Ciao ragazze!

Oggi parliamo di unghie, in particolare delle ultime novità in fatto di smalti e nail art! Qui in America i trend arrivano sempre in anticipo, ma ultimamente anche in Italia qualche azienda sta iniziando a proporre dei prodotti simpatici e originali, un po’ diversi da ciò che si indossa normalmente.

9.30.2011 Vivienne Westwood Minx nails Backstage photo by Becky Maynes 2 (Large)-1

nails7_v_22mar12_pr_b-1

I miei brand di riferimento sono sicuramente Ciaté e Nails Inc. per quanto riguarda i mercati americani e Layla, Pupa e Kiko per lo shopping italiano.


Iniziamo subito con gli smalti dalla texture classica, che si stendono normalmente, ma regalano effetti particolari:

Già da un paio di anni abbiamo familiarizzato con gli smalti magnetici, a cui avvicinare una piccola calamita che formerà delle striature di diversi tipi…

Pupa Magnetic Nail Polish
Pupa Magnetic Nail Polish

…e con quelli a effetto crackle, cioè quei top coat che si stendono su un altro smalto e che, asciugandosi, creano delle crepe lasciando intravedere il colore sottostante

Schermata 2013-06-11 a 14.08.52

Ultimamente stanno spopolando anche tra le marche meno specializzate gli smalti a effetto gel, dalla consistenza densa e a lunga tenuta. Questi consentono prestazioni più elevate rispetto ai normali nail polish, ma senza bisogno di lampade UV e centri estetici!

Layla Gel Effect
Layla Gel Effect

 Un altro effetto molto di moda è il duochrome, che abbiamo imparato a conoscere nei pigmenti per occhi. Questi smalti sono cangianti: dietro al colore principale si nascondono diverse sfumature, che risaltano soprattutto sotto la luce del sole

Nails Inc in Swiss Cottage
Nails Inc in Swiss Cottage

Un’altra novità sono gli smalti olografici, con all’interno delle particelle che catturano la luce creando un effetto multisfaccettato

Pupa Holographic Nail Polish
Pupa Holographic Nail Polish

Infine troviamo tantissime marche che hanno proposto degli smalti metallizzati a effetto specchio

2.21.2012-David-Koma-Minx-by-Marian-Newman-photo-by-Becky-Maynes-2

Pupa Chrome Nail Polish
Pupa Chrome Nail Polish

Divertenti anche i top coat matte, che rendono opachi gli smalti

Kiko 3 in 1 Matt
Kiko 3 in 1 Mat

Ma le novità più interessanti riguardano gli smalti 3D: possono essere un po’ difficili da applicare e si sbeccano facilmente, ma per una serata particolare sono veramente originali! La maggior parte di queste nail art si ottiene con dei kit, che contengono uno smalto e, a parte, un contenitore con le decorazioni. Il primo step è stendere lo smalto, il secondo è versarvi velocemente sopra le applicazioni, che si attaccherano alla base.

Tra i primi smalti tridimensionali bisogna ricordare quelli a effetto caviale, lanciati da Ciaté e riproposti da molti altri brand (qui c’è anche una mia recensione)

Ciaté Caviar Manicure
Ciaté Caviar Manicure
Pupa Bubbles
Pupa Bubbles

Più recentemente sono spuntati gli smalti velvet, a effetto pelosino; anche in questo caso si tratta di fibre che si attaccano allo smalto

Layla Velvet Effect
Layla Velvet Effect

Stesso concetto per i kit in cui versare sullo smalto una pioggia di glitter

HEIDI KLUM at MTV European Music Awards Photocall in Frankfurt

Pupa Crazy Crystals
Pupa Crazy Crystals
Nails Inc Bling It On Rocks
Nails Inc Bling It On Rocks

Un altro trend abbastanza diffuso è quello delle borchie: non serve comprare kit appositi, il mio consiglio è cercare delle borchiette in merceria e applicarle con una pinzetta su uno smalto. Qui il link a un mio tutorial

Sinners-revised-image

Divertenti gli smalti feathers di Nails Inc, con delle specie di piumette all’interno: questi hanno le particelle già mischiate allo smalto, non si fanno i due passaggi separati

Nails Inc Feathers Effect
Nails Inc Feathers Effect

In Italia sono arrivati gli smalti sugar, chiamati anche leather; a me sinceramente non fanno impazzire e trovo abbastanza fastidiosa la superficie ruvida che lasciano sull’unghia

Nails Inc Leather Effect
Nails Inc Leather Effect
Kiko Sugar Mat
Kiko Sugar Mat

Vi lascio con una chicca decisamente pazza di Ciaté: la Chalkboard Manicure! Praticamente si viene a creare una…lavagna, sulla quale divertirsi creando disegni e schizzi! Prima si applica la base nera, poi ci si sbizzarrisce con le penne apposite!

Kreidenagellack

Ciaté Chalkboard Manicure
Ciaté Chalkboard Manicure

Ok ragazze, queste sono un po’ delle novità per le unghie…cosa ne pensate? Le avete provate? Quali vi incuriosiscono di più?

27 COMMENTI

  1. io in questo periodo sto usando il cnd shellac. cioe- lo smalto semi gel che dura 20 gg. mi sembra il metodo piu pratico, bello ed indolore che ce. Una domanda> come fai a gestire il successo e rilassarti allo stesso tempo_ io ho un piccolo blog, ma ogni gg mi arrivano 100 email…il make up, la cosmesi li adoro pero- mi dico chissa come fa clio a non avere stress. ogni gg nuove review, look, ricerche, gestione dei commenti e dei followers!! come fai- sei bravissima.

  2. Ok, mi faccio coraggio 🙂 Ho gia lasciato un commento stamattina su questa discussione ma mi è venuto il classico nodo alla gola che provo ogno volta che si parla di unghie. Le mie sono alquanto rovinate, un pò perchè hanno una forma schiacciata che ho ereditato da mamma e poi perchè le rovino con i denti da quando avevo praticamente 3 anni !!! Si tratta di nervosismo, ansia, agitazione …. tutte le volte che provo queste sensazioni le mie unghie subiscono le peggiori conseguenze. Non mi sono mai posta il problema delle unghie finco a quando anche in Italia è scoppiata la tendenza della Nail Art e vedevo in giro e sulle mie amiche questo trionfo di colori ma soprattutto unghie perfettamente curate senza avere necessariamente chissà quale caratteristica. Ovviamente ho cercato di porre rimedio ed ho provato semplicemente a farmi crescere le unghie con gli smalti rinforzanti e “viscidi” e per un breve periodo sono anche riuscita ad ottenere una discreta lunghezza ma il risultato era ben lontano da quello che speravo, quindi sono tornata alla situazione di partenza e per di più anche le estetiste addette alle manicure dei centri estetici hanno catalogato il mio come un “caso disperato” …. perciò vorrei chiederti solo un consiglio, non cerco un tutorial o un post dedicato alle mie mani, solo una breve risposta che possa aprirmi una strada che migliori definitivamente le miei mani … cercherò di postare anche due immagini di quando sono riuscita a far crescere le unghie e la situazione attuale … spero che tu accolga la mia richiesta, grazie in anticipo Clio 🙂

  3. Ciao, ho avuto il tuo stessa problema: anche io mi mangiavo le unghie fino quasi all’ osso e la mia situazione era molto simile alla tua. Ho iniziato a rosicchiare le unghie alle elementari e mi accanivo su di loro tanto che addirittura ho avuto problemi alla mandibola. Per un periodo sono riuscita a farle crescere ma comunque erano e sono tutt’ora molto deboli tanto da piegarsi. L’ unica modo, per me, per avere unghie presentabili e evitare di mangiarle è stata la ricostruzione: è vero che indebolisce le unghie ancora di più ma personalmente per me non è stato così in quanto le stesse si presentano anche nella norma sottili come carta velina. Ricostruendole ho delle mani presentabili e sopratutto evito di rosicchiarle (dato che il gel è molto duro e rischio di farmi male ai denti) e non peggiorare il problema mandibolare .Personalmente non ho trovato alcun giovamento da smalti o trattamenti rinforzanti perchè anche se l’unghia diventava leggermente più dura diventava troppo rigida e avendole sottile si spezzavano di netto comunque.
    http://www.robertafois.it

  4. Grazie mille per la tua risposta Roberta 🙂 è bello sapere che ci sono persone disposte a fornire piccoli ma preziosi consigli 🙂 Proverò sicuramente con la ricostruzione, sperando di non vedermi chiudere la porta in faccia da un’altra estetista. Volevo solo porgerti una domanda, come ben si può notare, le mie unghie iniziano praticamente sulla punta delle mie dita, con l’aiuto della ricostruzione “indietreggieranno” ??

  5. Se faccio una ricostruzione così di punto in bianco la mia unghia sembrerà sicuramente più lunga, ma la sua lunghezza sarà data solamente dalla sporgenza dell’unghia artificiale rispetto la punta del dito. Io vorrei che le miei unghie prendessero una forma normale senza dover necessariamente ricorrere alle unghia lunghe … E’ possibile ottenere questo risultato col tempo ? … Spero di essermi spiegata 🙂

  6. io posso parlare del mio caso, diciamo che prima avevo solo polpastrello perchè l’unghia era talmente corta che quasi non si vedeva.Con la ricostruzione l’unghia è cresciuta ma se mi tolgo quella artificiale, è più forte di me: me la mangio e ritorno dopo pochissimo allo stato iniziale!! Inoltre come ti avevo già scritto, anche se riuscissi a farla crescere si romperebbe subito e l’avrei di nuovo corta…. Per farla breve, se le tue unghie non sono deboli come carta velina e riesci a evitare di rosicchiarle potrebbero tornare normali ma la vedo molto dura… Secondo me prima devi comunque farti una ricostruzione, altrimenti non ce la fai di sicuro a resistere alla tentazione di rosicchiarle… Lo dico per esperienza!! So che ci saranno estetiste che ti guarderanno storto ma purtroppo esistiamo anche noi onicofagiche e sta proprio in questi casi difficili che è un’ estetista deve dimostrare quanto è in gamba no? http://www.robertafois.it

  7. Le mie unghie non sono deboli ma tendono a crescere all’insù …. sono, come dire, alla francese 😉 …. ed è anche per questo motivo che mi viene le sconforto …

  8. Occhei di quest’ultimo di ciatè non ne sapevo niente, dev’essere molto divertente creare disegni ad effetto a tuo piacere.. Fortee! Per quanto riguarda le mie unghie.. beh adesso che è finita la scuola me le sto facendo nuovamente allungare ma durante l’inverno ed insomma i mesi scolastici me le rovino sempre mordicchiandomele in continuazione unghie e pellicine.. Cosa fare? sarà lo stress ihihihi! Ciao Clioo! =D

  9. Ciao Letizia! si’ e’ probabilmente le stress… ti consiglio di farti una bella manicure cosi’ almeno a livello psicologico ti verra’ meno la voglia di mordicchiarle rovinando la tua bella manicure 😉

  10. Però gli smalti olografici non è che siano sta gran novità… per il resto li adoro tutti (tranne i feathers che non ho ancora visto dal vivo)

  11. Ciao Steffy anche io avevo lo stesso problema…. l’unica cosa da fare e’ avere tanta forza di volonta’… sforzarsi a non mangiarle per non rovinarle… provaci… e’ difficile ma a poco a poco la situazione migliorera’!!

  12. Mmmmh … a guardarle ho i miei dubbi … mi basterebbe averle semplici come le tue 🙂 Grazie mille per l’incoraggiamento 🙂

  13. Le ho provate tutte…l’unica che non ho ancora provato è la Chalkboard…sarà sicuramente divertente!

  14. Ero troppo curiosa di provarli e ho comprato il crazy crystal di Pupa….appena messo l’effetto è molto carino….ma non è per niente pratico, la superficie ruvida si attacca a qualsiasi cosa (vestiti, fazzoletti ….) e di conseguenza si scheggia facilmente. E non parliamo di quando è il momento di toglierlo…una fatica! Insomma secondo me non ne vale la pena.

  15. Ciao ^_^ io ho mangiato le unghie per anni e anni….le mangiavo fino alla radice e a farmi sanguinare le dita.
    Poi un anno ho cambiato scuola e ho fatto l’alberghiero…avevo le unghie talmente schifose e le mani talmente luride (e anche 0 tempo per mangiarle) che piano piano sono ricresciute. Da quel momento non le ho più mangiate e ora tutte le mie amiche mi fanno i complimenti per le mani curate che ho.
    Questo per dirti che sicuramente serve forza di volontà ma anche “agenti esterni” che ti impediscano di sfogarti sulle unghie…giusto il tempo necessario per iniziare a farle crescere…a quel punto inizia a curarle e a registrare ogni piccolo cambiamento…vedrai che dopo un sacco di fatica non te le mangerai più!
    Gli “agenti esterni” sono personali (smalto nero, lavoro di mani, smalto amaro, guanti) e ci vuole la volontà.
    Spero di averti dato una piccola mano.
    Elena.
    Ps. una cosa importante una volta che iniziano a crescere limale bene e spesso e quando vedi che si sfaldano tagliale e falle ricrescere..insomma curale molto. 🙂

  16. Come ben puoi notare dalle foto per un periodo sono riuscita a farle crescere ma sembrava che non facessero parte delle mie dita, sembravano finte. Più le guardavo e più sembravano meno mie .. fino a che ho fatto una bella trinciata con le forbicine. In quel periodo le curavo proprio come mi hai indicato tu, le limavo, se si spezzavano le tagliavo nel punto rotto per farle crescre, toglievo le pellicine e mettevo svariati smalti. Poi mi sono fatta prendere dal nervoso e le ho tirate via. Le porto alla bocca inconsapevolmente, se studio e sono davvero presa mi accorgo di averle rovinate solo quando la superficie non è più liscia e graffia ovunque tocco, è proprio un cruccio. Di sicuro come hai detto tu conta l’aspetto psicologico, infatti spero che appena finita la maturità (domani, help !!!) possa riuscire ad essere un pò più serena e risparmiare le unghie per poi darle finalmente una vita ! Infatti nella foto con lo smalto, le unghie erano il risultato di un’intera estate di impegno, proprio perchè in estate si ha meno stress … spero di postare un giorno una foto di mani “normali” ! Grazie per la disponibilità 🙂

  17. Per toglierlo senza dover sfregare a lungo puoi preparare dei dischetti imbevuti di solvente, li poggi su tutte le unghia e li avvolgi con la stagnola. Dopo 2 minuti al massimo lo smalto si sarà completamente tolto…

  18. Avevo già sentito parlare dell’effetto specchio, e avevo già visto numerosi smaltini in giro per negozi che creavano quest’effetto! Ma non mi sentivo convinta nel provarli…ma ora che ho visto la foto e l’effetto fantastico sulle unghie della modella mi sono ricreduta e non vedo l’ora di comprarlo!!!!
    Bellissimo effetto anche l’effetto lavagna! Lo proverò appena vedrò qualche marca in Italia che lo produce! 🙂

  19. io sto provando a nn mangiarle! a si fa fatica moolto fatica! e adesso ke nn le mangio più cs fanno? iniziano a sfogliarsi!bah! le unghie!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here