Ciao ragazze!

Oggi vi parlo di uno di quei prodotti beauty del tutto particolari e stravaganti, ancora una volta Made in Japan… La peeling mask per i piedi!

Si tratta di una maschera fatta di un polimero organico trattato e si presenta più o meno… come un calzino!! Ma è l’effetto finale ad essere non poco clamoroso (in un certo senso sia positivamente che negativamente…)! Siete curiose? Che il post abbia inizio!
Untitled

Io ho provato questo prodotto dopo un Cosmoprof, incuriosita dall’idea. Se mi seguite da qualche tempo sapete che mi lamento per i miei piedi molto secchi e che in fatto di cura del piede sono svogliatissima! (Ecco perchè mi era piaciuto tanto il Scholl Velvet Soft, di cui trovate qui la review!)

dry-skin-on-feet

La feet peeling mask, si tratta di una maschera a base di acidi della frutta e altri estratti naturali. In Giappone esiste di varie marche, ma si presenta sempre come un ‘sacchetto‘ a forma di calzina o di stivaletto e promette di eliminare gli strati anche più duri di pelle morta, le callosità causate dal semplice camminare, dall’ usare i tacchi alti o dalla semplice predisposizione genetica (o dalla superpigrizia 🙂 ), in cambio di una pelle morbida, rosea e di piedi quindi più belli e sexy.

baby-foot-booties
Gli ‘stivaletti’ di Baby Foot

Non vi spoilero il finale a sorpresa di questa storia, ma vi racconto i passaggi che questa stramba maschera richiede per potervi regalare piedini da fata…

banner-01-voetenclio
La ‘suola’ dei vostri piedi non è esattamente così? continuate a leggere il post!

Innanzitutto bisogna indossare la maschera e fissarla ai piedi con del nastro adesivo facendo attenzione a non far fuoriuscire il prodotto mentre si indossa la calza (all’interno c’è una sostanza gelatinosa che il piede deve assorbire). A questo punto si aspetta un paio d’ore, si toglie la maschera e si lavano dolcemente i piedi.

beautybuzzhkclio
credits: beautybuzzhk.com

Fanciulle, credete che sia già finita?? Ennò invece, il bello deve ancora venire…! Se siete pronte per la Japanese Horror Story, cliccate qui!