Ciao a tutte!

Oggi parliamo di un problema davvero odioso e di cui molte di noi pensano di essere (a torto o a ragione) vittime! L’alito cattivo o alitosi può essere provocato da una sbagliata igiene orale o da vari problemi di salute, ed essere aggravato da ciò che mangiamo o da cattive abitudini come il fumo.

Per fortuna c’è moltissimo che si può fare, in primis agire, dove possibile, sulle cause e quindi svolgendo un’adeguata prevenzione. Inoltre, Clio ci ha raccontato che in America sono piuttosto “fissati” in merito e si trovano tanti prodotti contro l’alitosi: nel post vi parleremo naturalmente di quelli reperibili in Italia senza tralasciare i rimedi naturali.

ClioMakeUp-alitosi-1

Le cause dell’alito cattivo

Alitosi e igiene orale

ClioMakeUp-alitosi-2-audrey-hepburn

L’alitosi può essere causata in primis da una errata igiene orale: più saremo accurate e puntuali nel lavare i denti, meno ci sarà il rischio di avere l’alito pesante. Ciò significa usare regolarmente lo spazzolino dopo ogni pasto, ma è altresì importante prendere confidenza con altri strumenti che rendono la pulizia dei denti più completa, come scovolino e filo interdentale. Anche usare un collutorio aiuta ad eliminare i batteri che si formano in bocca e che causano l’alito cattivo, ma bisogna evitare quelli che contengono alcol e che possono quindi “asciugare” la bocca.


Cibi e vizi che causano l’alitosi

ClioMakeUp-alitosi-4-alcol

I cibi con odori forti, come l’aglio, la cipolla, alcuni formaggi e le spezie esotiche sono associati all’alito cattivo, e anche un collutorio o uno spray rinfrescante lo copriranno solo temporaneamente: l’odore andrà via quando i cibi saranno completamente digeriti. Inoltre, anche gli alcolici e il fumo causano o aggravano l’alitosi.

ClioMakeUp-alitosi-3-dopo-sbornia.jpgVi è mai capitato di pensare durante le classiche scene del film in cui il/la protagonista si sveglia dopo una sbornia: Oddio, chissà che alito ;-)?

Il fatto che la causa dell’alito cattivo sia il cibo è un pò un mito da sfatare: in realtà si tratta di casi rari e circoscritti. È vero però che l’alito cattivo può essere legato ai problemi di digestione: in questo senso una dieta equilibrata non può che aiutare.

Problemi di salute e alito cattivo

Inoltre, l’alito cattivo può essere indice di alcune malattie: gengivite e carie, ma anche infezioni alla bocca in generale. Farmaci e problemi di salute che causano secchezza delle fauci possono provocare alito cattivo, così come malattie quali polmonite, diabete, reflusso gastrico e altri.

I sintomi dell’alito cattivo

Come fare per capire se siamo vittime effettivamente di questo problema o se è solo una nostra “fissa”? Beh, oltre ai classici metodi basic che si possono adottare quando si è sicuri di non essere visti eheheh…

ClioMakeUp-alitosi-5-mr-beanMr Bean Docet 😉

… Anche sapore sgradevole in bocca, bocca secca o lingua che appare biancastra sono sintomi di alito cattivo!

ClioMakeUp-alitosi-6-mattinaSe ci fate caso, spesso l’alitosi si ha al mattino, a causa della riduzione della saliva all’interno della bocca.

Igiene orale e corretta alimentazione costituiscono di per sé delle ottime basi per evitare che si presenti il problema dell’alito cattivo. Tuttavia, non garantiscono affatto di esserne immuni: nella prossima pagina vedremo quindi tutti i rimedi (naturali e non) contro l’alitosi!

34 COMMENTI

  1. Mi state mettendo a dura prova. Che schifo!
    Mi rendo conto però che chi ne soffre, magari veramente non ha con chi parlarne, ed ecco che qui ci possiamo sfoga’.
    Io, penso come tutti, la mattina appena sveglia non ho l’alito che profuma di rose, ma non credo nemmeno di avere chi sa quali problemi seri.
    In ogni caso però direi che chi ce l’ha, deve andare dal dottore. Assolutamente. Se è grave, potrebbe esserci un’infezione in corso o cmq qualcosa di serio davvero.
    Ps: anni fa quei “strips” li faceva la Airways, ma ora è un pezzetto che in giro non li vedo più. Ed è un peccato perchè mi piacevano un sacco. Efficaci, discreti, veloci. Lavorando al pubblico mi rimane difficile masticare una chewing gum e non sembrare …. una mucca.
    Voi l’avete più visti?

  2. Ricordo ai tempi delle superiori che avevo un’amica con un alito pesantissimo, il motivo? Essendo che la mattina non faceva colazione, non si lavava i denti dalla sera prima! Sarà che io sono fissata con l’igiene orale, ma quando sono fuori a cena e non posso lavarmi i denti opto sempre per colluttorio (che uso anche ogni volta che lavo i denti) o gomma da masticare alla menta forte (da noi si chiama “cicca”)! E poi c’è l’alito di chi fuma che per me è qualcosa di insopportabile, il fatto è che i fumatori non se ne rendono conto ma per me che non sono fumatrice e odio l’odore del fumo si sente moltissimo e da anche molto fastidio.

  3. Ma sono l’unica che se solo sfiora la lingua con quel famoso “pulisci lingua” le viene da vomitare? E’ un riflesso troppo forte, non ci riesco proprio…

  4. Ragazzi, posso fare una correzione?
    Posso capire che venga consigliato di lavare subito i denti dopo i pasti, per evitare che i residui di cibo “fermentino” e sviluppino cattivi odori, ma se avete lo smalto danneggiato o i denti sensibili, non lo fate! Armatevi di pazienza e aspettate mezz’ora, almeno… L’ingestione di cibo e l’aumento della salivazione alterano il pH della bocca, rendendolo più acido: ciò solubilizza i minerali dello strato superficiale dello smalto, assottigliandolo. Se spazzolate e sciacquate poco dopo, rischiate di lavare via anche i minerali disciolti, e a lungo andare ciò può indebolire, appunto, lo smalto dei denti. Attendere mezz’ora permette ai minerali di ridepositarsi, e potete andare di dentifricio con tranquillità 🙂

  5. Esatto! Alcuni hanno proprio un brutto rapporto con l’igiene! Io forse sono un pò fissata per via dei lunghi anni in cui avevo l’apparecchio e ogni volta che mangiavo fuori casa avevo il terrore che mi rimanesse del cibo incastrato!

  6. Sì è verissimo!.. soprattutto quando per “ultimo” magari si mangia un dolce.. i dolci rendono più “tenero” lo smalto dentale e lavare immediatamente i denti significa essere più aggressivi con lo smalto.. che a lungo andare potrebbe deteriorarsi. Me lo ha sconsigliato più volte la mia igienista,mi ha detto ovviamente di lavare sempre i denti ma non subito aver finito di mangiare.

  7. Volendo si può anche lavare i denti prima di mangiare… Così si diminuisce la carica batterica, e quindi la fermentazione dei residui dopo il pasto (e a seguire il cattivo odore). Io lo faccio soprattutto la mattina, perché non so mai se faccio in tempo a tragugiare qualcosa, quindi lavo a priori i denti! Fin ad ora non si è lamentato nessuno… (ma forse sono tutti molto gentili e hanno paura di offendermi ;D). Capisco però che modificare radicalmente un’abitudine del genere può essere scioccante per molti

  8. 🙂 io sono una che la mattina si alza due ore prima solo per avere il tempo di truccarmi con calma! Di solito riesco ad infilarci anche 5 min x la colazione.. tra una passata di mascara e l’altro! 🙂 🙂

  9. Brava! Hai tutta la mia stima… Io… Dopo anni di lotte con la sveglia, ho capitolato! Per me ogni singolo minuto passato sul cuscino è vitale!

  10. Anch’io mi ricordo gli strips, in effetti è tanto che non li vedo più. Un’alternativa possono essere le mentine della Frisk, si trovano in vari gusti e sono piccole e si sciolgono velocemente.

  11. In ogni caso, se non si hanno patologie in corso, il collutorio non va usato tutti i giorni perché distrugge batteri gram-negativi ma anche quelli positivi e non è un bene. Anche il tè o il limone rovinano lo smalto quindi occhio all’uso che si fa anche dei rimedi

  12. Anch’io…subito conato di vomito, io passo direttamente le setole dello spazzolino..perché con la gommina sul retro non lo compro più…mi fa proprio senso, in ogni caso ad ogni lavata di denti..mi escono gli occhi di fuori

  13. Sono dei foglietti sottilissimi, come carta forno per dirti, che metti sulla lingua. Con la saliva si gonfiano e diventano tipo gelatinosi. Quindi li mastichi e ti rinfreschi la bocca. Tutto questo in 5 secondi.
    Era una grande trovata.

  14. poco tempo fa ho incontrato un signore che per parlarmi mi si è avvicinato e aveva un alito talmente pesante che ho avuto uno sforzo di vomito…poi sono riuscita a trattenere la tragedia… ma boia roba che svengo

  15. a me di solito lavando i denti va tutto bene.. è proprio la lingua ad essere sensibile! 😀 Meno la tocco con lo spazzolino, meglio è. Meno male che ci sono i colluttori! 😉

  16. molto spesso la causa può anche essere una particolare situazione ormonale, quale ciclo gravidanza ecc….e per capire se si ha l’alitosi non basta alitarsi in mano, ma il ”vero metodo infallibile” sarebbe quello di leccarsi il palmo della mano (pulito ovviamente) con TUTTA la lingua e aspettare che la saliva si asciughi, e poi possiamo ”odorare”….capirete che non è fattibilissimo in pubblico

  17. io lo faccio con lo spazzolino, e se in quel momento ho anche muchi e via discorrendo…vomito direttamente

  18. Si sì! Malattia che può essere da un semplice raffreddore, o mal di gola a qualche disturbo gastroenterico tipo reflusso, o anche una semplice intolleranza!

  19. Non hai menzionato il fatto che spesso si soffre di questo problema in gravidanza,e li, purtroppo,non si può fare molto

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here