Ciao a tutte!

Oggi si parla di libri che cambiano la vita :-): secondo voi è possibile che un testo possa influenzare la vostra esistenza come e più di esperienze vissute sulla vostra pelle? Secondo molte persone, tra cui alcune star di cui oggi vi sveleremo i nomi, ci sono testi capaci non solo di farci riflettere, ma di ispirarci in modo profondo, cambiando radicalmente la nostra prospettiva, e coinvolgendoci al punto da rileggerli decine di volte, trovando sempre nuovi significati.

Se siete in cerca quindi di un libro che potrebbe cambiarvi la vita, non vi resta che andare avanti a leggere!

cliomakeup-libri-cambiano-vita-1

#1 MICHELLE OBAMA: “IL CANTO DI SALOMONE”

cliomakeup-libri-cambiano-vita-2-michelle-obama

Michelle Obama ha rivelato che il testo che le ha fatto scoprire l’amore per la lettura è stato “Il canto di Salomone” di Toni Morrison. Prima di allora, per lei leggere era stato qualcosa che aveva a che fare con lo studio e con il “dovere”, finché non si è trovata tra le mani un libro che ha letteralmente divorato in un solo giorno, pagina dopo pagina. E come tutti i libri che ci conquistano, Michelle ama rileggerlo ogni tanto; nel tempo ci sono stati altri libri che ha adorato, ma “Il canto di Salomone” è stato il primo!


cliomakeup-libri-cambiano-vita-3-canto-salomoneToni Morrison Canto di Salomone. Su Amazon.it a 8,93€

Tra l’altro, è anche uno dei libri preferiti di Jodie Foster!

cliomakeup-libri-cambiano-vita-4-jodie-foster

#2 KATE MIDDLETON: “ANNA DAI CAPELLI ROSSI”

cliomakeup-libri-cambiano-vita-5-anna-capelli-rossiLucy Maud Montgomery Anna dai capelli rossi. Su Amazon.it a 8,42€

La duchessa di Cambridge da ragazzina è stata profondamente colpita da questo classico della letteratura per ragazzi, al punto che volle visitare l’Isola del Principe Edoardo, una provincia del Canada dove la storia è ambientata, durante un viaggio nel 2011.

cliomakeup-libri-cambiano-vita-6-kate-middleton

Durante la visita, l’attrice Tess Benger, che interpreta Anna nel musical che ogni anno si tiene all’Isola, ha consegnato alla duchessa una copia del libro.

#3 HUGH JACKMAN: “SIDDHARTHA”

cliomakeup-libri-cambiano-vita-7-siddharthaHerman Hesse Siddharta. Su Amazon.it a 9€

Anche Hugh Jackman – come circa l’80% della popolazione ;-)– ha letto “Siddhartha” durante l’adolescenza, per la precisione a 18 anni. Ma poi ha continuato a rileggerlo nelle successive decadi della sua vita, perché afferma che ogni volta la sua prospettiva cambia, come se questa novella di Herman Hesse fosse una cartina di tornasole del proprio percorso di crescita personale. A noi ha fatto venire voglia di rileggerlo, e a voi?

cliomakeup-libri-cambiano-vita-8-hugh-jackman

#4 JOYCE CAROL OATES: “ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE”

La celebre scrittrice statunitense, autrice di oltre 700 racconti tra cui il famoso “Dove Stai Andando, dove Sei Stato?”, ha letto la prima volta “Alice nel paese delle meraviglie” a 8 anni… e da quel momento ha continuato a trarne ispirazione, soprattutto per i tuoi testi per l’infanzia.

cliomakeup-libri-cambiano-vita-10-aliceLewis Carroll Alice nel paese delle meraviglie. Su Amazon.it a 5,87€

Ciò che la scrittrice più ama di Carroll è la contrapposizione tra reale e surreale, e la presenza di personaggi misteriosi, bizzarri e comici ma anche minacciosi.

cliomakeup-libri-cambiano-vita-9-joyce-carol-oates.jpeg

Finora vi siete trovate d’accordo sui libri life-changing di questi personaggi famosi? Nella prossima pagina trovate altri grandi classici che sono diventati tali anche per la loro capacità di mandare un messaggio universale e che ha cambiato la vita di alcune persone, famose e non!

183 COMMENTI

  1. Ho sempre letto, purtroppo la mia memoria è scarsissima e dimentico spesso…tutto, la trama, la storia, è una cosa bruttissima, perché anche nella vita di tutti i giorni ho difficoltà a ricordare…ogni cosa. Ho anticipato questa confessione per dirvi che i primi libri che ho letto sono stati quelli di Banana Yoshimoto, Lucertola forse fu il primo, ricordo(

  2. Bel post ! Quelli citati li ho letti praticamente tutti ma mi manca il canto di Salomone…essendo il preferito della grande Michelle lo leggerò senza dubbio a breve

  3. Com’è interessante questo post di natura “librosa”! Ho letto quasi tutti i libri di questo articolo, tranne che Il Canto di Salomone, che mi incuriosisce molto, e Anna dai Capelli Rossi. Anche tra i miei libri preferiti c’è Siddhartha, ma tra i libri che più mi hanno colpita ed ispirata ci sono anche, sicuramente, Il Profeta di Gibran e La Città della Gioia di Lapierre (ok, in realtà praticamente tutti i libri di Lapierre).

  4. Non c’è un periodo della mia vita in cui non ho un libro sottomano che sto per finire; mi piace leggere, mi è sempre piaciuto. Da che ho ricordi, ho sempre letto e infatti ho collezionato innumerevoli libri tutti tenuti come nuovi, il girare le pagine, l’odore della carta stampata, il fatto stesso che io sia libera di scegliere un momento per leggere anche alcune pagine per me è impagabile. Spesso ho pensato ai libri tech, ma non fanno per me, amo avere materialmente i miei libri. Detto questo il mio preferito…..sono tutti quelli che possiedo, ne ho alcuni del cuore certo, ma tengo a tutti e tutti mi hanno insegnato tanto.

  5. Io leggo tantissimo! Beh, ora che ho la bimba meno, ma appena trovo 5 minuti leggo: in bagno, la sera, dalla parrucchiera… leggo di tutto: thriller, romanzi storici, classici della letteratura, romanzi romantici… e ho già attaccato questa passione alla mia bambina di 3 anni: ci chiede sempre di leggerle qualcosa e quando passiamo davanti a una libreria vuole entrare a comprare un libro 🙂
    Se dovessi scegliere un libro che ho letto da piccola e che ancora adesso mi piace leggere ogni tot direi sicuramente Piccole Donne!
    Ultimamente invece due libri che mi sono piaciuti molto sono Still Alive e la biografia di Agassi.

  6. Ciao Rossella ci assomigliamo anche in questo 🙂
    Ho appena commentato sotto!
    Io da qualche anno mi sono convertita al Kidle: adesso non riuscirei più a farne a meno!

  7. Non parlerei di “cambiamento di vita”, ma ci sono libri che ho amato più degli altri. Il senso di signorina Smilla per la neve, ad esempio.

  8. Anche io!!! All’inizio mi sembrava strano ma ora non potrei più farne a meno…é così comodo, ci sta in qualsiasi borsetta, è leggerissimo e in vacanza posso portarmi dietro tutti i libri che voglio

  9. Sì veramente! Anch’io ero scettica… poi mio marito me l’ha regalato per il mio compleanno e spesso gli dico che è uno dei regali più belli che mi abbia mai fatto 🙂
    Ormai sono 6 anni che ce l’ho, è resistentissimo, non perde un colpo, la batteria dura all’infinito e con lo schermo particolare che ha non stanca la vista come un tablet!
    Ops sembro uno spot di Amazon :-)))

  10. Buongiorno Vale! Che bello avere cose in comune! Io prima di Natale volevo regalarmelo ma ci ho ripensato proprio perché mi piace collezionare i miei libri! Però credo che prima o poi mi toccherà cambiare idea

  11. boh, non ho mai capito sto entusiasmo per il piccolo principe e siddartha… penso che Michelle Obama sia veramente la più fi*@ di tutte! Kate middleton dolciotta e adorabile… e poi che vi devo dire, ogni libro (beh quasi, forse tipo 50 sfumature no) è un viaggio, una chiave di lettura al mondo e alle persone, un modo per conoscere una realtà diversa…. Ad ogni modo un libro, che forse non ha cambiato la mia vita, ma ha sicuramente un po’ stravolto la mia vita di lettrice è stato ed è Infinite Jest, per gli/le amici/che che lo hanno letto IJ di David Foster Wallace; un’opera titanica, non convenzionale, ingarbugliata… ma se siete appassionate di letteratura americana non potete perdervela…. e poi….chevvedevo dì? Viva Harry Potter! torno sempre e comunque a rileggerlo 😉

  12. hai ragione ce l’ho anchio … essendo una divoratrice di libri la convenienza del prezzo del libro e il vantaggio di averli tutti archiviati è innegabile … però a volte mi prende la nostalgia della carta

  13. leggo tanto! anche se adesso è un periodo un po’ di stasi … ho fermo sul comodino “con gli occhi della gioconda” di alberto angela perchè mi appassiona l’arte , ma i miei libri preferiti sono romanzi di avventura storica e i thriller svedesi…
    tra i miei preferiti i libri di Matilde Asensi e la serie Millenium

  14. Infatti! Io prendo ancora in forma cartacea tutti i libri per la bambina e i libri di ricette, perchè col Kindle è un po’ un casino andare a cercare la tale ricetta quando serve… e poi mi piacciono le foto a colori della roba da mangiare!!!

  15. Bravo Zuckerberg, ottima scelta! Per quanto riguarda me, il libro che ha influenzato e davvero cambiato in qualche modo la mia vita è “On the Road” di Jack Kerouac.

  16. Forse per molti sembrerà banale o insensato, ma dei libri che mi hanno insegnato tanto sono quelli di Harry Potter… Li ho letti quando avevo circa dieci anni e mi hanno aperto un mondo, non solo per quanto riguarda l’universo magico che fa sognare ancora oggi ma perché ha insegnato a una me bambina l’importanza dell’amicizia, dell’amore in tutte le sue forme, che le cose non possono essere totalmente buone o totalmente cattive e molto altro… Penso che oggi non sarei la stessa persona se da bambina non avessi letto le avventure di Harry

  17. che bello! peccato sul kindle non ci sia il tasto condividi sennò potevamo formare un circolo letterario privato ;-))))

  18. Ma sai che continuo a pensare ad un libro che mi abbia colpito ma non mi viene in mente, e non perchè io non legga..anzi..ma per la memoria! Non so come ma tendo anch’io a dimenticarmi quello che leggo e vedo, nel caso dei film.

  19. un sacco di libri! alcuni li ho letti anch’io e Anna Karenina mi è rimasto impresso perchè di una pesantezza unica :-))

  20. ah adesso che mi ricordo, tanti anni fà quando sono stata a casa per 1 anno dal lavoro, leggevo così tanto che per ammortizzare la spesa sono andata in cerca di un libro enciclopedia che non mi finisse subito … e ho preso I pilastri della terra di Follet (che mi è durato un mesetto buono) e poi mondo senza fine, un altro mesetto … adesso ci metterei come minimo 6 mesi ognuno :-)))

  21. Piccole Donne! Quanto lo amo! E tutto il suo seguito… Piccole Donne crescono, Piccoli uomini, I ragazzi di Jo… Ah la famiglia March quanto la adoro!

  22. Mi associo alle nuove adepte del kindle! Ero una di quelle che “no, il libro deve essere di carta”, poi mio marito me lo ha regalato e mi è cambiata la vita. È comodissimo, lo infili in borsa e lo leggi quando vuoi, in vacanza poi è il top, ci carichi su tutti i libri che vuoi e non pesa praticamente niente! Lo leggi quando c’è vento senza dover tener ferme sempre le pagine e dulcis in fundo..a letto col freddo puoi tener fuori solo la manina

  23. Il romanzo che continuo a rileggere e ancora rileggere è “Narciso e Boccadoro” di Herman Hesse, ogni volta si scoprono nuovi significati e poi Lui scrive in una maniera divina…

  24. Io sono strana, ricordo dettagli di cose assolutamente inutili e dimentico ogni cosa importante, il mio inconscio sicuramente tenta di dirmi qualcosa

  25. Io adoro leggere, sin da quando ero bambina…ero e sono una divoratrice instancabile di libri. Un libro che mi abbia cambiato la vita no, ma libri che mi hanno lasciato tanto si…a partire da Piccole donne, che non so quante volte abbia letto e riletto tanto da saperne a memoria alcune frasi… Molti libri di Isabel Allende, soprattutto La casa degli spiriti che ti coinvolge e ti porta in quella atmosfera magica e surreale… Tutto Harry Potter, sono grandina e l’ho letto ai tempi dell’università ma è una saga che mi ha appassionato come poche… E tanti tanti altri… Tra gli ultimi letti sicuramente la quadrilogia dell’ Amica Geniale che mi è entrata dentro come pochi libri negli ultimi anni!

  26. Ah! Aggiungo anche le favole per bambini! Da piccola non so quanti libri ne ho collezionati e quante volte li ho letti. Dalle favole c’è sempre da imparare

  27. Non so se mi hanno cambiato la vita, ma dalla mia infanzia ad oggi non sono mai stata senza un libro da leggere (ora kindle) sul comodino…
    Quelli che hanno lasciato una traccia più duratura su di me sono stati nell’ordine:
    – La storia infinita
    – Il signore degli anelli
    – Le relazioni pericolose (liasons dangereuses)
    – Lationamericana
    – Orgoglio e pregiudizio
    – Alexandros

    ..e ora mi vien voglia di rileggerli 🙂

  28. Che bei libri che hai citato! Vedo che molti fanno parte della letteratura gialla e gotica anglofona, anche io adoro quei generi 🙂

  29. Io amo moltissimo la lettura, e soprattutto nel periodo scolastico-universitario sono stata una lettrice accanita (più di adesso), quindi sono stati parecchi i libri che mi sono piaciuti e che mi hanno lasciato un ricordo speciale. Uno degli esempi migliori che mi viene in mente è stato il saggio autobiografico “On Writing” di sua maestà Stephen King: quel libro mi ha fatto vedere la letteratura in generale con occhi nuovi. Sempre di King ho amato moltissimo “Pet Sematary” e il quartetto di novelle “Stagioni Diverse”. Dopo aver letto questi testi ho continuato a pensarci su per settimane, chiedendomi continuamente cosa avrei fatto io se mi fossi trovata al posto dei protagonisti e tuttora incapace di darmi risposta. Stephen King e Tiziano Sclavi mi fanno quest’effetto: i loro non sono semplicemente “romanzi e fumetti horror”, sono riflessioni sulla vita, sulla morte, sulle persone, sulla società e sui suoi incubi, senza luoghi comuni e drammi strappalacrime. Certe volte la realtà viene vista meglio attraverso la fantasia.

  30. Bel post! Devo dire che ultimamente sto leggendo poco, mea culpa! La sera spesso sto sotto le coperte con mio moroso a guardarci una puntata di una serie tv e così non ho più tempo per leggere,e di questo mi dispiace sinceramente, voglio rimediare! Ragazze che ne dite di fare un altro post così, in cui magari ci consigliate dei libri da leggere, sia grandi classici che appena usciti, raccontando la trama e dando il vostro parere? A me sarebbe utile e mi incoraggerebbe a ricominciare a leggere!

  31. “L’arte di andare avanti.”
    Di Jorge Bucai, uno psicologo argentino. In genere tutti i suoi libri mi hanno dato un provvidenziale schiaffo per riacquisire consapevolezza della mia vita e del mio essere. Lo consiglio a chi ama molto indagare se stesso.

  32. Anche a me succede: un libro che mi ha colpito non mi viene nulla. Ho risolto iscrivendomi a Goodreads. È una specie di social in cui puoi segnare i libri che hai letto, che vuoi leggere e dargli un voto. Ti consiglia anche nuove letture. È molto carino!
    Almeno se ho un dubbio riguardo..

  33. Sembra abbia scritto io queste cose….tutto….ho dimenticato la maggior parte dei libri che ho letto,Ho iniziato anche io da piccolissima e divoravo tutto. Anche io Banana Yoshimoto a go go…e ora 2 bimbe piccole…alla prima parola dormo

  34. Non so se mi abbia segnato ma di sicuro è tra i miei libri preferiti…”il sistema peridico” di Primo Levi. Consigliatissimo. Si apprezza di più se si conosce qualcosa di chimica perchè fa rifrimento anche ad alcune esperienze universitarie e di lavoro ma in generale se vi piacciono un po’ le biografie!
    È abbastanza corto, a episodi quindi non lega troppo.
    Ora sono in un periodo in cui non riesco a leggere per mancanza di tempo..

  35. La casa degli spiriti è stato il mio primo libro “da adulta”, cioè che ho scelto di leggere tra i libri da grande quando avevo 14 anni. Mi era piaciuto tantissimo!!!
    Harry Potter l’ho letto anche io tutto nei primi due anni di università ed è tra i miei libri preferiti. In particolare il quinto mi aveva colpita tanto, infatti gli ultimi due mi hanno lascitata un po’ così.

  36. E bravo Kurt Cobain. “Il profumo” ha impattato anche sulla mia vita. Sono affascinata dai profumi e sono anni che compro solo quelli di nicchia.
    Autrici che hanno avuto grossa risonanza su di me sono Amelie Nothomb e Colette.
    Se guardo invece alla preadolescenza, sicuramente penso a Stephen King e a IT.
    Mi associo a tutte coloro che amano Harry Potter. Davvero leggere quella saga è stato come essere colpiti da un incantesimo.
    In questi tempi sto lavorando molto e sono molto stanca la sera per leggere. Prossimo libro è “Amabili Resti”.

  37. L’ho letto a 27 anni. E l’ho amato. Penso che se lo avessi letto prima non sarei riuscita ad apprezzarlo tanto. È uno di quei romanzi che va riletto in varie fasi della vita. Non penso si possa contemplare tutta la sua grandezza in una sola volta e in una sola età.

  38. tra i libri citati, ho letto solo Alice nel paese delle meraviglie, ma non ne sono stata folgorata. Tra i libri che mi hanno particolarmente colpito però c’è stato I dolori del giovane Werther di Goethe, lo trovai molto struggente, molto profondo, e ogni volta che qualcuno mi chiede cosa ne penso, io rispondo sempre: “posso capire come mai molti giovani che lo lessero si spinsero a suicidarsi per amore” (una cosa brutta da dire, ma veramente, mi era arrivato profondamente tutto quello che provava Werther). Un altro che mi rimase impresso è Per chi suona la campana di Hemingway, per il tema trattato ma ciò che mi colpisse maggiormente fu la citazione all’inizio da John Donne, sul fatto che nessun uomo è un’isola (me la porterò sempre dentro). anche leggere un libro di Sherlock Holmes mi ha cambiato la prospettiva di come guardare le cose (specie considerare il nostro cervello come una soffitta), e tra i tanti libri di Anita Shreve quello che mi è rimasto nel cuore è La moglie del pilota, per come ti fa capire che è impossibile dire “conosco quella persona”, che sia un marito, un fratello, un amico, un genitore ecc… ma ce ne sono molti altri che mi hanno aperto gli occhi, sono solo alcuni esempi questi!

  39. Penso di essere ormai una delle poche lettrici al mondo a non aver letto Harry Potter…chissà perché non mi ha mai ispirato granché….ma forse dovrei proprio lanciarmi

  40. Anch’io leggo tanto e non ricordo più tutte le trame e i personaggi… Però di ogni libro mi ricordo la sensazione che ho provato nel leggerlo

  41. A chi lo dici!!! Nel periodo del liceo e dell’università divoravo tomi come caramelle!! Ora sono così stanca la sera tra il lavoro e i mille impegni che se leggo 10 pagine è già tanto. Mi concedo però un libro imponente almeno una volta in vacanza…lì mi richiudo di nuovo nel mio mondo della lettura e non voglio fare niente altro finché non lo finisco

  42. Lo hobbit anche a me non ha lasciato il segno. É bello ma ho fatto fatica, peró credo fosse colpa mia. Anna Karenina é fermo al 30% da due o tre anni: mi dispiace ma non ce l’ho fatta.

  43. Io considero i dolori del giovane Werther il mio libro preferito.. l’unico in grado di farmi letteralmente piangere, l’ho sentito molto anch’io 🙂
    Dopo aver letto questo post mi è venuta voglia di riprenderlo in mano… idem per Siddharta 🙂

  44. Confermo Siddharta, letto tutto d’un fiato in un solo giorno (ero in convalescenza per un intervento ad una mano)….rapita sempre di più dalle parole, ho sentito davvero di potermi riflettere in quei pensieri, in quelle idee, in quei sentimenti. Ogni tanto lo rileggo e , ogni volta, mi fa capire cose nuove…

  45. Dirò solo i principali 4, se no mi verrebbe fuori una bibliografia!!!
    1. “Il piccolo principe”, letto a 7 anni e da allora riletto quasi ogni anno, ogni volta ci scopro qualcosa di nuovo.
    2. “Via col vento”, letto a 14 anni: Rhett Butler ha condizionato in modo pesante e permanente i miei gusti e le mie aspettative in fatto di uomini (povero il mio ragazzo…)
    3. “Madame Bovary”, a 16 anni mi ha fatto capire che dalla vita potevo avere molto di più (ma possibilmente senza arrivare agli estremismi di Emma).
    4. “La principesse che credeva nelle favole : come liberarsi del proprio principe azzurro”. Non mi ha liberato affatto del mio principe azzurro, per fortuna, ma mi ha fatto accettare e apprezzare molte cose di me stessa e del resto del mondo che prima vedevo come difetti… che è molto meglio!

  46. Presente, mai apprezzati Piccolo Principe e Siddartha. E se devo proprio dirla tutta neanche Il giovane Holden…

  47. forse hai ragione, lo rileggerò … anche se in generale non apprezzo il personaggio troppo triste e pessimista, mi ricorda un po’ l’imperatrice d’Austria Sissi, donna che aveva tutto ma non ha saputo sfruttarlo al meglio per trarne felicità… e poi ci sono tanti riferimenti politici che mi vanno a noia

  48. Tra i libri nominati ho letto il profumo e Alice anche se devo ammettere di provare una certa antipatia verso questa storia dovuta allo scrittore. Per quanto mi riguarda i libri che mi hanno segnato sono stati quelli di Harry Potter, come già hanno detto alcune ragazze più giù sarei una persona diversa se non li avessi letti e riletti ed ogni tanto torno da loro (always).
    Un altro che consiglierei e che ho adorato è “Molto forte, incredibilmente vicino” di Foer, mi ha emozionato molto. Anche la Gabaldon, Murakami.. Ce ne sono tantissimi da consigliare o da leggere.

  49. Mea culpa mea culpa mea grandissima culpa… Mai letto nessuno di questo! Ovviamente so la storia di Alice e dell’Eneide, ma è tutto qui. Ho ricominciato a leggere lo scorso anno, avevo abbandonato un po’, ora quando ho tempo thriller o libri di psicologia.

  50. Te lo straconsiglio! Ti fa tornare bambina e se hai visto anche i film è piacevole ritrovare in modo dettagliato personaggi, luoghi, aneddoti!

  51. ti copio anche qui! piccole donne l’ho letto da piccola e mi ha aperto la strada dell’indipendenza femminile!
    ce l’avevo nella collana Becco Giallo libri profumati così sniffavo e leggevo! li vendono ancora ho visto, così se ti và sono belli per la tua bimba 😉

  52. Anna Karenina è solo uno dei due protagonisti in effetti, nonché quello di copertina . Il vero protagonista è in effetti Levin. Quando avrai voglia, leggilo. I libri ci chiamano. Spesso in libreria accarezzo la copertina di alcuni romanzi che so che dovrò leggere ma per cui non è giunto ancora il tempo. Ho guardato la copertina di Anna Karenina molte volte, ma solo un giorno mi ha sussurrato realmente “leggimi”. Questo mi è capitato con molti romanzi.

  53. Trovo particolari le scelte de “Il profumo” ed “Eneide”, ma che condivido appieno. Libri spettacolari. Il libro che invece, letto a tredici anni, ha rovesciato con forza il mio mondo è “Invisible Monsters” di Chuck Palahniuk. Libro di grande impatto ma non per tutti…

  54. Leggo tanto (ora meno di quanto vorrei, per impegni vari). Ci sono un mucchio di libri che adoro… Cambiato la vita? Sicuramente “Di qua dal paradiso” (che batte 20 a zero Holden, secondo me), che mi ha fatto scoprire Francis Scott Fitzgerald, il mio autore preferito; da non leggere in una giornata di depressione, “Tutti i giovani tristi” sempre di Fitzgerald (ma anche tenera è la notte… Gatsby… Belli e dannati…); “Il signore delle mosche”, che ho letto da piccola in un brutto momento e mi ha insospettabilmente tirato su di morale; “La casa degli spiriti”, uno dei primi libri da grandi che ho letto. Poi Jane Austen, le sorelle Bronte, “La fiera della vanità” (vedi nickname), “Libertà” di Jonathan Franzen (bello bello bello, lo consiglio a chiunque), “L’educazione sentimentale” di Flaubert, “I Viceré” di De Roberto (verismo, ma tutto diverso da Verga, e che fa riflettere molto su come certe cose non siano cambiate…). Poi ovviamente Lovecraft, Dracula, King ecc., ho sempre avuto la passione dell’horror. Da piccola Harry Potter, quel genio assoluto di Roald Dahl, Paul Van Loon, Eva Ibbotson… Vabbè, meglio se mi fermo…

  55. Grazie della dritta!
    Guarda il primo Piccole Donne (poi ce l’ho in altre due versioni) lo custodisco gelosamente: i miei nonni avevano una casa vicino a quella dove abitavano in cui andavano ad occuparsi dell’orto e là c’era una vecchia culla piena di libri. Loro mi portavano sempre con loro e un po’ li aiutavo con l’orto, un po’ curiosavo tra questi libri, dove ho trovato, tra gli altri, Piccole Donne… quindi, oltre al bellissimo libro, ho un bellissimo ricordo legato a quel libro! Che nostalgia mi è venuta…

  56. Hai ragione! C’è il periodo giusto per ogni libro. Personalmente mi è capitato di nin riuscire a leggere un libro e dopo qualche anno riprovandoci l’ho adorato. Da allora ho capito che è meglio non forzarsi e dare una seconda chance quando ti ispirano.

  57. mi piace molto questa tua “simbiosi” con i libri, io li scelgo come una bimba, se mi attira la copertina mi avvicino e leggo la seconda di copertina, a volte però mi è capitato di leggere libri che “mi servivano” e mi hanno aiutato in un determinato periodo

  58. che bella immagine mi è venuta, i tuoi nonni nell’orto e tu che vai a caccia di segreti e vecchi ricordi … è venuta nostalgia anche a me! dei miei nonni e della scatola dei bottoni colorati che spargevo sulla tavola quando andavo a trovarli …

  59. Grazie! Io leggo quasi sempre romanzi. Se sono abbattuta ho bisogno di ritornare o tra le confortevoli pagine di un libro che già conosco e che mi fa evadere o mi abbandono completamente alla musica. Spesso mi è capitato che alcuni romanzi li abbia dovuti leggere per capirne meglio altri in cui vi erano delle citazioni (vedi “Il diavolo innamorato”ne “El club Dumas”), ma in genere il mio approccio ai libri è questo. Gironzolo tra di loro e mi faccio richiamare.

  60. Anche a me. Sono anni che provo a leggere La coppa d’oro di James. Sento però che i tempi sono maturi. Ma ho altre letture cui devo prima esperire.

  61. Come ho scritto precedentemente, io vidi i vecchi film prima di avventurarmi nella lettura del romanzo, non so se abbia influito!

  62. I nonni… che doni preziosi… peccato che magari ci rendiamo conto di quanto siano stati così preziosi quando noi siamo adulti e loro non ci sono più…

  63. Non lo trovo affatto sciocco. Anche io ho letto tutta la saga, gli ultimi 3 libri.li ho anche riletti. Al di là dell’atmosfera magica, i personaggi e i sentimenti descritti sono molto umani e coinvolgenti

  64. Devo convincere qualcuno a regalarmelo (mio marito!) !! Ogni volta che lo vedo sto lì a pensare “lo compro o non lo compro?” Leggo tantissimo, ma soprattutto giro sempre con un libro dietro…e spesso sono belli pesantucci! Però buh, da una parte avere file e non libro mi dà l’idea di inconsistenza

  65. Io amo leggere e nei miei 29 anni ho letto tantissimo, di tutto. Ho dei libri preferiti ma non saprei citarne uno che mi ha cambiato la vita. Ogni libro mi ha lasciato qualcosa, e devo dire che, avendo anche l’hobby della scrittura, spesso leggendo i miei testi a posteriori ho ritrovato diverse influenze. Ogni libro è un viaggio, e ogni viaggio ti cambia

  66. Visto che anche io ne vado pazza…hai notato che in libreria vendono i mammut della Newton Compton? Sono delle maxi raccolte super economiche a meno di 10 euro, ne hanno un bel pò di gialli e anche una di libri gotici.

  67. L’ odore della carta stampata..pensavo di essere l’unica a trovare questo profumo così seducente! Purtroppo, data l’ enorme quantità di libri che ho in camera, ultimamente preferisco il pdf da leggere col Tablet..non ho più spazio! Anche se non me li “gusto” allo stesso modo..

  68. Il Club Dumas l’ho letto, veramente grazie al film “la nona porta” di quel belloccio di Johnny … ovviamente il libro come sempre è altro e molto di più… ecco io uso i film come infarinatura e poi faccio ricerca e approfondisco tramite i libri 😉

  69. Anche io. Avevo 17 anni quando ho vista la nona porta, e ho comprato subito El Club Dumas. Amando tanto il cinema, mi capita di andare a leggere i libri da cui sono tratti i film.

  70. La casa degli spiriti è stato anche il mio primo libro da ‘adulta’! Mi era piaciuto molto, dovrei rileggerlo a distanza di anni, poi mi è piaciuto un sacco jane eyre, i tre moschettieri, ultimamente ho letto parecchi gialli, però anch’io, come ho letto tante di voi, dimentico con molta facilità le trame ma soprattutto i finali!

  71. Brava… ecco perchè adoro leggere, perchè ti portano in mondi….mondi infiniti, la mente involontariamente fa cose incredibili!
    Anch’io ho la memoria di un pesce rosso,e mi faccio dei film incredibili… volo volo volo, mi immedesimo, divento in un attimo un’altra persona, un po’ come un attore. La soddisfazione che mi da al momento, e che mi rimane per un po’, è impagabile e per tutto il resto c’è Mastercard!

  72. Anch’io mi ricordo benissimo le cazzate, sulle cose serie invece… ho qualche difficoltà… avrò qualche tara mentale. Può essere!

  73. Ma secondo me gli Harry Potter, sopratutto i primi 3, sono libri bellissimi!non è stupido, anzi sono dei signori libri 🙂
    Anche se il libro che più mi ha toccata si discosta un bel po’ dal genere, ed è il piccolo principe!

  74. Anche Jane Eyre è un libro che ho letto qualche anno fa, al liceo, e lo avevo adorato! Avevo saltato sulla poltrona in alcuni punti. Vorrei rileggerlo ma ho paura che non mi piaccia più come prima. Lo stesso per la casa degli spiriti.
    Ho già scritto sopra: mi sono iscritta a Goodreads, che è una specie di social in cui si possono segnare i libri da leggere o letti. Mi aiuta a ricordarmi di più quello che ho letto e se trovo un libro che mi piacerebbe leggere lo segno perché di sicuro quando arriva il momento di iniziare un nuovo libro non mi ricordo nessun titolo che mi interessava.

  75. Beckysharp, se non lo hai già letto, di Franzen ti consiglio anche “Le correzioni”. Non ti so dire quale dei due sia più bello, ma se ti piace l’autore vale la pena.

  76. Libri che mi hanno colpito nel profondo nella mia giovinezza sono stati “la storia infinita”, “Narciso e Boccadoro” e “Se questo è un uomo”, che tra l’altro sono tra i testi scritti meglio che ho letto in vita mia. Libri che amo periodicamente rileggere e che mi trasportano in avventure e mondi lontani sono “il segreto del millennio” di Katherine Neville, “Non toccare il gatto” di Mary Stewart, “Il Signore degli anelli” e la saga di “Harry Potter”. E quando son depressa basta un libro qualsiasi di Terry Prachett e si torna non solo a sorridere ma a sghignazzare!

  77. anch’io sono una lettrice compulsiva, fin. da bambina, ma come libro svolta citerei On the road di Kerouac: a 15 anni ha un bell’impatto

  78. Oh…Come mi piacciono questi post “diversi” che scrivete!….E poi questo mi rende particolarmente felice…Xe’ pur non essendo una grande lettrice, quelli citati li ho letti quasi tutti!…Yee….E si, qualcuno mi viene proprio voglia di rileggerlo!…Cmq un libro che di recente mi ha cambiato la vita è proprio quello consigliato da Clio di Marie Kondo!!….Ohh….Che folgorata!! Ahah…

  79. Ahahah uguale giuro! Alla fine dovrò rassegnarmi per il kindle; ) a me l’odore della carta stampata mi piace moltissimo e mi fa amare i libri!

  80. Libri che cambiano la vita…..Memorie di Adriano di Marguerite Youcenar, tutti i libri di Jose Saramago, tutti i libri di Yehoshua, La montagna incantata di Thomas Mann…..se amate leggere!

  81. Magari prova con un modello base, spesso si trovano in offerta…quando ti renderai conto della comodità vedrai che ne sarai contenta!

  82. Come si fa a vivere senza leggere libri? Davvero non capisco e mai capirò quelli che dicono “io non leggo”. Leggere ti apre la mente, ti fa ragionare, ti insegnare a scrivere e parlare in modo corretto, fa crescere il tuo bagaglio di conoscenze ed è un ottimo anti stress. Evviva i libri! Devo ringraziare i miei genitori che mi hanno sempre comprato libri e mi hanno dato il buon esempio essendo loro stessi degli accaniti lettori.

    Ps: uno dei libri che ha lasciato un segno nel mio cuore è Oceano Mare di Baricco, l’ho letto che avevo circa 14 anni ed è stato qualcosa di magico. Sembrava musica scritta sotto forma di libro.

  83. Devo persuadere mio marito…col phon e la macchinetta inespresso ha funzionato…sono andata avanti a ripetere per settimane “mi servirebbe un phon nuovo” e “sto valutando se in effetti userei la macchinetta inespresso” finché non si è scocciato e me li ha comprati…perdonami, ma ci sono anche modelli “non base”? Che differenza c’è? Preferirei fare un’unica spesa, anche più consistente, e avere un prodotto che mi dura nel tempo

  84. Ciao Ross, anche io sono come te! Ho comprato un e-book reader qualche mese fa ma non c’è paragone, l’ho subito regalato a mamma ahah. Continuo a preferire il libro cartaceo e poi essendo un’accanita collezionista di libri non potrei sopportare di leggere un libro e non infilarlo negli scaffali. Quel momento magico quando finisci un libro, ti avvicini alla libreria, gli trovi il giusto posto e ammiri la raccolta che aumenta, non c’è storia! 😀

  85. Sei una grande mamma! Io non smetterò mai di ringraziare i miei genitori per avermi fatto apprezzare la lettura fin da bambina. 🙂

  86. Bellissimo Per chi suona la campana, uno dei miei libri preferiti. Capisco il tuo amore per i Dolori del giovani Werther, avendo studiato tedesco ho avuto la possibilità di leggerlo (anche) in lingua originale ed è davvero un capolavoro, sicuramente nella ia top 10 😀

  87. Idem anche io! Da divoratrice di libri Dopo anni a riempire la casa di libri mi sono decisa a prendere il kindle. Certo non c’é la sensazione di avere il libro di carta in mano, ma é piccolo, leggero, comodo, consente do leggere al buio. Con un click hai accesso ad una scelta vastissima di titoli e poi, obbiettivamente, ci sono sempre offerte sugli ebook che li rendono economicamente vantaggiosi rispetto i libri che costano ogni anno di più. Lo consiglio a occho chiusi a tutti gli appassionati di libri.

  88. Se ti piacciono gli autori svedesi (e scandinavi in generale) dovresti provare anche Camilla Lackberg e Lark Kepler, quest’ultimo è in realtà lo pseudonimo di una coppia di coniugi che scrivono thriller molto belli.

  89. Guarda, se sei un’appassionata di libri, te lo consiglio davvero a occhi chiusi! Io me lo sono fatta regalare pet il compleanno ed é uno dei regali più belli che abbia ricevuto!

  90. Io ho il modello intermedio del kindle, il paperwhite. Mi pare che la differenza rispetto al base fosse l’illuminazione regolabile e un tipo di luce che consente di leggerlo al buio totale senza affaticare la vista

  91. Mi sa che dovrei prendere questo…per lavoro viaggio in pullman e di questi periodi al ritorno non vedo una cippa…quelle lucette del pullman sono inutili, ogni volta divento cieca!! Grazie mille, ci penserò seriamente!

  92. Grazie del consiglio! Si li adoro e leggendo come voi tutte vi trovate bene, penso proprio che alla prima occasione lo comprerò! Ti auguro una buona serata

  93. Grande!! Lo faccio anch’io quando guardo la mia libreria! Divisa per argomenti : i miei libri spaziano dal fantasy all’horror, dall’attualità ai saggi, poi ho la sezione antico Egitto, romanzi, cucina, guerra, classici..alcune volte mi fermo lì è li ammiro….tutti belli in ordine…e poi a distanza di tempo li rileggo e ogni volta nonostante io ricordi quasi tutto, scopro sempre qualche dettaglio … beh è una bella passione!

  94. Il nome della rosa, Lo Hobbit e tutti e due in tempi insospettabili, 1989,1988. Prima, studiavo e leggevo molto, ora…facevo le catene per comprarmi un libro…risparmiavo/cioè non comperavo la colazione a scuola, “mamma posso tenere il resto (della spesa)… Per anni ho fatto parte dei “famigerati” Club degli editori, Club per voi, ecc…quanti libri che ho comprato ! Ora pare che non ciò più 5 minuti…

  95. Io adoro leggere, mi permette di estraniarmi da tutto. Ultimamente però le uniche cose che leggo sono i libroni dell’Uni…mia mamma mi ha regalato a Natale “L’arte di essere fragili” e non l’ho ancora finito, anche perchè l’ho visto un pò come una pulce nell’orecchio. Ma il libro preferito che rileggo sempre quando ho problemi è Il conte di Montecristo: la pazienza( la poca che ho) ed aspettare pazientemente per i risultati di un piano ben congegnato li devo tutti ad Edmondo Dantès. Come lui,son parecchio vendicativa. L’altro libro che adoro è Cime Tempestose: a detta di molti è un libro troppo “estremo”, ma io mi rivedo molto nei personaggi, in particolar modo Heathcliff.

  96. Grazie 🙂 Pure “Le correzioni” mi è piaciuto molto, anche se forse preferisco l’altro… E vogliamo parlare di “Purity”? Io quando è uscito mi ero un po’ arenata sull’inizio, poi l’ho ripreso l’estate scorsa e l’ho fatto fuori in pochi giorni… Sempre bello incontrare compagne di lettura, comunque 😉

  97. Il conte di Montecristo! L’ho letto a inizio superiori e l’ho adorato 🙂 Per Cime Tempestose, secondo me la sua forza sta proprio nel fatto – oltre alla storia struggente – che i due sono tutto tranne che i classici protagonisti “buoni”, e appunto per questo hanno lati in cui ci si può identificare bene… e proprio perché nessuno dei due è perfetto, sono fatti per stare insieme (un po’ tipo “Via col vento”, da questo punto di vista)…

  98. Ne ho letti diversi di Mann (i Buddenbrook è consumato) ma la montagna incantata mi manca. Mi sa che devo rimediare 😉

  99. ah ecco mi pareva di averlo già sentito .. è l’autore dell’ipnotista! ho visto il film e mi ero ripromessa di leggere il libro 🙂

  100. Esatto! A me piace molto perchè sono due antieroi, due persone umane come noi, pregi e difetti compresi.

  101. ti dirò, il giovane Holden l’ho riletto poco tempo fa in lingua e l’ho apprezzato un po’ di più, l’avevo letto attorno i 20 anni e non aveva fatto impazzire nemmeno me… però i 9 racconti mi erano piaciuti un sacco…

  102. Mi hai ascoltata!!! La tizia con i fiori la vedo..ed è molto carina.
    Per le altre: mettete la vostra foto, se siete un simbolo minuscolo vuoto, come facciamo a distinguervi e sentirvi amiche/amici? 🙂 è solo un consiglio

  103. ooh davvero è il tuo libro preferito? sai una cosa? ora è venuta voglia pure a me di rileggerlo, è pieno di perle di saggezza, ci sono così tante frasi che mi sono segnata! non ho mai letto Siddharta, devo rimediare allora!

  104. sì hai ragione, sono dei libri bellissimi. wow, l’hai letto anche in tedesco? complimenti! anche io ho studiato tedesco, quindi parlare di Goethe era immancabile. ho letto anche Le affinità elettive proprio per quanto mi era piaciuto I dolori del giovane Werther, ma non mi è rimasto dentro come l’altro!

  105. Ottima strategia! Guarda non che me ne intenda però so che c’è quello retroilluminato, quello senza luce ecc… Per dire il mio non è illuminato, ma mi sono presa una lucina con clip per leggere al buio, tipo in aereo o se non vuoi accendere l’abat jour… Comunque se vai su amazon c’è tutto!

  106. Allora nella mia vita precedente dovevo essere analfabeta o parecchio miope, ogni scritta di sto “ricordo” non riesco a metterla fuoco o a leggerla…bho

  107. :-))) come ho scritto altrove faccio così anch’io col mio compagno. I risultati iniziano ad arrivare

  108. Letta la quadrilogia! Quest’estate e la precedente..me li ha passati mamma! E come avrei potuto non incuriosirmi? Sono ambientati nella Napoli di decenni fa. Forse c’è il quarto che mi è piaciuto un po’ meno. .come se l’autrice (o autore!?) Si sia dilungato troppo

  109. Identica! A scuola leggevo tantissimo. ..da quando lavoro non posso più allora in ferie recupero con un libro più di uno. Mi piace il premio Nobel Doris Lessing (una delle poche donne ad averlo ricevuto)

  110. Ma come? Non hai fatto l’Eneide alle medie? All’epoca mia era obbligatoria in tutti i programmi delle medie italiane. O la tua prof. era una simpaticona (per dei ragazzini è una tortura, perché è difficilissimo) o sei molto giovane e beati i giovani di oggi..perché non si fa più

  111. Anch’io mi riconosco nelle tue parole, ho provato il kindle ma non fa per me…adoro leggere ma sulla carta!

  112. Perché non rinizi leggendo i libri ai tuoi bimbi? Anche le favole sono molto belle e ne gioveresti insieme a loro!

  113. Si forse hai ragione…era come se dovesse finire e non sapesse esattamente come! E comunque alla fine io mi sono sentita un po’ orfana di Lila e Lenù!

  114. Prima dell’arrivo del secondo cucciolo, che adesso ha 4 mesi e mezzo, tutte le sere leggevo due o tre favole alla cucciola di 4 anni, tutte le sere, adesso non ci riesco, crollo…e lei crolla su di me e finisce per dormire con noi, così mi sento meno in colpa

  115. Sì!!! Allora, visto che abbiamo gusti simili adesso sto leggendo Jeanette Witterson e mi piace proprio tanto. Invece non ho letto purity, ma sarà il prossimo!

  116. Cambiato la vita forse no.. ma i libri che mi hanno lasciato qualcosa perchè mi sono ritrovata nelle protagoniste sono Piccole donne, Orgoglio e pregiudizio, Jane Eyre, Villette, Rebecca la prima moglie e ultimamente Spirito d’amore, sempre della Du Maurier.
    Per altri motivi non dimenticherò mai libri come Fahrenheit 451, Il diario di Anna Frank ma soprattutto Hotel Meina, la vera storia di quello che successe durante la guerra nella zona in cui vivo. Una volta passavo spesso davanti a questo hotel (che in realtà aveva un altro nome) abbandonato e fatiscente, affacciato sul lago, senza conoscerne la storia. Poi, quando sono venuta a conoscenza della tragedia che avvenne lì dentro, ne rimasi sconvolta. Qualche anno fa lo buttarono giù e ora non ne è rimasto più nulla.

  117. Ti posso chiedere un’altra cosa? Si risparmia effettivamente tra e-book e cartaceo? Mi sono fatta un giro su vari blog e a quanto pare non c’è un vero risparmio a meno che non vai dietro alle offerte (cosa che io non penso farei…)

  118. Non è assolutamente una cosa banale! I libri li ho letti a partire dagli 11 anni (ai tempi, era il 2001) i primi tre li avevo letti tutti d’un fiato (partivo senza conoscere assolutamente la trama) e ho dovuto aspettare poco perché uscisse il Calice di Fuoco.
    Harry davvero mi ha seguito per tutta la crescita e l’ultimo libro è uscito quando anche io avevo 17 anni. Sono praticamente cresciuta con lui.
    Ogni volta che li riprendo in mano è sempre un’emozione e quel “A te che se stato con Harry fino alla fine” mi fa venire i brividi e la lacrimuccia ogni volta. Credo anche io che senza quei libri sarei stata una persona diversa.
    (Ps: ora li sto comprando in inglese. Non appena li ho tutti punto a ripartire a leggerli. Ai tempi avevo letto in inglese solo I Doni della Morte, perché non riuscivo ad aspettare che uscisse la versione in italiano!)

  119. Da che ho memoria i libri li ho sempre amati: prima c’era mia madre che me li leggeva, poi dalla prima elementare, ho voluto leggermeli io.
    Me lo ricordo perfettamente qual è stato il mio primo amore: “Favole al telefono” di Gianni Rodari. Una favola breve ogni sera prima di andare a letto. E’ una cosa che io amavo e che spero, se un giorno sarò madre, di fare coi miei figli.

  120. Io ho il Kobo, preso con gli sconti un paio d’anni fa. Lo uso pochissimo. E’ comodo se si viaggia in aereo e bisogna stare attenti al peso (Io sono una di quelle persone che per una settimana di vacanza si porta dietro 3 libri!), ma non c’è assolutamente paragone con la carta stampata! Il profumo di libro nuovo, di libro vecchio, la sensazione della pagina che gira…
    Comunque è vero: ci sono i preferiti, ma ogni libro ci lascia sempre qualcosa dentro o ci fa imparare qualcosa.

  121. Anche a me emoziona sempre quella frase, ogni volta che ho riaperto quel libro (e ti garantisco che sono veramente tante

  122. Io ci starei delle ore! E mi trovo a leggere anche di libri che non sono il mio genere solito. Il mio ex mi diceva che sarei capace di leggere anche la carta igienica

  123. E il momento di panico in cui sei in bagno e non c’è nulla da leggere?? Etichette di saponi, shampo, detersivi!! XD

  124. Beh si, mediamente gli e-book costano meno di quelli in edizione cartacea, a volte anche la metà! Tipo 8-9€ rispetto ai 16-17… Spesso si trovano ottime offerte a 0,99 1,99 2,99…e non sono affatto da sottovalutare perché spesso si fanno davvero buoni affari! Giornalmente ti arriva la mail con le offerte del giorno, ma basta dare un’occhiata su amazon per rendersene conto.

  125. io sono come te, amo la carta!!! ma per mancanza di spazio, prima o poi mi dovrò convertire al kindle, se no non avrò più posto dove mettere tutti i miei libri ^__^

  126. il mio ragazzo mi dice che sono una divoratrice di libri ehehe XD
    amo leggere, non esco di casa al mattino senza averne uno con me, li leggo in treno, e se una storia mi prende, li finisco in pochissimi giorni ^__^
    l’ultimo che ho letto, che ho proprio divorato, è “diario di una pasticciera in fuga”, un romanzo, attualmente sto leggendo l’amore molesto di Elena Ferrante
    il libro che mi ha a cambiato la vita, e che rileggerei ancora altre milioni di volte senza stancarmi mai, è la trilogia di Tolkien del Signore degli anelli

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here