Ciao a tutte!

Aaaah lo smartphone, il nostro migliore amico ;D! Passata la fase in cui con un orgoglio quasi testardo rifiutavamo di ammettere la totale e incontrollabile dipendenza da questa scatolina tecnologica, siamo passate a trascorrere ore ed ore a fissare lo schermo senza vergogna ;P

E quando si unisce l’utile al dilettevole possiamo riscattarci dichiarando senza timore che lo smartphone, e le sue app, servono davvero!! ;P

Non si tratta di una scusa: quei programmini che ci facilitano la vita di tutti i giorni possono davvero fare la differenza e vi daremo 10 esempi di app da avere a portata di pollice 😉

In realtà non tutte le app della lista sono state create per sole donne, ma ci sembra giusto inserire tutte quelle risorse utili alla donna moderna di oggi, che si affaccia alla quotidianità con grande senso pratico! 😉

cliomakeup-10-app-donna

Clue

cliomakeup-10-app-donna

Le donne hanno il ciclo. Le donne hanno bisogno di stare a passo con il loro ciclo. Passaggio finale: le donne hanno bisogno di uno strumento per stare a passo con il loro ciclo! Clue vi accompagna 365 giorni all’anno durante tutte le fasi che caratterizzano questo momento critico, tutto al femminile. Può essere visto come uno strumento di tracking che traccia il vostro profilo a seconda delle informazioni con cui nutrite l’applicazione!


cliomakeup-10-app-donna

Una volta che avrete inserito abbastanza dettagli sulle vostre esperienze (ovvero il resoconto dei mesi di agonia mestruale) l’app sarà in grado di dirvi come ve la passate ;P tracciando le vostre abitudini e i tratti che vi distinguono.

Companion

cliomakeup-10-app-donna

Rientrare a casa da sole, di notte, spaventa tutte noi! E c’è chi ha pensato di darci una mano attraverso un’app che, una volta aperta, ci chiede di inserire il nostro itinerario di viaggio così da monitorare i nostri movimenti. Il passaggio successivo è aggiungere uno o più numeri di telefono da contattare (i vostri companion = compagni di viaggio) che saranno informati all’istante nel caso vi accada qualcosa di sospetto, in extremis si arriva anche a chiamare direttamente la polizia.

cliomakeup-10-app-donna

Potete lanciare voi l’allarme attraverso un semplice bottone che, automaticamente, informerà i vostri companion. In aggiunta, l’app saprà riconoscere se qualcosa sta andando storto, nel caso ci mettiate più tempo del dovuto a percorrere il tragitto stabilito e, addirittura, è in grado di percepire movimenti improvvisi del telefono, come una caduta!

Nike Training Club

cliomakeup-10-app-donna

Il colosso sportivo ha creato un’applicazione per chi vuole mettersi in forma dalla comodità del proprio cellulare! Il messaggio lanciato dall’app riguarda una donna forte in grado di vincere qualsiasi sfida!

cliomakeup-10-app-donna-6

Vengono proposti programmi ed esercizi personalizzabili, spiegati attraverso video e foto di personal trainers e in alcuni casi anche celebrità! Se questo genere di app è quello che vi interessa di più, vi ricordiamo che ci sono parecchi profili Instagram che dovreste seguire, per essere sia smart che fit!

OPI

cliomakeup-10-app-donna

C’è poco da spiegare, il nome del brand ci dice già tutto 😉
L’utilità di questa app è abbastanza intuibile: quando non avete voglia di sporcarvi le unghie per cercare il colore di smalto che vorreste, provate a sperimentare in via virtuale! Ci viene offerta una vasta gamma di colorazioni per aiutarci alla scelta di un nuovo look mani, direttamente dal nostro smartphone.

Ragazze mancano ancora molte app da scoprire! Nella pagina successiva troverete qualche elemento sconvolgente, vi diciamo solo che una di queste applicazioni richiede l’inserimento di uno strumento all’interno del nostro corpo! Curiose??

84 COMMENTI

  1. Bellissimo post ragazze! Le mie app preferite sono:
    -Buy me a pie!: utile per fare liste della spese, che si possono condividere;
    -Citymapper: app senza la quale mi sarei persa in mille città;
    -WomanLog: per tenere sott’occhio il ciclo.

    Non vedo l’ora di scaricare quelle proposte da voi 🙂

  2. Per controllare il ciclo esiste “il mio calendario” molto semplice da usare e intuitivo. Mi attira molto la app per controllare le spese e quella che ti riporta a casa ahahah fantastica!

  3. La app Mint meglio proprio che non la scarichi: vedere scritto nero su bianco che ho le mani bucate potrebbe provocarmi una crisi di nervi!
    Companion la trovo utile, Spotify utilissima!
    Quella di Opi non so, dipende se le prove smalto vengono fatte sulla foto della nostra vera mano, e non di una precaricata, perchè ovviamente cambia tutto…
    Elvie per il pavimento pelvico anche no… meglio affidarsi a una brava fisioterapista, perchè a seconda che si soffra di incontinenza o di muscolatura pelvica contratta cambiano esercizi e anche “strumenti”.

  4. molto utile la app Mypill, io la uso per ricordarmi quando devo togliere e rimettere l’anello, devo dire che spesso mi salva perchè me ne dimentico completamente 😀 voglio provare Mint e Companion, mi sembrano entrambe molto utili e visto che torno sempre a casa da sola coi mezzi la seconda mi sembra davvero interessante, non si sa mai…

  5. Io trovo davvero utile Chefplan App: si tratta di una app per gestire i propri pasti (colazione, pranzo, cena) inserendo cosa si mangia (o cosa si intende mangiare) indicando anche le categorie (carne, pesce, verdure ecc). Esiste anche una sezione dedicata alla lista della spesa. In questo modo posso programmare cosa mangiare nei vari giorni della settimana, controllare di assumere abbastanza frutta/verdura, poca carne ed aggiungere quello che manca direttamente alla lista della spesa, geniale!

    Per il resto uso una app per il ciclo (il mio calendario) per poter programmare le vacanze future senza correre il rischio di farle proprio nei giorni “no” del mese e una app per controllare quello che spendo (Finance 41) diviso per categoria (spesa, appartamento, extra ecc).

    Ah, Citymapper è la mia salvezza!

  6. Non conosco Mint, ma uso MoneyLover ed è super utile per me! sì, ci fa rendere conto di quanto e come lo spendiamo e sono cose che di solito non vorremmo vedere. Però così vi giuro che io riesco a gestirmi molto meglio e faccio anche più shopping, perchè riesco a non sprecare soldi in cose meno importanti (vedi snack giornalieri che alla lunga aumentano il totale delle spese). Alcune delle altre app mi interessano, soprattutto quella che ti ricorda i posti preferiti o che ci vorremmo ricordare per il futuro. Io sono un’eterna smemorata e ho bisogno moltissimo della app Note 🙂

  7. Fisioterapista o OSTETRICA! sono di parte, ma vorrei ricordare a tutte le donne che la cura del pavimento pelvico è un ambito di occupazione prima di tutto delle ostetriche! Solo noi conosciamo perfettamente tutti i fattori della gravidanza e parto che potrebbero effettivamente portare poi ad una incontinenza, quindi non dico assolutamente che i fisioterapisti non siano validi, ma penso che noi riusciamo ad avere una visione più a 360 gradi!

  8. Clue non la posso più né vedere né sentire, ne ha parlato OGNI youtuber dicendo sempre le stesse cose (d’altronde se ti pagano) ma alla fine è un app calendario per il ciclo uguale ad altre mille!

  9. Beh hai perfettamente ragione! Io ho detto fisioterapista perchè all’epoca avevo un problema di tensione della muscolatura a livello di perineo, ed è stato il mio ginecologo a indirizzarmi ad una fisioterapista che però si occupa di queste casistiche (quindi non una fisioterapista qualunque). Ed è stata la mia salvezza, perchè dopo innumerevoli tamponi alla ricerca di qualche infezione, antibiotici e antimicotici prescritti a caso, sono approdata a questo ginecologo (che ha finalmente capito cosa avevo!) prima e alla fisioterapista poi, che senza alcun tipo di medicinale mi ha curato!

  10. Volevo fare solo un appunto un po di parte ;D, sono comunque contenta che tu sia riuscita a risolvere il tuo problema! Purtroppo quando si parla di incontinenza molte donne pensano che sia una cosa normale e di conseguenza non si fanno curare, invece vorrei far capire a tutte che l’incontinenza NON è una cosa normale che prima o poi tutte avranno, se avete dei sintomi andate da uno specialista!

  11. Per controllare il ciclo uso Period Tracker.
    Per i posti da salvare invece uso My Maps di Google
    Spotify è utile fino a un certo punto in quanto non ti consente di selezionare un brano ma ti consente di ascoltare brani random che sceglie l’applicazione. L’unica maniera per selezionare il brano che vuoi è quella di sottoscrivere un abbonamento che al costo di €10 al mese. Questo vale per Spotify come per Deezer.
    Ad ogni modo io vorrei chiederti quali sono a tuo avviso le applicazioni più utili per migliorare la luminosità o l’effetto generale finale dei selfie senza stravolgere troppo la foto …
    Insomma come fai a essere sempre così bella e perfetta?
    Un bacione :*

  12. Ho provato Clue spinta dall’entusiasmo di praticamente qualsiasi blogger/youtuber la continuo a trovarla poco intuitiva e bruttina. Ne ho provate a decine di queste app ma sono sempre tornata a WomanLog usata in combo con MyPills. Grafica pulita e intuitiva.

    Mi sono già segnata di scaricare Companion, è una mia paranoia che mi possa succedere qualcosa… Di questi tempi poi!
    Mi interessa molto Mint anche, però non riesco a capire qual è quella giusta che menziona il post. Potete aiutarmi?

  13. Che io sappia c’è solo a pagamento, ma comunque costa davvero poco e personalmente la trovo molto utile 😉

  14. Non la conosco, ma dai un’occhiata anche a MoneyLover, è la app che uso io e mi piace perché ha tutto. puoi anche pianificare i risparmi, darti dei budget, gestire le spese di un viaggio/evento per capire quanto spendi e vedere tutti i report anche per categoria. Io ne avevo guardate molte di app di questo tipo e alla fine sono approdata lì, la trovo molto veloce ed intuitiva.

  15. Si così è meglio, così ti rendi conto cosa funziona meglio per te. Io avevo provato anche cose col pc, ma per registrare le spese fatte è molto meglio farlo sul momento con lo smartphone così non ci si dimentica. Io segno anche i 30 c per il caffè e ormai non mi trovo quasi più a dire “ma quei soldi dove sono finiti?”

  16. Altra app che consiglio, se avete una macchina, è Drivvo. Me l’ha consigliata un benzinaio ed è molto utile per monitorare le spese e soprattutto per vedere quanto consumate. Mi è stata anche molto utile nel calcolare i km fatti dalle mie gomme, perchè quando registrate un pieno si segna la data e i kilometri fno a quel momento. È molto veloce da usare

  17. Eri l’unica che non aveva ancora smarkettato clueapp. Anche le altre lo sono? Ce n’è qualcuna che consigli davvero?

  18. Ce la siamo sempre cavata bene con il ciclo, segnando il giorno sul calendario e ascoltando i nostri sintomi. Si viveva in pace, la facevamo semplice, ma adesso abbiamo tuuutte bisogno necessariamente di Clue altrimenti nun se po’ andare avanti! Non si vive senza!! Mannaggia!!

  19. In che senso Spotify non ti consente di selezionare un brano? Io cerco la canzone che mi interessa e la metto in una playlist che ascolto ogni volta che lo desidero.

  20. Io uso woman log e avevo anche la versione per la gravidanza. Interessante mint perché ultimamente sono un po’ spendacciona

  21. Io consiglio Il mio calendario (per il ciclo), Lady pill reminder (per la pillola appunto) e Palinsesti tv, oltre a far vedere tutto il programma fino a 2 giorni avanti se non sbaglio, si possono mettere sveglie e promemoria se ci interessa vedere qualcosa. Mi incuriosiscono quella per le spese e quella per il tragitto…Clio vogliamo la tua app anche per Android 😛

  22. Conosco (e ho) solo Spotify. Ascolto per di più la radio (genere rock), mentre mi
    faccio la doccia o il trucco.
    Le altre app mi lasciano indifferente e/o perplessa.
    Cmq è vero che il cell ora mi serve più che mai! A parte WhatsApp per restare connessa con il mondo (adoro il fatto di poter mandare anche le foto, o audio o canzoni – cosa inimmaginabile 15 anni fa) uso l’orologio per gli infusi del the o la cottura in cucina, il calendario per tenere sotto controllo la mia vita, la mail per scrivere alla sorella, la galeria con tutte le foto di trucchi o abiti scaricati per lo più su questo blog da mostrare velocemente alla commessa, la app con un libro da leggere mentre aspetto in fila o mia figlia alla lezione di danza (al momento Ken Follet La caduta dei giganti, il 2.), Instagram per vedere tutte le ragazze molto più brave di me e tutti i posti meravigliosi dove non andrò mai, Shazam per capire sempre di chi è QUESTA canzone, Netflix per le ore noiose al lavoro (rimane tra me e te), la torcia – utilissima, la uso non ogni giorno ma quasi, la camera – beh. Sappiamo tutte perché. Ora la bimba è grande ma quando era nata 6 anni fa, i telefoni non facevano tutte ‘ste foto così belle, così giravo con la macchinetta. Quasi sempre quando mi serviva, per quando l’ho trovata, aperta e accesa – il momento buffo o speciale o non so – era finito da un pezzo.
    Il cellulare. Ancora non sappiamo quali terribili malattie ci stiamo procurando usandolo tutte queste ore al giorno. Ma caspita se fa comodo!

  23. Quella sul ciclo pensavo fosse inutile eppure leggendo i vostri commenti, mi sa che sbagliavo, che era irrilevante solo per me eh eh! Ma davvero c’è bisogno di un cellulare che dica quando si è avuto il ciclo o quando lo si avrà? Le app che uso io, anzi che usavo, sono Myfitnesspal, per sapere quante calorie ho introdotto e se erano ben bilanciate le quote di proteine, carboidrati e grassi, SixPacks, una vita fa insieme a Runtastic e MyCicero per la sosta su strisce blu che straconsiglio, è comodissima

  24. ma dal cellulare? sul pc si, ma sul cel queste funzioni credo siano solo per chi paga l’abbonamento premium

  25. In realtà io l’ho scaricata proprio perché non segnavo mai nulla sul calendario e non ho sintomi. La ginecologa mi sgridava ogni volta perché ero l’unica a non segnerà nulla. Con questa mi trovo bene anche perché oltre a tenere sotto controllo il ciclo mi ricorda quando prendere la pillola. Non demonizziamo sempre la tecnologia suvvia, c’è che si trova bene con penna e calendario e chi con una bella app che fa tutto da sola 😉

  26. Fino a 2 giorni fa avevo un cellulare della preistoria. Visto che aveva problemi con le chiamate, il mio fidanzato me ne ha regalato uno nuovo, davvero veloce e bello. Ma non ho intenzione di usare le applicazioni. A parte “companion” utile per chi vive da solo, per le altre mi sembrerebbe di affidare la mia vita ad un telefono. E proprio non mi piace, non sapendo quanto sia tutelata la mia privacy.

    Ho il ciclo regolare e non ho bisogno di nessuna app. Ho preso la pillola per anni senza mai dimenticarla. Sono affezionata al mio ipod per la musica.
    Proprio non m’interessa nulla.

  27. Clio sarebbe utilissima un’app per il tuo blog, Ne avevo sentito parlare ma non sono mai riuscita a trovarla sullo store, alla fine avete abbandonato l’idea?

  28. Diciamo che avere un’applicazione che in base ai dati che inserisco mi dice se quando andrò in ferie avrò il ciclo o no, non mi schifa!

  29. Io ho solo spotify che uso quotidianamente e mi piace molto. Non ho molte applicazioni del cellulare: il ciclo mi ricordo quando mi viene e sento che arrivano i sintomi sempre più o meno in orario. Altre applicazioni non le trovo utili. Uso whatsapp, a volte la fotocamera, Safari, posta, chiamate e messaggi. L’unica applicazione che mi piace è quella Salute, impostata dell’iPhone di default e che dice quanto si cammina in un giorno/settimana/mese/anno

  30. Bene. Articolo pensato per chi ha iPhone. Io ho Windows 10 Mobile con Microsoft Lumia 640, leggero e veloce ma povero di app per motivi che sanno solo i Grandi del Business.
    Al posto di Clue abbiamo “Il mio Calendario”, “Companion” non esiste, nemmeno Mint. La musica per noi è Groove Music, con 9,90€ al mese ti ascolti tutta la musica che vuoi anche offline senza consumare dati. Spotify non mi piace. Ah…non c’è neanche la app di Clio.

  31. Dal cellulare non so perché il mio è vecchio stile, io lo faccio sul tablet (che comunque è un dispositivo mobile) e non pago né ho mai pagato nulla.

  32. Ma se proprio proprio ce lo segnassimo sul calendario o sull’agenda??!!!!servirà proprio una app?

  33. Io uso la versione gratis di Spotify sul tablet e metto le canzoni che mi interessano nelle playlist che ascolto quando mi va, senza avere mai pagato nulla, purché ci sia una connessione internet. Inoltre, Spotify Premium permette di non avere interruzioni pubblicitarie e una qualità audio migliore. Per me, comunque, la versione gratuita va benissimo. https://www.spotify.com/it/premium/

  34. Oddio ma ‘sto Elvie mi inquieta parecchio!!! Ma ginnastica normale con ostetrica no eh?
    Io invece di Clue e MyPill vi segnalo Womanlog: unisce le due app in una sola ed è molto intuitivo. Io uso quella.
    Del resto le altre app non le uso e non mi interessano nemmeno..

  35. Non si può leggere che viene consigliato il rafforzamento della muscolatura pelvica, quando il 90% delle ragazze soffre in maniera più o meno accentuata di ipertono del pavimento pelvico… Questa é disinformazione e non sapete nemmeno che danni potete provocare dicendo queste cose: Ci vogliono mesi per non dire anni per sciogliere una contrattura pelvica!!! Vergognatevi!!!

  36. Quella di OPI ce l’ho da anni è divertente ma è più che altro un giochino, tutti quei colori in Italia non ci sono!

  37. È incredibile che Windows non sia stato in grado di sviluppare un parco app degno. Io sono utente iPhone proprio per questo, perché le app sono infinite e soprattutto ben fatte! Microsoft non si è ancora indirizzata verso nulla, propone prodotti belli e reattivi ma manca nel software…peccato!!fa strano qui da clio parlare di smartphone e app

  38. Infatti… Ma io non posso permettermi un iPhone (anche se pare che il moroso me lo regalerà fra qualche mese) e Android non lo trovo affidabile se non “montato” su harware costosissimi. Ehehhe si…fa strano parlare di questo qui… 🙂

  39. Esattamente: occorre mettete la canzone in una playlist. La versione gratis da smartphone non ti consente di selezionare un brano e ascoltarlo in quel momento. Per Questa versione (gratis da smartphone) occorre necessariamente creare delle playlist; spesso quando le playlist sono troppo brevi Spotify inserisce automaticamente brani riempitivi.
    Per questo la soluzione migliore per me è ascoltare Spotify dal PC che ha la possibilità di selezionare un brano e ascoltarlo nello stesso momento.
    Solo in estate mi faccio l’abbonamento perché sto in giro e non ho sempre il pc a portata di mano..

  40. L’app per il ciclo l’ha scaricata da tempo il mio fidanzato per sapere in quali giorni comportarsi meglio

  41. io trovo utilissima Clue, e adoro che non sia tutta rosa a fiorellini eccetera come quella che avevo prima. Ora che ci sono abbastanza dati é diventata molto precisa ed é un valido aiuto… ho i nervi a fior di pelle sia durante l’ovulazione che durante la sindrome premestruale, almeno posso correre ai ripari. E posso imbottirmi di potassio e magnesio per tempo, cosí da evitare i crampi. Adoro anche Spotify e voglio provare quella della nike!

  42. Scusa se insisto (giuro che non sono pagata o altro da Spotify), ma ho preso il tablet, cercato su Spotify una canzone che non è nelle mie playlist e l’ho ascoltata quasi subito, dopo pochi secondi di pubblicità. Quindi direi che è possibile scegliere un brano e ascoltarlo nello stesso momento. Questo con il tablet, può darsi che con il cellulare sia diverso.

  43. Ciao TeamClio, tra tutte queste app la più utile mi sembra Companion.
    Comunque non uso nessuna di queste app (ho pure la memoria piena ahah).

  44. Immagina un mega obeso di 500kg dentro una macchina molto piccola, tipo la 600. Avrebbe poco spazio di manovra, sicuramente, potrebbe incastrarsi o rimanere bloccato, impedendo quindi il corretto funzionamento della vettura. Non sono pochi, infatti, gli utenti Android che dicono :”Si blocca, si blocca!”, sfogliando anche solo la galleria foto, in special modo chi possiede un dispositivo di bassa fascia. Per fare un esempio estremo: Ho un Vodafone Smart Mini con Android (regalato da mia mamma quindi per me molto prezioso, pur avendo un valore al di sotto dei 90€), e capitava spesso che mi sparissero delle foto, non “teneva in piedi” più di due app aperte (per dire, Facebook e Whatsapp). Ho anche un Tablet Samsung Galaxy 2 (2013), pagato quasi 700€, che all’inizio mi dava tante soddisfazioni ma, dopo i primi aggiornamenti ha cominciato a perder colpi (proprio per la pesantezza degli aggiornamenti stessi). Invece, un piccolo (di dimensioni e di memoria Ram) Lumia 520 del valore di 100€ circa, è in grado di fare qualsiasi cosa senza bloccarsi. Perché? Perché Android viene montato su diversi dispositivi (Sony, Alcatel, Huawei, Samsung, LG ecc), mentre Windows Phone (Ora Windows 10 Mobile) è stato costruito apposta come sistema operativo dedicato per i Nokia Lumia (Ora Microsoft Lumia). Un po’ come iOS per i prodotti Apple. Meno personalizzazione ma garanzia di stabilità (leggi= non ti perdi nessun file, non ti spariscono le app, non ti si pianta il telefono quando hai fretta, nemmeno passando a velocità della luce da una app all’altra 🙂 ). Spero di essermi spiegata bene, neanche io sono un’espertissima 🙂

  45. sì ti sei spiegata benissimo, grazie!!! 🙂
    Non sapevo niente di tutto ciò!!! 🙂
    A me si blocca spessissimo, anche perchè si riempe sempre la memoria. Ho un Samsung galaxy ace style. Si chiude la fotocamera quando non vuole farmi scattare foto. Snapchat si blocca. A volte si chiude instagram mentre sto guardando le foto. Facebook con il nuovo aggiornamento non ho ben capito come si fa ad aprire. What’s app non dà problemi.

  46. Ho avuto iPhone nel 2008 quando era roba per pochi, son ritornata a telefonini “imbarazzanti”, ho avuto diversi Android, e tre Lumia. 🙂

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here