#5 NON PETTINARE I CAPELLI PRIMA

cliomakeup-errori-piastra-18-pettinare

Sia che li vogliate lisci, sia che li vogliate mossi, bisogna sempre pettinare i capelli accuratamente prima di passare la piastra; è necessario che tutti i nodi siano perfettamente eliminati, e così facendo risparmierete tempo – riducendo il numero delle passate, tra l’altro.

#6 NON DIVIDERE I CAPELLI

cliomakeup-errori-piastra-11-sezioni

Il segreto per ottenere il massimo del risultato cercando al contempo di preservare i capelli è fare delle ciocche piccole; in questo modo non sarei costrette a passare due volte la stessa ciocca, perché sarà già perfetta alla prima passata. La piastra va fatta scorrere lentamente e tenendo le ciocche in posizione dritta con le mani.

cliomakeup-errori-piastra-15-ciocche-piccole

cliomakeup-errori-piastra-16-movimento

Più li volete lisci, più dovrete dividere i capelli in ciocche sempre più piccole: per fortuna il liscio a piombo anni Novanta non è più di moda, e soprattutto se vi siete “preparate il terreno” con shampoo, spazzola e phon otterrete il liscio naturale e morbido che si usa oggi in poco tempo.

cliomakeup-errori-piastra-5-pettinarePuò essere utile anche “aiutarsi” con un pettine

Oltre a badare che le ciocche siano abbastanza sottili in senso orizzontale, bisogna anche far caso che non siano troppo spesse: è importante che la piastra li prenda bene fin dalla radice.

cliomakeup-errori-piastra-6-ciocche.jpeg

#7 NON PULIRE LA PIASTRA

Sulla piastra, naturalmente, si depositano residui di prodotti, dal termoprotettore al conditioner, più quelli per lo styling quando magari alla mattina date un colpo di ferro veloce al ciuffo ribelle. Inutile dire che questi residui, incrostandosi sulla piastra, non faranno certo del bene ai vostri capelli: ricordatevi quindi di pulire regolarmente la piastra – un panno morbido e acqua calda andranno bene se non è proprio messa male X-D

cliomakeup-errori-piastra-3-pulizia

 

#8 USARE LA PIASTRA PER UN SOLO SCOPO

La piastra è forse i tool per capelli più versatile che avete 🙂 È divertente sperimentare a casa propria styling diversi, quando abbiamo un po’ di tempo e vogliamo cambiare look anche senza passare dalle forbici del parrucchiere.

cliomakeup-errori-piastra-17-boccoli

Oggi la maggior parte delle piastre hanno un diametro ridotto e consentono di creare le acconciature più diverse, dal liscio ai boccoli alle beach waves… quindi, perché non approfittarne?!?

cliomakeup-errori-piastra-14-onde

Bene, lo styling lo abbiamo finito: ora passiamo alle acconciature con questi post:

1) ACCONCIATURE FACILI PER PIGRE

2) VAMP IN 5 MINUTI CON ACCONCIATURE VELOCI MA SEXY

3) PETTINATURE PER CAPELLI CORTI, MEDI E LUNGHI

cliomakeup-errori-piastra-9-giselle

Ragazze, spero che vi abbia fatto piacere la mia idea di tradurre in un post il video sui 6 errori nell’uso della piastra; e ora raccontatemi tutto: di quanti di questi errori siete colpevoli? Usate spesso la piastra o la riservate ad occasioni speciali? E quali sono le vostre tecniche TOP per un risultato ottimale? Un bacione bellezze!

20 COMMENTI

  1. Clio mi piacerebbe un video o un post in cui ci spiegate come fare le flat waves! È da un po’ che vorrei provare a farle

  2. Ciao va tutti! Qualcuno potrebbe consigliarmi un termoprotettore senza siliconi? Quelli che ho visto io in giro li avevano tutti e nel post in cui se ne è parlato mi sembra non fosse specificato.

  3. Utilissimo post. Dopo anni di bio e asciugatura naturale, da qualche settimana sto usando la piastra. Mi trovo molto meglio ad aiutarmi con il pettine. Il termoprotettore non lo uso sempre, xé mi dimentico. Comunque spesso lavo i capelli la sera e la piastra la uso il mattino dopo e il mio termoprotettore é da usare a capello bagnato….
    Corre provare qualche spray alla cheratina, di quelli che col calore fissano la cheratina. Conosco solo il Phyto. Altre opzioni?

  4. Con i miei capelli spessi, mossi e crespi, 200 gradi li ho azzeccati; però non ho mai usato un termoprotettore :/ Mi sa che devo rimediare.
    Comunque, nonostante tutto il mio mosso mi piace, quindi la piastra la passo di rado. Quando voglio fare il liscio totale divido i capelli in piccole ciocche, quando invece voglio solo attenuare il mosso la passo velocemente e “a caso”: questa tecnica l’ho soprannominata “piastra disordinata”.

  5. Io ho i capelli lisci, uso poco la piastra, tipo 1 volta a settimana, e la temperatura cmq raramente supera i 170°, quindi in questo sono brava! 🙂
    Le uniche due cose che non faccio è usare il termoprotettore e dividere le ciocche in settori.

  6. Mi sembrano tutti consigli scontati, almeno adesso. Questo post mi sarebbe stato molto utile 7-8 anni fa, quando la me 14enne ha fatto molti danni con la piastra.

  7. Io uso il termoprotettore della Noah che è senza parabeni,paraffina,oli minerali,DEA e SLS.Lo prendo da tigotà e mi trovo molto bene.Non costa molto e tutta la linea Noah la trovo molto valida.

  8. Fantastico il metodo della “piastra disordinata” 🙂 Lo stesso effetto probabilmente puoi ottenerlo con phon e spazzola piatta. Un bacione!

  9. Ciao, io uso il termoprottetore dell’Occitane en Provence che è senza siliconi si chiama Heat protective control mist e lo puoi anche acquistare sul loro sito. Io mi trovo benissimo

  10. Ciao a tutte 🙂
    Mi accodo al discorso termoprotettori: qualcosa che vada bene anche sui capelli asciutti??

    Grazie mille

  11. Io faccio la piastra due volte a settimana da un anno e mezzo. Ho sempre usato lo spray termoprotettivo “Tony&guy” e non mi ritrovo neanche una doppia punta, nonostante mantenga sempre la temperatura a 230°

  12. Praticamente sono gli stessi consigli dati nel video della piastra imetec, la trovo una ripetizione…

  13. Io sono consapevolmente riccia quindi non uso piastra ma credo di poter tranquillamente affermare che non esistono termoprotettori, si brucia il capello, più è alta la temperatura prima arriva il danno

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here