Chi di voi utilizza i social network, avrà già sentito parlare o visto degli annunci che pubblicizzano gli Sugar Bear Hair, degli integratori multivitaminici mirati a rinforzare e a far crescere i capelli e che promettono risultati praticamente rivoluzionari. Con testimonial famosissime nel mondo social e non solo, e vantando articoli che tessono le loro lodi su testate quali Marie Claire, E! Online ed Elite Daily, queste vitamine a forma di orsetti gommosi, negli ultimi tempi, stanno facendo molto parlare di sé.

Per questo motivo, incuriosite dall’eco mediatica così notevole di questi integratori per capelli, abbiamo deciso di ordinarli per fare una recensione sul blog e condividere con voi feedback e opinioni a riguardo ma…ce li hanno bloccati alla dogana! Nel mentre, inoltre, abbiamo fatto delle scoperte interessanti e indagato sulla validità o, addirittura, sulla presunta pericolosità di questo prodotto. Insomma ragazze: siete curiose di sapere che cosa è venuto fuori nella nostra esperienza con gli Sugar Bear Hair? Allora non vi resta che continuare a leggere il post per essere informate su tutto!

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-25

CHE COSA SONO GLI ORSETTI GOMMOSI SUGAR BEAR HAIR?

tra i testimonial di queste vitamine ci sono Kim Kardashian e Kylie Jenner

Sebbene Sugar Bear Hair sia una compagnia relativamente giovane, in quanto nata in Florida solamente nel maggio del 2015, è diventata in breve molto nota al pubblico con le sue vitamine per capelli a forma di orsetti gommosi. Ciò è sicuramente avvenuto anche grazie a testimonial del calibro di Kim Kardashian, Vanessa Hudgens o Kylie Jenner, e all’intensa sponsorizzazione attuata sui social network da influencer e personaggi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-4Via Instagram @kyliejenner

La compagnia, che crea i suoi prodotti in California, afferma di seguire alla perfezione le normative dell’americana Food and Drug Administration (FDA), e di vantare più di 100 test eseguiti da laboratori indipendenti che ne attestano la validità.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-6Via Instagram @kimkardashian

Tra i punti di forza che Sugar Bear Hair dice di avere, inoltre, compaiono la mancanza di allergeni e sostanze ed ingredienti come glutine, lattosio, uova, noci, manzo, maiale, pesce e soia, un apporto di zucchero e calorico molto basso e l’efficacia verso tutti i tipi di capelli, oltre che benefici rivolti anche a pelle e unghie. Di conseguenza, siamo state spinte a testarli e ad ordinarli dal sito Sugarbearhair.com, che spedisce in ogni Paese del mondo. Ecco, però, come è andata e cosa abbiamo scoperto!

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-7Via Instagram @vanessahudgens

SUGAR BEAR HAIR VITAMINE CAPELLI RIVOLUZIONARIE, O PERICOLOSE?

Mentre stavamo aspettando l’arrivo del prodotto, è uscito un articolo sul sito Buzzfeed.com che riportava i risultati conseguiti alle analisi fatte da Labdoor, un laboratorio specializzato nel testare e valutare integratori alimentari, sulle vitamine Sugar Bear Hair. E i risultati ci hanno fatto drizzare le orecchie!

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-11

si è scoperto che le quantità relative a 7 nutrienti tra gli ingredienti su 11 sono inaccurate del 20% o più

Labdoor, infatti, ha scoperto che le quantità relative a ben 7 nutrienti elencati tra gli ingredienti su 11 erano inaccurate del 20% o anche di più. I

l livello di biotina trovato negli orsetti, ad esempio, è superiore del 70% di quanto dichiarato sull’etichetta, mentre le quantità di vitamine B5 e B6, associate alla crescita dei capelli, del 75%. È coinvolta anche la vitamina E, inferiore del 26% .

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-2

I risultati promessi sul sito sugarbearhair.com

I laboratori Labdoor hanno anche constatato che le vitamine contenute negli Sugar Bear Hair hanno livelli relativamente alti di piombo, se comparati ad altri integratori analoghi che avevano già testato.

IL PARERE DEI LABORATORI DI ANALISI E RICERCA LABDOOR

Nel complesso però, la Labdoor non ha “bocciato” gli Sugar Bear Hair e, pur valutando le inesattezze riscontrate, ha dato una valutazione positiva al prodotto. Secondo le analisi, infatti, contengono un corretto apporto di vitamine e di minerali di cui possono avere bisogno le persone che necessitano di compensare le carenze nutritive che hanno ripercussioni sulla crescita dei capelli.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-10Via Instagram @emrata

Dan Mark però, il direttore di ricerca di Labdoor, ha comunque sottolineato che si aprirà una richiesta di maggiore accuratezza e specificità sulle etichette degli Sugar Bear Hair, in quanto la trasparenza, per quanto riguarda questa tipologia di prodotti, è indiscutibile, soprattutto sul fronte dei metalli pesanti.

ANCHE SE SOMIGLIANO A CARAMELLE…NON LO SONO!

I test di Labdoor, avendo trovato lo 0,075 di ppm (parti per milione) di piombo nella quantità giornaliera raccomandata da Sugar Bear Hair (pari a due orsetti), sottolineano, dunque, come sia importante considerare questo prodotto come un integratore da non assumere alla leggera.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-20Credits: mariannan.com

A causa del sapore gradevole del prodotto e dell’aspetto divertente, i ricercatori di Labdoor temono, infatti, che eccedere la quantità consigliata sia molto facile, poiché, più che integratori, al pubblico gli Sugar Bear Hair possono sembrare delle caramelle. La dose giornaliera suggerita, dunque, contenente una quantità di piombo che sta al di sotto del massimo americano permesso di 0,1 ppm, potrebbe quindi essere facilmente superata proprio per queste motivazioni.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-3Via Instagram @kyliejenner

Labdoor dunque non demonizza questi integratori ma, considerato il loro grande successo e pubblicizzazione, ci terrebbe a vedere maggiore chiarezza sulla natura del prodotto, da non ingerire in dosi eccessive e, soprattutto, senza criterio.

cliomakeup-sugar-bear-hair-integratori-capelli-13Via Pinterest

Ragazze, non è finita qui! Nella pagina successiva, infatti, vi parleremo della nostra esperienza alla dogana e delle indagini che abbiamo fatto su questi chiacchieratissimi prodotti! Continuate a leggere a pagina 2 per scoprire tutto!