Ciao bellezze!

Come avrete capito dal titolo del post oggi continuiamo la nostra caccia all’errore, focalizzandoci sulla routine serale, ossia sulle abitudini che precedono la nanna, e su quella notturna, mentre prossimamente mi dedicherò anche alla fondamentale fase dello struccaggio.

10693603_1480324982219341_1229347211_n

Nel post sugli errori della skincare della scorsa settimana vi avevo accennato alla possibilità di fare questo focus, perchè la routine che si segue prima di andare a dormire e il modo stesso in cui si dorme possono avere delle ripercussioni sulla salute e sulla bellezza della nostra pelle, le quali meritano di essere approfondite.

Mentre noi ci riposiamo, infatti, la nostra pelle è attiva più che mai, in quanto utilizza proprio le ore notturne per mettere in atto il processo di rigenerazione cellulare: di notte “auro-ripara” i danni subiti nel corso della giornata e rimpiazza almeno in parte le cellule morte. Non a caso esistono prodotti specifici per la notte, diversi da quelli per il giorno, che mirano proprio a favorire il rinnovamento e la riparazione cellulare. Inoltre la nostra cute è molto più ricettiva ai trattamenti, in quanto non è esposta al sole e non è truccata (o almeno si spera…birbantelle che non siete altro!). 

notte

Ho scelto di riportare in questo post una serie di errori, sviste e disattenzioni piuttosto comuni e facilmente evitabili, mentre volontariamente non ho inserito quelli riguardanti creme, cremine, sieri, contorno occhi ecc. perchè tutte le vostre “curiosità cremose” saranno soddisfatte prossimamente da Loretta, l’esperta in skincare che ho conosciuto alla Spa dell’Hotel Baglioni di Milano (sceglierò le domande più interessanti tra i commenti sotto questa Call to action)

Pronte? Partenza e viaaa…

1) NON LAVARSI LA FACCIA O STRUCCARSI

Il primo errore, anzi ORRORE, consiste nel saltare a piè pari questo step fondamentale.

b2830624a06111e28d5422000aa8025b_7

..non mi dite che andate a dormire così… o vi banno eheheheh 🙂

Lo so, ve l’ho ripetuto allo sfinimento (e continuerò a farlo, statene certe eheheh 🙂 ),  ma per quanto possa essere noioso, quando si è stanche, assonnate, dopo una giornata di lavoro o una serata in discoteca, il makeup deve essere tolto e la pelle deve essere lasciata libera di respirare, in quanto ha bisogno di freschezza e di ossigeno. Tra l’altro struccarsi non significa solo rimuovere il trucco, ma anche combattere le impurità, lo “sporco” depositatosi sulla pelle a causa tutti gli agenti inquinanti con cui è entrata in contatto nel corso della giornata: se non si rimuovessero sporcizia, polveri sottili ecc. si rischierebbe di occludere i pori e aumentare le imperfezioni, nonchè di accelerare l’invecchiamento e incrementare i radicali liberi. Per questo ci si deve lavare la faccia anche se non si è utilizzato il makeup… figuriamoci se lo si portava!

make-up

Questa è una ragazza coreana di 20 anniDal Mi Bae,  la cui pelle dimostra, secondo gli esperti, il doppio della sua età: 40 anni! E volete sapere perchè? Perchè non si è struccata per anni e anni: ogni mattina si ritoccava il trucco del giorno precedente! Si, lo so, è un caso estremo (una matta da legare direi!), però magari pensateci ogni volta che state per mettervi a letto senza aver fatto i “compiti” eheheheh 🙂

Ovviamente l’errore non consiste soltanto nel non struccarsi, ma anche nello struccarsi male: dei vari errori che si possono commettere durante la rimozione del makeup non mi occuperò in questo post, ma approfondirò la questione prossimamente!

 

2) NON LEGARE/TIRARE INDIETRO I CAPELLI DAL VISO

Una disattenzione che può avere effetti molto deleteri consiste nel permettere ai capelli, soprattutto se non puliti, di restare a contatto con la nostra pelle per tutta la notte! Infatti il sebo presente sul nostro cuio capelluto potrebbe “camminare” e penetrare nella nostra pelle, occludendo i pori! Ma lo stesso potrebbe succedere se avete lavato i capelli prima di coricarvi: in tal caso è il balsamo (o altri prodotti pesantini tipi creme o maschere), se utilizzato in eccesso e non assorbito per bene, a rischiare di occludere i pori!

925321_340134452805021_1606836771_n

Non si fa!! Giuro che li avevo appena sciolti per venire più carina nella foto! Ehehehe 🙂

Dunque si alle code e alle trecce… oppure potete ovviare a questo problema sfruttando la notte per fare la piega senza andare dal parrucchiere: i trucchetti li trovate in questo post !

photo-1-768x1024

Il metodo soprannominato “bigodini-caramella”

photo-3-800x982e quello del “calzino-chignon”

 

3) NON BERE ABBASTANZA ACQUA O BERE TROPPI ALCOLICI

Come ben saprete bere è fondamentale per la salute del nostro intero corpo, e, per quello che qui ci interessa, è fondamentale per idratare la pelle e farla apparire più bella non appena alzate.

bottiglie-plastica-vegetale-bio-based-pet-640x368

La disidratazione fa infatti apparire la pelle grinzosa, spenta, mentre l’acqua la rende luminosissima! Essa, infatti, è fondamentale nel processo notturno di rinnovazione cellulare: il livello di idratazione del nostro corpo si riequilibra mentre dormiamo, e la pelle non rischia la disidratazione… Se invece non si beve abbastanza durante la giornata si rischiano gonfiore, aridità, rughette.

10375539_535398163252362_1780138326_n

Parola d’ordine: IDRATAZIONE!

Se bere acqua è fondamentale per la nostra pelle, lo è altrettanto non esagerare con i drink alcolici! 

927168_494556587348097_1980718070_n

Non voglio fare la moralista: so bene, anche per esperienza personale, che ci sono situazioni in cui si fanno le ore piccole e qualche drink di troppo ci può scappare… però alle stesso tempo non posso nascondervi che la vostra pelle non vi ringrazierà di certo!

1151-rimedi-post-sbornia-1-622x466

Quando si esagera con l’alcol, infatti, i nostri sonni sono più disturbati (anche se non ve ne accorgete) e la pelle ne risente in termini di luminosità: alcuni studi hanno dimostrato che l’alcol disturba la fase REM, che è quella in cui il nostro corpo si riposa maggiormente; di conseguenza va ad incidere sulla capacità del nostro organismo di rinnovare la pelle.                                                                                        Ci sono anche altre conseguenze: l’alcol scatena il rilascio del cortisolo (detto anche “ormone dello stress”), che non solo comporta una perdita di collagene, ma ci fa anche svegliare più volte nel bel mezzo della notte, con conseguente faccia stravolta mattutina!

 

4) FARE SPUNTINI NOTTURNI E ASSUMERE TROPPI ZUCCHERI E CARBOIDRATI, SOPRATTUTTO LA SERA

Alzi la mano chi non ama gli spuntini di mezzanotte!??!! Se potesse la alzerebbe proprio la nostra pelle!

10727697_335871269931363_1621406852_n

Si al cornettone la mattina… ma non sotto la copertina!!

Andare a letto con lo stomaco pieno, senza aver digerito, sicuramente non è il modo più salutare per dormire e di conseguenza non è nemmeno il modo per svegliarsi con una bella pelle!

…e ora devo dare una brutta notizia alle amanti di dolciumi, pizza, pasta (cioè a tutte eheheh) : alcuni studi hanno dimostrato che zuccheri e carboidrati disturbano la fase REM; dunque sarebbe bene non esagerare e evitarli la sera! Che dite ci vogliamo credere o no?!? Io mica tanto..!

acf82f5c2dfd11e38c8722000a1f90f9_7

La pizza alla zucca, una delle mie preferite!

 

5) UTILIZZARE FEDERE SBAGLIATE

Forse non lo sapete, ma una federa sbagliata può contribuire all’invecchiamento della pelle e alla comparsa delle rugheIl problema riguarda le classiche federe di lino e di cotone, il cui tessuto sfrega la pelle del volto per almeno sei ore a notte formando delle pieghe e lasciando dei segni che, a lungo andare, si possono trasformare in rughe.

A20_bellezza2_640x480

E’ preferibile dunque utilizzare federe di seta o di satin, in quanto questi materiali, essendo più morbidi e delicati, rispettano maggiormente la pelle e riducono il rischio di formazione delle rughe.

Importantissima anche l’igiene: le federe accumulano sporco, sebo, cellule morte della pelle, batteri, e dunque potenzialmente (se non vengono cambiate almeno una volta a settimana) possono favorire la nascita di imperfezioni.

Potete scoprire i prossimi 5 errori nella seconda parte del post