COME LIBERARE I PORI DAL SEBO

Come dicevamo, non è possibile liberare definitivamente i pori dal sebo, però è possibile far sì che si vedano di meno e che il sebo stesso si riformi più lentamente. In questo senso sono utili le maschere all’argilla, che assorbono l’olio in eccesso, ma di contro possono, in alcuni casi, seccare la pelle.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-8-maschera-argilla

Inoltre, per tenere i pori puliti sono utili prodotti che contengono BHA (butilidrossianisolo) o zinco. La sigla BHA di solito in cosmesi indica solo l’acido salicilico, ingrediente che tutte conosciamo in quanto contenuto in varie creme, lozioni e detergenti dedicati alle pelli grasse. L’acido salicilico aiuta quindi a mantenere più pulito l’aspetto dei pori.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-4-prima-dopo

Lo scrub invece non sarebbe utile in questo caso, in quanto il “problema” è appunto dentro ai pori. In sintesi, è possibile ridurre l’aspetto dei pori, ma che comunque si continueranno a riempire, in quanto le ghiandole sebacee non cesseranno certo di produrre sebo.


cliomakeup-sebo-pelle-viso-9-salviettine

Credits: @Quora.com

COME PREVENIRE UN’ECCESSIVA PRODUZIONE DI SEBO

L’abbiamo ribadito in diversi post, ma in questa sede vale la pena ripeterlo: l’errore più tipico di chi ha la pelle grassa è usare prodotti, e in particolare detergenti, troppo aggressivi.

LA PRIMA REGOLA PER CONTROLLARE LA PRODUZIONE DI SEBO È EVITARE PRODOTTI TROPPO AGGRESSIVI

In questi casi si va incontro all’effetto rebound, ovvero le ghiandole sono stimolate a produrre ancor più sebo.

Bisogna quindi idratare sempre la pelle con prodotti specifici, tra cui i retinoidi. Questi possono essere efficaci nel controllare l’eccesso di produzione di sebo, ma vanno generalmente prescritti da un dermatologo dopo un’accurato esame della vostra situazione.

Parlando invece di rimedi naturali, abbiamo letto come alcune persone abbiano trovato un aiuto valido nell’olio di argan, che contribuirebbe a bilanciare la produzione di sebo fornendo alla pelle l’idratazione di cui ha bisogno.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-10-olio-argan

Olio Organico di Argan Puro al 100%. Prezzo: 17,99€ su Amazon.it

I detergenti devono sempre essere molto delicati così come gli strumenti e i devices per la pulizia del viso. Sono da evitare, ad esempio, i panni vecchi e ruvidi, o le spazzole viso con setole troppo dure.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-7-panno-mircofibra

Inoltre, un ruolo fondamentale nella produzione di sebo è svolto dalla dieta. Mangiare sano aiuta a contrastare la pelle grassa.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-12-dieta-sana

Insalata di frutta anche in autunno? Sì grazie!

CHE DIFFERENZA C’È CON I PUNTI NERI… E I PUNTI BIANCHI?

Alcune persone definiscono questo fenomeno “punti bianchi” ma in realtà ci sarebbe una differenza, anche se piuttosto labile. I punti bianchi sarebbero dei pori intasati come i punti neri, ma la superficie del comedono è chiusa e quindi l’impurità non si ossida, restando chiara. A differenza, appunto, del punto nero, che è “aperto” e quindi assume il caratteristico colore scuro a causa dell’ossidazione.

cliomakeup-sebo-pelle-viso-13-punti-neri

Credits: @Quora.com

Naturalmente, c’è una profonda differenza anche rispetto a brufoli e acne. Il brufolo infatti è il risultato dell’infezione di un comedone, ad opera solitamente di batteri che penetrano all’interno del poro otturato provocando appunto il foruncolo.

 

La pelle grassa è il vostro cruccio? Ecco un sacco di dritte utili circa make-up e skincare:

1) LE MIGLIORI CREME OPACIZZANTI E IDRATANTI PER LA PELLE GRASSA

2) CHE CREME DA NOTTE DOVREBBE SCEGLIERE CHI HA LA PELLE GRASSA?

3) I MIGLIORI FONDOTINTA PER PELLI MISTE E GRASSE

cliomakeup-sebo-pelle-viso-14-naso

Ragazze, speriamo che questa guida vi sia stata utile nell’ottica di prendervi cura della vostra pelle nel modo giusto! Anche voi siete “ossessionate” dal sebo dei pori, e fate piazza pulita ogni volta che potete 😀? Oppure non vi dà fastidio o ancora temete di stressare troppo la pelle spremendo i pori così spesso? Avete qualche arma segreta per controllare la produzione di sebo e far sì che non sia eccessiva? Scriveteci qui sotto nei commenti! Un bacione dal TeamClio.

21 COMMENTI

  1. Ecco ora io vorrei capire..ho la pelle disidratata e secca dalla prima gravidanza (due anni fa), ex pelle mista e in adolescenza acneica. Ho giusto 4/5 punti neri e come dicevo la pelle secca e disidratata e pure delicata. Perché allora in mezzo alle sopracciglia sul naso e ai lati del naso ho sempre sti puntini bianchi? Forse perché essendo ex pelle mista in quelle zone ho i pori dilatati? E si che son zone secche pure quelle adesso! Finita anche questa gravidanza proverò a usare qualcosa con acidi, avevo provato la maschera dr brandt pores no more e in effetti un po’ aiutava

  2. Il BHA è come avete detto voi il butilidrossianisolo, che però è un conservante fenolico. Dopo dite acido salicilico, che serve per l’acne ma non è il BHA. La sigla dell’acido acetilsalicilico è ASA, ma non si trova spesso, in cosmesi non l’ho mai vista.
    Io soffro di questa simpatica produzione di sebo in eccesso. Magari non rimango lucidissima ma ho i puntini bianchi e ogni tanto qualche brufolo (anche di quelli belli tosti).
    La maschera di argilla la faccio solo se vedo che sono lucida, altrimenti mi secca. Adesso ho un paio di campioncini dello scrub enzimatico di Khiel’s, vedremo se fa il suo dovere o è troppo aggressivo. Il vero problema è che non sono molto costante perchè, non potendosi poi esporre al sole, li faccio quando so che non devo poi uscire di casa.

  3. Io ho una domanda che in parte è collegata ma in realtà mi è venuta in mente ripensando al post sullo skin gritting: Chiara parlava dell’emulsione acqua-olio nell’ultimo step… vuol dire che risciacquando la maschera si lascia la pelle bagnata e si mette l’olio sull’acqua, o che dopo avere messo l’olio sulla pelle asciutta (dopo la maschera) si toglie con l’acqua? Chiedo perché visti i risultati miracolosi vorrei provare nello stesso modo :DD

  4. Ciao! La pelle rimane un po’ umida dopo aver tolto la maschera, non va asciugata e va messo poi l’olio.

  5. forse si sono confuse anche con la definizione dei beta idrossi acidi di cui fa parte anche il salicilico chiamati BHA per distinguerli dagli alfa idrossi acidi (AHA) 😉

  6. hahah però mi sta apparendo in tutti i post che apro!!!! Aiuto!!!! E’ sempre lì che fa capolino nella sezione post popolari

  7. Per un periodo avendo avuto la pelle nella zona T screpolata e spessa sopra, grassa sotto, ho assottigliato man mano l’ eccesso di cheratina con la lozione effaclar microesfoliante all ‘acido salicidico e tutti prodotti della linea, ora che la screpolatura é andata via e la pelle più lucida sto tenendo a bada il sebo col detergente e cremina idratante Pure Skin di Garnier ( bella scoperta pet caso) che purifica e mi idrata, ma usando un tonico idratante non alcolico…tutto ciò che grassa troppo, secca e non idrata bene a me provoca un rebound tremendo..Questo in superficie nel mio caso lo stress é la causa principale che mi provoca squilibri ormonali..ed ecco che anche la più accurata pulizia non basta…Quando sono rilassata la pelle é più bella

  8. Ragazze tutte e ragazze del Team ho un dubbio: ma il primer va messo dopo la crema idratante? perché l’altro giorno volevo provare il nuovo Gel Matte Rescue della benefit che ho preso come camioncino da Sephora però non ha sortito l’effetto sperato, tutto il contrario, ero anche più lucida… dove ho sbagliato? 😉

  9. ciao, sono nuova del forum..ma non capisco quale sia la soluzione a questo problema..voi che creme usate? quali prodotti?
    grazie a tutte :-*

  10. È sebo: l’unica è tenerlo sotto controllo con regolari pulizie del viso e maschere all’argilla. Quando si “trasforma” in punti neri, poi, ci sono anche altri rimedi. Ciao!

  11. nooooooooooooo…che tragedia!!!!!!!!
    e io che speravo nel “miracolo”….
    grazie di cuore per la risposta

  12. Ciao e grazie per questo articolo interessante.
    Volevo chiedervi se il sebo ha anche un odore.
    Perché da qualche settimana ho notato che ho il naso più unto e ogni volta che mi lavo il viso sento poi un cattivo odore nel lavandino…
    Ricorda un po’ l’odore delle uova. Potrebbe essere il sebo? Sono disperata, mi da molto fastidio questa cosa 🙁

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here