Ciao a tutte, e buon 8 marzo!

Abbiamo scelto di celebrare con voi questo giorno omaggiando alcune donne che, sebbene non siano ancora molto conosciute sui libri di storia, con le loro azioni hanno contribuito a mettere tanti tasselli sulla strada che ha portato all‘emancipazione femminile.

Dalla libertà dei costumi, alla lotta per il diritto di voto fino ad arrivare alla difesa della parità di genere in ambito scientifico e matematico, in questo post vogliamo, dunque, condividere le loro storie, per ispirarci ed ispirarvi ricordandoci che tutte, nel nostro piccolo, possiamo fare la differenza, in qualunque settore e campo si operi ;-)! Continuate a leggere, ragazze, per scoprire chi sono queste donne straordinarie!

cliomakeup-donne-straordinarie-22

 


L’IMPRESSIONISMO AL FEMMINILE DI BERTHE MORISOT

Berthe Morisot è stata un’esponente dell’impressionismo francese che, sin da piccola, ha mostrato un enorme talento per la pittura ma, in quanto donna, non ha potuto frequentare l’École des Beaux-Arts. Berthe tuttavia non si è lasciata scoraggiare, studiando privatamente per essere poi ammessa al Salon Nadar, dove espose le sue opere dal 1864 al 1873.

cliomakeup-donne-straordinarie-18Berthe Morisot, “Il corsetto rosso”, 1885

Berthe, inoltre, conobbe il pittore Manet, che la ritrasse in ben undici dipinti e di cui sposò successivamente il fratello, Eugène. Berthe divenne una figura di spicco nel panorama artistico francese e fu l’unica donna a partecipare a tutte le mostre impressioniste, prendendosi solo una breve pausa dopo la nascita di sua figlia.

cliomakeup-donne-straordinarie-17Berthe Morisot ritratta da Edouard Manet

Sebbene dopo la sua morte non sia stato fatto alcun cenno alla sua attività artistica (sul suo certificato di morte, c’era scritto che era “senza professione”), negli anni successivi la sua opera è stata molto valorizzata dalla critica.

cliomakeup-donne-straordinarie-19Berthe Morisot, “La culla”, 1873

ANNETTE KELLERMAN, LA SIRENA DEL VAUDEVILLE

Annette Kellerman non solo è stata un’attrice australiana, ma anche e soprattutto una talentuosa nuotatrice a cui va attribuito il merito di aver sdoganato l’uso del costume ad un pezzo unico. All’epoca, infatti, i costumi femminili erano estremamente ingombranti, e impedivano praticamente alle donne di nuotare!

cliomakeup-donne-straordinarie-2

Annette, indossando un costume intero su una spiaggia del Massachussets che le scopriva le braccia e le gambe, sebbene sia stata arrestata in quell’occasione per indecenza ha contribuito a far diventare la legislazione a riguardo più elastica, facendo il primo vero passo verso i costumi da bagno come sono intesi oggi!

cliomakeup-donne-straordinarie

KATHRINE SWITZER, MARATONETA CONTRO TUTTI

Kathrine Switzer nel 1967 ha conquistato un primato, ovvero l’essere stata la prima donna a partecipare e a portare a termine la maratona di Boston!

cliomakeup-donne-straordinarie-16

L’atleta, ostacolata anche dal suo stesso allenatore che riteneva impossibile per una “fragile donna” come lei realizzare l’impresa, non si è lasciata scoraggiare e, iscrivendosi alla gara solo come K.V. Switzer, non solo è riuscita a partecipare, ma anche a concludere la maratona in 4 ore e 20 minuti!

cliomakeup-donne-straordinarie-15

Kathrine, che durante la maratona fu strattonata ripetutamente dagli organizzatori nel tentativo di portarla fuori pista, suscitò delle reazioni tali nell’opinione pubblica da portare all’apertura della maratona anche alle donne nel 1972!

cliomakeup-donne-straordinarie-14Kathrine oggi, in preparazione della prossima maratona!

Ragazze, non abbiamo ancora terminato! Nella pagina successiva vi parleremo, infatti, di altre donne che, nel loro settore, hanno fatto delle vere e proprie rivoluzioni, tra cui anche un’italiana! Andate a pagina 2 per vedere chi sono!