Ciao a tutte!

Ordine del giorno: collarini. Qualcuno li ama, li ha sempre amati, e vabbè. Qualcun altro, invece, magari li ha tollerati negli anni ’90, ma rivederli in auge nel 2016 è stato un trauma. Le prime apparizioni sono state ignorate, sperando in quei trend che muoiono sul nascere, del tipo “sì ok ci hai provato, ma ora siamo seri”. Ma purtroppo, per questa seconda categoria, ormai è innegabile. Non solo il collarino è definitivamente tornato, ma è assodato che sarà una delle mode più forti dell’anno – e chissà, magari dura anche un po’ di più.

Per placare gli animi delle hater del collarino – o, come lo chiamano in USA, del choker – vogliamo stuzzicarvi con la contraddittoria, assurda e un po’ inquietante storia di questo accessorio, raccontata in qualche modo dalle sue più grandi rappresentanti: da Anna Bolena a Lily Rose Depp, passando rigorosamente per Cenerentola e Mia Wallace.

Sperando di avervi un po’ incuriosite, avvisiamo le choker-lover che vi elencheremo anche le tipologie di collarino più in voga al momento!

ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa-cover.001.jpeg

L’ORIGINE SANGUINOLENTA DEL COLLARINO: I BALLI DELLE VITTIMI

L’origine del collarino parrebbe avere delle connotazioni abbastanza splatter e il suo percorso attraverso i secoli è non poco controverso. Siamo certe che molte di voi abbiano pensato, “semplicemente”, che si trattasse di una versione pop di un collare da sesso sadomaso, per aggiungere del carattere malizioso al proprio outfit. E, certo, evoca anche quello oggi, ma il nostro racconto inizia molto prima che bondage&co. potessero essere presi in giro dalla moda.

Secondo un’interessante articolo uscito su Vice, infatti, questa moda si diffuse innanzitutto nel XVIII secolo, in Francia, quando i figli dei nemici della Rivoluzione cercavano di esorcizzare il trauma di vedere i propri genitori e parenti ghigliottinati organizzando feste quasi orgiastiche diventate celebri con il nome “balli delle vittime”. Durante questi “party”, i partecipanti indossavano un laccetto stretto al collo che simboleggiava la decapitazione dei loro parenti.

ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa-5ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa-5

Insomma, un gesto tra il commemorativo e la protesta che poi, come spesso avviene, è stato ripreso da altri, perdendo, più o meno in parte, il proprio senso originario.


ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa.001

Molti ricordano con un brivido il fatto che una fan dei collarini fosse Anna Bolena la quale, poco tempo dopo la conclusione del suo più famoso ritratto, in cui indossa un collarino di perle con una grande B al centro, è stata fatta decapitare.

COURTNEY LOVE E ANNA BOLENA HANNO QUALCOSA IN COMUNE

cliomakeup-star-piu-odiate-4-courtney-love

Quest’ultimo aneddoto era necessario per dare un senso, come ricorda anche l’articolo di Vice, al celebre verso che ha cantato Courtney Love in Old Age: “Someone please tell Anne Boleyn, chokers are back in again”, “Qualcuno per favore dica ad Anna Bolena che i collarini sono di nuovo di moda”. E lo erano davvero: gli anni ’80 e soprattutto ’90 sono stati l’epoca d’oro, quella a cui si riferisce anche il trend che pare essere tornato oggi. Ma dai “balli delle vittime” al grunge c’è dell’altro.

DALLE PROSTITUTE ALLE BALLERINE: LE TESTIMONIANZE DEGLI ARTISTI

Il famoso riferimento sessuale che, un po’ d’istinto, molti collegano al collarino non è del tutto mal posto. Nella prima metà dell’800, infatti, il laccetto al collo era portato principalmente dalle prostitute, come testimonia Manet nel suo famosissimo quadro Olympia, che destò scandalo più per lo sguardo fiero della modella, che per la sua nudità. Più avanti rientrò nella moda accettata dalla nobiltà e divenne tipico anche delle ballerine di danza classica. Degas testimone.

ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa-4

ClioMakeUp-collarino-choker-storia-star-cosa-significa-3

…Ma il 900? Proprio di questo vi parleremo nella prossima pagina, aggiungendo anche quali sono i diversi tipi di collarino che stanno andando di moda e quali scegliere in base al proprio stile e al significato che si vuole dare al proprio look!

94 COMMENTI

  1. Ho ancora un collarino di velluto nero con ciondolo, direttamente dagli anni ’90… posso ancora riciclarlo allora ?

  2. Non lo avevo negli anni 90 e non lo avrò adesso. Non mi piace, e trovo sia di una volgarità unica. Non per il significato eh, proprio per come rende i visi. Sarà poi che lo abbinano sempre a trucchi forti, lo trovo bruttino e poco elegante.!
    Buon weekend ragazze

  3. Abbianato come nella foto di Alexa chung con un look quasi bon ton nemmeno mi dispiace. Occorre avere un collo da cigno però… nelle foto sopra Gigi hadid sembra senza collo.

  4. Non ho mai pensato che la collanina cosi (chiamarlo collarino è proprio brutto) fosse un richiamo al bondage

  5. Ma anche no! Mi viene in mente quel collarino di velluto o quello di plastica che andavano negli anni 90:li odiavo allora è li odio anche adesso..

  6. A me piaceva un sacco negli anni ’90 e tutt’ora non mi dispiace vederlo, ma devo ancora provare ad indossarlo. Aggiunge un non so che al look, adoravo quello di Natalie Portman in Leon (manco a dirlo

  7. A me non spiace il fiocchettino stile Maya/Degas ma mi dà la sensazione di strangolamento e quindi se oso lo lascio sempre troppo lento…

  8. eh sì anch’io sono stata vittima del collarino di velluto con ciondolo degli anni ’90 …
    già allora non lo trovavo bello ma a 16 anni che vuoi fare andare contro il trend del momento?? :-)) però oggi proprio no ….anche se … a un collarino di diamanti non si dice mai di no!

  9. Non fa per me. Negli anni 90 qualche volta l’ho indossato ma ero adolescente ci stava, cosa che non farei adesso!

  10. Io mi sono convinta a comprarlo solo qualche settimana fa, ho trovato un pack di tre collanine e mi sono detta ma si proviamoci, male che va li riciclo come dei bracciali. Sono tre chocker finissimi, uno tipo catenina e altri due tipo cordoncino nero. Quelli troppo alti non mi piacciono, mi danno l’idea di soffocamento o collare da cane.
    Devo dire che li ho provati e mi piacciono, danno qualcosa in più all’outfit, anche con un semplice maglioncino grigio. Cerco di seguire uno stile grunge e anche solo un semplice filo nero al collo cambia tutto https://uploads.disquscdn.com/images/71d60660e3dcc5fc9d52a3295a61c8ba9ebb94eda5650046e2ed779e44dd31a2.jpg

  11. Durante gli anni novanta lo usavo (avevo quello di plastica del cioè e uno di perline nere a zig zag e mi sentivo fighissima) però avevo dieci anni!! Quando l’ho visto riapparire ho fatto un colpo. Non penso proprio che lo userò adesso, non ho più dieci anni

  12. La catenina di rosario che ho acquistato ha un po’ di anellini per cui la posso allacciare come voglio , mi piace un sacco a collarino cosí che nel dietro rimane una striscia che scende nel collo , non mi piacciono invece i collarini tipo collo a dolcevita . P.S. ragazze perchè non scrivete tutto in nero anzichè grigio ? La mia vista con l’ età perde e non vedo una mazza ahah , scusate ne … Buongiorno a tutte / i

  13. Confesso. Io ci sono cascata.
    Ne uso uno nero di stoffa alla cenerentola e devo dire, contro ogni previsione, che mi piace. Però cerco di abbinarlo a un trucco leggero sugli occhi, MLBB e capelli raccolti in una coda alta. Anche il resto del look è molto soft…sabato scorso l’ho indossato con jeans a vita alta e golfino azzurro, molto casual. Penso che tutto dipenda dal resto del look e dal risultato finale che si vuole ottenere. Sono comunque una vittima degli anni 90
    Buon weekend 🙂

  14. Secondo me ci sono stili e stili di choker, alcuni più “tamarri” e altri più glam. Altra cosa, non credo stia bene a tutti… bisogna anche avere un bel collo (perlomeno lungo) altrimenti si rischia di avere l’effetto senza-collo.

    A me, comunque, il fatto che sia tornato in trend non dispiace… anzi… mi ha solo inquietata un po’ la storia e le origini di questo accessorio 😐

  15. Anche io lo trovo orrendo. Sono poi scioccata che sia tornata di moda l’orribile collanina tatuaggio.

  16. Belle così fini le avevo da piccola negli anni 90. A me invece piace giocarci per creare un loon bon ton, è quasi una sfida perché il pezzo attorno al quale si concentra il look è di tutt’altro stile. Comunque è vero un semplice dettaglio cambia tutto e dà molto più carattere

  17. Esatto brava, ho comprato un maglioncino rosa chiaro un po’ oversize che potrebbe fare effetto nonna però mettendoci il dettaglio del chocker rinvigorisce tutto quanto

  18. Io negi anni 90 lo usavo ogni tanto, ne avevo uno tutto di perline, che poi si è pure rotto… ☹️ E in casa da qualche parte ne ho uno di raso con un fiore… Mi piacerebbe poterli indossare, ma tempo poco mi sento strozzare la gola, anche se sono larghi, inoltre mi sembra di avere il collo corto e tozzo, non mi piace proprio l’effetto che fanno su di me.

  19. Ti giuro stavo scrivendo la stessa cosa. Mi ricordo ancora che nei primi anni ’90 il mio collarino era in velluto nero con il velcro come chiusura… e al centro una piccola perla bianca….brrrrrrrr.
    L’ho buttato anni fa!

  20. Be se vogliamo parlare degli anni 90, quando ero bimba facevo la collezione dei collarini di plastica intrecciata che regalavano con le patatine, lì ho ancora di tutti i colori…quelli insieme a ciucci e troll e si era trendissimi!!!!

  21. Negli anni ’90 ne avevo una collezione intera e li ho messi talmente tante volte da essermi passata la voglia 😀 non fanno più per me! 😉

  22. Io ne avevo due (se non sbaglio li avevo trovati in regalo nei giornaletti “cioè”), uno nero e uno viola, di plastica intrecciata…e ultimamente vedo spesso persone che indossano collarini esattamente in questo modo!! Sinceramente così non mi piacciono proprio, penso non siano affatto eleganti…ma mi piacciono molto gli esempi qui proposti in stile bon-ton, con o senza ciondolo! Penso che potrei provare a comprare uno del genere…anche io non ho il collo lunghissimo, ma penso che il problema sussista se se ne indossa uno spesso (come quello di gigi hadid ma anche quello rosso dell’attrice bionda di cui ora non ricordo il nome)…uno sottile e magari brillante non penso che accorci troppo il collo!

  23. Negli anni 90 era un must!!!
    Io ne avevo uno di stoffa nera e un altro nero ma fatto di perline di plastica. Se non sbaglio uscirono dal mitico cioè, ma nn li ho mai usati,mai piaciuti!!!

  24. Non ho mai capito perché al bellissimo vestito di Cenerentola abbiano abbinato quel collarino nero che con gli altri colori fa a pugni… mah!

  25. Anch’io ce l’avevo e mi sentivo come te: fighissima!! Poi sono passata a quello con le borchie quando ho cominciato a vestirmi da metallara ed era stra-fighissimo!! Ora no, xo’ quelli carini con stras e gioielli non mi dispiaciono!!

  26. Io ne avevo uno bellissimo fatto di perline di plastica azzurre e legno stile indiano e lo mettevo sempre era troppo bello! Ce l’ho ancora in un cassetto e non potrei mai rimetterlo ma neanche buttarlo, ho troppi ricordi!!

  27. Io ne ho uno uno nero di velluto abbastanza alto, ma non credo mi stia male perché ho un bel collo (che poi cos’è un bel collo? Insomma non assomiglio a Maurizio Costanzo ahahah). Ne vorrei altri ma non saprei bene come abbinarli, questo lo metto con il total black o con dettagli leggermente anni 90 tipo O vita alta O rossetto marrone. Idee su come vestire anni ’90 senza sembrare pronta per una festa in maschera o come Ariana Grande che trovo assai volgarotta e mi sembra troppo una baby squillo?

  28. AMO i collarini! Li ho sempre amati, negli anni ’90 io ero una bambina ma ricordo che vedevo tutte queste ragazze grunge con questi laccetti al collo e le guardavo estasiata: conferiva loro un’aura di fascino e mistero che per me era irresistibile!
    Adesso che sono tornati di moda sono in brodo di giuggiole, davvero non riesco proprio a capire come si faccia ad odiarli! Anzi, leggendo l’articolo mi è venuta voglia di uscire col collarino stile tatuaggio che conservo dal 1999 ed andare a comprarmene una manciata!!!

  29. Negli anni ’90 li adoravo! Li avevo sia in velluto nero con un ciondolo, sia con le perline. Li conservo ancora adesso 🙂

  30. A me piace il chocker, non più quello tattoo perché ormai ho fatto il mio tempo, ma quelli dorati o argentati mi piacciono assai. Il problema è che mi vedo un po’ Maurizio Costanzo.

  31. Forse anche perché siamo abituate a vederla così fin da bambine … rivedendolo adesso non mi convince, però per essere elegante è elegante!

  32. Che siano di velluto, a tattoo, con le perline, di pelle vera o finta pseudo sado-maso, ce li ho tutti XD Ho la fortuna di avere il collo lungo e non trovo niente che lo valorizzi come i collarini! Ne ho comprato anche uno di velluto col ciondolo a forma di sole per omaggiare Mathilda, una delle mie eroine cinematografiche preferite <3

  33. Ciao Ragà !! Mai usato. Però ne avevo uno rosso trovato nelle patatine !!! Una volta ho provato a indossarlo e l’ho tolto dopo poco perché mi dava un fastidio avere sta cosa appiccicata ar collo ;))))) … ma chi si trova a proprio agio, perché no !? Molto meglio il classico filo di perle bon ton…e stanno bene anche con stili sport-aggressivi.. Il contrasto spesso sorprende piacevolmente !

  34. Non si vede molto bene dalla foto. Ha un pezzo nero con palline argento e il pezzo sotto è beige?
    Cioè mi piace solo che non capisco bene com’è. Quanto hai speso?

  35. In effetti la foto non è stata caricata in alta qualità uff, ti allego un’altra foto, è un collarino nero con tipo dei swaroskini argento e sotto una catenina d’oro con la luna… comprato da Hollister dove lavoro, costa sui 14 euro.

  36. Tu pensa che sfiga….. ho sempre avuto un tempismo perfetto. Praticamente sono furba come una volpe :-). Butto quando invece devo tenere e tengo delle cose da sfigata quando invece dovrei buttare!

  37. Ma no dai!! Non ti buttare giu cosi!! Lo facciamo un po tutte!! E poi se non buttiamo mai niente non possiamo far shopping

  38. Potresti farli da te se ti piace! Io sono una frana ma alcune ragazze dicevano che non era difficile!

  39. Bellissimo!! Li amo, sportivo, di cuoio, ma anche gioiello o semplicemente di raso……insomma a parte quelli con le borchie o lo stile sadomaso me piacciono davvero tutti

  40. Anch’io non sono brava con i DIY.
    Comunque credo che da soli l’unico facile da fare sia quello in tessuto. Però mia sorella dovrebbe averlo ancora, solo che dato che lei lo metteva verso i 12 anni a me ricorda l’essere infantili. Ahah la percezione delle cose dipende dal punto di partenza, dal proprio vissuto.

  41. Si si è di H&M, è anche il mio preferito, ne avevo acquistati altri da Tally Weijl, credendo fossero chocker, ho anche chiesto alla commessa che ha confermato, invece erano delle normali collane

  42. Ahaha che fregatura! 🙂
    Comunque se ti va quando hai tempo fammi la foto anche alle collane di Tally Weijl che almeno quello ce l’ho in città. :’D

  43. Il collarino è rimasto negli anni ’90.
    Sul collo non riesco a sopportare qualcosa che sia troppo aderente! Mi da il senso di soffocamento! O_O

  44. Sto ridendo come una scema da due ore! Sono sarda e il costume tradizionale del paese di cui sono originaria (ma in molti costumi tradizionali sardi è presente) ha questo mitico collarino in velluto con i decori in oro! Hai capito le antenate, erano delle marpioncelle! Ovviamente si scherza!
    Il mio collarino tatoo l’ho ritrovato pochi giorni fa, ma non credo che lo sfoggerò, alla soglia dei 37 anni mi sentirei una spice girls dei poveri….

  45. Scusa per il ritardo ma sono impegnatissima da un po’ di tempo a questa parte, considera che ho fatto le foto alle 1:50

  46. Grazie mille!!! Scusa se ti rispondo solo ora, ma non mi funzionava più il computer. Cioè era bloccato su una schermata grigio-nera. Alla fine dovevo solo tenere premuto molto a lungo il tasto di accensione. Che scema è da martedì che non uso il mio computer.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here