Si continua di questo passo per gli anni ’30, dove le due ragazze del video sono davvero simili come stile, sia per i capelli che per il make up.

Negli anni ’40 invece, come avete visto nella prima foto del post, Marshay è stupenda con quell’orchidea bianca tra i capelli. Come ci è stato facile riconoscere Marilyn dietro lo stile anni ’50 di Nina, probabilmente solo le appassionate del genere hanno riconosciuto la cantante Billie Holiday dietro quella capigliatura floreale:

Billie Holiday

Non si trattava certo di una vita facile e glamour, comunque, quella delle cantanti di colore: le discriminazioni e le leggi che segnavamo una netta differenza tra l’essere bianchi e l’essere neri saranno in vigore ancora per molto tempo. Ma sicuramente le cantanti avevano già il potere di mostrare una bellezza alternativa al canone occidentale e di far valere (spesso a caro prezzo, purtroppo) i propri talenti.

___60s_black style_Cliomkeup

Martha-Reeves-The-Vandellas-on-American-Bandstand-in-1963.Il gruppo pop anni ’60 The-Vandellas


Come notate, se lo stile occidentale è più che altro segnato da Hollywood, dal cinema e dalla moda, il successo nel mondo dello spettacolo per le ragazze nere era praticamente relegato al settore della musica.

Non vi sarà difficile individuare, anche per gli anni successivi, le ispirazioni musicali: anni ’70 Cleotha Staples, anni ’80 Donna Summer e Whitney Houston, anni ’90 Janet Jackson e così via…

cleotha-staples_'70

donna-summer-101413

whitney-houston-P17

url

Ancora quest’anno, nel 2015, ci sono state polemiche all’uscita delle nomination all’Oscar su quanto sia difficile la vita (e il successo, soprattutto) per un attore di colore… quindi ancora una volta possiamo dire: brava Lupita! Oltre ad essere eletta “la più bella”, ha portato a casa anche un’ambitissima statuetta. Però attenzione: per ottenerla, ha recitato la parte della schiava di colore in 12 anni schiavo: comunque, quindi, una parte inevitabilmente “da nera”.

lupita

Pensate che fino a soli tre (sottolineamo: TRE!) anni fa, anche la TV aveva un settore entro il quale “ghettizzare” gli attori neri: le sit-com e in generale i telefilm comici.

willy il principe di bel air_ clio make upE chi si è dimenticato di Will Smith nei panni di Willy il Principe di Bel-Air?

Pare che il primo “show drama” con un’attrice nera come protagonista sia stato Scandal, della sceneggiatrice Shonda Rhimes, che per altro, è di origine afroamericana a sua volta. Sull’onda del successo Shonda quest’anno ne ha lanciato un altro: How To Get Away With Murder (che so uscirà tra pochissimo in Italia con il titolo “Le regole del delitto perfetto”), aggiudicandosi così un doppio primato.

Io l’ho trovato sconvolgente, e voi?

ellen-pompeo-kerry-washington-et-viola-davisViola Davis (How To Get Away With Murder), Ellen Pompeo (Grey’s Anatomy) e Kerry Washington (Scandal): tutte le protagoniste delle serie TV di Shonda Rhimes insieme alla sceneggiatrice e produttrice delle serie.

Insomma, trovo che in quei 60 secondi ci siano racchiuse davvero tante cose. Ne volete sapere di più? Aprite allora la nuova pagina!

325 COMMENTI

  1. Che bello questo post!! Non conoscevo il video e l’ho trovato molto interessante!!! Rimango sempre affascinata dalle ragazze afroamericane che hanno al naturale capelli super ricci voluminosissimi e poi se ne escono con delle acconciature super elaborate perfettamente in ordine e treccine minuscole!!! Ma come fanno?!?! Sono stupende!!
    È ora che le case cosmetiche allarghino i propri orizzonti anche alle donne di colore ed è giusto che una societá moderna combatta per la loro integrazione.., non so se in Italia si arriverá mai a una completa fusione delle culture pur rispettando usi e costumi di ciascuno… Ma spero che un giorno le cose cambino!!
    Buona giornata ragazze!!

  2. Mamma mia che belle le ragazze di colore, proprio qualche giorno fa passando (casualmente) da wjcon c’era una ragazza di colore con un’incarnato meraviglioso e una semplice linea di eyeliner argento che le faceva brillare gli occhi.. eccezionale! Io spero veramente che la discriminazione verso le persone di colore passi presto, anche se in Italia siamo ancora molto arretrati in questo, collegando spesso le persone di colore semplicemente a invadenti extra comunitari.. c’é un’ignoranza che fa paura, ma spero tanto ci possa essere un’apertura mentale sempre maggiore.

  3. Buongiorno ragazze mattiniere del blog! Bellissimo post!é giusto che ognuno mostri se stesso per quello che è qualsiasi colore abbia…cavolo che bei cambiamenti di stili nel tempo!un bacio a tutte e buona giornata

  4. Io spero vivamente che non si omologhino a noi: che sembriamo fatti in serie, ogni uno con le sue particolarità ovvio però qui si tende sempre a seguire la massa.
    Sono così belle che sarebbe un vero peccato…baciiiiii:****

  5. Hanno scelto una ragazza di colore …. Con poco colore! Mi sarebbe piaciuto moooooltoooooo di più vedere una ragazza color cioccolato intenso, così come la bianca lo è molto molto! Non vale….

  6. E pensare che di solito sono proprio loro a non volere i tratti distintivi che le caratterizzano! Non sai cosa darebbero per avere una chioma liscia….

  7. Carissima, avendo girato un po’ un parere me lo sono anche fatto….i peggiori in fatto di discriminazione non sono affatto i bianchi occidentali, che al limite avrebbero dalla loro parte le caratteristiche fisiche “ideali”…. I peggiori sono quelli a cui appartengono altre caratteristiche, che non sono afro, ovviamente…e la cosa che mi fa ridere è che loro si esprimono senza avere dalla loro un canone di bellezza che sia bello per eccellenza! Ahhhhhhh che ridere….io dalla mia ho dato, mio marito è caraibico nero doc!

  8. Ps: ovviamente su quali siano questi soggetti che discriminano e la loro origine e provenienza me ne sto zittina:D

  9. Post interessante, molti forse troppi spunti di riflessione.
    In poche parole: chi discrimina mi fa semplicemente schifo.
    I razzisti sono una delle categorie peggiori di cui si possa parlare, perché si nutrono della loro ignoranza e la loro ignoranza sega ogni possiblità di dialogo civile.
    Gentaglia che ancora esiste, avoja se esiste, gentaglia che se non posso evitare, cerco di combattere in tutti i modi possibili e immaginabili.
    Punto, e a capo.

  10. In questi giorni c’è troppa confusione sul concetto di integrazione… questo post, fatto ora, è magnifico.
    Scandal penso che sia una delle migliori serie del mondo e Kerry è meravigliosa..
    Penso proprio che abbia sdoganato tutto e renda perfettamente l’idea della fatica che fa una donna nella società

  11. Buongiorno ragazze :)! Avete già detto tutto voi, perciò mi concederò una sciocca esternazione : il modo in cui è steso il rossetto della ragazza anni 20 della prima pagina è bellissimo,proprio perchè si vede che ha la bocca più grande… Io ho la rogna di averla così al naturale, ergo tutti i rossetti rossi mi stan da cani!
    P.S. A me Lupita piace, ma trovo che ci siano ragazze afro molto più belle 🙂
    Un bacione a tutte e buona giornata

  12. Lupita mi trasmette una quantità incredibile di “energia positiva”: di prima mattina fa iniziare bene la giornata!!

  13. Bacchettatemi per l’ignoranza terribile ma non riesco a capire 2 cose:
    1) perché le donne nere portano la parrucca? Cosa hanno i loro capelli che non vanno? L’ho notata anch’io questa cosa in donne che vedo per strada e non capisco perché.
    2) ma se hai una carnagione scura come quella di Lupita hai davvero bisogno di fondotinta? Cioè non è la pelle da bianca con le venuzze, il pallore verde – giallo e le discromie.
    Lo chiedo davvero perché non lo so!

  14. Secondo me la comunità nera sta iniziando lentamente a cambiare,ma nei “piani alti” perché tra la gente comune vedo sempre parrucche,trucco composto da una riga di eyeliner nero e acidi x stirare i capelli. Penso che x dei cambiamenti veri occorrerà più tempo.

  15. Se non sono bianchi occidentali, se non sono Afro, allora sono dell’est con occhi a mandorla ? Mi hai reso troppo curiosa! Mio marito quando va in America dice che gli americani (quelli bianchi) sono molto più razzisti di noi italiani. Ma con un “caraibico nero doc”ed una” rossa pelle di luna”, quanto saranno belli i tuoi bimbi?

  16. io ho sempre trovato belle le donne e gli uomini di colore, sia per i tratti del del loro viso, sia per il colore della loro pelle…anzi credo che non abbiano alcun motivo di omologarsi a noi perchè secondo me i loro tratti caratteristici sno alla base della loro bellezza…e i loro capelli poi ! magari li avessi io cosi e non capisco davvero perchè li nascondono sotto le parrucche o li distruggono stirandoli

  17. Innanzitutto amo Shonda Rhimes, mi piace moltissimo il fatto che le sue serie tv abbiano come protagoniste donne che sono brillanti e intelligenti, oltre che belle. Riguardo allo stile delle ragazze nere, noto che sono soprattutto quelle ricche e famose a riscoprire un look più naturale e meno occidentalizzato, quelle di periferia cercano invece di imitare le ragazze bianche perché lo stile bianco è un po’ uno status symbol per loro, significa benessere…Comunque spero che molte di loro riscoprano il “nero” naturale in futuro, il colore della pelle permette loro di far risaltare moltissimo i colori, quindi possono permettersi un sacco di stili esotici e originali!

  18. Io vado un pò controcorrente e probabilmente partirà il linciaggio però il discorso per quanto mi riguarda è piuttosto ampio, devo ammettere di essere DIVENTATA un pò razzista e lo sono diventata quando ho visto stranieri fare pipi in strada davanti ai bambini che giocano ai giardini pubblici o quando sono dovuta correre in macchina perchè un ragazzo di colore mi ha seguita e m’inveiva contro perche non volevo comprare i suoi calzini e anche quando il mio paese è diventato off-limits in certi punti per non rischiare di essere accoltellata..potrei continuare a farne molti di esempi. Con questo non voglio dire che guardo o tratto i stranieri con diffidenza a prescindere, conosco anche molte brave persone, però bisogna ammettere che ci sono moltissimi casi in cui non sanno comportarsi nel nostro paese e con la nostra cultura, bisogna rispettare il paese in cui si vive e questo vale per tutti. Detto questo penso che le ragazze di colore siano davvero belle e che sia sbagliato il desiderio di volersi omologare perchè per come la penso io questo è un caso di “autorazzismo”.
    Tornando al video mi ero resa conto che in alcuni anni c’erano delle caratteristiche “molto comuni” che non c’erano in altri ma non mi ero resa conto del significato che nascondeva e devo dire che mi piace molto

  19. Quella della parrucca non l’ho mai capita nemmeno io…Invece per la carnagione usano il fondotinta perchè spesso anche loro hanno macchie e segni, anche se non così evidenti come sulle bianche, e poi lo usano spesso per opacizzare

  20. Io non riuscivo a capire la parrucca. Ma poi ho pensato che la usano proprio per nascondere i loro capelli e cercare di assomigliare al canone imposto anche a noi ragazze occidentali. Pensa agli anni 2000 quando se non ti piastra i capelli a piombo, non eri “trendy” e già anche per me, occidentale riccia, era motivo di “disagio” (beata/ maledetta stupidità giovanile), immaginiamoci per una ragazza nera con capelli assolutamente riccissimi e un po’ crespi..

  21. Ma se è di moda il capello liscio che più liscio non si può e voi (parlo in generale e non per me che sono riccia e mi piacciono così ) cercate la piastra perfetta, la crema più disciplinate e stirante della Terra e non siete mai soddisfatte, pensi che sia così facile per loro? Viene più semplice indossare una parrucca !

  22. spero di non essere banale, dunque:
    -portano la parrucca per cambiare esattamente come piace cambiare a noi, credo la portino semplicemente per non rovinare i capelli
    -anche le persone di colore hanno imperfezioni e brufoli

  23. per il punto 1: come è difficile per noi accettarsi lo è anche per loro o per le asiatiche..tutte noi vorremmo essere diverse da come siamo..noi stiriamo i capelli o li facciamo mossi, loro mettono una parrucca, le asiatiche vorrebbero gli occhi come in nostri quando i loro sono bellissimi
    è nella natura umana soprattutto femminile voler essere diverse da quello che si è e non è il colore della pelle che cambia le insicurezze che sono proprie di tutto il genere umano

    punto 2: anche loro hanno discormie macchioline magari più chiare e non più scure, pelle grassa e impura per cui anche loro hanno necessita di uniformare o coprire

  24. Se sei diventata razzista perchè hai assistito a qualche episodio sgradevole da parte di stranieri, che dovresti dire delle migliaia di italiani che evadono, truffano, uccidono di botte le mogli (episodi quotidiani), sono mafiosi, sono corrotti e corruttori? Forse sembra più semplice prendersela con una sola categoria, è sempre stato così, più difficile è ammettere che l’uomo spesso e volentieri è cattivo e disonesto, a prescindere da etnia o provenienza.

  25. Bello post, ed è anche vero x le donne asiatiche…Comunque è un peccato che uno deve identificarsi ad un canone di bellezza che non c’entra niente con il suo aspetto. Ogni donna è bella, ed è bello valorizzarsi con trucchi e belle acconciature ma qui c’entra anche la personalità. Non essere se stesso deve essere duro…
    Ma tutto sta cambiando anche perché ci sono un sacco di dive nere oggi come oggi e sono molto potente…Beyoncé, Michelle Obama, Lupita, Oprah Winfrey…
    Spero che tutte le ragazze si vogliono bene x quello che sono.

  26. Molto bello e interessante questo post Clio! Proprio l’altro giorno ho visto il film “The Butler – un maggiordomo alla casa bianca”, fa riflettere molto sulle difficoltà che hanno avuto gli afroamericani ad integrarsi e evidenzia bene questi cambi di stile di cui hai parlato nel post. Guardando il film mi è preso un pò di sconforto.. pensare a tutto quello che hanno passato quelle persone e che diciamocelo, passano tuttora, perchè sdradicare certe convinzioni nell’essere umano è cosa ardua. Quello che hai detto sul mondo della tv di oggi mi fa pensare che ci sia sempre un burattinaio che muove i suoi fili e decide cosa fare delle persone. E questo è indecente.

  27. Non dico che gli italiani sono tutti perfetti, ma ho lavorato e lavoro a contatto con molti stranieri e posso garantirti che quasi sempre vengo trattata male io perchè sono ignoranti e cafoni senza calcolare poi quanti bambini di italiani rimangono fuori dalle scuole comunali perchè i bambini stranieri hanno la precendenza visto che i genitori lavorano quasi sempre in nero, oppure gli italiani a casa senza lavoro e sussidio mentre molti stranieri percepiscono la disoccupazione e non pagano tasse e niente, tanto poi valli a trova!

  28. si e lo sono anche gli italiani che vengono trattati a pesci in faccia anche nei paesi europei, niente è più vero!

  29. Sì e fanno il paio con quelli che iniziano le frasi con:
    “nulla contro i gay per carità, i miei migliori amici sono gay, però…”.

    Penosi.

  30. No dai, le teorie leghiste no, ti prego! Anzitutto voglio dirti, per mia esperienza, che nei posti di lavoro sono sempre stata trattata a pesci in faccia da italiani (le classiche persone di successo “per bene”, che visto che sei una ragazza e hai bisogno di lavorare se ne approfittano). Parallelamente conosco e ho amici stranieri che studiano e lavorano regolarmente in Italia, quindi pagano le tasse come noi. Quindi, come sempre, non si può fare di tutta l’erba un fascio. Il problema delle scuole comunali non è colpa degli stranieri ma del Comune, quindi in caso bisogna prendersela con l’amministrazione; tra l’altro tutti i bambini che conosco vanno in asili pubblici, quindi non è vero che che i bambini italiani rimangono fuori per colpa degli stranieri, dipende da tante cose (io 30 anni fa non venni presa all’asilo pubblico, e di stranieri ce n’erano molto meno). Stessa cosa per sussidi: conosco frotte di persone italiane che lavorano in nero e tante che guadagnano bene ma non dichiarano e quindi si prendono i sussidi statali (basta che ti leggi le cifre dell’evasione fiscale e del lavoro sommerso che nelle regioni del Sud raggiunge livelli imbarazzanti). Quindi ti prego, non parliamo per luoghi comuni anche se so che è difficile visto che siamo bombardati dalla propaganda politica dello “straniero cattivo che ci ruba il lavoro”.

  31. Capisco perfettamente il tuo punto di vista Cristina. E’ comunque sempre dovuto a quello che ci mettono in testa e a quello che vogliono farci vedere. E’ dovuto al fatto che la media si è alzata perchè gli stranieri sono diventati tantissimi perchè al governo italiano fa comodo così, sia per i soldi che ci prendono, sia perchè così distolgono l’attenzione dalle loro magagne. Ma soprattutto la verità a mio parere è una sola: se tu vai in un paese in cui gli autoctoni fanno il porco del comodo loro, tu sarai portato a fare lo stesso soprattutto se nessuno ti dice nulla. Se vai all’estero puoi essere straniero o no, giallo, nero, verde, rosa o blu, se sgarri paghi, e paghi serio. Tu mi dirai che sta alla civiltà della gente, ma io ormai nelle persone (in quasi tutte) vedo solo cani che hanno bisogno del padrone.
    Anche io lavoro da anni con gli stranieri, e sono più o meno bravi così come gli italiani, però forse in un angolo di me sono portata a guardare con diffidenza quelli che non conosco. A volte mi fermo a pensare che per quelli onesti e che ormai vivono e lavorano qui legalmente non è cosa facile integrarsi, e che io non li vedo in maniera diversa solo perchè li conosco. Possiamo stare qui a parlarne per ore ma la questione degli stranieri in italia è molto ampia e di sicuro il marcio sta prima di tutto, non nelle singole persone, ma, come al solito, ai vertici, in chi dovrebbe tutelare questo paese e non lo fa.

  32. Se dovessi nascere un altra volta vorrei essere una donna di colore 🙂 io le amooooo sono bellissime!!!
    Assolutamente le preferisco al “naturale” cioè che non si omologano agli altri canoni di bellezza.

  33. Mi dispiace molto che tu la pensi così, significa che le teorie che qualcuno propina stanno mettendo piede.
    Perché non pensi a tutte le magagne che i politici nascondono sparado queste notizie? Perché non pensi a quanto hanno rubato e stanno rubando? Perché non pensi a tutti gli italiani che non pagano le tasse e bellamente continuano a fregare soldi allo stato? Gli stranieri sono il nostro ultimo problema, te lo assicuro.
    Ci tengo a precisare che gli stranieri sono POCHISSIMI in Italia, checché ne dicano quei ciarlatani di politici (mi sono trattenuta): sono circa il 7%.

  34. Ho guardato da poco un film molto interessante: The Butler, fa riflettere senza essere “pesante” e scorre via che non me ne sono neanche accorta 🙂 E poi c’è Oprah! 🙂
    Tornando su argomenti più frivoli, in effetti in Italia l’unica posto dove ho visto fondotinta adatti a ragazze di colore è Kiko.. un po’ pochino no?

  35. Bel post Clio!!anche se credo che oggi come oggi portare una parrucca o truccarsi in un certo modo all’occidentale sia più una scelta propria della persona che non un modo per apparire più conforme alla società..dico questo perché se io guardassi un’attrice o una qualsiasi donna africana con i capelli al naturale,sinceramente non mi sorprenderei assolutamente,per me sarebbe come vedere qualsiasi altro tipo di acconciatura…anzi,a dir la verità, credo che Michelle Obama sia molto più bella al naturale che non con quei capelli lisciati contronatura!!detto ciò una cosa che non mi piace è che a volte non si possano esprimere pareri liberi sulla bellezza di queste donne. Mi spiego meglio,se io dico che non trovo Angelina Jolie così bella (è un esempio eh,è stupenda per me),la cosa passa come un parere personale e punto,se invece qualcuno pensa che Lupita non rappresenti la donna più bella del mondo,salta subito fuori il discorso razzismo!!!può non essere così..io ad esempio trovavo stupenda Witney Houston,ma per me Lupita non è altrettanto bella..quello che voglio dire è che se vogliamo che la discriminazione sparisca in tutti i sensi,allora bisogna smettere di fare differenze in tutti i campi!!!detto ciò,l’immagine che più mi ha rattristata è quella di Beyoncé con la parrucca…ma che bisogno ne avrai che sei bellissima così? ??

  36. Dovremmo andare ad analizzare la parola razzismo nel significato più profondo del termine:
    Razzismo senza un’accezione negativa può semplicemente evidenziare che oggettivamente al mondo ci sono diverse razze di esseri umani, come nei cani: europei, cinesi, africani etc… e allora li potremmo dire che lo siamo tutti.
    Razzismo con l’accezione negativa che tutti noi conosciamo è ritenere che alcune razze sono superiori ad altre.. e allora li per fortuna non lo siamo tutti.
    Poi credo ci sia una forma di razzismo che si dissocia un pò da questa sopra e che è la paura. E’ dovuta alla miriade di informazioni che ci arrivano, a esperienze dirette, ma troppo spesso indirette, è un’idea che si insinua dentro di noi. Può essere anche solo una semplice paura di essere fregati, o una “paura” di essere annoiati o infastiditi con richieste di elemosina.. diventa razzismo anche verso i nostri stessi connazionali che però abitano in regioni diverse… e in questo caso credo che troveremmo difficilmente un’anima pura.

    p.s. Fia ho bisogno di te per la crema viso! 😉

  37. Sono affascinata dalla gente nera. Vorrei osservare da vicino le mani, la pelle…tutto! ma probabilmente se lo facessi veramente mi prenderebbero per fuori di testa.
    La gente da “discriminare” è quella che già alle 9 di mattina puzza di sudore o peggio ancora s’è messa il deodorante per coprire l’odore.

  38. Non volevo fare politica e credimi i politici ho smesso di ascoltarli da tempo, sicuramente se loro fossero in grado di fare il loro lavoro non staremo qui a parlare di questo, volevo solo mostrare un lato che esiste ed è reale e che ho vissuto e vivo in prima persona e non per sentito dire. Non significa questo che gli stranieri sono tutti cattivi e gli italiani buoni ma è pur sempre un lato della medaglia e non si puó ignorare

  39. Per fortuna ho un cervello che mi permette di pensare più cose contemporaneamente..io ho parlato per la mia esperienza personale e posso garantirti che a prescindere non guardo male o condanno nessuno..

  40. A me un 50enne (credo) dette fastidio (pesantemente) sull’autobus della mattina (quello delle scuole), io persi la testa e scesi in una zona semi industriale (alle 7 e 30..), con lui dietro e solo il fatto che lui avesse 50 anni sulle gambe e io 17 mi ha regalato la velocità per salvarmi.
    Era bianchissimo.

    Vedo italianissime mamme far pisciare i loro figli (cioè insegnargli a comportarsi come lo straniero da te additato) fra le macchine, fuori dal centro commerciale (ergo a due passi dai bagni), per strada e sulla spiaggia.

    Vogliamo dirla tutta? Vedo grezzissime (e sempre italianissime) vecchine che ti pestano i piedi pur di passarti davanti in fila, nonne e mamme (oppure nonne o mamma, che la differenza quasi non si capisce più) che usano i passeggini come sfollagente per passare, ragazzine stravaccate sull’autobus che se ne fottono della ragazza (non molto più grande di loro) incinta che si regge con mezza falange del mignolo.

    In Italia c’è un problema d’educazione ENORME e se vedi comportarsi male solo gli immigrati… significa che guardi solo loro, cara.
    Fai fare alla testa un giro 360°..

  41. Ma veramente quelli nella foto sono i capelli al naturale di Michelle Obama oppure è solo un’ipotesi photoshoppata del tipo “ecco come sarebbe se non si stirasse i capelli”? No perché se lei è così veramente allora è sciocchissima a stirarseli! Con i ricci dimostra molti meno anni e sta benissimo! (e no comment anche sull’attaccatura agghiacciante della parrucca di Beyoncé!! Ma perché non portano i loro capelli? Cosa c’è di male nei bellissimi ricci afro???)

  42. Sì, è un po’ pochino, però tieni conto che in Italia la percentuale di persone di colore non è ancora così alta, sicuramente è molto più bassa rispetto a quella della popolazione americana, quindi in fin dei conti secondo me non è così sorprendente… Bisogna pensare che le case cosmetiche, quando decidono di mettere in produzione un determinato prodotto, valutano in primis quanto quel prodotto potrà vendere: è chiaro che nessuna casa cosmetica in Italia produrrà metà dei loro fondotinta in tonalità chiare e metà in tonalità scure, perché certamente moltissima parte delle tonalità scure resteranno invendute o comunque venderanno molto meno…

  43. il nostro blog…e ho scritto nostro….è bello perchè non si disquisisce solo di chiappe,chiuli ecc.ecc….ma si parla anche di cose serie. Premesso ciò,addentrarci in una questione così complessa come la crisi economica e sociale che sta attraversando l’Italia ,ma anche l’Europa e il mondo,mi sembra fuori luogo per il blog in cui siamo. Ho letto (solo letto) molti commenti in diversi Forum (specie Il Fatto Quotidiano) dove di questo si parla e molto di politica. Nulla di più becero ho trovato in vita mia. Gente che parla a spiovere ,sfogando rabbia e repressione,inveendo e scannandosi,cercando di creare e di vedere il nemico in qcuno,molte volte nello straniero. Non mi stupisco. La crisi porta a reazioni del genere,le grandi crisi hanno portato a reazioni del genere ,che portate all’estremo hanno portato a : nazismo ,fascismo,dittatura spagnola del Caudillo Franco,dittatura dei generali in Grecia,dittatura di Pinochet in Cile ….e ti nomino solo quelle famose…tristemente famose,che hanno provocato milioni di morti. Detto questo,e mi permetto perchè e per età e per studi un po’ ne so…..lasciamo stare….usiamo il nostro intelletto per distinguere tra la realtà e tra quello che ci viene fatto credere. Ti consiglio da amica di leggere,leggere,leggere…tutto ciò che riguarda il presente e passato….

  44. Scusa, mi è partito un embolo quando ho letto: “quanti bambini di italiani rimangono fuori dalle scuole comunali perchè i bambini stranieri hanno la precendenza visto che i genitori lavorano quasi sempre in nero, oppure gli italiani a casa senza lavoro e sussidio mentre molti stranieri percepiscono la disoccupazione e non pagano tasse e niente”.
    Sono cose che qualcuno vuole che girino…non vuol dire che non sono vere, ma che succedono in misura infinitesimale in confronto a quanto rubano gli italiani.
    Oh amen, la pensiamo in modo diverso

  45. E’ che lo straniero che ruba fa più effetto. Invece il datore di lavoro che non ti rinnova il contratto se in cambio non gli dai “qualcosa”, quello non lo vede nessuno.

  46. Non mi sono inventata niente, quello che ho detto è frutto della mia esperienza e di nessu politico, per fortuna penso ancora con la mia testa, questo non vuol dire che vedo anche molte altre cose, ho detto dall’inizio che ci sono anche molte brave persone ma ce ne sono molte che io VEDO CON I MIEI OCCHI tutti i giorni che guadagnano il loro bei soldini e li spediscono nel loro paese, dopo fatto un gruzzoletto spariscono e li cerca equitalia, comune e quant’altro senza mai trovarli ovviamente. Ci sono anche molti italiani che non pagano le tasse? verissimo, io non faccio parte di quella categoria e nel mio piccolo cerco di fare le cose per bene e di non fregare mai nessuno, italiano o no che sia. Quello che mi da fastidio è il finto perbenismo che vedo in molte persone che parlano in un modo e poi fanno tutto l’opposto, io sono sincera e dico quello che penso e comunque non tratto male nessuno e rispetto tutti finche se lo meritano!

  47. io aggiungerei i padroni di cani che ti costringono a pestare le m….de dell’adorabile animaletto…urlandoti dietro,se protesti,che chi non ama gli animali non ama nemmeno gli umani(sic)

  48. Applausi per te Cele! La crisi sta tirando fuori il peggio degli italiani…e non ce ne rendiamo nemmeno conto, continuando a dare la colpa “agli altri” (Europa, stranieri, musulmani…)

  49. Ma perché sono tutti orfani, praticamente. I genitori non vogliono mica fare i genitori, vogliono fare gli AMICI.

    Vedi quel genio di madre che denunciò la professoressa, rea di aver requisito il cellulare al suo adorato figlioletto che si guardava i pornazzi durante la lezione.

  50. eh per fortuna..ripeto che volevo essere sincera e non fare la finta perbenista come fa molta gente e le cose che ho detto, le ho dette perchè le ho vissute poi se vogliamo fare finta che non succedono possiamo anche chiudere gli occhi. Non mi pare di aver mai detto che i politici sono bravi e fanno il loro mestiere e che la colpa di tutti i mali del mondo è degli stranieri.

  51. Bene, allora se rispetti tutti e sai che ci sono stranieri onesti e italiani disonesti non capisco il tuo discorso sul razzismo. Anche io vedo quotidianamente italiani disonesti, ma non per questo mi definisco razzista verso gli italiani. Sai qual è la differenza? E’ che l’italiano che si comporta male e ruba al suo Stato (quindi a tutti noi) non c’ha manco la scusa del poter dire “vabbè, che mi frega, tanto questo mica è il Paese mio”. E sai qual è il perbenismo? Quello di gente come la Lega o Alemanno che fanno campagne xenofobe e poi lucrano sui centri di accoglienza. Questo è il perbenismo da condannare.

  52. La colpa é dei genitori che non sanno educare, dovrebbero essere sterilizzati. Poi più sono incivili, retrogradi e cafoni piú fanno figli!

  53. Io sono arrivata alla conclusione che sarebbe bellissimo se le persone maleducate non esistessero (e fu così che al mondo rimasero in 200milioni….la stima ovviamente é in eccesso, sigh)

  54. ecco appunto, la cafonaggine impera, e parlo di cafonaggine tutta italiana, e ne avrei da dire.
    che poi se osi anche solo provare a dire qualcosa all’innocente pargoluccio, le madri ti assalgono con la bava alla bocca, capito? più hanno torto più cantano.
    di una maleducazione sti ragazzini da restare senza parole.

  55. io vedo tutto, queste cose le vedo e vedo anche le altre, voi le vedete le cose brutte che fanno gli stranieri? o non valgono quelle ma solo quelle degli italiani?!?!?! io rispetto le altre persone e se lo facessero, come me, molte di voi che stanno parlando cosi bene qui, al mondo saremmo tutti super esucati e cortesi!

  56. Ormai sono tutti maleducati e vogliono farsi tutti “i fatti loro” (non nel senso di riservatezza, per carità, nel senso di PORCO COMODO).

    Dal più giovane al più anziano non se ne salva uno.

    Ti basti sapere che mia madre riceve i complicementi per la MIA educazione (non sono la principessa Sissi, anzi, sono piuttosto “burbera” di carattere, ma sai com’è… dico buongiorno, grazie, buona serata).

  57. Il bello è che, secondo me, lo fanno con entrambe gli estremi.. Non ci sono nè molto chiari nè molto scuri

  58. Il discorso sul finto perbenismo mi ha rotto francamente le scatole.
    So che gli stranieri non sono sempre nel giusto, non sono scema e non sono nata ieri.
    Quello che hai scritto per me è inconcepibile, perché finché andava tutto bene nessuno diceva nulla.
    E’ arrivata la crisi e si punta il dito contro qualcun altro. Gli stranieri (oltre ad essere pochissimi, perché non voglio nemmeno rimanere in Italia, ma andare nel nord Europa), hanno iniziato ad arrivare in Italia da poco, quindi guardiamo prima la cacca che abbiamo sopportato per anni…

  59. Io le vedo e non faccio distinzioni.
    Per me i maleducati sono maleducati.

    Poi sei già partita con le illazioni… credo la cosa si commenti da sola, cara.

  60. Io sono contro la cafonaggine a prescindere, italiana e non, ripeto : moltissime persone dovrebbero evitare di riprodursi!

  61. non è cosi io sono la prima a condannare chi si comporta male però si è vero i, stranieri (quelli che non si comportano bene) mi fanno rabbia però non mi sembrava di aver fatto un discorso tanto estremista all’inizio, solo non mi fanno pena perchè sono stranieri a prescindere, se è una colpa me la prendo!

  62. c’è la corsa a farsi gli affari propri e a metterlo in quel posto al prossimo….quando una società è arrivata a questo punto ha ben poco da dire…

  63. Io non sono iscritta alla newsletter come te, però ho notato più volte che già verso le 06.30 di mattina un post è già stato pubblicato!
    Mi chiedo se sono post preparati già da prima o se vengono scritti al momento…curiosità 😀

  64. sono arroganti. pensano che in quanto bambini abbiano il diritto di comportarsi come piccoli selvaggi e se glielo fai notare ti prendono pure a male parole.

  65. Non sai se prima io dicessi o meno qualcosa e francamente non volevo andare a parare su un discorso politico poi boh o non mi spiego io o non capite voi, comunque mi state mettendo in bocca cose che non ho detto, se volete fare un discorso a parte voi, fate pure. Ho fatto degli esempi di cose che mi sono accadute e non ho detto che sono tutti uguali, anzi ho precisato che non è cosi se poi dite quello che volete

  66. Ciao Cirimbriscola. Io sono Nera e non porto quasi mai i miei veri cappelli. In tanti mi hanno detto che sono bellissimi.
    Ma il fatto è che se gli lascio ogni mattina devo passare 30 minuti o anche di più a pettinarli perché non sembrino un groviglio/cespuglio disordinato sulla mia testa. Adoro lasciargli liberi (io di solito porto delle trecce) anche perché non pesano quindi mi sento la testa libera e così leggera però per questioni tempistiche non è possibile. E dovrei metterci più creme per ammorbidirle.. no no non mi ci vedo proprio.
    Sarà forse per questo che non siamo in tante a lasciare i nostri capelli al naturale. Baci.

  67. beh…io non ho fatto un discorso a parte….ad esempio….e credo di aver capito quello che hai scritto…trovo che tu non abbia detto niente di che …anzi hai fatto un discorso populista /qualunquista…come fanno molti…

  68. Quindi, riassumendo il tuo pensiero, correggimi se sbaglio, è: io condanno tutti quelli che si comportano male, però mi fanno rabbia solo gli stranieri che si comportano male (quindi non gli italiani). Giusto?

  69. Ma guarda sei stata TU a dire che sei l’unica bene educata e che vorresti vedere noi per strada…

    Quindi fatti mezzo esamino di coscienza, che già la bella sparata con cui sei partita e il modo (penoso) con cui hai gestito le (ovvie) risposte non depongono certo a tuo favore.

  70. lo stavo scrivendo io …ma è giusto che l’abbia scritto tu. Io avrei fatto la figura della stron.a maestrina,tu hai dimostrato che nessuno deve pensare di essere uno scalino sopra all’altro….

  71. Non sopporto tutte le persone arroganti : vecchi giovani belli brutti italiani e non ! Chi crede di avere il diritto di comportarsi male o imporre la sua “legge della giungla urbana” é per me detestabile! Di questi tempi se fai notare qualche comportamento molesto rischi pure di essere picchiata o minacciata (sì, pure dalle “amorevoli” mammine coi passeggini).
    La maleducazione e la prepotenza altrui mi incattivisce e mi avvilisce, purtroppo (ricordo un tuo post di qualche tempo fa sui lamenti :D, io rientravo nell’ultima categoria! Quelli che di lamentano della maleducazione)

  72. allora, intanto voglio dirti che non volevo assolutamente parlare di politica, non mi sembrava di aver fatto un discorso tanto estremista ma forse o non so esprimermi a dovere o sono stata fraintesa, vedevo tutti i commenti di quanto è bello essere tutti uguali etc e volevo esprimere la mio opinione sul fatto che esiste anche il rovescio della medaglia. Ripeto che ho parlato di alcune esperienze che ho avuto io nei confronti degli stranieri, che non vuol dire che gli italiani sono ineccepibili, nè che tutti gli stranieri sono brutte persone. Ed è proprio perchè la realtà è diversa da “è tutto bello, siamo tutti uguali, peace and love” che volevo dire la mia, può essere condivisa o meno ma mi sembra di aver ricevuto un pò troppo astio per le mie parole!

  73. Anche due! Soprattutto mia madre non si sarebbe mai permessa di fare delle piazzate assurde agli segnanti “come ha osato mettere 4 alla luce dei miei occhi”

  74. Mah sai cosa?
    Io tendo sempre ad evitare le generalizzazioni e non mi piace mettermi sul pulpito, semplicemente perché sono umana e sbaglio come tutti gli umani.
    Non credo di essere migliore degli altri quindi i discorsi “sulla gente” mi lasciano sempre un po’ basita, essendo anch’io “gente”.
    Ma fino ad un certo punto però.
    Da quel certo punto in poi mi rendo conto delle differenze, e del fatto di essere una persona educata, rispettosa, e che gli altri spesso se ne approfittano.
    Non finirò comunque mai di ringraziare i miei per come mi hanno tirata su.

  75. e la colpa è dei genitori che non li educano
    perche come ha scritto qualcuno sopra di me siamo arrivati ad un mondo in cui ognuno si crede il padrone e crede di poter fare ciò che vuole senza se e senza ma
    io cmq lo vedo in ospedale..l’educazione che hanno certi stranieri gli italiani di qualsiasi età se la sognano, per loro è tutto dovuto

  76. Ciao Aelita! Capisco che i capelli tipici africani siano parecchio “birichini”, però davvero, hanno ragione quelli che ti hanno detto che sono bellissimi! Sarà che io vi invidio da morire perché desidererei tanto averli ricci! Ma d’altronde anche portare per molte ore al giorno una parrucca non è fastidioso? Non fa respirare il cuoio capelluto! Tu ti trovi bene?

  77. infatti.
    e finché incapperò in bambini cafoni continuerò a sottolineare la loro cafonaggine ai loro cafoni genitori.

  78. passare a parlare dei capelli ricci degli afroamericani alla condizione sociale in Italia è decisamente una forzatura.
    L’hai buttata troppo sul “politico” in senso lato,e poi hai usato la parola DIVENTATA UN PO’ RAZZISTA…Cosa ti aspettavi??? che non ci fossero delle reazioni???? le parole sono importanti!!! perdonami….ma…..
    https://www.youtube.com/watch?v=qtP3FWRo6Ow

  79. Sei tu che ti stai comportando da razzista cara mia, ti stai arrabbiando perchè ho espresso la mia opinione, non ho mai detto che tu sei maleducata ma siamo tante a parlare qui e sono certa che non tutte si comportano cosi bene nella vita. Poi che ti devo dire sicuramente sei più intelligente di me, quindi invece di insultarmi potresti usare le tue capacità per fare altro!

  80. Facciamo un esperimento, apri il giornale (tipo Repubblica) e leggi tutti gli articoli (basta anche il titolo). Quanti reati sono imputati a italiani? Quanti a stranieri? Provaci e ti stupirai….

  81. Condivido il tuo discorso, anche io ho tanti difetti, ma di un pregio sono sicura : il modo con cui mi hanno tirata su (che alla fine non é mio, ma dei miei genitori).
    Poi ovviamente, insieme ai maleducati, non sopporto e non voglio aver a che fare con chiunque pensi “la donna é inferiore” : poveretto se mi incontra (e ce n’erano una marea in quella conferenza omofoba che aveva il logo dell’Expo)

  82. si sono una persona comune ed ho espresso un opinione, forse questo blog è riservato a super intellettuali..mi era sfuggito!

  83. vabbe un senso lato non ce l’ho messo apposta, però non trovo giusto attaccare una persona solo perchè ha un’opinione diversa rispetto alla vostra..

  84. Sono a casa malata e mi annoio.

    Io non mi sto assolutamente arrabbiando, mi sto indignando per la povertà con cui continui a sostenere una posizione molto estrema per la quale, di fondo, non hai giustificazioni (altrimenti parleresti di quelle e non di chi fa cosa in mezzo alla strada -argomento che continui a tirare fuori, nonostante nessuno, tu per prima, possa provare nulla e quindi sia molto sterile- e di chi è Miss più intelligggente del forum di Cliomakeup).

  85. Cara Aelita, per quanto riguarda le persone comuni ti capisco benissimo! I vostri ricci sono bellissimi, ma di sicuro non facili da gestire (forse in estate ?). Però penso che Beyonce non se la sia messa da sola la parrucca! Potevano anche farci più attenzione! E, in ogni caso, quello che voglio dire è che le celebrities hanno sempre accanto parrucchieri e makeup artist (manco il cane, mi sa) e quindi è difficile pensare che non possano valorizzare i loro capelli naturali!
    La mia madrina ha i capelli naturalmente ricci, e ormai da diversi anni li stira perchè “non c’è niente da fare, i capelli lisci sono sempre più ordinati”!

  86. Punto primo:non metterla sull’aggressivo con me….Punto secondo: le questioni bisogna sviscerarle ed avere argomentazioni…non basta dire io la penso così a me è successo questo. Questo ne fa un discorso più o meno qualunquista o se vuoi un’espressione più forte da bar. Come ti ho scritto più sopra le parole sono importanti.non puoi usare certe parole e aspettarti che tutti tacciano o peggio che tutti siano d’accordo.

  87. Ma sinceramente l’ho scritto solo per sdrammatizzare, è chiaro che sia solo un errore di battitura, capita a tutti. Ma anche se non lo fosse, non mi permetterei mai di discriminare chi ha dei problemi con l’ortografia.

  88. come ti ho scritto più sotto e ti ripeto anche qui sopra e anche ora …le parole sono importanti ,non puoi usare una parola con un significato ben preciso ed estremo come RAZZISTA e poi lamentarti se qcuno non è d’accordo o addirittura dire “vabbe un senso lato non ce l’ho messo apposta”…Cristina …veramente ti invito a riflettere…

  89. Mi sa che non è di battitura (sennò non lo avrebbe riscritto). Comunque vabbè, la tolleranza prima di tutto. Ma poi, che ce frega? Noi semo itagliani: pizza, spaghetti, mandolino e mafia!

  90. Che poi facci caso, gli omofobi sono quelli che considerano le donne inferiori e le vorrebbero sottomesse. Non sopporto questa mentalità retrograda, dovrebbe essere estirpata come le erbacce.

  91. secondo me in questa frase già si racchiude tutto il senso del discorso
    Gli italiani sono mal visti all’estero ed è un dato di fatto..di noi hanno l’opinione che rubiamo facciamo i furbi e non lavoriamo..è vero??be in parte lo è sinceramente..vale pero per tutti??assolutamente no
    è giusto essere discriminati perché siamo italiani??non penso proprio..eppure ti posso assicurare che all’estero noi italiani ci dobbiamo fare 2 volte il mazzo di tante altre popolazioni considerate magari meno creative e perché no intelligenti, ma sicuramente molto più affidabili
    Lo sto vivendo sulla mia pelle
    e siccome mi infastidisce e non poco, non sarò mai quella che addita lo straniero generalizzando, dato che subisco io stessa delle generalizzazioni che in parte, tra l’altro, condivido ampiamente!

  92. Quello era il mio discorso, un pò da bar, non voglio fare l’intellettuale, era un modo anche per confrontarsi e sentire opinioni altrui, semmai comunque mi sono data della razzista da sola, nessuno deve tacere ma neanche insultare!

  93. In estate e lo stesso. Però forse sarebbe meglio perché ci passa meglio il vento. (Meglio di trecce o parrucche dico).
    Hai assolutamente ragione in quanto a celebrities. Loro si che hanno gente che gli può aiutare e sarebbe bello se si lasciassero i loro veri capelli. ( Michelle Obama e stupenda con i suoi per esempio).
    Eh beh capisco la tua madrina. Con le mie trecce sono molto più tranquilla. Non ho da pettinarli o stirarli.. nulla. Dormo così mi alzo così. E bellissimo haha.

  94. non ti avevo risposto perchè l’avevo trovato simpatico, mi sembrava chiara l’intenzione però a quanto pare devo essere attaccata su tutti i fronti..

  95. Purtroppo é vero Chicca, la nostra é una realtà : é vero che moltissimi italiani sono delinquenti. Non ci possiamo fare niente, solo impegnarci il doppio, come hai ben scritto tu.

  96. Hihi sarà per quello. E bello tenerli al naturale ma quando penso a tutto il lavoro che è dici “hmm meglio di no :/”
    Io non metto parrucche però di certo non è così bello. Ti fa sembrare in ordine però che caldo là sotto!!
    Ma le ragazze bianche che hanno i capelli ricci anche loro non “soffrono” un po’?

  97. Che assurdità, i maleducati e i maniaci purtroppo ci sono ovunque, mica solo tra gli stranieri!

  98. non fare la vittima…è un altro difetto dei nostri tempi…se uno si sporge dalla rupe è facile che cada,se uno si espone senza riflettere è facile che gli venga risposto per le rime…nessuno è contro nessuno qui…ho letto molto attentamente i commenti…ma del resto ci sono azioni e reazioni…e le conseguenze.

  99. Pensavo che almeno in estate potevate avere un po’ di tregua, visto che comunque (a parte magari i posti di lavoro) si è un po’ più informali e i vostri capelli al naturale sarebbero perfetti! io li ho lisci, e purtroppo sono anche lisci senza una forma specifica… ma come hanno già detto qui, noi donne non siamo mai contente!!!

  100. non era per fare la vittima è che la ragazza che aveva commentato non l’aveva vista sul sarcastico come me, mentre ha scritto che ho problemi con l’ortografia come la tua e senza accento, non mi permetto di dire che non sai scrivere per questo!

  101. Non avevo mai visto il video e mi è piaciuto davvero tanto e devo dire che mi è piaciuta molto di più la versione di tutti gli anni di Marshay piuttosto che quella di Nina. I capelli così ricci mi piacciono tanto, ma sulle altre, perché non saprei davvero come poterli gestire… gli anni che mi piacciono di più? i ’20 e i’50/’60! meravigliosi!!!! e Lupita ha viso così dolce, uno sguardo intenso da togliere il fiato!

  102. anche io ho i capelli riccissimi e super crespi e fino a poco tempo fa li detestavo, tendevo a tagliarli abbastanza corti in modo che fosse più rapido passare la piastra su tutta la chioma ogni santo giorno. Il risultato era comunque di capelli stirati meccanicamente e si vedeva che erano comunque crespi, in più si rovinavano sempre di più. di recente però ho trovato diversi prodottini davvero miracolosi e riesco a tenerli sciolti e lunghi senza dare di matto ogni mattina ^^ intanto sono passata completamente all’ecobio e questo ha risolto di molto il problema del crespo, tutte le schifezze che provavo a metterci prima li rovinavano solo e basta, ora uso il balsamo Yes To Tomatoes (che ormai nomino a ogni mio commento qui sul blog XD) che li disciplina davvero tantissimo e lo lascio in posa qualche minuto poi districo bene i capelli con un pettine in legno dai denti larghi. poi li lascio asciugare avvolti in un turbante in microfibra con un abbondante dose della lozione ricci definiti della Biofficina Toscana e a capelli asciutti metto un pochino di olio di cocco. la sera poi li lego con una coda altissima, sembro un po’ un ananas ma alla mattina sono più facili da gestire ^^

  103. Perdonami, ma sento il dovere di correggerti su una cosa…non esistono, geneticamente, “razze” nel genere umano. Ci sono variazioni genetiche a livello individuale, ma non sono più che differenze biologiche: non suddividono in “razze” la nostra specie. Sono stati fatti importanti studi a riguardo, ad esempio quello di Alan R. Templeton della Washington University in St. Louis. Sentivo il bisogno di puntualizzarlo perché è un errore comune ma deleterio per la promozione dell’uguaglianza. Spero che il mio intervento sia utile!

  104. Sì potrebbe essere. Però il più delle volte dopo averci dormito prendono delle forme che vanno piu o meno bene in casa ^^ ma per uscire vanno cmq pettinati. E con il vento si induriscono e quando sono naturali 100% (non ci sono mai andati prodotti per stirarli drasticamente ) la misura diminuisce. E un processo piuttosto strano :/

  105. Sì soffrono anche le ragazze bianche! Io ho un’amica con i capelli ricci che appena può se li stira e non sopporta i suoi capelli, e io la sgrido sempre quando li stira perché sta molto meglio con i suoi bei ricci! 🙂 Il fatto è che secondo me noi esseri umani desideriamo sempre quello che non abbiamo: le lisce vorrebbero i ricci e viceversa 🙂

  106. epperò l’ho corretto….perchè scrivo in fretta e poi rileggo….ti ripeto,ti sei messa da sola dalla parte del torto,scegliendo parole e toni sbagliati per l’argomento e per il posto in cui siamo ,parole che peraltro leggono mooooltissime persone…qcuna reagisce in un modo,qcuna reagisce in un altro…io ho reagito in un modo altre hanno reagito diversamente…io non ti ho attaccata ,ti ho invitato a riflettere…ma la tua risposta è stata a tratti aggressiva a tratti protettiva,mi dispiace,volevo stimolare in te una riflessione ma non ci sono riuscita…pazienza..volevo aiutarti ad aprire la tua mente e ad avere una visione omnicomprensiva delle cose…a 360 ° insomma….ma ..non sei mica obbligata..tu ti tieni le tue idee e io le mie….facciamo così. Però ti invito ancora a scegliere le parole giuste per esprimerle…perchè le conseguenze ci sono sempre…

  107. Hahaha hai ragione vogliamo sempre altro.
    Però vabbe con un po’ di volontà e con i giusti prodotti e consigli tutte potremmo cmq essere soddisfatte dei nostri capelli.:)

  108. Allora ti ringrazio e chissà che tu non sia riuscita nel tuo intento..comunque non ho una visione del mondo bianca o nera, probabilmente devo imparare ad esprimermi meglio per non essere fraintesa. Ripeto che non volevo dare una visione tanto estremista del mio pensiero e non mi sembrava di aver usato toni sbagliati

  109. Scusami, ma allora proprio non capisco la logica del tuo commento. Ti definisci tu stessa razzista, che significa odiare/discriminare a prescindere persone appartenenti a una diversa etnia, ma poi sostieni che non sono tutti uguali e ti riferisci solo ad alcune tue esperienze. Vedi che manca un nesso? Come fai a sostenere di essere razzista se quello che ti da fastidio sono certi comportamenti scorretti, che tu stessa hai ammesso fanno anche gli italiani, e quindi non hanno nulla a che vedere con l’etnia? Ti stai contraddicendo da sola! O sei razzista e quindi pensi che TUTTI gli stranieri facciano schifo a prescindere, o non lo sei perchè riconosci che le azioni corrette o scorrette delle persone sono da imputare al singolo e non al proprio Paese di provenienza. Non ci sono vie di mezzo.

  110. Bene, quindi non è vero ciò che hai scritto sopra! Non è vero che sei razzista, perchè condanni italiani e stranieri che si comportano male e ti fanno rabbia sia italiani che stranieri. Giusto? Hai visto che bello, alla fine hai capito che siamo tutti uguali. Ok?

  111. Ma capisci che da pochi casi di esperienza personale non ti puoi mettere a generalizzare a un intero popolo? Quindi se domani un torinese mi ruba il portafoglio improvvisamente tutti i torinesi diventano ladri? Non è una difesa dire che parli solo delle tue esperienze, perchè se le tue esperienze limitate (nel numero) ti portano a fare deduzioni errate che danneggiano un’intera categoria di persone devi capire che è normale che noi cerchiamo di farti vedere dove stai sbagliando.

  112. Valgono SIA quelle degli stranieri SIA quelle degli italiani, in UGUAL MISURA. Per questo non ha senso parlare di razzismo. Perchè non c’è una percentuale maggiore di maleducazione a seconda del posto dove sei nato. Se sei rumento non sei automaticamente più maleducato di un italiano, e la tua maleducazione non è più grave di quella di un italiano. Se sei maleducato sei maleducato tu come PERSONA, punto.

  113. si ho capito, il problema è che ho usato la parola razzista con molta leggerezza, troppa evidentemente, intendevo dire che sono diventata un pò diffidente in alcuni casi per i motivi sopra citati e molti altri, non volevo generalizzare e non volevo parlare di politica

  114. L’annata preferita e il ’20, posso dire che adoro quel tipo di acconciatura. Io per fortuna ho sempre seguito un mio stile, ricci, lunghi, sempre tutt’ora. mi piace molto l’acconciatura di Michelle, sta proprio bene. Comunque bellissimo post, fa veramente capire quanto a volte siamo schiave del giudizio altrui.

  115. Il problema dei bambini cafoni sono i genitori cafoni. Alcuni fanno i figli tanto per farli e poi non gli importa granché di quello che fanno!

  116. ciao Aelita, anche se provi a raccoglierli tutti sopra la testa, come una specie di ciuffo ananas? oppure sono corti?

  117. ti rispondo di nuovo. Ciao Aelita, io ho i capelli ricci e lunghi. In effetti ogni volta che li lavo ci impiego cca un ora, il passaggio più difficile e districarli. Ma con un po’ di pazienza via….

  118. Eh lo so anch’io amo i capelli liscissimi e invece ce li ho crespi…e penso tante altre ragazze, però non vedo ragazze bianche che rasano i propri e poi girano con la parrucca. È che per loro il “lisciaggio” è 10 volte più difficile ma ne vale la pena? Mi chiedevo perché non si tenessero i capelli così come sono, perché questa non accettazione così esasperata.

  119. Punto 1 non avevo pensato all’asiatiche che vanno addirittura dal chirurgo per sbarazzarsi delle caratteristiche della loro etnia, a questo punto la parrucca è molto più soft. È che nella mia beata ingenuità da Heidi non riesco a concepire che vengano ritenute brutte delle caratteristiche tipiche come il naso schiacciato, i capelli crespi, i capelli liscissimi ecc diverse dal canone bianco, biondo, occhi azzurri. Davvero mi spiace per queste persone perché secondo me si dannano l’anima per nulla. Farebbe schifo il mondo se fossimo tutti con la stesse pelle, gli stessi occhi, lo stesso naso, gli stessi capelli ecc

  120. Ah sì il punto 2 🙂 è che la pelle nera (ma nera proprio dall’Africa non che magari hai qualche parente bianco come gli afroamericani) mi sembra quasi photoshoppata, non avrei detto che aveva bisogno di correzioni o di uniformare!

  121. E se ne stanno andando via dall’ italia tutti. Come anche i giovani italiani, dato che qua non c’ è futuro per nessuno

  122. in realtà hanno molti problemi di imperfezioni anche loro..come tutti insomma..non so se conosci qualcuno con la pelle così scura ma se li guardi da vicino le imperfezioni si vedono..nessuno è immune purtroppo!

  123. Ho visto ho visto ed è stato un trauma, io Naomi l’adoro. Ero bambina negli anni ’90 e la vedevo come una dea, il mio ideale di bellezza (faccio ridere lo so perché sono una bionda pallidina). Si mettere la parrucca è più semplice (lo farei anch’io per riuscire a vedermi almeno una volta rossa ahahah) mi chiedevo perché per loro fosse così problematico non avere i capelli lisci. Per me la capigliatura afro è bella!

  124. eppure se ci pensi da che mondo e mondo noi tutti non ci piacciamo e vorremmo essere diversi da quello che siamo
    da di fuori tutto quello che hanno gli altri pare bello e quello che abbiamo noi uno schifo..e vale a prescindere dal colore della parte..
    è l’umana insicurezza che ci portiamo tutti dietro chi più chi meno!

  125. Sì io sono la prima a comprare trucchi e cosmetici che poi servono a quello cioè a cambiarsi ma mettersi una parrucca o operarsi per modificare la palpebra mi fanno provare un po’di rabbia perché presuppongono che tu proprio non riesci ad accettarti con quella tua caratteristica… Tempo fa ho visto un programma su Real time che trattava proprio di persone che si operavano o facevano di tutto per modificare le caratteristiche tipiche della propria etnia: tipo la ragazza nera che voleva il nasino sottile, il ragazzo indiano che voleva essere alto come gli occidentali e la ragazza indiana che voleva assolutamente la pelle bianca. Mi dispiaceva per queste persone e mi sembrava che stessero sprecando la loro diversità e bellezza naturale.

  126. Scusami per l’intromissione, ma anche io ho i capelli molto crespi (mossi ma crespissimi), hai provato a dormire con i capelli legati con due, tre o più trecce? normalmente se sono ben legati durante la notte, l’indomani mattina sciogliendoli non sono così annodati.

  127. eh lo so..
    purtroppo tutto il mondo è paese che vuoi
    la parrucca tra l’altro è la cosa più intelligente secondo me..è come il make up la sera la toglie e la mattina se non la vuoi non la metti
    non rovini i capelli con stirature permanenti o colori vari e puoi sperimentare un sacco, sapendo che una volta tolta sei di nuovo come prima
    da noi in effetti non va molto ma secondo me non è niente di diverso dal makeup

  128. Brava Clio! Mi è piaciuto questo post diverso dal solito, molto interessante…. continua così!
    PS: ho letto qualche commento di alcune ragazze secondo cui le persone fanno delle scelte individuali e “decidono da sole” di conformarsi alla società. In realtà il punto è che è questa società conformista che ci fa credere che “decidiamo da sole” e che prendiamo le nostre scelte in totale autonomia… ma non è affatto così! Siamo profondamente influenzate dal mondo esterno e da quello che viene universalmente (o quasi) riconosciuto come giusto / sbagliato, bello / brutto ecc… Il fatto che pensiamo di essere noi a decidere dimostra solo che la società è riuscita nel suo intento di omologazione non solo delle forme (della bellezza del corpo, del make-up, della moda ecc…), ma anche del pensiero!

  129. …io adoro Bessie Smith. La adorava come me anche Janis Joplin che si ispirò a lei, musa incondizionata. Ricordo poi che impazzì quando davanti ad una copertina di un disco di Billie Holiday vidi il meraviglioso viso di quest’ultima con un’orchidea tra i capelli. Quel disco fattomi ascoltare da mio papà quando avevo poco più di 14 anni, mi colpì. L’orchidea era più che un fiore. Era un simbolo. Ad oggi, a 30 anni, infilo tra i miei capelli fiori di stoffa. Rosa, neri, marroni, bordeaux, cerchietti colorati e fasce. E se qualcuno mi chiede perché. Io sorrido con lo stesso sorriso degli autoritratti di Frida Khalo con le sue ghirlande in testa.

  130. ciao angel! posso chiederti dove lo compri yes to tomatoes? da sephora qui a roma non lo trovo più! 🙁

  131. io discrimino chi ascolta gigi d’alessio e mette le hogan.
    ok. ho fatto outing su questo blog.
    l’ho detto.

  132. Se non costassero tanto qualche parrucca io me la prenderei! 🙂 Però non vorrei mai arrivare al punto che non esco senza 😉

  133. Cristina ma sei italiana?
    Te lo dico solo perché hai scritto “i stranieri” al posto di “gli stranieri”, quindi ho avuto il dubbio che non conoscessi bene la lingua italiana…
    Ad ogni modo capisco il tuo “fastidio” nei confronti dei brutti gesti che hai descritto, ma non delle persone che li hanno compiuti, perché queste persone avrebbero potuto essere di qualsiasi nazionalità e qualsiasi razza. Sono i gesti che devono essere condannati, non “gli stranieri”. Esempio: a te è capitato, in Italia, che degli “stranieri” abbiano fatto delle cose che ti hanno dato fastidio; a me invece, italiana che ha vissuto parecchio tempo in Francia, è capitato di essere inseguita e derubata da un gruppo italiani in un quartiere multietnico di Parigi….

  134. fia, nun fa così. che già sto rimbambita di mio. poi leggo ‘viva le piume’ e me sento anche peggio 😀

  135. Ah scusa, non avevo letto i commenti in basso su “i stranieri”! Non volevo rincarare la dose, sorry….

  136. ahahahahahah
    dici come con il correttore??
    cmq si pure io..pero costano tanto e se non costano sembrano quelle che usano certe ragazze in certe strade a certe ore della notte!

  137. Ciao a tutte! che bel post e che bello il video doppio. è abbastanza drammatico vedere che alle persone di colore siano ancora assegnati molto spesso ruoli in cui, in un certo senso, non si possa fare a meno della pelle nera: Lupita che intrepreta la schiava, Django che è uno schiavo scappato, … è diverso invece con gli asiatici e tutto questo per la storia veramente vergognosa fatta di schiavismo, di razzismo e di prevaricazione come giustificazione da parte dei bianchi che non ci si riesce a lasciare alle spalle…
    Lupita è bellissima ed è molto bello che sia testimonial per Lancome però le hanno messo uno sfondo in cui non si vedono i suoi capelli cortissimi… quasi come a volerli nascondere…

  138. è un video che fa capire molto, e ci fa capire anche quanto siamo andati avanti! sarò io, ma amo gli anni 20 e gli anni 50 alla follia!

  139. Io ho la pelle scura e qui in italia è davvero difficile purtroppo trovare fondotinta o prodotti per la pelle adatti ad un incarnato scuro.. Eppure sono tante le ragazze di pelle scura che abitano in italia ormai.

  140. Bello il tuo procedimento. Hai anche tanta pazienza per mettere tutti quei prodotti (aspettare il tempo che ci vuole prima di metterne un altro e così via.)
    Ma tutto questo lo fai ogni sera?

  141. Eh già districare e sempre il problema. Con il capello crespo e talmente peggiore la situazione :/ ( non sono così paziente per tutti quelli nodi)

  142. 92 minuti di applausi.
    Se penso che io da piccola a casa degli altri stavo come una bambola, zitta e ferma seduta sul divano, se osavo fare o dire qualcosa mega sgridate dai miei.. Certo, forse esagerati ma neanche il “grazie di esistere fai quello che vuoi, cagami anche in testa” di tanti genitori di adesso.

  143. da sephora non vendono più il brand yes to, non so perchè 🙁 io prendo tutto sul sito ecco-verde.it ^^

  144. Per “giustificare” la mia mancanza di entusiasmo e di comprensione per gli orrendi gesti dei bambini maleducati dico sempre ” anche Hitler è stato un bambino!”.

  145. Ciao Charmy, figurati che quì in Italia è difficile anche trovare un fondotinta per le ragazze molto chiare..quindi posso comprendere le tue difficoltà nel trovare il prodotto giusto. 🙂

  146. bhè non ci vuole poi molto tempo, il balsamo lo metto sotto la doccia e lo lascio in posa mentre mi lavo e mi depilo xD la lozione di biofficina toscana la metto appena uscita dalla doccia e poi via di asciugamano in testa e me lo tengo finchè posso mentre gironzolo per case tra una faccenda e l’altra. se proprio sono di corsa i capelli li asciugo con il phon con il diffusore ^^ e l’olio di cocco si mette in un secondo. i capelli non li lavo tutti i giorni comunque, io li lavo 3 volte a settimana ma sono anche troppe, andrebbero lavati 2 volte a settimana ma i miei si riempiono di nodi se non li lavo più spesso. l’unica cosa che faccio ogni sera è legarli sopra la testa ma basta un elastico non troppo stretto, alla mattina sono più in ordine e basta passarci un po’ le dita in mezzo per districarli e sistemarli ^^

  147. Io ero tale e quale a te,a casa di altri ero educatissima e se in generale facevo qualcosa che non andava bastava un’occhiataccia della mia mamma per farmi subito smettere! Pensa che a due anni mi hanno portata ad un matrimonio (il migliore amico di mio padre al quale lui faceva da testimone). Beh è stato lunghissimo e stancante ma i parenti degli sposi si ricordano ancora di quanto fossi stata brava ed educata quel giorno. Io e mia sorella di 7 anni eravamo state due sante a detta di tutti!

  148. Io sono innamorata del telefim HTGAWM.. Shonda dà grandi soddisfazioni, sempre<3
    Io non ho capito tu sei scovolta che solo da pochi anni una serie tv ha come protagonisti delle donne di colore??
    io credo che anche si fa tutta questa sensibilizzazione contro il razzismo ecc eppure è ancora forte e io non capisco il perchè..boh non serve a niente..
    le capicità/abilità o l'essere brave persone non si distinguono dal colore della pelle o dall'etnia.. che tristezza!

    A me cmq piace il trend di adesso semplice e ognuno si concia come più gli piace 🙂

  149. Io nemmeno me lo sognavo di fare certe cose…Mia madre era tostissima. Una volta durante la festa per il mio compleanno ha cacciato di casa una mamma perché le sue figlie mi stavano distruggendo i giocattoli e la madre non gli diceva nulla! Mia madre le ha detto ” Se hai dei figli così riportateli via e tieniteli a casa tua”.

  150. Davvero bel post! Più che per le parrucche, che secondo me sono usate più per comodità e altro, penso che in assoluto le ragazze che accettano meno se stesse siano le orientali. Loro si che quando sono struccate sembrano davvero un’altra persona! Eppure trovo i loro tratti davvero belli!

  151. Io ci penso tutti i giorni visto che mio padre è africano vero. Black up c’è qua in Spagna, ole!
    Fino a ieri avevo i capelli a zero come lupita, adesso li sto facendo crescere, fino a come qualche anno fa, in tutto il loro volume. Da piccola
    stressavo mia mamma perché volevo i capelli europei, mi sono davvero fatta rovinare dai parrucchieri finché non ho visto e accettato il mio capello nella sua particolarità. Adesso mi spendo un capitale per curarli, ma mi ci riconosco di più. Non cederò mai – al contrario delle mie zie- alle parrucche, piuttosto rapata a zero o afro, libera e felice!

  152. Tua madre è una grandissima. Io ho assistito a scene che tu non hai idea, ti dico solo che l’arroganza di una madre cafona di bambino cafonissimo che aveva torto che più torto non si può, ha avuto l’abilità di far sbottare mamma, ricordo che quel giorno ha pianto per i nervi!

  153. Ha fatto piangere dai nervi la tua mamma? Comunque davvero,ce ne sono di cafone al mondo. Anche io di scene brutte ne ho viste davvero tante.

  154. una volta ho assistito a questa scena e la professoressa gelidamente rispose: “perchè suo figlio è un somaro, di più non merita”. non sarà stata politically correct, ma ci voleva!!!

  155. Che video bellissimo *-*

    Oltre alle treccine, non avevo mai pensato alle differenze di acconciature tra una donna bianca e una afroamericana. Effettivamente vedo raramente una ragazza di colore con i capelli ricci come la natura l’ha fatta 😐

  156. Le rare volta che li lascio ci spruzzo cmq un quintale di prodotto per ammorbidirli prima di pettinarli.

  157. Si scusami mi sono espressa male.. Per i miei studi e la mia mente sono sempre portata a vedere le cose in maniera oggettiva e sicuramente il termine razza in questo caso è sbagliato, forse è meglio etnia, ma quello che volevo intendere è che da quel punto di vista tutti siamo in grado di riconoscere l’oggettiva differenza di fisionomia tra le varie etnie senza per forza farne una discriminazione e fino a qui non c’è il marcio.

  158. Ciao Ire, mi spiace, mi sono espressa male, ho spiegato a Chiara quello che intendevo, il fatto di essere in grado di riconoscere che esistono tante etnie con caratteri molto diversi senza che sia per forza qualcosa di negativo.

  159. post bellissimo! rinnovo come sempre tutta la mia ammirazione per Shonda, che in tutti i suoi lavori non manca mai di inserire temi sociali molto molto importanti, per i quali è anche spesso criticata! una donnona e un genio! ps. ragazze afro….i vostri capelli sono in assoluto la cosa più bella che la natura abbia creato…perchè sciapite parrucche bionde?? i pagherei oro per avere quei capelli (sì lo so, pettinarli è impossibile, ma vuoi mettere avere la criniera?? adoro!!!)

  160. Ciao Giulia, io sn una grande appassionata di letteratura nigeriana e il tema dei capelli afro (che mi ha sempre incuriosito) è molto presente nei libri delle autrici nigeriane. Anche io tempo fa non capivo perché queste ragazze non portassero i capelli al naturale. Dopo tante ricerche e domande a ragazze di colore che conosco personalmente ho capito.. Te la faccio breve, i loro capelli sono molto più fini e tendono a spezzarsi con tantissima facilità, ma proprio tanta. Per avere un aspetto curato e tenere i capelli al naturale molte di loro devono usare prodotti che puzzano da morire e sono cancerogeni.. Sono delle specie di pomate che aggrediscono i capelli e li rendono ancora più fragili. Per molte di loro far crescere i capelli dopo i 25 anni è quasi impossibile. Quindi spesso la parrucca o le treccine (che peraltro sono costose, bisogna avere un ottimo parrucchiere e molto tempo a seduta per realizzarle davvero bene) sono la miglior opzione.
    Ci tengo a precisare che parlo e conosco donne prevalentemente nigeriane e solo di 2 o 3 tribù dell Nigeria (in tutto sono più di 250 etnie solo in questo paese – pensa alla diversità genetica!) quindi non escludo che altre ragazze con un patrimonio genetico diverso possono essere più fortunate e avere capelli più domabili.

  161. Brava. Io vorrei la libertà di dire che non trovo Lupita la donna più bella del mondo, senza essere tacciata di razzismo. (A parte che trovo titoli di questo tipo, assolutamente stupidi)

  162. Articolo meraviglioso!

    Io sono mulatta, il risultato dell’unione di due mondi, ma come tante ragazze non sono mai stata pienamente soddisfatta del mio aspetto. Ho portato le treccine per anni, erano il mio scudo, perchè portare i capelli al naturale mi sembrava una cosa da pazzi. Per fortuna sono rinsavita e adesso mi vedo in modo diverso: i miei capelli, i miei tratti, le mie origini sono parti integranti di ciò che sono e so che non potrei sentirmi pienamente me stessa senza.
    http://theenchantedboudoir.blogspot.it/

  163. Ciao Clio e ciao ragazze, quanta adrenalina sotto!!!! Ho letto buona parte delle reply e penso che il nostro blog è un insieme eterogeneo di persone pronte al dialogo e allo scambio di consigli, idee o pensieri, ma sono anche convinta(e l’ho imparato qui) che quando si scrive si può farlo d’impulso o più pacatamente, ma, per quanto mi riguarda, lascio sul video la reply e dopo qualche minuto la vado a rileggere. Questo mi consente di far passare il momento impulsivo e di scrivere ciò che penso e correggere là dove alcune parole potrebbero risultare un po’ forti. Sono una persona che cerca di essere rispettosa degli altri e questo valore che per me è fondamentale cerco anche di trasmetterlo a mio figlio e proprio nella scuola che frequenta mio figlio(scuola media) mi sono accorta che il rispetto reciproco è un concetto che in famiglia proprio non è contemplato e quindi è ovvio che i bambini e i ragazzini crescono e si comportano con valori distorti. Detto questo voglio concludere dicendo semplicemente che ognuno è bello così com’è…..e vi prego lasciamo stare la politica almeno qui sul blog!!!!! Via abbraccio tutte: diafane, gialle, nere, e chi più ne ha più ne metta!!!!! Ultimo, ma non ultimo…..adoro i capelli afro sono bellissimi ;-***********

  164. Io penso che in tante dovrebbero prendere esempio da questo tuo commento Elena, io per prima che ancora un po’ combatto con l’istinto.
    Condivido ogni parola, ti abbraccio e ti stimo!

  165. Grazie Fia!! Siamo tutte diverse e come ho detto questo blog è un insieme eterogeneo di persone uniche nella loro unicità e ognuna può regalare sicuramente qualcosa a qualcun’altra ecco perché mi piace stare qui!!!

  166. Ciao Clio e Ciao Ragazze ; ))
    non conoscevo e non avevo mai visto questo video, indubbiamente fa pensare a mille cose e ci sono pareri diversi.
    Penso che al di la’ del colore della pelle, ognuno si deve sentire libero, esteriormente e soprattutto interiormente, libero come persona.
    Nella vita di tutti i giorni siamo noi che scegliamo e decidiamo come vogliamo rapportarci e mostrarci verso il prossimo.
    Sono completamente d’accordo che è essenziale da parte di tutti avere: rispetto ed educazione e avere un po’ di elasticità mentale che ci può ampliare le vedute.
    Un bacio Clio e a tutte voi Ragazze :-**

  167. Sono bellissime le vostre chiome ricce e voluminose! Trovo che stiano particolarmente proprio con i tratti del viso accentuati degli africani. Chissà come fate a districare i nodi…Io ho dei capelli mosci mosci che sembrano spinaci lessi (a seconda di quanto son lunghi e di come gli gira, nelle giornate fortunate sono mossi) e anni fa per un periodo ho fatto la permanente riccia riccia, con capelli medio-corti, però non li curavo molto, non li pettinavo nemmeno, per questo li trovavo molto comodi.

  168. io l’ho scritto subito senza problemi, per me la donna più bella del mondo non è Lupita come non lo è la Johansson.

  169. Ciao carissima!!!! Dire che sei bella è a dir poco riduttivo…..e che capelli meravigliosi!!!! Sei lo splendido risultato dell'”unione di due mondi” more compliments!!!!!! :**********

  170. Se ti può consolare, cmq, trovo che davvero sulla pelle scura stiano bene tutti i colori, anche i più accesi! Noto molto spesso ragazze nere con trucchi occhi che su di me sarebbero volgarissimi e pacchiani o mi farebbero sembrare un clown, invece loro stanno così bene, non sembrano mai esagerati!

  171. Sai che io mi sono chiesta più volte (scusa, ti sembrerò un po’ scema) se le chiome afro (che mi piacciono un sacco) fossero da pettinare? Perché mi sembra impossibile passare un pettine tra capelli così ricci e riuscire a districarli e pensavo stessero bene anche senza queste cure. Immaginavo stupidamente che bastasse lavarli, tagliarli ogni tanto, e via! Io, essendo molto pigra soprattutto in fatto di capelli, credo che li lascerei diventare un groviglio unico. Tanta ammirazione allora per chi porta una bella chioma afro, se richiede tanta pazienza!

  172. rieccomi LILOOOO te lo riscrivo qui con la speranza che ti colleghi magari col cazzillo, prendi la maschera al neem di Khadi!

    e già che ci sei un blush di Neve che quello non guasta mai ^_^

  173. Per districare i nodi uso un pettine di legno (l’ultimo preso da the body shop, almeno è ecosostenibile)e con mooooolta pazienza e ettoliri di burro di cacao o karitè puri via a pettinare poco alla volta. Seguo poi i tre steps per mantenere i ricci senza farli sembrare paglia, perché sono secchissimi. Bagnarli ogni mattina e senza poter usare il phon nemmeno in inverno, prima li spalmo con olio di avogado, poi con una crema al karitè, come un balsamo speciale senza risciacquo. In inverno un bel cappello che non li schiacci è obbligatorio. Ogni mattina quindi mezz’ora…ufff…?d’estate precauzioni all’estremo perché la salsedine li distrugge.

  174. credo che tu abbia molta ragione
    io stessa spesso mi lascio prendere dall’impulsività invece dovrei fare come te, scrivere aspettare e rileggere!
    c’e sempre tanto da imparare e qui sul blog ci sono davvero tante ragazze intelligenti spiritose e anche colte da cui sto imparando tantissimo

  175. “io cmq lo vedo in ospedale..l’educazione che hanno certi stranieri gli italiani di qualsiasi età se la sognano, per loro è tutto dovuto”.
    Condivido! L’ho pensato anch’io più volte!

  176. Mio figlio al momento è mulatto un poco meno di me e ricciolino, ma biondo un po’ più di suo padre, il naso è proprio a patata come il nonno, così come gli occhi all’insù…heheeh che mix! Parla italo-spagnolo e si capisce solo lui. Il meglio di due continenti e 3 Paesi fusi in una unica personcina!

  177. A me manda in bestia vedere quanta gente, sui treni, appoggia i piedi sui sedili di fronte, lasciando evidenti impronte (dove io mi dovrei sedere!), o abbandona la spazzatura. E tanti sono adolescenti (irrecuperabili, ormai, temo), ma ci sono anche tanti adulti coi loro bei vestiti firmati e col pc (perché sono scomodi a lavorare col pc senza appoggiare i piedi sul sedile di fronte!). Mi viene voglia di imbrattare tutti i loro vestiti firmati con degli spray indelebili.

  178. Hahahahha. Tranquilla non sei scema.
    Già di loro sono un groviglio. Se sei pronta a tagliarli tutti dopo un certo tempo in cui li hai lasciati senza cure allora si, puoi non pettinarli. E più che un lavorone. Anche io ammiro tanto quelle che se li tengono quasi sempre afro. Poi forse quando fai “le cure” tutti I gg il lavoro non è più così tanto.

  179. Ehmm ora vado a leggere cosa è successo ma quoto tutto, bellissime parole. Ultimamente sembra che non si dia più valore al rispetto!

  180. A me, dire “sono un po’ razzista”, mi suona proprio come “sono un po’ incinta”. Mi auguro intendesse che è’ un prevenuta nei confronti degli stranieri, che sarebbe un errore “umano”.

  181. Proprio così purtroppo è un male di questo tempo e questo ci porta a vedere spesso gli altri in modo diverso, ma diverso da chi non si sa!!!!! Abbiamo tutti un po’ paura di quello che non conosciamo e invece di approfondire ci creiamo pregiudizi spesso infondati e da questo nasce il non rispetto dell’altro.

  182. ok. solo perché sei tu. per i pori. per la pelle. per la simpatia a valanga. per il long bob. e tutto ciò che ci rende simili. e dunque anche perché siamo zitelle.

  183. Forse si’. Forse intendevi dire che sei diventata un po’ prevenuta nei confronti degli stranieri (perché generalizzando, associ loro determinati comportamenti), il che è’ un “peccato” umano. Il razzismo e’ una cosa grave (per come la vedo io), esprime la convinzione della superiorità di una “razza” su un’altra, a prescindere da tutto il resto. Infatti per me non ha senso dire “un po’ razzista” , mi suona come se un’uomo dicesse “l’ho un po’ stuprata”.
    Il problema credo, e’ che certe parole hanno un peso, difficile usarle con leggerezza; ma soprattutto, affrontare certi temi così complessi senza vedersi negli occhi e senza conoscersi di persona, comporta un alto rischio di essere fraintesi almeno un po’.
    PS: spero, di non buttare benzina sul fuoco, aggiungendo qs mio commento!

  184. : O Che sbattimento! Neanche Lupita ha la pazienza necessaria, a quanto pare…Non immaginavo tutto ciò. Vi guarderò con occhi diversi.

  185. I cuccioli bellissimi 😉 un vero mix! Gli americani molto razzisti ma ne esistono altri, soprattutto nei paesi del latino America che sono molto razzisti pur non essendo bianchi…e questo sinceramente mi fa ridere, perché io, senza esprimere giudizio di razza, li trovo oggettivamente tendenzialmente bruttini!

  186. Guarda Clio che quei capelli, quelli di michelle obama, non sono affatto naturali… ha fatto una sorta di contropermanente con i bigodini stretti ( ma cmq più larghi dei suoi… ) e poi ha aggiunto ciuffi di extension… tenere i capelli al naturale per una ragazza nera è più difficile di quel che si crede. Per renderli anche solo vagamente pettinabili, in modo da poter eseguire le treccine, sia quelle aderenti alla testa sia quelle normali, più facilemente, quasi tutte le ragazze nere si fanno il relaxer, uno stiramento chimico, a seguito del quale pero i capelli sono stopposi e fragili, cosa a cui si rimedia proteggendoli con le estension cucite sulle microtreccine e con treccine, dread, si quali sono aggiunte extension di tutti i colori. Mi sono resa conto, avendo un fidanzato del cameroun ed avendo conosciuto così un mucchio di ragazze afro che spesso anche quando sembrano i loro capelli afro, in realtà sono finiti, aggiungono ai capelli anche estension crespissime per dare un effetto “regina d’africa” ma alla sera scoprono i capelli naturali, corti stopposi e rovinati.

  187. Davvero?
    Cazzarola…io amo gli animali e ho il giardino,quindi non li porto a spasso.
    Ma se capita che me li porto pulisco,eccome!
    E poi che c’entra,se ti lamenti della maleducazione significa che non ti piacciono gli animali? -.-

  188. già alcune mulatte hanno capelli crespissimi, ma comunque anche ricci e belli, più gestibili con un pò di impegno, Mio padre è mulatto, e mia madre ha fatto la sua parte nell’ammorbidire il gene “capelli” che ho ereditato, tuttavia, io li tengo naturali sempre, per quanto possa essere faticoso curarli un capello molto riccio e crespo non può minimamente confrontarsi con un capelloi 100% afro.

  189. Ma se sei stupenda?!come fai a non essere soddisfatta del tuo aspetto?!?!anche i capelli, con le trecce erano sprecati!!

  190. Interessantissimo questo post Clio!! Grazie!!
    Si puó dire che mostra l’aspetto “sociologico” del make up e come i diversi canoni estetici cambino e si influenzino tra loro nel corso degli anni.
    Sarebbe interessante approfondire quest’evoluzione anche in altre culture, mi vengono in mente ad esempio quella indiana e quella orientale!
    Magari nel prossimo post di questo tipo 😉
    Baci a tutte!!!!

  191. Beh possiamo essere grate ai nostri 🙂 io ero una bambina timida , sempre impaurita e le sgridate dei miei mi facevano chiudere ancora di più eppure se sentivi i miei ero cattiva e disobbediente. A vedere i bambini di adesso si sono decisamente ricreduti!

  192. Anche io timidissima,molto sensibile e sempre impaurita! I miei non si lamentavano di me,anche se non me ne facevano passare una.Le sgridate si beccavano facilmente forse anche troppo a volte! Però se questo ha contribuito a farmi diventare una persona migliore ne sono contenta!

  193. Ciao! Ti rispondo perché nella bagarre di commenti ci sono anche io 😉
    Ammiro molto il pensa-prima-di-scrivere, ma su certe questioni “qualcuno si deve alzare in piedi”(mia opinione eh!)
    Sarò melodrammatica/patetica/ingenua/giovane, ma penso che si sta zitti o si è troppo pacati troppe volte su alcuni argomenti, e le piccole palle di neve diventano valanghe.
    Lo so che questo è un blog di make up e non un’arena 😀 però ci tenevo a dire la mia 🙂
    Buona serata 🙂

  194. Grazie clio!! Tu non sai quanto felice mi faccia questo post! Significa che ti ricordi di noi! Infatti tu non sai, ogni volta che vado un un negozio di make up mi deve SEMPRE accontentare, diciamo che essendo mulatta non trovo mai il tono giusto, perchè qua in italia facili da reperire sono veramente pochi! Mi viene quasi da piangere quando non trovo il giusto correttore…ma sono sicura che lecose cambieranno e che prima o poi tanti prodotti arrivarenno qua (e ne no andrò io da loro heheh!).
    Grazie sul serio di averci dedicato un po di storia del makeup. Bacioni ♥

  195. Penso che le donne nere mettano le parrucche per i motivi che ha spiegato valda. In un film sulla vita di tina turner è spiegato molto bene. E poi, visto che la parrucca diventa necessità perchè non provare il liscio??

  196. Ciao Clio, ciao ragazze! Non avevo mai visto questo video video e l’ho trovato davvero interessante! Credo che ognuno desideri sempre ciò che non ha e i capelli ricci ad esempio vengono invidiati da chi li ha lisci e sottili, mentre le ragazze che li hanno si lamentano di quanto siano ingestibili… Piuttosto che uno stile meno occidentale per le ragazze di colore, sarebbe molto più bello se lo stile canonico si aprisse alle influenze di tutto il mondo e che quindi non ci siano più quelle distinzioni che vengono sentite ancora oggi…
    Un bacione a tutti!

  197. Ciao Clio, no io non lo conoscevo il video ed è stato una piacevole scoperta! Grazie per avercelo mostrato e per avere scritto un bel post, con delle riflessioni serie e se vogliamo soprattutto storiche, io le condivido tutte. Ho visto il film 12 anni schiavo ed è inutile dire che ho pianto sul finale e che la figura di lupita mi è piaciuta molto.. Comunque volevo aprire una parentesi che poco c’entra con l’argomento: ieri mi sono imbattuta su YouTube in alcuni video di ragazze che ti criticano e che dicono che non sei una brava make up artist (x carità pareri loro, anche se non avevano le qualità x definiti tale) e che addirittura sconsigliavano di aprire il tuo blog perché scrivi solo cazzate..! Beh ci sono rimasta male, c’è molta invidia in giro! Io amo questo blog perché si trattano temi leggeri e serissimi allo stesso tempo, grazie solo a te e al tuo staff che riuscite a dare una ‘anima’ a questo luogo virtuale in cui possiamo esprimere tutte noi chi siamo! Un bacio ragazze!

  198. Però libertà significa non solo poterlo scrivere o dire. Io intendo dire che non è ammissibile che ci sia la possibilità che qualcuno mi dica “se non fosse stata nera, non lo avresti detto’ e purtroppo succede e mi da fastidio.

  199. Nessun problema, davvero! Io per i miei studi sono portata a vedere il soggettivo, quindi capisco cosa intendi…! Sono perfettamente d’accordo con te allora, non c’è male nell’ammettere la diversità fino a che non la si etichetta con termini negativi.

  200. Guarda se una persona di colore non mi piace o mi sta sulle balle io lo dico senza problemi, e ce ne sono eh. Lo dico senza problemi perché è una persona come le altre e come altre può starmi sulle balle.
    Poi se qualcuno vuole vederci chissà cosa, vuole pensare che l’ho detto perché bla bla ma in realtà pensavo che bla bla bla… è un problema suo, sinceramente le pippe mentali degli altri non mi tangono minimamente, specie le pippe di quelli che pensano di stare nel mio cervello.

  201. Hai capito quello che volevo dire, visto che ora so che posso modificare i commenti leverò quella parola, comunque hai capito esattamente quello che volevo dire

  202. Grazie Nata!!! Sei stata esauriente e ho trovato molto interessante ciò che hai scritto, non lo sapevo!! Grazie!

  203. davvero molto interessanti i tuoi consigli!! Io ho i capelli mossi ma crespi,credo che provero questo tuo sistema x renderli più belli!

  204. Bellissimo il tuo commento ai video. devo dire che l’argomento dei capelli afo è smesso mal in interpretato e poco conosciuta anche da noi stessi africani ( afro americani, mulatti etc….)
    è da poco che abbiamo cominciato a valorizzarlo di nuovo ed è la cosa sta prendendo sempre piu importanza grazie a Dio. Dire che il capello afro in se è difficile da pettina è che va sempre lisciato è un luogo comune oramai sorpassato. io stessa tre anni ha ho fatto Big Chop ed ho tagliato tutti i capelli lisciati per ridare valore i miei capelli naturali. Poi in genere l’ uso delle extention o parrucche è indicato come protective style, per proteggere appunto il capello che per natura è fragile. molte attrici come Yaya Dacosta o la splendida Teyonah Parris sfoggiano liberamente le loro criniere afro. Per il piacere di tutti Clio vorrei un commento tuo sul filone NAPPY

  205. Bellissimo post! 😀 Penso che cmq le ragazze nere mantengano un loro stile, nel senso che per strada le vedi che, chi più chi meno, dipende dalla persona, hanno le treccine o le loro pettinature tradizionali 😀

  206. E hai fatto bene perché mi sembra che qui tutte esprimiamo le nostre opinioni, punti di vista, pensieri, consigli che poi ognuna abbia un carattere diverso dalle altre non vuol dire che nelle sedi adeguate possa parlare ed esprimere il proprio pensiero come meglio crede(anche tirando fuori gli attributi!!!). Come ho già scritto ieri per me fondamentale è il rispetto per cui quando si parla rispettando l’altro a 360° si può avere un confronto equo. Nei nostri tempi è assai difficile non giudicare, ma tutti lo facciamo talvolta senza rendercene conto, ma io (forse per la saggezza/età) sono convinta che occorre sempre andare a fondo, cercare di capire e là dove riusciamo darci delle risposte, ma soprattutto confrontarsi, un po’ come facciamo qui. Detto ciò aggiungo semplicemente che questo blog è una comunità eterogenea e allo stesso tempo unita che spesso alleggerisce giornate pesanti e menti appesantite da tante cose. Ti ringrazio per avermi risposto e per aver condiviso il tuo pensiero :)))) ciao e buona giornata.

  207. Si, Fia, ho capito bene che ti senti libera di dirlo. Sto solo dicendo che mi da fastidio che c’è gente che trova ‘razzista’ o pensa che ci sia ‘razzismo’ nel dire, che tale attrice di colore non mi piace, o che i capelli afro non mi piacciono, o che non mi piacciono i rapper afro-americani, con le loro macchine coatte, e le tipe che scuotono i lombi. Nemmeno io smetto di esprimere i miei pensieri, ma mi da fastidio la limitatezza e la stupidità della gente, che vede cose la dove non esistono.

  208. sono contenta di avervi ispirate xD spero che possano risolvere un po’ anche a voi questo calvario del crespo che ho subito per anni XD

  209. Mi piacerebbe un video che confronta le occidentali con le asiatiche, ci sarebbero differenze notevoli credo, e sicuramente, nessuno parlerebbe di razzismo.

  210. cavoli, non avevo idea che fosse cosi complicato curarli :O io li ho mossi, all’europea, e già mi sbatto così… però poi quando si riesce a sistemarli che soddisfazione eh? davvero, ma quali parrucche, i vostri capelli sono bellissimi!!!!

  211. mi era piaciuto molto ma non l’avevo visto con la ragazza afro…
    è straordinario comunque vedere quanto cambiamo nel tempo…
    ai piccoli/e che crescono in questi anni, consiglierei di farsi un personal book di foto, per vedere come cambieranno negli anni
    E’ bellissimo…. ciao

  212. Ciao Clio, trovo che il post sia davvero bello! Come molti altri Tuoi post del genere sei riuscita a farci riflettere su tematiche importanti e attuali ma in maniera non banale e accostandoti alla tematica con la sensibilità e l’intelligenza che Ti contraddistingue! Questa carrellata di stili è davvero interessante e trovo triste come ancora sia necessaria l’omologazione per le ragazze di colore per ottenere un posto nella società. Cosa che penso in alcuni casi riguardi un po’ tutti…chi infatti non si veste o sistema secondo le mode del momento per non sentirsi fuori luogo? Grazie ancora per il post che ci hai regalato! Penso sempre che potresti iniziare a scrivere anche dei libri! Un Bacio!

  213. Sai Clio non conoscevo questo video, nemmeno con la versione con la ragazza afro. Se potessi scegliere le epoche in cui vivere né sceglierei due: gli anni venti e gli anni cinquanta. Perché due epoche? Be perché prima di tutto avrei voluto vedere come si viveva all’epoca, sia tra la gente ricca sia tra la gente povera. So che gli anni venti non è stato un bellissimo evento storico, che si può guardare nei film ( ma che proprio non riesco ) e anche solo immaginare di come potessero vivere le persone,ma ho sempre voluto vedere. Sembra strano, perché non riesco ne a leggere né a vedere di quell’epoca, eppure se ritornassi indietro, avrei voluto dare anche solo un’occhiata e poter fare qualcosa.Ho scelto queste due epoche non solo per lo scopo storico, ma anche per quanto riguarda abbigliamento e make-up. Ad esempio ho scelto gli anni venti per le acconciature, per il famoso ballo di quell’epoca: il charleston. L’abito appunto denominato charleston, le piume, adoro un po’ tutto di quell’epoca. E poi gli anni cinquanta, gli anni di Marlyn Monroe, che mi avrebbe fatto davvero piacere conoscere, oppure averla incontrata o vista. Ma quegli abiti tutti svolazzanti con il vitino a vespa,le fasce messe tra i capelli.

  214. Bellissimo post, non avevo visto nessuno dei due video.
    Da una parte penso sia interessante vedere come possano cambiare i canoni della bellezza a seconda delle epoche (pensiamo anche solo alla venere del Botticelli a confronto con una sventola di Victoria’s Secret!), dall’altra parte il confronto tra due pelli che decenni fa erano qualcosa di più – appunto perchè gli afroamericani hanno subito vari soprusi e discriminazioni – penso che porti molto a riflettere. In effetti spero davvero che una donna come Lupita possa portare un po’ più di parità in campo beauty e non solo: posso solo immaginare i complessi che alcune ragazze si fanno rispetto alla loro non responsività ai canoni estetici.
    Grazie Clio x questa bellissima riflessione, adoro i tuoi non-beauty posts (ovviamente anche quelli beauty, ma trovo che questi aspetti legati solo secondariamente al mondo della bellezza e del beauty siano facciano la differenza tra un blog di make up e un blog che è in grado di considerare tutta la realtà dei nostri tempi).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here