COME REALIZZARE LA BASE DEI ROSSETTI USANDO BURRI E OLI

cliomakeup-rossetti-edibili-burro-karite.jpg

La cosa più importante quando si realizza un rossetto DIY è la base. La consistenza deve essere cremosa e non troppo liquida, per stendersi bene e dare un effetto di colore omogeneo. Per fare la base vi basteranno:

  • 1 cucchiaino di cera d’api (acquistabile nelle erboristerie)
  • 1 cucchiaino di burro di karité  (che può essere sostituito anche dall’olio di cocco o da quello di avocado)
  • 1 cucchiaino di olio (va bene sia di oliva, di mandorla o di jojoba)
  • 1 cucchiaino d’acqua

cliomakeup-rossetti-edibili-burro-karite-bot-cosmetics.jpg

B.O.T Cosmetics, Organic Monoi&Shea Butter. Prezzo: 9,90 € su Amazon.it


Questi ingredienti andranno mescolati e riscaldati (nel microonde per 30 secondi) fino ad ottenere una consistenza liquida.

cliomakeup-rossetti-edibili-olio-jojoba-naissance.jpg

Naissance, Olio di Jojoba Biologico. Prezzo: 16,99 € su Amazon.it

Il primo step è fatto, ora non vi rimane che scegliere il colore!

I MIGLIORI PIGMENTI NATURALI PER REALIZZARE UN ROSSETTO

La scelta dei colori è molto varia, ma esistono alcuni ingredienti altamente pigmentati che permettono di avere un colore pieno e corposo.

cliomakeup-rossetti-edibili-cannella-pinterest.jpg

Via Pinterest

La cannella è la base per un rossetto nude

Per chi è fan dei toni nude, è ottima la cannella, dal tono marroncino e leggermente aranciato, che consente di raggiungere un sfumatura lievemente scura ma super naturale.

cliomakeup-rossetti-edibili-barbabietola-pinterest.jpg

Via Pinterest

La barbabietola, pur essendo di un viola intenso, produce un bellissimo rosso vibrante (basterà grattugiarne la buccia).

cliomakeup-rossetti-edibili-cacao-deskgram.jpg

Credits: Deskgram

Per chi cerca un look più bold va benissimo la polvere di cacao, di un marrone molto intenso e super cioccolatoso! Una volta scelto il pigmento, prendete un contenitore da burrocacao o rossetto finito, e versate per gradi un po’ di base liquida e un po’ di pigmento, da mescolare di volta in volta.

cliomakeup-rossetti-edibili-wikihow.jpg

Credits: WikiHow

Non ci sono quantità esatte, ma più polvere colorata versate, più il colore sarà intenso. Una volta riempito lo stick, lasciate che si solidifichi a temperatura ambiente, e una volta raggiunta la consistenza desiderata, sarà pronto per essere sfoggiato!

Ecco qui per voi tanti altri post dedicati ai rossetti!

1) COME SCEGLIERE IL ROSSETTO: 5+1 TIPS PER NON INCORRERE IN FREGATURE!

2) COME SCEGLIERE IL ROSSETTO ROSSO IN BASE ALL’INCARNATO ED ESSERE FA-VO-LO-SE!

3) ROSSETTO NUDE SENZA L’EFFETTO CADAVERE: COME SCEGLIERLO?

4) FINISH DEL ROSSETTO: COME TROVARE QUELLO PERFETTO PER NOI!

cliomakeup-rossetti-edibili-gif1.gif

Ragazze, che cosa ne pensate di questi rossetti edibili? Pensate che siano una vera rivoluzione nel mondo della cosmesi? Siete curiose di acquistare un rossetto commestibile oppure preferite realizzarne uno voi? Vogliamo sapere tutto nei commenti! Un bacione (naturalmente bio) dal vostro Team 💋! 

17 COMMENTI

  1. No vabbè ma che fi*ata!!! Rossetto made in home!! Dev’essere interessante da provare! Altri pigmenti naturali che suggerite?

  2. spirulina o spinaci per il verde! curcuma per il giallo, cacao per il marrone, acqua di cavolo rosso+bicarbonato per il blu o guado (non commestibile credo però.), carbone vegetale o estratto di china naturale (con cui fanno il chinotto) per il nero…

  3. Mah, faccio la guastafeste…. Marketing!
    Non credo proprio sia tossico ingerire un po’ di rossetto. Suvvia, si usano cucchiai di olio di vaselina per andare in bagno e dovrei preoccuparmi che il rossetto non sia edibile? Non me lo mangio a colazione…
    Nel senso, ben vengano ingredienti naturali etc…però non perché sono edibili.

  4. Certo e’ divertente creare il proprio rossetto, ma bisogna pensare a qualche sostanza conservante altrimenti il prodotto fa muffe e i batteri proliferano e si ingeriscono e fanno male.

  5. Totalmente d’accordo. Questo del naturale e’ meglio o piu’ sicuro e’ un trend. Anche il petrolio e’ naturale.
    Anche il prezzemolo in alte dosi e’ tossico.

  6. Concordo, questa idea del naturale a tutti i costi mi sembra più che altro marketing. Mi domando anche se siano davvero necessari i cosmetici privi di glutine, va bene che una parte di rossetto può essere ingerita ma di solito non se ne applica una grande quantità.

  7. L’idea di fondo può essere interessante, anche se non credo che ingerire un po’ di rossetto sia nocivo, quello che invece mi fa sorridere è il ritorno agli ingredienti del passato. Lisa Eldridge racconta nel suo libro che spesso in passato i cosmetici erano prodotti con ingredienti tossici che a lungo andare potevano causare degli avvelenamenti!

  8. Ammetto che ho aperto il post solo perché ho trovato strepitoso il colore del rossetto nell’immagine iniziale e speravo di avere qualche idea su quale magnifico colore fosse… Il post è interessante comunque, ma non credo che mi metterò a creare mai un rossetto, anche perché con tutti quelli che ho…

  9. Anche perché i cosmetici sono soggetti a rigorosi sono test! Non metterebbero mai in commercio un prodotto che si mette sulle labbra e che a dosi normali è tossico per indigestione! Per le normative sulla sicurezza della sostanze, in tal caso le case cosmetiche Sarebbero costrette a scriverlo come succede tipo nei detersivi… Ovviamente dipende anche da dove uno compra il rossetto, magari su quelli che vendono i cinesi al mercato a 1€ non ci metterei la mano sul fuoco…

  10. Ancora con sta storia che “naturale”(qualunque cosa voglia dire) è buono e le “sostanze chimiche” (che in questo caso è usato in opposizione alle fantomatiche sostanze naturali) sono cattive…..Piante e animali sono fatti di sostanze chimiche, in particolare composti del carbonio; le cellule sia animali che vegetali sono dei microlaboratori, il metabolismo non è altro che una catena di reazioni chimiche … Qualunque composto ha una sua tossicità, indipendentemente dal fatto che sia estratto da un pianta o di sintesi di laboratorio.
    Un’altra trovata di marketing

  11. Non servono, hai ragione.
    Il glutine si assume, con gli alimenti, mangiando e non viene assorbito tramite la pelle; perciò creme, cremine, detergenti, e così via, sono senza senso.

  12. infatti! Qualsiasi sostanza è tossica, dipende dalla quantità che se ne ingerisce! per dire, anche l’acqua è tossica se ne bevi troppa

  13. Ma perché dare informazioni errate? Chi soffre di celiachia non ha nessuna necessità di acquistare un rossetto senza glutine. Come ben spiegato sul sito ufficiale Aic, associazione italiana celiachia. Il quantitativo di rossetto eventualmente ingerito è infinitesimale e non pericoloso perché non raggiungerà mai l intestino. Vi prego di non creare inutili allarmismi. Pubblicizzare un rossetto come senza glutine per i motivi di cui sopra è concorrenza sleale! Vi prego di correggere l articolo e non diffondere informazioni errate!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here