La pubblicità. Servirebbe, di base, a far vendere più prodotti ai vari brand. Ma non serve aver fatto un corso universitario a riguardo per sapere che, fin dagli albori di questo settore, creatività, arte, provocazione, ironia e sì anche scandalo, si sono intrecciati al fine di coinvolgere anche il consumatore più distratto.

Ma non solo: la pubblicità non vuole solo raggiungere le persone, ma vuole segnarle, vuole comunicare, con un’immagine, uno slogan, qualche secondo di video… qualcosa. Ma cosa?

Perché una pubblicità che promuove collant dovrebbe ritrarre una ragazza che pratica l’autoerotismo? Perché uno stilista dovrebbe promuovere il brand con un suo autoscatto..completamente nudo? Scommettiamo che, quando guarderete le foto che seguono vi verrà in mente la massima difficile da smentire secondo la quale: “il sesso vende”.

Ma proprio a riguardo vogliamo citare Don Draper, leggendario creativo pubblicitario della serie TV Mad Men: “TU sei il prodotto. Tu, provi qualcosa. È questo ciò che vende. Non il sesso”.

E per questo motivo ci sono pubblicità che hanno destato scandalo, che hanno sconvolto, disturbato, scioccato, ma che, proprio per questo, siamo ancora qui a ricordare.

Curiose di vedere le 17 pubblicità più scandalose della moda e del beauty degli ultimi anni? Allora continuate a leggere l’articolo!

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-tom-ford-for-men

E questo è solo un assaggio…!

“Scandalo” ovviamente significa tante cose. Il magazine W ha pubblicato una “breve storia delle pubblicità di moda più controverse e inappropriate”, ovvero quelle che hanno maggiormente destato scandalo dal 1971 ad oggi.

E per “scandalo” si intende in questo caso quelle che hanno fatto parlare di sé come pubblicità “inaudite”, audaci, disturbanti, “sbagliate” oppure quelle alle quali è legato qualche aneddoto che ne testimonia l’effetto sulle persone. Infine, alcune di queste sono state direttamente bannate e ritirate dall’Advertising Standards Authority. Curiose?

#1 YVES SAINT LAURENT NUDO PER IL SUO PRIMO PROFUMO. 1971

Erano appena iniziati gli anni ’70 quando Yves Saint Laurent ha mostrato se stesso per ciò che era: un artista controcorrente, senza timore di intimorire, in grado di rompere le regole – con eleganza.

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-ysl

Il suo primo profumo, Pour Homme, fece allora il suo debutto con una campagna d’eccezione: a posare fu lo stilista stesso, senza veli, quasi completamente depilato, sopra a una pila di cuscini di pelle. I capelli lunghi tipici dell’epoca lo rendono inconfondibile e l’unica cosa che indossa sono i suoi iconici occhiali da vista. Boom!

#2 BROOKE SHIELDS, CALVIN KLEIN E SOTTO AI JEANS, NULLA. 1980

Non sembra esserci nulla di particolarmente scandaloso nella campagna di Clavin Klein Jeans con Brooke Shields – una delle più celebri di sempre. Su cosa ha voluto puntare il creatore della pubblicità, il mitico Richard Avedon? Sulla cosa più maliziosa di cui l’uomo è dotato: l’immaginazione.

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-ck-calvin-klein

La modella, infatti, indossa i jeans, un paio di stivaletti e una camicia oversize allacciata solo con un bottone all’altezza del seno. Ma ciò che rese questi jeans iconici è la frase che la allora quindicenne Brooke Shields diceva nel video della campagna: “Vuoi sapere cosa c’è tra me e i miei Calvins? Niente”.

#3 CALVIN KLEIN E LA CAMPAGNA CHE COSTÒ UN CROLLO NERVOSO A KATE MOSS. 1992

Se diciamo “Kate Moss” non può non venire in mente Calvin Klein e se diciamo “Calvin Klein” non possono non venire in mente le campagne degli anni ’90 che hanno lanciato Kate Moss – proprio per via dell’alto tasso di “scandalosità”.

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-ck-calvin-klein-kate-moss

La più famosa è quella del 1992 quando una diciassettenne Kate Moss posò con Mark Wahlberg in topless. W riporta che Mark fece sentire Kate così poco a suo agio durante lo shooting che le costò un esaurimento nervoso.

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-ck-calvin-klein-kate-moss-1992

#4 WONDERBRA CHE BLOCCA IL TRAFFICO. 1994

Wonderbra è celebre per le pubblicità provocanti e geniali. E ha inaugurato questa serie di campagne creative nel 1994, quando pare che la campagna con Eva Herzigova in lingerie abbia causato un ingorgo e alcuni tamponamenti. Quando si dice una bellezza che blocca il traffico…!

ClioMakeUp-pubblicita-scandalose-ritirate-moda-beauty-wonder-bra

Siamo solo all’inizio ragazze! Vi diamo qualche spoiler: nella prossima pagina troverete un profumo di un grande stilista pubblicizzato agli inizi del 2000 con un nudo frontale maschile. Pensate il resto! Per vedere tutte le pubblicità più scandalose di sempre, continuate a leggere!