Indietro
Prossimo

TEST & TRICKS

Ed eccoci qua finalmente, mettiamo alla prova sugli occhi questa Ultimate Edit Petite Palette!

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-10NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce naturale.

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-11NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce artificiale.

Le colorazioni non solo sono praticamente trasparenti ma, nel momento in cui andate a stratificare per rendere il makeup più saturo, si vengono a creare delle macchie di colore. Le colorazioni shimmer sono abbastanza ‘smortine’ e piatte, impossibili da prelevare con il pennello: infatti, abbiamo dovuto applicarle con le dita!

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-12NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce naturale.

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-13NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce artificiale.

Gli ombretti non interagiscono fra loro in modo soddisfacente, si vengono a creare macchie di colore.

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-14NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce naturale.

cliomakeup-recensione-palette-nyx-ultimate-edit-petite-palette-15NYX Ultimate Edit Petite Palette in Warm Neutrals, primo makeup, fotografia realizzata con luce artificiale.

Purtroppo non siamo riuscite a realizzare un look più intenso ed importante, le tonalità più scure non scrivono e non risultano, sulla palpebra, sufficientemente intense.

TIPS & TRICKS

Quante volte vi è successo di dover buttare ciprie e terre e ombretti, perché cadute rovinosamente al suolo e distrutte in mille pezzi? Lo sapete che potete facilmente ricompattarle? E’ sufficiente armarvi di un’oretta di tempo e un flacone di alcool etilico.

Disponete i frammenti nel suo packaging originale, mischiandoli con qualche goccia di alcool (sono sufficienti due o tre gocce). Otterrete così un composto cremoso che andrete a ‘pressare’ all’interno della cialda: tenete la confezione aperta fino al giorno successivo, affinché l’alcool possa evaporare del tutto et voilà, dramma evitato!

Dove state andando? Non abbiamo ancora finito! Passate alla prossima pagina per leggere la conclusione e le considerazioni finali!

Indietro
Prossimo

2 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here