I PRO E I CONTRO DELLA DIETA PLANK: (POCHI) VANTAGGI E TANTI PUNTI DEBOLI

Arrivati a questo punto viene da chiedersi se esistano pro della dieta Plank. Questo regime alimentare ha qualche vantaggio, nel senso che non richiede di pesare in modo preciso gli alimenti e, inoltre, offre menù semplici da preparare. Non solo, chi segue la dieta Plank non avrà particolari difficoltà a reperire i cibi indicati anche fuori casa.

cliomakeup-dieta-plank-pollo

Credits: Foto di Pexels | Pixabay

Di contro, la dieta Plank ha molti punti deboli, soprattutto dal punto di vista nutrizionale: è un regime molto restrittivo e poco bilanciato e non prevede un periodo di mantenimento del peso, con il rischio di riacquistare i kg persi in poco tempo. Come tutte le diete lampo, la dieta Plank è un regime alimentare privativo che non corrisponde alle raccomandazioni fornite dai LARN (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana).

cliomakeup-dieta-plank-pasta-vietata

Credits: Foto di Pexels | Klaus Nielsen


Come accennato, la dieta Plank è low-carb, significa che prevede un’assunzione davvero bassa di carboidrati: secondi i LARN, questi devono costituire almeno il 45-60% delle calorie totali giornaliere. Nella dieta Plank è previsto, invece, solo un panino a colazione e la frutta. Inoltre, la dieta Plank è iperproteica, cioè prevede un alto apporto di proteine animali e non presta attenzione alla distribuzione dei grassi insaturi “buoni” né saturi “cattivi”. I primi, infatti, sono praticamente assenti in questo regime alimentare: a proposito, ragazze, se vi interessa l’argomento leggete il nostro approfondimento della nostra dietista che vi spiega come scegliere i grassi giusti per una sana alimentazione.

cliomakeup-dieta-plank-frutta

Credits: Foto di Pexels | Jane D

Attenzione anche allo scarso apporto di vitamine, minerali e fibra alimentare: di quest’ultima sarebbero consigliati almeno 25-30gr al giorno, ma la dieta Plank prevede una blanda assunzione di frutta, verdura, legumi e cereali integrali. Leggendo il menu dieta Plank, poi, salterà subito all’occhio la presenza di ben 6 uova da consumare alla settimana: il motivo sembrerebbe essere l’accelerazione del metabolismo.

LE UOVA FANNO BENE, MA ATTENZIONE A NON ESAGERARE CON LA DIETA PLANK

In realtà, bisogna prestare attenzione a non consumare eccessive quantità di questo alimento: a tal proposito vi rimandiamo all’approfondimento della nostra dietista che spiega nel dettaglio quante uova mangiare la settimana. In generale le linee guida per una sana alimentazione, tenendo conto della presenza delle uova nelle varie preparazioni, ne consigliano 2-4 a settimana.

cliomakeup-dieta-plank-sport

Credits: Foto di Pexels | Wendy Wei

Il calo ponderale della dieta Plank è molto veloce e aggressivo, perciò come tutte le diete lampo può far perdere parecchi kg. Come tutte le diete sbilanciate, però, anche la dieta Plank non è consigliabile come regime alimentare fai-da-te, specialmente in persone che soffrono già di alcuni disturbi come diabete, colesterolo alto, malattie cardiovascolari, patologie renali o anemia. No assoluto alla dieta Plank in gravidanza o allattamento.

TESTIMONIANZE ED ESPERIENZE CON LA DIETA PLANK: FUNZIONA?

Le testimonianze sulla dieta Plank sono varie e contraddittorie. Le esperienze positive con la Dieta Plank sono soprattutto di persone che avevano necessità di perdere molti kg: le testimonianze a riguardo quindi sono favorevoli a questo regime alimentare perché consente di dimagrire velocemente. 

cliomakeup-dieta-plank-avocado

Credits: Foto di Pexels | Daria Shevtsova

Di contro, però, molte persone che hanno seguito la dieta Plank, pur ottenendo risultati veloci in termini di peso perso, hanno accusato alcuni effetti indesiderati: essendo un regime alimentare sbilanciato, la dieta Plank classica seguita alla lettera ha portato a soffrire di emicrania e debolezza. Non solo, anche chi ha affermato di aver perso molti kg velocemente con questa dieta low-carb, ammette di averli ripresi dopo poche settimane una volta tornati alla propria dieta di sempre.

LE OPINIONI DELLA DIETISTA DEL TEAMCLIO SULLA DIETA PLANK

Ma quindi, arriviamo al sodo ragazze: la nostra dietista, la Dott.ssa Morgana Villa, consiglierebbe questo regime alimentare? “La dieta Plank è squilibrata, perché le fonti di carboidrati sono praticamente assenti, fatta eccezione per i panini concessi talvolta a colazione.”

cliomakeup-dieta-plank-pane

Credits: Foto di Pexels | Pixabay

“Così come altre diete cosiddette lampo, anche la dieta Plank “funziona” nel senso che permette di perdere peso grazie al concetto di deficit calorico: se assumiamo meno calorie rispetto a quante ne consumiamo durante la nostra giornata, per forza di cose dimagriremo. Il rischio delle diete così restrittive come la Plank è che perderemo peso senza preservare al meglio la nostra massa “magra”.”

cliomakeup-dieta-plank-colazione

Credits: Foto di Pexels | Daria Shevtsova

“Idealmente, la perdita di peso -al contrario- dovrebbe essere lenta e graduale in modo da perdere prevalentemente tessuto adiposo (la massa “grassa”) e favorire il mantenimento dei risultati.”

cliomakeup-dieta-plank-squilibrata

Credits: Foto di Pexels | Cottonbro

“Invito poi a riflettere su questo punto: con la dieta Plank si può dimagrire velocemente, ma come tutti i regimi restrittivi e poco bilanciati non consente di mantenere a lungo il peso perso né insegna ad approcciarsi verso una corretta educazione alimentare. Le diete drastiche funzionano nell’immediato, richiedendo anche parecchie privazioni, ma non permettono di beneficiare a lungo proprio dei sacrifici fatti.”

cliomakeup-dieta-plank-corretta-alimentazione

Credits: Foto di Unsplash | Brooke Lark

“Ciò a cui si dovrebbe puntare sempre quando si ricerca una perdita di peso è abbinare a una dieta ipocalorica la corretta educazione alimentare e l’attività fisica. Quello che ci permette di raggiungere il peso adeguato e di mantenerlo per tutta la vita (senza dover ricorrere a diete lampo sbilanciate e drastiche) è proprio una modifica del nostro stile di vita.”

Se vi è piaciuto questo post allora non perdete altri approfondimenti a tema alimentazione:

1) COLESTEROLO ALTO, CHE ALIMENTAZIONE SEGUIRE?

2) INSALATONA A PRANZO, SÌ O NO? COME REALIZZARE UN PASTO BILANCIATO

3) ALLENAMENTO E DIETA, COME REGOLARSI E CHE REGIME ALIMENTARE SEGUIRE

FONTI

LARN – Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana

cliomakeup-dieta-plank-saluti

Via Giphy

Ragazze, anche per oggi è tutto! Cosa ne pensate della dieta Plank? L’avete mai provata e se sì, che risultati avete ottenuto? Siete riuscite a mantenere il peso perso? Fateci sapere tutto nei commenti, un bacione dal TeamClio!