Si chiama omotransfobia e, come è facile immaginare, si tratta di una paura, o per meglio dire di un’avversione legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Manca ancora una legge definitiva che punisca chi si scaglia contro le persone appartenenti alla comunità LGBTQ+, ma il ddl è stato approvato e, presto o tardi, sarà definito.

Difatti, se ne discute molto in questo periodo, grazie al deputato Zan, che dà il nome anche alla legge. Quindi non ci resta che capire bene cosa sia partendo dal significato di omotransfobia, e quando ricorre la giornata internazionale contro l’omofobia e la violenza di genere. Ragazze, continuate a leggere il post!

cliomakeup-Omotransfobia-1-copertina

Credits: Foto di Unsplash| Mercedes Mehling

OMOTRANSFOBIA: SIGNIFICATO DI UN TERMINE A MOLTI SCONOSCIUTO

La parola omotransfobia è un neologismo che mette insieme più termine: omofobia e transfobia. Nel dettaglio si compone del sostantivo maschile omo, che sta per omosessuale, trans, per transessuale, e fobia, ossia paura.

cliomakeup-Omotransfobia-20-spot

Credits: @m_mauro59 Via Instagram


Anche se si tratta di un vocabolo piuttosto nuovo, è già presente all’interno dei principali vocabolari. Di seguito vi riportiamo il significato di omotransfobia su Treccani:

“Avversione ossessiva per gli omosessuali e l’omosessualità, i transessuali e la transessualità”.

cliomakeup-Omotransfobia-19-disegno

Credits: @isabellabersellini Via Instagram

LE LEGGE CONTRO L’OMOTRANSFOBIA PUNISCE CHI COMMETTE CRIMINI D’ODIO

Una paura, un timore, un’avversione che porta degli individui non solo ad avere fobia di altri individui omosessuali e transessuali, ma anche a scagliarsi contro di loro. Motivo per cui negli ultimi anni è al vaglio una legge che punisce i reati di violenza.

La legge contro l’omotransfobia si trascina da diverso tempo, è stata interessata da riscritture e revisioni, ma al momento ancora non c’è in Italia. Ma su questo ci torneremo dopo.

OMOTRANSFOBIA E MISOGINIA: PAROLE DIVERSE EPPURE VICINE

La parola misoginia, secondo il dizionario Treccani, indica l’avversione generica o la repulsione per la donna, in quanto donna; non a caso esiste una giornata contro la violenza sulle donne.

cliomakeup-Omotransfobia-18-bandiera

Credits: @simonealliva Via Instagram

Tuttavia la misoginia si estende anche agli uomini. Quando si parla di misoginia nei confronti di un uomo, secondo la psicanalisi, si tratta di un conflitto omosessuale latente.

cliomakeup-Omotransfobia-13-mani

Credits: @m_mauro59 Via Instagram

Perché i termini omotransfobia e misoginia risultano spesso collegati? In entrambi i casi si parla di avversione, che può sfociare nella violenza.

cliomakeup-Omotransfobia-12-vignetta

Credits: @lodiononeunopinione Via Instagram

Inoltre si parla di aggressione di genere, dunque verso persone dello stesso sesso.

cliomakeup-Omotransfobia-6-gif

Al momento le due parole sono spesso accostate sempre per via del disegno di legge (ddl) presentato dalla maggioranza che siede attualmente al Governo.

Ragazze, non abbiamo ancora finito! A pagina 2 capiremo insieme cosa dice la legge contro l’omotransfobia quando ricorre la giornata riconosciuta da Nazioni Unite e Unione Europea. Continuate a leggere il post!