Ciao a tutte!

Quando, a novembre o a febbraio, siete alla nona ora di lavoro, o chinate sui libri, e fa freddo, è umido, fuori è grigio e voi non ne potete più… non amate fantasticare a come sarebbe essere, in quel momento, su una spiaggia, al sole, con una leggera brezza…e un bel cocktail in mano? Siamo certe di sì!

Bere alcolici va fatto all’età giusta, in modo responsabile e non esagerato (lasciateci, qui, fare per un secondo “le mamme”: è doveroso specificarlo!) ma, una volta seguite le regole del buonsenso, nessuno, neanche i più salutisti, negherebbero un bicchiere di vino o un cocktail fresco e ben preparato a una persona in vacanza.

Insomma: l’aperitivo è per molti un piacere della vita e invece di rinunciarci, per poter essere sempre sani e in forma, è sufficiente ascoltare qualche consiglio. Ecco che viene in nostro soccorso quella che è considerata la Top-Nutrizionista di Los Angeles e le sue dritte per non rinunciare né al cincin né ad una forma impeccabile – aggiungendo anche qualche tips anti-postumi!
Insomma, è il caso che leggiate questo post…prima dell’ora dell’aperitivo! 😉

ClioMakeUp-cocktail-sani-nutrizionista-aperitivo-senza-postumi-cover-3

LA NUTRIZIONISTA: KIMBERLY SNYDER

Tutto nasce perché abbiamo letto l’intervista che Kimberly Snyder ha rilasciato a Vogue USA in cui ha dispensato qualche consiglio per un aperitivo in salute. Da qui abbiamo voluto informarci un po’ e approfondire la filosofia di questa star-nutrizionista-delle-star. Ma facciamo un passo indietro: chi è Kimberly Snyder, a cui stiamo per affidarci?

ClioMakeUp-cocktail-sani-nutrizionista-aperitivo-senza-postumi-8

È una nutrizionista californiana che ha come missione quella di “nutrire il corpo e l’anima” e che ha elaborato un programma in grado di “tirare fuori la bellezza che abbiamo dentro”. Tra i suoi (entusiasti) clienti, spiccano nomi come Drew Barrymore, Reese Witherspoon, Kerry Washington, Channing Tatum, Fergie, Chris Hemsworth, Amanda Seyfried, Dita Von Teese… (potremmo anche proseguire…) – tanto per inquadrarla subito.


Ha un sito molto attivo da cui si possono comprare i suoi libri e prodotti, ma anche scaricare gratuitamente i podcast o leggere e riprodurre le sue ricette – tra cui primeggia un frullato verde di sua invenzione, il Glowing Green Smoothie (che contiene spinaci, mele, pere, banane, limone…), di cui, le star elencate, giurano di nutristi ogni giorno o quasi.

ClioMakeUp-cocktail-sani-nutrizionista-aperitivo-senza-postumi-Glowing-Green-SmoothieVia YouTube

Ora che abbiamo capito con chi stiamo parlando, ecco i suoi suggerimenti e quali sono, quindi, i cocktail che possiamo realizzare per un bell’aperitivo in casa con le amiche, a base di gusto, freschezza, ma anche pelle luminosa e digestione semplice 🙂 !

IL CIN-CIN FACILE FACILE: IL VINO

Il vino, come molti sanno, è la miglior opzione per il nostro corpo. È più leggero a livello alcolico e il corpo lo digerisce meglio. Tra i due è da preferire il rosso (anche perché, banalmente, per avere un vino bianco di qualità dovrete pagarlo di più di un buon vino rosso) e, per seguire le indicazioni di Kimberly, andrebbe sempre scelto biologico o biodinamico, per evitare un surplus di solfiti.

ClioMakeUp-cocktail-sani-nutrizionista-aperitivo-senza-postumi-vino

COCKTAIL: COSA EVITARE E COSA PREDILIGERE

Se invece stiamo puntando ad un cocktail, ecco quali sono gli ingredienti da scegliere e quelli da lasciar perdere! Ovviamente, proprio come per il cibo, prepararsi da sole il proprio cocktail è ciò che garantisce l’utilizzo di ingredienti migliori, ma anche quando siamo al Lounge, possiamo fare attenzione a qualche piccolo dettaglio.

ClioMakeUp-cocktail-sani-nutrizionista-aperitivo-senza-postumi-6Un esempio di cocktail sano, a base di frutti di bosco e un ingrediente molto di moda ultimamente…che scoprirete più avanti nel post. Credits: makingthymeforhealth.com

Per scoprire cosa scegliere dal menu o come preparare in casa cocktail sani e freschi, mantenendo il corpo idratato e la pelle luminosa, continuate a leggere il post!

35 COMMENTI

  1. Ma perché dobbiamo accecati per leggere i post? Usare caratteri neri invece di questi grigiini sarebbe cosa buona e giusta

  2. Ehm diciamo che sono appassionata di cocktail, mi piace sapere cosa sto per bere e, cercando di tenermi il più informata possibile, spesso dico io stessa al barman gli ingredienti che preferisco o se voglio effettuare qualche variazione..purtroppo in casa mi mancano gli strumenti del mestiere ( che costano e secondo me sono importanti per la riuscita di un buon cocktail), inoltre nella mia città non ho trovato nessuno che sappia fare un cocktail degno di essere chiamato tale quindi aspetto di andare al mare da 2 barman di fiducia che sono bravissimi e usano davvero ottimi ingredienti

  3. Purtroppo non è facile trovare dei buoni cocktail in giro specialmente perché anche nei locali in usano gli sciroppi pronti e rum e vodka da due soldi!!! Il cocktail più buono l’ho bevuto in un pub dove non avevano la menta per farmi il mojito (orrore!) allora ho detto al barman fai tu.. E mi ha portato un drink con passion fruit e lime davvero buono 🙂

  4. Io ho fatto il corso per imparare a fare i cocktail, quindi so bene di cosa si parla ma sopratutto so cosa chiedere quando mi trovo in un locale. In discoteca non troverete mai prodotti di buona qualità, ci ho lavorato e anche nelle più rinomate gli alcolici lasciano a desiderare. A me piacciono i drink freschi: gin tonic (rigorosamente con l’Hendrick’s come Gin) e il moscow mule, entrambi con un sacco di cetriolo!

  5. Vinco io! Volevo un white russian. Non ho la panna. Ok, black russian. Non ho la Kahlua. Ok, mettici Borghetti. Scusa ma non ho neanche la vodka. Sai cos’è? Fammi un coca-rum.

  6. Io da un po’ preferisco un bicchiere di un buon vino (se spumante, anche meglio). Dei coctail non mi fido molto. Ci sono anche dei barman bravi (più che bravi onesti), ma se sono in un posto nuovo non mi va di sperimentare.
    Kombucha l’ha beveva mia madre già quando ero piccola, mi ricordo sto fungo spugnoso enorme e l’estratto che ne veniva fuori. Ripensandoci è ora che chiedo in erboristeria dove vado se conoscono qualcuno che ce l’ha, così provo anche io.

  7. A trovarlo un locale che usa frutta fresca per gli aperitivi… e poi se anche lo si trova, figuriamoci se alla comitiva garberebbe, se non è abbastanza “cool”. Per questo opto sempre per il buon vecchio calice di rosso!

  8. Ciao Team Clio! Concordo con la premessa “da mamme” che avete fatto all’inizio del post! Una delle cose che più apprezzo di questo blog è il fatto che trasmette messaggi positivi e sani!!! Riguardo ai cocktail, io sono praticamente astemia! 🙂 però adoro il “rito” dell’aperitivo, perciò mi butto sugli analcolici.. alla frutta.. però in effetti non in tutti i locali usano la frutta fresca! In quello dove io e mio marito andiamo di solito, i prezzi sono più alti ma i prodotti sono migliori.. però mi è già capitato di bere analcolici fatti con succhi e sciroppi…

  9. Clio, ma lo sai cosa vuol dire “biodinamico”? Una gran buffonata che prevede di prendere un corno di mucca, riempirlo di letame e seppellirlo nel terreno per “nutrirlo”… Insomma una roba degna dei peggiori stregoni e peraltro molto poco Vegan (visto che ora va tanto di moda)…a me questi consigli sembrano oscillare tra il banale e l’inutile, francamente

  10. Eh ora sono proprio senza parole.. io invece ho messo in crisi un barman dopo avergli chiesto un marilyn e aver ricevuto come risposta “e che significa? Cos’è?”e io “significa che devi fare un aggiornamento”

  11. Mi associo…..recentemente al baretto della spiaggia preparano cocktail analcolici, con succo di ananas e limone è buonissimo!

  12. Io AMO i cocktail alla frutta (e non necessariamente alcolici, anzi) ma trovare bar che sappiano spaziare un po’ (oltre al solito mojito e sex in the beach) e che utilizzino frutta vera invece degli sciroppi è praticamente impossibile, purtroppo !

  13. Aperitivi..ADORO!!! Più che aperitivi poi i nostri si trasformano direttamente in cene, si lo so che non fa bene alla linea, alla salute, allo spirito e a quel che vuoi; ma vuoi mettere un bel vassoio di salumi, focaccine e snack di ogni tipo accompaganati da un bel cocktail alcolico o analcolico che sia?!Si tratta poi solo di farlo nel fine settimana..almeno per me aperitivo è sinonimo di fine settimana..quindi per me l’importante è che abbia un buon sapore, berrei anche il vino ma li trovo tutti amari per i miei gusti!! ;-6

  14. Anche a me risultano grigi dal cellulare. Per leggere ho aumentato la luminosità dello schermo perché effettivamente non si vedeva molto bene

  15. A lavoro come cocktail analcolico serviamo una parte di Gingerino su due di succo d’arancia o di ananas ( poi va a gusti). Però se non vuoi nemmeno i succhi prova con gli smoothies di frutta.

  16. A chi lo dici?? Io piuttosto di pagare 7€ per un mojito fatto da schifo, faccio 4 chilometri in più e vado in un bar di cubani dove ovviamente fanno i più buoni cocktail pestati del mondo

  17. Io se uso crome mi ritrovo i caratteri grigi ma se uso un altro browser i caratteri li vedo neri.

  18. Mmm…Non è proprio così! Il biodinamico è un concetto molto interessante, rispettoso della natura e che fa produrre prodotti di qualità!

  19. Infatti non ce ne sono quasi e ho vissuto in quattro città diverse. … mi guardano male perché non bevo alcolici. ..Ormai è coca cola fissa o quasi per me

  20. Io vado matta per il mojito! leggero con poco alcool, ma quanto mi piace il mix di ghiaccio, lime, zucchero e menta! per me è proprio il cocktail dell’estate

  21. ma come fanno in un bar a non avere né panna né kahlua?! O_O se ce l’hai sulla lista è categorico che il magazzino ingredienti debba essere sempre rifornito!!

  22. Il cocktail più buono che ho mai assaggiato è stato uno a base di St. Germain (liquore a base di fiori di sambuco).
    Che a me la sambuca non piace proprio, mi da fastidio già l’odore, ma quello… oddio, è spettacolare! Profumato, floreale… che combinato col prosecco era favoloso! Non ricordo che altro c’era, ma ricordo in quale bar lo facevano e se un giorno mi ricapiterà di tornarci so che con quello vado sul sicuro!! 😀
    Molte volte se vai in posti dove i barman sono aggiornati e davvero bravi, fai prima a far fare a loro!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here