Ciao a tutte!

Oggi in questo post vi parleremo di uno degli accessori beauty più utili che ci ha regalato la natura: le ciglia! Lunghissime, incurvate, di colori diversi, naturali o finte con inserti piumati, le ciglia sono fondamentali per avere uno sguardo affascinante e magnetico.

Ma…Il trend beauty delle ciglia le ha sempre volute così come siamo abituate a desiderarle? Ebbene no, anzi, in alcune epoche andava di moda proprio non averle! Continuate dunque a leggere il post per vedere come nella storia è cambiato il loro ideale di bellezza: la storia delle ciglia in molti casi vi stupirà! 😉

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (19)

Le ciglia, oltre ad essere bellissime e a valorizzare i nostri occhi, prima di tutto li proteggono: la loro funzione è infatti importantissima, e mirata a proteggere gli occhi da agenti esterni come il vento e la polvere, oltre ad essere fondamentali per impedire ai nostri occhi che si secchino.

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (2)

Credits: notizie.it

L’ANTICO EGITTO: CIGLIA DECORATE CON KOHL E MALACHITE

Avere ciglia lunghe e folte è dunque stato spesso associato ad un buono stato di salute, ragion per cui, nell’antico Egitto, sia le donne che gli uomini le facevano risaltare! All’epoca si utilizzava il Kohl, una polvere composta da pigmenti scurissimi molto coprente e con una durata veramente eccezionale e che, grazie alla sua consistenza corposa, contribuiva alla protezione degli occhi impedendo alla polvere e soprattutto alla sabbia di entrare direttamente negli occhi.

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (1)

Boccetta e applicatore per il Kohl in pasta vitrea conservati al Museum of Fine Arts di Boston. Credits: ferrelljenkins.wordpress.com

Le donne usavano sulle ciglia anche la malachite, un minerale di rame della famiglia dei carbonati, e pensavano che avesse delle proprietà…Afrodisiache!

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia

Credits: allaboutroccosmakeup.blogspot.com

L’ANTICA ROMA: TUTORIAL DI TRUCCO CON LE COSMETAE

Il trend del Kohl è stato portato avanti fino ai tempi dell’antica Roma, periodo in cui le ciglia ideali dovevano essere lunghe ed incurvate, perfette per dare al volto un aspetto sofisticato e ricercato; come alternativa al Kohl (che a volte era mischiato con zafferano o antimonio), si poteva usare del sughero bruciato, applicato con piccole bacchette d’avorio.

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (4)

Credits: notizie.it

Le donne romane erano aiutate da delle schiave che si occupavano proprio solo di make-up, che erano chiamate cosmetae (chi lo sa, magari inciso su qualche tavoletta di argilla c’è anche qualche tutorial di trucco eheh).

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (3)

Credits: scuolanuovaelite.it

Tuttavia le ciglia nell’antica Roma avevano anche una connotazione morale oltre che estetica perché, come si evince dalle testimonianze del filosofo Plinio il Vecchio, si riteneva che cadessero se…Si faceva troppo sesso! Avere delle ciglia lunghe e folte perciò in quel periodo era anche sinonimo di “virtù morale”.

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (5)

Credits: lundici.it

IL MEDIOEVO: NIENTE CIGLIA!

Il Medioevo però è stato un periodo oscuro anche per le ciglia, perché…Si eliminavano completamente! Questo perché nel Medioevo la parte più bella del volto era la fronte, che doveva essere candida, spaziosissima e più scoperta possibile. Per questo motivo, ciglia e sopracciglia venivano tagliate o addirittura strappate (ahiaaaa!), creando un look che di sicuro oggigiorno non passerebbe inosservato!

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (6)

Petrus Christus, Ritratto di fanciulla

ERA ELISABETTIANA: CIGLIA FULVE FATTE IN CASA

Nell’età Elisabettiana invece la regina aveva dettato legge anche in fatto di moda: le sue ciglia rossiccio-dorate infatti diventarono il tormentone dell’epoca, al punto da spingere le donne a tingersele per ottenere un look regale!

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (7)

Elisabetta I d’Inghilterra, e la sua lunga chioma fulva! Credits: venamimundo.com

C’è da dire però che le tinte dell’epoca non erano sicure come quelle odierne (sebbene anche oggi alcune tinte apposite possano causare allergie ed essere pericolose, specialmente per gli occhi, e dunque vanno applicate solo da esperti), e spesso causavano la caduta delle ciglia: una delle più usate era infatti a base di olio di vetriolo e rabarbaro!

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (18)

Credits: blog.freeze247.it

La pratica di tingere le ciglia inoltre non era ben vista dalla società, ragion per cui moltissime donne usavano materiali di fortuna come cenere e bacche schiacciate e si tingevano le ciglia di nascosto.

L’ERA VITTORIANA E LA NASCITA DEL PRIMO RIMMEL

In epoca Vittoriana invece cominciarono a nascere i cosmetici veri e propri, nonostante l’uso di prodotti fatti in casa fosse ancora molto diffuso. In questo periodo si colloca la nascita del primo vero mascara, ideato da Eugène Rimmel, un profumiere che ebbe l’onore di prestare i suoi servigi anche alla Regina Vittoria.

ClioMakeUp-Storia-delle-ciglia (8)

Credits: glamourdaze.com

Il primo rimmel (di nome e di fatto) era composto da polvere di carbone e vaselina: ebbe un successo enorme (e noi possiamo bene immaginare perché)! 😉

Ragazze non abbiamo ancora finito, infatti stiamo per dare un’occhiata alla storia delle ciglia nel secolo più importante per quanto riguarda la loro evoluzione beauty: il ‘900! Andate a pagina 2 per scoprire le tendenze più importanti del secolo scorso!