizza pellicce.

  33. Un tutorial sul trucco sarebbe fanstastico perchè come hai detto tu l’ha reso portabile, su di me fa ancora e sempre effetto malaticcio! 🙁 😛

  34. stiamo ponendo un problema che non sappiamo nemmeno se esiste dato che non c’è la certezza assoluta che siano eco o meno. Cmq apprezzare non vuol dire che gli sta facendo pubblicità. Come qualcuno ha detto “le parole di Clio non sono oro colato” quindi lei è qui solo per esprimere la sua opinione su tematiche che ha scelto lei, non ti sta dicendo di comprare o apprezzare per forza quello che lei apprezza.

  35. Cara Irene, purtroppo la vediamo diversamente, come ho detto prima, ma sono contenta che tu abbia espresso la tua opinione. E’ interessante vedere come ognuno, in base alla propria sensibilità, interpreti frasi e immagini. A mio avviso, si può “pubblicizzare” un prodotto non solo parlandone in modo esplicito. Per me dire che si stima una persona come designer vuol dire che ti piace il suo lavoro, le sue scelte e quindi i prodotti che crea. Se poi mi proponi foto con pellicce, vuol dire che apprezzi quei risultati. Naturalmente è solo il mio punto di vista e magari ho interpretato male il punto di vista di Clio. Se vorrà ci dirà lei cosa ne pensa veramente. Intanto ti ringrazio per aver condiviso il link e le tue idee. Buona giornata!

  36. Partendo dal presupposto che non condivido l’utilizzo delle pellicce (anche se ecologiche), perchè far ritornare di moda questo indumento implica inevitabilmente l’aumento anche di quelle vere, mia madre, abbastanza affidabile in materia, mi ha appena detto che le pellicce usate da Kristina Ti sono ecologiche. Forse per questo Clio si è sentita di apprezzare la stilista 😉

  37. Ciao, credo che Clio abbia pubblicato solo le foto della sfilata e che abbia recensito la sua esperienza. Io non ci vedo nulla dietro, insomma, se odia le pellicce o le ama son problemi suoi. Tante volte non sono d’accordo con Clio perché personalmente preferisco cosmetici bio, ma non per questo non rispetto le sue opinioni. Con ciò voglio dire che forse stiamo andando oltre e stiamo vedendo cose che non ci sono, nel senso che Clio non ha espresso nulla in merito alle pellicce quindi fino a prova contraria non sappiamo la sua vera opinione. Se stima una stilista non significa amarla in tutto e x tutto. Io anche stimo Clio come persona e come professionista, ma non per questo son d’accordo con tutto ciò che dice.
    Concludendo dico che secondo me ci siamo sbagliate a dire che Clio ami le pellicce e che comunque è stata solo una svista. Alla fine ognuno fa un po’ ciò che gli pare.
    Ciao a tutte

  38. Chiuso il cerchio! Le pellicce sono ecologiche e Clio apprezza la stilista anche per questo! Grazie Eva per il tuo commento. Come vedi si era scatenatoun putiferio!
    Ciao a tutte 😀

  39. Non capisco proprio tutto questo fervore per le pellicce.
    1) mica è stata Clio a scegliere i materiali dei vestiti per la sfilata
    2) se ha postato quelle foto è per mostrare alle lettrici del blog il trucco che ha fatto sulle modelle, non per fare propaganda alle pellicce
    3) se non le avesse postate e poi fosse venuto fuori che aveva truccato delle modelle impellicciate per una sfilata poi qualcuno avrebbe potuto dire che è un’ipocrita

  40. Nessuno t da il diritto di offendermi gratuitamente…ho il cel ke a volte m scrive una lettera al posto d un altra e se nn rigurdo m parte qualke parola strana…ma detto questo….m sembra altam piu importante il senso delle mieparole!! Sei solo una maleducata e un insensibile e qui kiudo!!

  41. Ehy clio io avrei usato un bel colore sulle labbra per riprendere i toni forti degli abiti e avrei lasciato gli occhi quasi al naturale xo nn rendere il tutto troppo carico … cmq bellissima sfilata e il trucco lo trovo molto interessante 🙂 facci sapere i prodotti … Ciao stupenda 🙂 **

  42. Certo che non deve’essere facile gestire un blog!qualsiasi cosa tu faccia o dica è sotto il giudizio di tutti..che ansia!a parte il fatto che non sappiamo se siano pellicce vere o ecologiche!poi secondo me Clio ha solo raccontato la sua esperienza cone MUA non voleva di certo far alzare questo polverone!io immagino sia anche lei sensibile al tema “animali”avendo un pochino capito che persona sia!ma di certo per questo non avrebbe potuto rinunciare all’occasione di un lavoro sputando in faccia alla crisi perché la stilista usa pellicce vere secondo me..magari sarebbe stata criticata lo stesso x questo motivo..Che ansia!!!a parte tutto complimenti bel lavoro come sempre;)

  43. caspita clio, hai fatto un lavorone! continua così;) l’idea dell’arancio mi piace anche perchè io non saprei quale altro colore sceglier:)) la collezione, mi è piaciuta in generale, mi piacciono soprattutto il fatto di aver giocato molto sui colori!;)
    grazie di averci raccontato la tua meravigliosa esperienza;)

  44. Ciao Francesca,
    come ho scritto sotto a Irene, purtroppo la pensiamo in modo diverso e si vede che dalle stesse parole e immagini cogliamo messaggi diversi. Clio se vorrà chiarirà la questione. Buon pomeriggio!

  45. Mi associo a Fia, Clio facci sapere anche i numeri degli ombretti e del rossetto, quell’arancione mi piace davvero molto e credo di aver capito che con glio occhi verdi stia benissimo. Tutorial please!!!!! Fantastica come sempre!!!

  46. Signorina Colucci, lei ce l’ha l’età per viaggiare in macchina almeno fuori dall’ovetto?

  47. Ciao ragazze scusatemi ma non mi sembra il caso di dare contro a Clio sul fatto che ha pubblicato delle fotografie su delle pellicce,innanzitutto non è lei la stilista e se anche lei fosse contro questa cosa sinceramente non doveva perdere un opportunità del genere a lavorare come capo gruppo!!noi siamo qui per parlare del make-up che ha creato e che io trovo stupendo! I capi di questa stilista non mi fanno impazzire,a parte qualche pezzo,le pellicce non piacciono nemmeno a me che sia ben chiaro!
    Quindi faccio solo i complimenti a Clio su quello che ha realizzato!

  48. Ma è proprio necessario scrivere questo tipo di commento sotto un post di Clio, che ci parla della sua esperienza di capo team?

  49. L’anno scorso aveva usato pellicce ecologiche, perché quest’anno dovrebbero essere vere?

  50. Ciao Colette, non è “necessario”, nessuno dei nostri commenti credo lo sia in questo blog. Clio però ha chiesto cosa pensiamo della collezione, se non sbaglio.

  51. Anche perché, come ti ho scritto più giù, perché se l’anno scorso Kristina Ti ha usato pellicce ecologiche quest’anno avrebbe dovuto cambiare idea? Io non ci vedo niente di male nel Fur, sebbene non sia il mio stile, se non soffre nessun animale. È un materiale la pelliccia (eco) che crea dei volumi e dei movimenti e non capisco perché deve essere demonizzato.
    Non oscuriamo poi, la meravigliosa esperienza che Clio ha voluto condividere con noi.

  52. Io non vedo nulla di male nell’indossare una pelliccia finta. E’ bello poter indossare un tessuto sofficioso sapendo che nessun animale è stato ucciso.
    Francamente non vedo una buona ragione per cui rinunciarci. Ami gli animali e amo sentirmi bella e se una pelliccia finta mi aiuta a sentirmi bella, ben venga!

  53. Ascolta, questo tipo di commento, vira gratuitamente il brio del blog, verso l’argomento “animalista”. Oltretutto (lo riscrivo di nuovo anche qui), non so quanto siano vere le pellicce, visto che questo brand ha usato quelle Ecologiche l’anno scorso. (Pertanto è un commento di polemica un po’ inutile e infondata…)

  54. Quello che mi infastidisce è chi ritiene che Clio debba esprimere per forza un’opinione in merito al tema “pellicce”. Il fatto che non l’abbia chiaramente espresso nell’articolo ne fa un caso di stato.. e molte stanno aspettando di sapere la sua opinione per decidere come giudicarla! ASSURDO! Ognuno è libero di essere animalista, vegetariano, vegano, carnivoro o quello che sia! la prima cosa è il rispetto! E soprattutto non rompere le palle al prossimo e non giudicarlo per le sue idee! Non usiamo un blog leggero e piacevole per fare propaganda per cortesia!

  55. Lascia perdere…
    finché i meccanismi sono semplici è un tripudio di cuori, appena sollevi il lembo del velo il sistema va in crisi.
    In effetti Colette non ha tutti i torti, in questo contesto è opportuno limitarsi ad approfondire il discorso su quanto sia amabile lo smokey marrone sugli occhi azzurri.

  56. io ne ho appena aperto uno di blog, ma mi sa che quasi quasi lo chiudo… guarda te il putiferio scatenato da un singolo post…. O.O

  57. Credo che ognuno possa esprimere liberamente le impressioni che prova vedendo determinate immagini. Io sinceramente sono contro sia quelle vere che eco. Rispetto le opinioni altrui e sinceramente non mi permetterei mai di dire che i commenti di altri sono “inutili”, neanche il tuo sinceramente. Sono sempre per il confronto e ti ringrazio per aver condiviso le tue idee.

  58. Io a ‘sto punto non credo lo aprirò mai un blog! :-O
    Comunque in bocca al lupo per il tuo 😉

  59. Vero? Io ho una fissazione per la base e questa della sfilata è davvero favolosa, leggera, naturale, eterea (grande Cliuzza!)… mi piacerebbe tanto ottenere un risultato come quello. E magari un viso come quelli eheheheh
    Ciao!

  60. ho un paio di vestiti Kristina T e devo dire che sono davvro molto carini..li tiene un’amica di famiglia nel suo negozio per questo la conosco come stilista da diversi anni..
    il trucco è molto bello cmq!io non amo molto l’arancione ma devo dire che dona a tutte le modelle..puoi dirci di preciso qual è?mi è venuta voglia di prenderlo!

  61. Mi ha interessato molto scoprire il dietro le quinte della sfilata, ammetto però che la magrezza delle modelle mi inquieta un po’ 🙁

  62. Sono d’accordo con te e preciso che quelle dell’anno scorso di Kristina Ti, erano ecologiche. Dubito che quest’anno siano vere.
    Mi cascano le braccia se sotto questo post devo leggere di battaglie animaliste, anche quando non ce n’è bisogno, e non capisco chi è contrario anche a quelle Eco. Le pellicce possono piacere e non ( a me non garbano) Ma se so finte, che mi significa essere contrari????? Boh. Questa è una polemica inutile.
    Scusa, FIA, se ho scritto sotto di te.
    PS. SMETTETELA DI CHIEDERE A CLIO DI SCHIERARSI. È UNA MAKE UP ARTIST. NON È che se ha i gatti, deve usare solo prodotti Bio, o lavorare solo per chi usa tessuti Eco friendly.

  63. Anch’io ci sono rimasta male nel vedere le foto con le pellicce – che a dire la verità mi sembrano vere, anche se spererei di no, e mi fa piacere che ci siano così tante ragazze sensibili al tema. Moltissime stiliste ad esempio Stella McCartney da sempre , ma anche Elisabetta Franchi di Celine B , hanno ripudiato pubblicamente l’uso di pelli animali in tutte le loro creazioni e fanno delle collezioni bellissime e di successo mi pare ! Credo che un grosso problema siano i nuovi mercati , esempio russi e cinesi , popoli assolutamente indifferenti al tema dei diritti umani, figuriamoci a quelli degli animali. I russi adorano le pellicce e molti stilisti vogliono andare incontro ai loro gusti barbari pur di vendere ad ogni costo !

  64. Davvero..bellissima la base, io adoro, poi sarò controtendenza però a me la pelle chiarissima piace *.*

  65. Molto bello! Questa volta non c’è proprio niente che cambierei (anche se fuori dalla passerella non trovo l’arancione molto portabile)! Ed è molto interessante anche scoprire la preparazione che c’è dietro!
    Quanto al tema pellicce..volendo prendere un minimo di posizione forse si sarebbe potuto almeno evitare di postare quelle foto in particolare.. certo il lavoro di clio è un altro, ma dei modi per difendere le proprie idee ci sono comunqe..tuttavia non sono tanto intransingente perché vorrei proprio sapere quante fra quelle che si indignano (giustamente) per le pellicce non indossano mai nemmeno pelle, cuoio e altro!

  66. Si non deve’essere facile gestirlo..soprattutto xchè a commentare ci sono anche persone polemiche che magari non ti stimano più di tanto ma che vogliono mettere solo becco su tutto!devi avere sicuramente come si dice”il pelo sullo stomaco”e farti scivolare tutto!e Clio mi pare lo sappia fare con stile;)alla fine nessuno obbliga nessuno a seguirla!!!

  67. Scusa, ma l’opinione negativa su Clio, non è avallata da niente! E lo scrivo pure qui, chi ha iniziato sta polemica animalista, non credo abbia ben verificato: l’anno scorso le pellicce di Kristina Ti erano eco, dubito che abbia cambiato quest’anno.

  68. Ma tu hai controllato se sono vere o no? L’anno scorso erano Eco. Non scrivere “lascia perdere…” Come se con me fosse fiato sprecato…. IO vado a verificare le informazioni, prima di esprimere le opinioni, cosa che in pochi fanno.

  69. Non devi assolutamente scusarti Colette, sono d’accordo con te anch’io 🙂
    Una pelliccia finta non mi dà alcun problema, una pelliccia vera NON la compro ma non per questo giudico chi sceglie d’indossarla – per dire, se mia madre avesse delle pellicce che dovrei fare, trovarmene un’altra? Di madre intendo. E se avessi una cara amica che le adora? Mia nonna (pace all’anima sua) le aveva e le adorava, aveva un debole per pellicce e gioielli, oh, ognuno c’ha le sue. Sono scelte e l’amore per gli animali non si può imporre: o ce l’hai o non ce l’hai. Ma se ce l’hai questo non fa automaticamente di te una persona migliore.
    E qui per quel che mi riguarda chiuderei, ché questa è pur sempre casa della signora Zammatteo.
    Un abbraccio (e perdonami per come ho scritto ma l’ho fatto di getto) 🙂

  70. Ma tu hai verificato se sono vere o no? No, perché l’anno scorso erano ecologiche ( ha cambiato quest’anno? io non ho trovato conferma) e non gradisco leggere “lascia perdere…” Come se con me fosse fiato sprecato. IO, prima di esprimere le opinioni, verifico le info, cosa che fanno in pochi.

  71. Quanto siete pesanti… E se sono vere poveri animali, e se son finte è uno schifo lo stesso perché è una questione di principio… E Clio non è coerente perché c’ha i gatti ma stima la stilista…
    Ma quindi tutte vegane siete? E non vi curate perché i farmaci e tutte le tecniche medico-chirurgiche, grazie al cielo, sono testati su animali? Scommetto anche che non usate l’automobile, perché notoriamente i parabrezza uccidono milioni di moscerini ogni anno. E immagino pure che viviate in qualche borgo putrido del 1200 senza un sistema di derattizzazione efficiente e quindi perennemente afflitto da pestilenze.
    Ecco, io invece vivo nel 2014, amo cani, gatti, e tutti gli animali carini, gli insetti mi fanno schifo e un po’ paura, e se uno mi entra in casa finisce dritto nell’aspirapolvere. Sono grata al mio comune per le campagne di disinfestazione e derattizzazione, ovviamente sono pro-test, mi nutro anche di animali, per l’inverno evviva gli stivali di pelle, mio figlio ha passato i primi quattro mesi di vita disteso sulla pelle di agnellino, le pellicce non mi sono mai piaciute, né quelle vere né quelle ecologiche, ma di certo questo è l’ultimo dei problemi tra quelli del mondo della moda: prima bisognerebbe, per esempio, lagnarsi per come vivono-lavorano-crepano gli operai cinesi schiavizzati nei capannoni dell’industria tessile anche italiana. Ma anche solo per semplice empatia verso individui della propria specie, così come fanno tutti i vostri amatissimi animali.
    Saluti

  72. Non c’è nessuna opinione negativa su Clio, semplicemente una ragazza ha voluto portare l’attenzione su un argomento come le pellicce perchè non l’aveva fatto Clio ed erano ben visibili sulle foto. Io personalmente credo che Clio non ne abbia parlato perchè non era il post adatto e sono stata la prima a dire che le pellicce sono ecologiche. Però credo che la ragazza che ha fatto presente il problema abbia fatto bene a dire la sua opinione (lei stessa tra l’altro non ha fatto riferimenti a Clio ma solo alle sfilate e alla moda in generale). Tutto qui.

  73. Puoi rileggerti il TUO commento cui ho risposto? Inizia così:”Credo che una persona possa esprimere la propria opinione, anche se per una volta è “negativa” nei confronti di Clio” queste sono le tue parole, e io ho solo detto che l’opinione “negativa” su Clio non è avvallata da niente. E per me questa ragazza ha solo aperto l’ennesima polemica animalista, stavolta pure infondata, che ha solo ammorbato l’atmosfera di questo blog. E inoltre, crea pure DISINFORMAZIONE, perché risponde che sono vere…. Secondo te, ha fatto qualcosa di positivo? A me non sembra.

  74. Ciao LaKiari, come ho risposto a Francesca, non credo che si debba cambiare la natura di questo blog che si occupa principalmente di make-up. Ci sono certamente temi ben più importanti che tu hai citato. Trattandosi di make-up si potrebbe affrontare il tema di case cosmetiche che certificano i loro prodotti come non testati e, quindi capire come riconoscerli. Questo aiuterebbe tutte noi a fare acquisti più consapevoli (come scritto sopra), poi ognuno è libero di comprare quello che vuole, ovviamente. Inoltre, se Clio pubblica delle immagini e ci chiede cosa pensiamo della collezione, ognuna di noi può esprimere il suo parere in base alla propria sensibilità. Come hai notato essa non è uguale per tutti e trovo sempre interessante confrontarsi.

  75. Cerco di essere più chiara, il “negativa” era in generale perchè noto sempre che quando qualcuno va “contro” Clio viene subito attaccata. Io personalmente sono contro le pellicce in genere ma ognuno ha la propria opinione e quindi non condanno chi le porta o le ama, perchè sicuramente potrei essere condannata io per altri motivi. Il mio punto quindi non è la polemica in sè ma la possibilità di dire la propria opinione anche se diversa. Ti dico la verità, io leggo il blog alle 6 di mattina e di solito commento subito, stamattina ho pensato anche io che le pellicce fossero di cattivo gusto ma non l’ho scritto perchè A ME non sembrava la sede adatta, per dire.

  76. Hai proprio detto quello che penso in maniera molto educata 🙂 ci sono vestiti e collezioni splendide anche senza pellicce. 😉

  77. Ciao Clio! Prima di tutto sono contentissima per te che sei a Disneyland!
    Per quanto riguarda la collezione degli abiti, sinceramente non è il mio genere…ma leggere come si svolge una seduta di mae up è davvero molto interessante!!

  78. Ciao clio!! Prima di tutto grazie ! Come sempre ci racconti e condividi con noi le tue meravigliose esperienze… Io come make up non avrei potuto fare meglio!!! Ma vorrei chiederti una piccola informazione, come capo team avevi la possibilità di scegliere gli altri truccatori? In realtà vorrei riuscire a far parte di diversi team ( non solo quello della scuola che ho frequentato) ma non saprei come arrivarci… Ti va di aiutarmi

  79. carissime che contestate le pellicce….vorrei farvi una domanda :se faceste un lavoro legato alla moda e vi chiamasse valentino, armani,cavalli …….e vi proponesse di lavorare per una sfilata e vi pagasse 50000….100000….30000 starete lì a domandarvi di cosa sono vestite le modelle? Io credo di no !!!!! poi c’è una cosa che si dice dalle mie parti “quando la volpe non arriva all’uva dice che non è matura” a buon intenditore poche parole!!!!!!!

  80. E’ più forte di me, non riesco ad apprezzare i vestiti se li vedo addosso a queste modelle, non rispecchiano la donna media come me, come potrei capire se mi stanno bene o no? Eppure nel mondo della moda continuano ad utilizzare questo stereotipo di bellezza che non sta nè in cielo nè in terra.

  81. Brava Lilo, è quello che penso anche io! Infatti ho detto di non trasformare questo blog in qualcosa di “pesante”, e tra l’altro qualcuna di noi si è solo immaginata cose che non ci sono. Clio ha pubblicato le foto della sfilata, non c’è niente da aggiungere! Cavolo, una può avere il diritto di scrivere quello che gli pare nel suo blog senza essere giudicata da persone che vogliono che scriva altro e cambiare la natura di questo blog? Secondo me si è accesa solo una polemica inutile e non mi sembrava il caso e il momento adatto per esprimere opinioni sulle pellicce da parte di Clio!

  82. Ciao Clio! complimentissimi per i tuoi traguardi! e’ davvero bello che un’ amica talentuosa e capace come te eccelli nel suo lavoro!
    Posso farti una domanda? Ma quando voi makeup artist mettete tutta quela roba sul tavolo non avete paura che si “smarrisca” o che qualcuno la rubi?
    c’è cosi tanta confusione!! io ne sarei terrorizzata 😀

  83. Quanto alle pellicce, non le possiedo soltanto perché a Firenze l’inverno non è così rigido da richiedere un capo di pelliccia! Ci suderei dentro, come un ippopotamo! E…….sono vegan, ma soltanto perché non gradisco la carne, ne’ i suoi derivati! E ora finitela di fare le ‘pulzelle d’Orleans’, che, se poteste, un bel giubbottino di pelliccia, firmato Cavalli, ve lo comprereste tutte!

  84. Proprio vero… Purtroppo la gente non si rende conto di cosa comporta una pelliccia, non si fermano a riflettere. Inoltre spesso chi si scandalizza per una pelliccia ma si ritiene lecito usare la pelle. Purtroppo la pelle c’è dappertutto e per questo la gente lo ritiene normale, e quasi sempre la sola alternativa alla pelle è la schifosissima “ecopelle” fatta in cina da lavoratori sottopagati, che di eco non ha proprio niente ed è di infima qualità. Ma perché le aziende non puntano su materiali alternativi? Che non siano il solito sintetico. Dobbiamo ancora vestire con le pelli degli animali come ai tempi della preistoria, e se non lo vogliamo dobbiamo affidarci a materiali incredibilmente inquinanti e di pessima qualità? Spesso sono costretta a comprare scarpe di pelle a causa di un problema ai piedi ed è una cosa che non sopporto, vorrei tanto che le aziende si svegliassero iniziando ad esplorare nuove strade.

  85. Meraviglioso il tuo modo di pensare, quindi in nome della coerenza dovremmo accettare tutto senza provare nemmeno a migliorare questo mondo? Di certo tu che non fai un cazzo per gli animali sarai perfettamente coerente, ma è importante essere coerenti o cercare di migliorare quel che si può? Tipica mentalità dell’italiano medio…

  86. Non non conosco questo brand. Quello che mi stupisce è che una volta, qualche tempo tempo fa, ero abituata a vedere sulle passerelle abiti e trucco fantastici, nel senso appariscenti e sensazionali, adesso mi rendo conto che qualcosa è cambiato… il trucco sembra esser passato in secondo piano, non so, devo capire se mi piace… sono ancora in fase di rielaborazione! 🙂

  87. Ma che discorso è? C’è quindi ora è anti-etico pure mettersi le pellicce finte e le giacche in eco-pelle?? Allora anche mangiare gli hamburger di soia è antietico secondo il tuo ragionamento, perchè comunque sono ispirate alla forma e al gusto di quelli di carne. Io adoro le pellicce FINTE e ne ho 3 o 4, e allora? Se sono finte che male c’è dai… qui si sta sfiorando il ridicolo….

  88. Colette, mi trovi al 100% d’accordo con te. Clio è una make up artist e ci vuole parlare del suo lavoro e delle sue esperienze perchè criticare tutto? Poi chi è contro le pellicce eco per me è ridicolo, perchè vorrebbe dire essere contro anche la eco-pelle e i vari cibi vegani/vegetariani che sono una riproduzione della carne e dei vari derivati (del genere.. petto di pollo al seitan etc). Le pellicce sono belle a vedersi, ed è bello che persone decidano di scegliere quelle eco rispetto a quelle vere. Io ne ho tante di faux fur, e non mi sento anti-etica. E poi che noia criticare tutto!

  89. Io ho un colbacco (eco di Accessorize) che mi fa sentire tanto Anna Karenina!!! Come soprabito non me le vedo addosso, ma un ciuffetto qui e la, si. 😉

  90. Uhm… Quindi adesso polemizzare perché una truccatrice mette la foto di una modella con una pelliccia nel suo blog sarebbe fare qualcosa di buono? La famosa rivoluzione dal divano!

  91. Certo che no, io non ho criticato Clio (anche perché a quanto pare queste pellicce sono finte, e poi lei non c’entra nulla con la questione pellicce). Mi riferisco alle tue critiche verso i vegani, che ti piaccia o no loro salvano molti animali non incentivando il mercato della carne, ma ovviamente questo non li rende perfetti ed è impossibile non causare del male a nessun animale (vedi i moscerini quando vai in macchina). Mentre tu non fai assolutamente nulla per gli animali, e ti permetti di criticare chi fa una scelta etica fondata sul rispetto verso la vita.

  92. Perdonami Clio ma questa volta il trucco proprio non mi piace e non condivido l’idea che un trucco monocromatico distolga meno l’attenzione dagli abiti. Probabilmente sarebbe vero con un colore meno intenso, ma una tonalità come l’arancione acceso secondo me cattura molto l’attenzione, e per di più così intenso su occhi e labbra fa un effetto macchia che specie da lontano non è molto bello a vedersi, specie nelle foto da lontano le modelle sembrano con gli occhi stanchi e arrossati. Secondo me si poteva puntare su un altro tipo di lavorazione dell’ombretto o su un makeup in generale più tenue. Ovviamente questa è una mia opinione da “spettatrice” e non da addetta ai lavori, e la do soltanto perché lo richiedi alla fine del post e perché so che tu sei sempre interessata ai nostri pareri. Un abbraccio e in bocca al lupo per il lavoro!

  93. Ma Clio, tu, da capo team, ti sei mai trovata a lavorare con altri makeup artist incompetenti? se si come ti sei comportata? Comunque il trucco mi è piaciuto perché rappresenta a pieno questa collezione ,bravissima Clioooo. :*

  94. Ciao Irene, nel video non esprime un parere perché dice di non essere abbastanza informata. Dal 2009 ad oggi è passato parecchio tempo.
    Visto che afferma che è un tema che le sta a cuore, forse ora ha un’idea più precisa. Buona serata e grazie ancora per il video che non conoscevo.

  95. Ciao clio che bello il tuo trucco proprio azzeccato! Volevo farti una domanda, ma quamdo vai a lavorare con il team Maybelline devi portare ed usare solo loro prodotti?! E poi se gli altri tuoi collaboratori non hanno i tuoi stessi prodotti come fanno a ricreare il look? Spero risponderai Un bacione♥

  96. A quanto pare non parliamo la stessa lingua, perché il senso del mio intervento non era e non poteva essere, dato il contenuto del post di Clio, la critica verso i vegani, ma al contrario verso quell’animalismo a pancia piena per cui ci si indigna per un simbolo (la pelliccia, vera o finta che sia) mentre nella propria quotidianità non si fa nulla di concreto.
    Ho poi riportato alcuni esempi per far capire come la vedo io: mangio carne e mi curo con farmaci testati, ma ciò non vuol dire che le condizioni degli animali negli allevamenti o negli stabulari, ad esempio, mi lascino indifferente. So che le norme che regolano la ricerca con test su animali sono rigidissime e volte a limitare il più possibile stress e dolore all’animale: non sarebbe più utile battersi perché queste normative vengano estese, per quanto possibile ovviamente, anche agli allevamenti degli animali da pelliccia, anziché criticare la pelliccia in sé?
    Infine, che io non faccia assolutamente niente per gli animali lo dici tu: ho un cane, due gatti, sei galline ovaiole e dieci pollastri, e nutro, curo, e tratto tutti con grande rispetto, anche quelli che poi mangerò (i polli), e anche quelli (i gatti) che giornalmente squartano passerotti e topolini per il semplice gusto di farlo, senza neanche mangiarli!

  97. Invece se ti fossi informata sapresti che sono finte. Vedi, attaccare a prescindere senza neanche confermare le proprie accuse non fa che far male alle proprie ideologie, perchè le rende prive di forza argomentativa. Pensaci la prossima volta.

  98. Infatti Colette ha ragione, le pellicce sono finte anche quest’anno e bastano 30 secondi di ricerca su google per provarlo.

  99. Innanzitutto Clio non ha mai detto “queste pellicce sono bellissime, compratele tutte!!”. Erano semplicemente nelle foto che lei ha pubblicato per il makeup. Mica può decidere lei cosa la stilista che la assume può far indossare alle modelle e cosa no. Ma a prescindere da questo le pellicce in questione sono eco, quindi non capisco per quale motivo bisogna alzare un tale polverone per nulla. Se non ci credete ho trovato la risposta in 30 secondi di ricerca su google http://it.paperblog.com/kristina-ti-fw-20132014-milano-1662063/

  100. Chiara precisa e non ipocrita. Ti stimo. Sfido chiunque a vivere senza medicine vestiti cibi mobili energia o qualsiasi altra cosa che non sia passato dallo sfruttamento di un essere vivente. Sto animalismo serve solo a far sentire eroine quelle che lo sbandierano. Basta ipocrisia. E bello il trucco di clio invece!

  101. Ciao Gaia, grazie per la risposta e il link. Io sono contro anche quelle ecologiche e condivido quello che ha scritto Eva a riguardo, non te lo ripeto ma lo trovi tra i commenti di oggi. Ho già risposto anche alla questione della pubblicità meno esplicita in un commento precedente. Buona serata.

  102. L’ho già letto e lo trovo assolutamente senza senso. Allora tutti i nostri vestiti riproducono delle pelli animali, perchè i primi indumenti indossati dall’uomo erano pelli e sono solo andati ad evolversi da quel momento. Oppure non dovremmo mangiare hamburger di seitan, o di soia, perchè riproducono la forma di un hamburger fatto con carne animale. Ma scherziamo? Se per essere creato un indumento non ha fatto male a nessuno per quale motivo bisognerebbe essere contro? Anzi, si potrebbe addirittura vedere come un segno di rispetto e di ammirazione per l’animale, perchè si cerca di assomigliarvi indossando indumenti che riproducono il suo meraviglioso manto. Mi dispiace, capisco e condivido in pieno il disgusto per le pellicce vere, ma qui stiamo cadendo nell’esagerazione. A questo punto non travestiamoci più da gatto o da animale a carnevale, altrimenti stiamo promuovendo la loro uccisione. Wtf?

  103. Cara Gaia, abbiamo punti di vista differenti ed è difficile trovare un punto di incontro. Per me il messaggio che passa è che l’utilizzo di pellicce sia “fashion” (siano essere vere o meno), come detto anche da Stefania. Non ti chiedo di condividere queste idee, ma almeno di rispettarle.

  104. Io sono convinta che gli eccessi siano sbagliati, sia da una parte che dall’altra. Senza contare che il messaggio che passano le pellicce ecologiche è completamente l’opposto, perchè gli stilisti di solito mettono bene in chiaro quando le usano. Il loro obiettivo è sottolineare che le ecopellicce sono fashion, le altre no, perchè non le usano indistintamente: se scelgono l’eco usano solo l’eco, e quindi fanno pubblicità a questo modo di essere fashion che non deriva dalla sofferenza altrui. Se usano un materiale e non l’altro è per dimostrare che quel materiale è buono, non l’altro. Poi per carità, libera di pensarla come vuoi e non sta a me inculcarti un’idea diversa, ma mi sembra molto più una presa di posizione che non un’idea corroborata da argomentazioni. Buona serata anche a te.

  105. Grazie Gaia. Finalmente una risposta con un tono più pacato e aperto al confronto. Penserò a quello che mi hai scritto, siamo qui per scambiarci opinioni in fondo! Le mie osservazioni non vogliono essere lapidarie. Non serve a nulla fossilizzarsi sulle stesse idee senza essere aperti al dialogo con gli altri.

  106. Ciao Gaia, premetto che non ho criticato né Clio né chi ama le pellicce. Nella vita non sono nessuno per giudicare gli altri e non lo faccio. Non compro pellicce di nessun genere, mia sorella si, mia mamma pure. Ognuno nella vita fa delle scelte, condivisibili oppure no. Io non compro quelle eco perché alimentare questa moda, fa aumentare anche la vendita di quelle vere, ma questa è solo il mio personale modo di vedere le cose che non impongo a nessuno. Per dire, non è che faccio una ramanzina a mia sorella quando sceglie la pelliccia. Sono piccole cose, forse insignificanti che uno decide di fare. Detto questo, non penso che Clio avrebbe dovuto fare specificazioni sull’argomento in questo post, e io per prima appena l’ho letto non mi sono sentita di fare un commento a riguardo qui. Un’altra ragazza l’ha fatto e ho solo detto di essere d’accordo. La cosa sulla quale ho insistito è la possibilità di dire la propria opinione. L’ho fatto spesso anche su fb anche su argomenti che non condividevo . Credo che se anche una persona esprime opinioni estreme, finché rispetta la tua senza importi la sua, va rispettata. Spero di non essere passata per un’estremista XD ah e poi non compro pellicce perché ne ho già tre a casa, i miei micini <3 😛

  107. wow Clio…quando hai raggiunto la sicurezza tale da proporre un trucco, anche così semplice (all’apparenza almeno…) per una sfilata importante con un solo giorno di anticipo? E’ un’intuizione? è esperienza? come sai che funzionerà?

  108. P.S. Certo che in questo blog siamo un pugno di folli esaltate!!! ahahahahah!!!
    non sono sola a questo mondo!!!! un bacio a tutte

  109. Seguo da anni Kristina T. Mi pare che agli esordi fosse solo costumi da bagno… Mi è sempre piaciuta per la sua pulizia ed essenzialità…
    Ultimamente mi pare si sia rinnovata,con uno stile più glamour—
    Se le pellicce sono ecologiche, sono fatte molto bene…
    Se sono vere, non mi pronuncio…che è stato già detto tutto

  110. non dare la colpa al cell, se non sei capace di usarlo non è colpa mia, ma quel commento è impossibile da leggere!

  111. Prima d tutto cosa vada d moda nn m interessa….e m sto kiedendo da dove venga questa tua cattiveria verso una xsona ke nemmeno conosci e x una cosa del genere….kieditelo xke e importante….!! Il cel lo so usare benissimo e risparmio tempo abbreviando xke x fortuna ho una vita piena!! Cmq facciamo una cosa….nn parliamoci piu ke e meglio….tanto nn conta nulla!!

  112. odddio mi piace troppissimo quel pallicciotto sulla testa*-* ahah grande clio!!!!vogliamo vedere l’intervista!!^^ kekeke!!

  113. Io ho un paio di faux fur ma sopratutto ho tanti colli in eco pelliccia, perchè cambiano l’aspetto di un cappotto/giacca completamente in un attimo. mi piacciono un sacco, e sinceramente siccome sono eco non vedo cosa hanno di male! 🙂

  114. l’idea del monocromatico mi è piaciuta, penso tu abbia scelto un colore originale e azzeccato, in alternativa forse ci poteva stare un marroncino chiaro
    Ottimo lavoro
    Ciao

  115. Sinceramente non conoscevo questo brand.. e per quanto riguarda la tua idea, io non ci avrei mai pensato.. complimenti Cliooo 🙂

  116. Ah tu tieni degli animali per poi mangiarli e dici che fai loro del bene? FUCK LOGIC! Davvero non so se ridere o piangere…

  117. chissà come deve essere emozionante fare il capo team per una ragazza che è partita da 0 come te e poter vivere a pieno un esperienza di questo tipo dev’essere davvero bello, bacio.

  118. I prodotti maybelline nn li uso mai poi xché nn mi piacciono x niente!i fondotinta sono quei cosi pastosi a vecchiarda che ti fanno lo strato di stucco x quanto tu cerchi di stenderli e poi i colori..tutti sul rosa…io odio i fondotinta rosati..sul golden o sull ivory nn sanno proprio che significa..un brand che eliminerei proprio

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here