Ciao a tutte!

Anche voi siete appassionate dei prodotti MAC e delle loro innumerevoli collezioni ad edizione limitata? L’azienda canadese non è famosa solo per i suoi prodotti e per i suoi MUA di fama mondiale: un elemento importante per questa azienda sono, insieme alla propria storia, i testimonial e le proprie campagne benefiche. Viva Glam! è l’iniziativa volta a raccogliere fondi per la ricerca e il sostengo delle persone affette da HIV e AIDS, ma, come suggerisce il nome, non è solo questo: guardare i volti che sono stati protagonisti delle loro campagne è un po’ come sfogliare la storia della pop-culture! Dalle drag queen a Christina Aguilera e Dita Von Teese, fino a Lady Gaga, Rihanna e ora… Ariana Grande! Far parte di questo team significa, in qualche modo, aver lasciato le proprie “impronte” sulla Walk Of Fame del beauty. Siete pronte per scoprirle tutte? E non siete curiose di vedere l’anteprima della collezione di Ariana?

Ariana Grande nuovo volto di MAc viva glam CLiomakeup

Le collezioni Viva Glam! sono sempre composte da prodotti labbra e il ricavato, al 100%, IVA esclusa, viene devoluto alla MAC AIDS Fund, fondazione che si impegna su diversi fronti: prevenzione, trattamento e sostegno delle persone di qualunque età, qualunque “razza”, qualunque sesso affette da HIV e AIDS. La genialità della comunicazione di questa iniziativa risale al 1994, quando venne scelta RuPaul come prima testimonial. Da allora sono stati sempre selezionati personaggi dallo spirito libero e ribelle, personalità forti e un po’ borderline, celeb con le idee chiare su temi come la sessualità e i diritti dei “diversi”. Volete sapere chi sono state?

RuPaul 

RuPaul_Viva Glam!_Cliomakeup

Il primo volto della campagna più importante di Mac è stato quello di RuPaul, drag queen famosissima negli anni ’90, cantante e conduttrice televisiva. Era impossibile, fino a qualche anno fa, non sentirne parlare: “Potete chiamarmi lui, potete chiamarmi lei, non m’importa! L’importante è che mi chiamiate!“: questa è, non a caso, la sua frase più celebre. Insomma, essere al centro dell’attenzione era importante e non era difficile: anche l’Italia la ricorda per la sua performance sul palco di San Remo, nel ’94!


cliomakeup_viva-glam-de-m-a-c-la-campagne-originale

La sua campagna per Viva Glam! resta, tutt’oggi, una delle più famose. È stata anche rilanciata due volte, anni dopo: prima nel 2000 e poi di nuovo nel 2013.

RuPaul_viva-glam-fall-2013I due prodotti lanciati nel 2013: entrambi di un bel rosso bordeaux freddo e pieno. Bellissimi!

KD Lang + Frank Toskan

KD Lang-viva glam-cliomakeup

KD LANG_MAC_CLIOMAKEUP

La campagna successiva ha avuto come protagonista KD Lang, cantante canadese (come MAC) dichiaratamente omosessuale e sempre molto impegnata per i diritti della comunità GLBT. Chi c’è al suo fianco? Frank Toskan: nientemeno che il Make-Up Artist cofondatore di MAC!

Mary J Blige + Lil’ Kim / + Elton John + Shirley Manson

cliomakeup_viva glam_mary jQuesta campagna ha raccolto 4 milioni di dollari in un solo anno!

La regina dell’R&B Mary J Blige ha aperto, con la sua campagna, un nuovo capitolo per Viva Glam! Immaginate quanto sia stato importante, per MAC, avere al proprio fianco un’icona pop, eterosessuale e cristiana, che si spende pubblicamente non solo per combattere l’HIV, ma anche a favore dei matrimoni gay e dei loro diritti (tutto questo, quasi 15 anni fa). La campagna ha avuto un successo strepitoso e a lei si sono poi aggiunti anche Lil’ Kim, Sir Elton John e Shirley Manson.

cliomakeup_vivaglam_mac

cliomakeup_mac_vivaglam_mary j elton john

Christina Aguilera

Sulla scia di Mary J, ecco il momento di Christina Aguilera: il suo stile eccessivo e sperimentatore era perfetto per diventare portavoce della campagna Viva Glam! Abbronzatura aggressive, sopracciglia (diciamo) anni ’20, trucco esagerato e glitteroso, capelli nerissimi e sguardo seducente. Correva l’anno 2004 e all’epoca… ci piaceva così!

cliomakeup_christina aguilera_mac

Chloë Sevigny / Linda Evangelista / Boy George

Un momento glamour con Chloë e Linda: se Linda Evangelista è universalmente riconosciuta come una delle supermodelle degli anni ’90, su Chloe Sevigny possono esserci dubbi.

viva glam_mac_cliomakeup_chloe_missy_linda_boySmokey eyes per Cholë e Linda e eye-liner per Missy e Boy George. Lo stile d’abbigliamento è moooolto 2004, ma il make-up, alla fine, è davvero attuale! 

Le fashioniste ne conosceranno il volto, prestato per campagne importanti come Louis Vuitton, MiuMiu, Chloè e H&M. Ma qual è la sua storia e perché è famosa? È un’attrice, ma ha sempre cercato di evitare le grandi produzioni hollywoodiane, prediligendo il cinema indipendente (ecco perché forse non vi vengono in mente tanti con lei!). Perché è la candidata perfetta per essere portavoce di Viva Glam? Perché è sempre stata diretta, ribelle, contro le regole prestabilite. Ha interpretato bambine cattive e transgender e il suo ruolo più importante è stato in Boys don’t Cry, film molto controverso, basato su un fatto di cronaca nera realmente accaduto. In quell’occasione, Chloë interpretava una ragazza innamorata di Brandon Teena, un ragazzo transgender biologicamente nato come Teena Brandon (interpretato da Hilary Swank).

viva glam_mac_chloe_cliomakeup

Pamela Anderson

Eccessiva ed esplicita, Pamela era l’icona pop perfetta per la campagna “Get Tested” (“fai il test”) di Viva Glam! La MAC ha dichiarato che Pamela ha preso molto sul serio il suo ruolo di portavoce, impegnandosi al 100% nella sensibilizzazione e nella promozione del test dell’HIV.

Pamela Anderson_Cliomakeup_viva glam

Per quanto riguarda il look: le sue sopracciglia oggi ci fanno rabbrividire, ma gli smokey viola e bronzo che porta nelle foto della campagna, per quanto intensi e appariscenti, sarebbero riproponibili anche oggi, non vi pare? Questa campagna era davvero all’avanguardia, per quanto riguarda il make-up: a prova del fatto che i professionisti che vi hanno lavorato avevano uno sguardo molto lungimirante sui trend e le novità beauty!

pamela anderson1_clio_viva glam_

Missy Elliott

Lim’ Kim, Christina Aguilera… poteva mancare Missy Eliott?

cliomakeup-viva-glam-kadinlari,O2rdB26bPka-CNYUDdappw

Solo P!nk risulta assente all’appello per poter completare il “Team Lady Marmelade”, ovvero il gruppo che ha inciso la cover del famoso pezzo usato per Moulin Rouge! di Baz Lurhmann. Missy ha saputo mantenere viva la sua anima “black” non abbandonando mai il rap e l’R&B, pur avendo collaborato con le star pop più celebri del mercato “bianco”. Ciò l’ha resa una role model e il simbolo di chi ha saputo abbattere alcune pesanti barriere culturali e commerciali. Perfetta come volto di Viva Glam, non è vero?

Ragazze, chi saranno le prossime portavoce? Ovviamente siamo partite dagli anni ’90 per arrivare ai giorni nostri, quindi la faccenda si fa sempre più succosa! Nella prossima pagina scommettiamo che molte troveranno la propria musa indiscussa (che è assolutamente PERFETTA per questo ruolo). Di chi stiamo parlando? Scopritelo a pag. 2!

32 COMMENTI

  1. Bel post, molto interessante. Anche se sono un po’ perplessa sulla scelta di alcune icone… Voglio dire, boy george è uno che ha fatto la storia, ariana grande….chi??

  2. Alcune campagne mi piacciono molto, alcune meno, alcuni personaggi mi piacciono, alcuni per niente. Ma la lotta contro HIV e l’AIDS è importantissima e lo sforzo lo dobbiamo fare tutti. Il messaggio dovrebbe essere questo qui.

  3. Nicki Minaj femminista?
    Secondo me si dovrebbe fare una bella distinzione fra chi si rispecchia una filosofia per via della propria vita, e chi invece se ne fa portavoce per questioni di pubblicità e marketing.
    Ma la campagna è apprezzabile, dato che devolvono tutto in beneficenza.

  4. Ho appena comprato il mio primo rossetto Mac e prevedo i prossimi, volevo prendere un rossetto nero e credo proprio che prenderò questo nuovo Viva Glam perchè lo trovo fantastico!

  5. Per le nuove generazioni é una vera e propria icona.
    Una che si schiera apertamente per i diritti delle persone e rivendica il suo essere donna.
    Recentemente ha litigato con i giornali dicendo che con chi sta è affare suo, una donna dev’essere considerata per quello che é e non ha più valore se sta con qualcuno di famoso.
    Dimostra di essere una tosta.

    Detto ciò continua a starmi sulle palle peró il rossetto è bellissimo ahhaha

  6. non conosco mac, non l’ho mai calcolato più di tanto per…..invidia……dato che non ho negozi vicini,e i prezzi sono comunque alti per me.
    Però rendo atto che con queste campagne fanno una cosa buona e ciò mi piace, soprattutto se devolvono tutto il ricavato. Dovrebbero farlo tutti, e più spesso. Un po’ a turno, tipo ogni brand una volta l’anno per una campagna diversa……loro che possono, e che possono devolvere tanto, che lo facciano!
    Poi, si spera sempre che scelgano di devolvere qualcosa autonomamente, di tasca loro, senza dirlo a nessuno, e senza che sia il ricavato di ciò che noi abbiamo acquistato.

  7. Allora c’è solo da sperare che continui così e non sia solo una moda del momento (visto che adesso è un tema praticamente all’ordine del giorno)

    Comunque il rossetto è bellissimo, ma non saprei portarlo

  8. Mondo meraviglioso quello viva glam, considerando che TUTTO il ricavato va a una buona causa e non i soliti 1 – 2 euro. Detto questo… Voglio tantissimo il rossetto di Ariana Grande, sarà sicuro mio!

  9. È bello che vada tutto per la ricerca, ma essendo entrata da non molto nel mondo del make up non ho ancora acquistato uno di questi rossetti. Sono felice che i post siano aumentati, oggi ho un bel po’ da leggere 😛

  10. Non conoscevo tutti i volti delle campagne Viva glam, Il post è molto bello e permette di apprezzare tutto il lavoro che ha fatto MAC negli ultimi anni per una causa così importante 🙂 sicuramente prenderò il prossimo rossetto di adriana e budget permettendo, anche qualcuno dei vecchi viva glam perchè ammiro il fatto che venga devoluto l’intero ricavato e non soltanto una percentuale simbolica

  11. La fiera della finezza proprio… per me la voglia di acquistare cala drasticamente vedendo tutte queste pacchianate

  12. Ma non si sa ancora quando uscirà il Viva Glam Ariana Grande?? Il rossetto sembra una meraviglia! E quello ispirato a Dita Von Teese? E’ un po’ che se ne parla ç_ç

  13. Mac credo che sia l’unico brand che devolva tutto il ricavato alla ricerca.
    Comunque la prima campagna con RuPaul è spettacolare!

  14. Ciao Clio, bel post!!! Belle queste campagne!!! 🙂
    Non ho prodotti Mac probabilmente perchè non c’è Mac nella mia città, quindì non vedendo i prodotti dal vivo non mi viene troppa voglia di acquistarli.
    Però sì mi piace l’idea che comprando un rossetto il ricavato vada in beneficienza!!! 🙂

  15. fa ridere che tu ne faccia un vanto, del non aver colto neanche in minima parte il significato delle “pacchianate”

  16. Ah ma guarda che io ho colto il senso delle cause e mi stanno anche bene, poi non è da tutti devolvere ben il 100%. Solo trovo che alcune immagini siano veramente di poco gusto. Secondo me si poteva rendere una campagna efficace anche in modo un po’ più fine..poi se ti va ridi pure e il vanto l’hai colto solo tu

  17. non comprendo se l’ipocrisia del tuo commento è voluta o se è una mera coincidenza.
    Comunque mi spiace per il tuo personale indice di buon gusto. Non devi vivere una vita facile, se ti bastano delle normalissime foto per storcere il naso.
    Non c’é niente di fine nella vita, né in malattie come l’AIDS. Non vedo perché rincorrere i tuoi personalissimi standard in un contesto in cui non ci azzeccano niente.

  18. Ma ipocrisia di che??? un’immagine può piacere come non piacere, non ci vedo niente di strano e ovviamente nulla toglie alla bontà della causa. Ti rendi conto che stai attaccando una persona sul nulla vero? Se la Minaj la trovo poco elegante e idem la sua posa a te che problemi da? Forse è il caso di infervorarsi per qualcosa di più serio che non un commento che riflette il gusto personale

  19. commentavo l’ipocrisia del parlare di cause che “ti stanno anche bene” quando poi passi il resto del post a spiegare cosa non ti sta bene XD
    E io invece ti dico che non è il caso di provare ad indovinare il tono delle mie risposte, visto che sembra tu non sia molto brava. Se mi fossi infervorata te ne saresti accorta, ti assicuro.
    Anche io ho espresso la mia opinione, e la mia opinione è che provo una tristezza infinita nel vedere che nel 2015 ancora si giudicano volgari (o, se preferisci, poco fini) persone che non si conoscono per una posa in una foto. Non è una posa provocante a delegittimare la serietà di una persona e la causa nei confronti della quale quella persona si è spesa.
    Poi a me il tema dell’argomento non sembra proprio un “nulla”…

  20. Per la Mac regna sovrana, è la regina dei brand di makeup e nessuno per me al momento ha mai raggiunto i suoi livelli e l’esistenza di questa raccolta fondi con Viva Glam, esistente ormai da svariati anni, dimostra come sia un passo avanti a tutti già da molti anni. Se vincessi al superenalotto, credo che la Mac mi eleggerebbe ben presto cliente onorario. E non parliamo dei rossetti, meraviglie del creato! 🙂

  21. Mi piace molto l’intento di tutte queste campagne che supporto a pieno!!! Ma, sinceramente non comprerei questi rossetti, ok sono in edizione limitata ma son colori che proprio non mi corrispondono, alcuni davvero particolari!

  22. io ho gurdato tutte le collezioni pa a parte qualcosina, trovo che date le testimonial avrebbero potuto trovare colori molto più originali, per me di veramente nuovo e appetibile c’è dolo i rossetto tra il dorato/bronzo, per il resto mi sarebbe interessata una palette ombretti, che però avendo cambiato colore di capelli non è più adatta. Ripeto Mac potwva fare molto di più anche le trosse pennelli sono abbastanza solite, non credo comprerò nulla. Ciao, grazie

  23. Non avevo mai acquistato niente della campagna (e in realtà quasi niente di Mac in generale, visto il mio budget), ma la causa è sicuramente meritevole, così come il fatto che donino tutto il ricavato, quindi riflettendoci penso che prossimamente lo farò…. e iniziare dal rossetto scurissimo della collezione di Ariana Grande (anche se devo dire che come testimonial la trovo un po’ meno di impatto rispetto ad altri del passato) mi sembra un ottimo modo :))

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here