Ciao ragazze!

Visto che la settimana scorsa avete apprezzato molto il post sulla matita nera e sui suoi utilizzi sugli occhi, oggi ho pensato di fare la stessa cosa su un altro prodotto che non può mancare nella nostra trousse, sia se decidiamo di fare trucchi più semplici, ma anche se vogliamo osare dei look più intensi e d’effetto. Sto parlando dell’ombretto nero!
Lo so, è uno di quei prodotti che può far paura per tanti motivi: se non scegliamo texture e finish giusti e se non lo sfumiamo correttamente c’è il rischio che crei delle macchie e che cada ovunque sul viso, rovinando così il nostro trucco. Ma niente paura! Oggi vi dirò tutti i segreti per utilizzarlo al meglio e fare in modo che possa diventare un nostro valido alleato! Pronte? Iniziamo subito! 😉

db49d0f63116323d6b3708c42988afaf

Partiamo dalle caratteristiche di questo prodotto e cominciamo subito a vedere quanti e quali sono i tipi di ombretti neri che troviamo disponibili in giro.

Per quanto riguarda le texture, come per molti ombretti di altri colori anche quelli neri si possono trovare in più formati e consistenze: ci sono quelli in polvere compatta e libera, quelli in stick oppure quelli in crema.

neri texture

Anche i finish possono essere diversi e più precisamente troviamo: quelli opachi (più versatili, che necessitano di maggiore attenzione quando li andiamo a lavorare), quelli perlati e metallizzati e quelli con glitterini (che il più delle volte hanno una base opaca e qualche glitter sparso qua e là… a dir la verità sono quelli che mi piacciono meno perché le particelle luminose tendono a cadere inesorabilmente sul viso!).

finish

Ecco più nello specifico quali sono I MIEI OMBRETTI NERI PREFERITI e vediamoli a confronto!

Carbon di MAC VS Black Opal di Youngblood:

FullSizeRender(1)

 

Come vedete quello MAC è molto meno ‘saturo’ e pigmentato rispetto all’altro, ma non solo. Un buon ombretto nero si riconosce anche dalla sua  sfumabilità, e in questo senso quello Youngblood lo super di molto perché come vedete è omogeneo, mentre Carbon risulta più a macchie!

Qui invece vedete gli altri neri insieme al Black Opal di YB: c’è Blackout di Urban Decay (che è presente sia nella Naked 2 ma si vende anche singolarmente) e quello in crema MAC Black Black:

FullSizeRender(2)

Vediamo allora i vari usi per il makeup di occhi… e non solo (non vi anticipo nulla, più avanti lo scoprirete)!

1) SU TUTTA LA PALPEBRA

Di solito per questo tipo di utilizzo si prediligono quelli compatti e opachi (o al massimo perlati), perché il risultato che si vuole ottenere è un effetto smokey diffuso e bello intenso sugli occhi.

Schermata 2015-07-06 alle 15.58.44
Quando si vuole usare un ombretto nero in questo modo, la cosa migliore da fare è innanzitutto assicurarsi che il prodotto in questione non sia eccessivamente polveroso, perché altrimenti rischieremmo di trovarci tutta la faccia nera.

credits: Creaproducts.com
credits: Creaproducts.com

03_39898516Via libera quindi a ciprie salva viso e protezioni varie per non sporcarsi. Con questo tipo di trucco, vi consiglio inoltre di fare la vostra base viso solo dopo aver fatto anche gli occhi, così eviterete di sporcarvi e di dover riapplicare fondotinta o correttori per correggere.

Per questo, ma anche per far sì che il risultato sia migliore, vi consiglio sempre di usare un buon primer occhi (oltre agli accorgimenti qui sopra), da stendere per bene su tutta la palpebra e anche un po’ sotto la rima inferiore. Aspettate sempre che il primer si asciughi bene prima di procedere all’applicazione e alla sfumatura dell’ombretto nero, così eviterete che si creino delle macchie.

urban-decay-eyeshadow-primer-potion-d-20130208160653113228906

Per evitare l’effetto panda, quando si fanno gli occhi neri è sempre bene usare un colore più caldo (quindi un marroncino color caramello, biscotto etc) da sfumare nella piega dell’occhio, per creare un minimo di transizione e avere quindi un effetto più gradevole (e non di pugno in un occhio!:D).

 

tumblr_mbkto0MHBK1rr0l4zo1_1280Non così…

5312cd088108300f4c29351aae691fbaMeglio così…. Credits: Pinterest

Volendo, la transizione nella piega dell’occhio si può creare anche con lo stesso ombretto nero, sfumando l’ombretto con un pennellino pulito, in modo che, man mano che sfumiamo, diventi sempre più chiaro, quasi grigio.

The-Black-EyeMi raccomando, non usate l’ombretto nero sopra gli ombretti chiari e opachi (come il panna, bianco o avorio) altrimenti verrà fuori una macchia color fango!)

La cosa importante, quando si sfuma il nero in questo modo, è fare molta attenzione a non andare troppo su, verso il sopracciglio, ma è sempre meglio mantenersi ‘basse’, per scegliere pian piano l’ampiezza della nostra sfumatura. Il rischio di farsi prendere la mano è alto, quindi è sempre meglio essere caute, altrimenti tornare indietro può essere davvero una scocciatura! 😉 Il mio consiglio quindi e non andare con il nero oltre la metà della palpebra mobile, e sfumare già a partire da quel punto. Vedrete che sarà più che sufficiente! 😉

2) COME BASE PER ALTRI OMBRETTI (TRIDIMENSIONALI, DUOCHROME O GLITTER )

Schermata 2015-07-06 alle 15.03.39

Questo tipo di utilizzo prevede un ombretto nero come base, e un altro ombretto colorato o glitterato da sovrapporre, per un effetto ancora più intenso e drammatico.

Schermata 2015-07-06 alle 15.25.47
In questi casi si può usare un ombretto in crema, da sfumare bene (come vi ho spiegato sopra) e da fissare successivamente con il secondo ombretto che sarà in polvere. Tra questi ultimi, io di solito prediligo tutti quelli che hanno riflessi metallizzati (come i duochrome) oppure i glitter in polvere libera che se applicati direttamente sul nero danno davvero un bell’effetto, anche perché spesso anche questi hanno una luce e dei riflessi particolari.

Schermata 2015-07-06 alle 16.35.43Trovate un trucco di questo tipo nel mio tutorial dello scorso capodanno! Avevo usato un eyeliner nero, ma va bene anche un ombretto in crema o in polvere! 😉

glitter-3d-macVanno bene poi anche i glitter, come quelli della MAC…

ombretto-peyoteoppure Peyote di Neve cosmetics

 palette-duochrome… e gli ombretti duochrome, che diventano ancora più belli e intensi su una base scura come il nero!

 

3) PER UN EFFETTO SMOKEY-SOFT, INSIEME ALLA MATITA NERA

228

In generale si può usare o sopra la matita nera, dopo averla applicata ad esempio sulla palpebra superiore, come un eyeliner, oppure per dare un leggero effetto smokey, sopra e sotto, lungo le rime ciliari, applicando l’ombretto nero anche da bagnato e sfumando bene con un pennellino.

How-Get-Emmy-Rossum-Gold-Black-Eyeshadow
Questo è un ottimo metodo se siamo di fretta ma non vogliamo rinunciare a un trucco che metta in evidenza gli occhi. Basterà poi aggiungere un punto luce nell’angolo interno dell’occhio e il gioco è fatto! 😉

Nella prossima pagina troverete gli altri 3 metodi per usare l’ombretto nero! 😉 Cliccate qui! 😉