Ciao bellezze!

E’ passato qualche tempo dall’ultimo post sulla mia skincare routine e quindi è tempo di aggiornamenti: finalmente vi posso dire come mi sono trovata con i prodotti che ho utilizzato in questo periodo e quali sono le new entries che mi accompagneranno in questo inizio 2015! Inoltre vi voglio raccontare come ho risolto (o almeno si spera…incrociamo le dita!) il problema brufoli: in questi ultimi mesi mi hanno torturato e finalmente posso dire di averli annientati! Curiose? Non vi resta che leggere il post!

collage1

Cominciamo dal tema più scottante: i maledetti brufoli! Come ho avuto modo di dirvi più volte, negli ultimi mesi me ne sono spuntati tantissimi! Erano anni che non mi succedeva di dover convivere con questo problema per un periodo di tempo così lungo…me ne usciva uno ogni tanto, ma una tortura del genere non l’avevo più provata! L’ultimo periodo da ‘Alice in Brufololand‘ risale a più di qualche anno fa e la causa era stata probabilmente l’interruzione della pillola, che ha il ‘magico potere’ di tenere le imperfezioni a bada mentre la si assume, accompagnata da varie altre disfunzioni ormonali. Poi tutto tranquillo fino allo scorso febbraio, quando i malefici hanno cominciato a ricomparire sulla mia fronte, per poi piano piano ‘impossessarsi’ anche del mento!

10513999_720616188006525_1146616547_n

Purtroppo, avendo la pelle molto sensibile e secca, non ho dovuto solo convivere coi brufoli, ma anche con le macchiette che ne conseguivano! E’ proprio vero, piove sempre sul bagnato: non bastavano i brufoli a torturarmi, servivano anche le macchie e una pelle sempre più secca! 🙁

891280_513817135414563_147542456_n

Insomma è stato un periodo veramente tremendo per la mia pelle, mi sono ritrovata a provare di tutto e di più per far andar via i brufoli, anche perchè gli altri due problemi erano fondamentalmente una conseguenza! Alla luce di tutti i vari tentativi fatti, ciò che posso affermare con sicurezza è che per molto tempo ho scelto strade decisamente sbagliate per combatterli: i miei erano dei bubboni che restavano sotto pelle, molto grossi, ed io, sbagliando, utilizzavo prodotti più adatti ai brufoli che si manifestano in superficie!

unnamed

Il Mario Badescu drying lotion, i patch della Balea, il Vichy normaderm hyaluspot e l’Origins super spot remover, ossia prodotti che contengono al loro interno acidi vari, tipo l‘acido salicilico, e alcol: ottimi se si hanno brufolini con la puntina gialla perchè li seccano, ma non altrettanto buoni se il problema non è in superficie, ossia se il brufolo cresce all’interno, sotto pelle! Su di me, dunque, questi prodotti non facevano altro che seccare sempre di più la pelle, che diventava sempre più difficile da truccare, mentre i bubboni restavano lì!

Fortunatamente poi ho intuito che stavo commettendo un grosso errore e così ho accantonato questi prodotti e mi sono armata di tanta pazienza, costanza e determinazione nel risolvere il problema: si è rivelata molto di aiuto la lampada led blu,killer di brufoli‘ eheheh, che avevo comprato in California, quando ero andata all’evento di Too Faced!

10453929_1446411585613002_1374371641_n (1)

L’aggeggio malefico si chiama Tanda zap e riesce a combattere i brufoli non superficiali come erano i miei, perchè va ad agire sui batteri che causano le imperfezioni leggere (per l’acne grave non credo che possa fare miracoli) grazie alle proprietà battericide della luce led blu. Praticamente lo utilizzo su ogni imperfezione per il tempo previsto, 2 minuti: il dispositivo vibra ed emana del calore, in modo da aprire i pori, e intanto la luce uccide i batteri! Tra l’altro ho visto che si trova anche in Italia, il prezzo sul sito ufficiale si aggira intorno ai 79 euro!

c700x420

 

Per scoprire cos’altro ho testato e cosa invece sto cominciando ad usare in questi giorni leggete la seconda parte del post!