Ciao a tutte!

Quante di voi si “danno la carica” ascoltando una canzone nell’iPod? Gli effetti sono scientificamente provati, al punto che in molte maratone è vietato l’utilizzo di lettori mp3 perché la musica è considerato un agente dopante. Ma può funzionare anche come doping della nostra autostima? Noi pensiamo di sì e vi indichiamo i pezzi per una playlist tutta al femminile, fatta apposta per sentirsi bene con se stesse!

Katie-Holmes-struck-sassy-pose-while-listening-music-set

1. Megan Trainor – All About That Bass

meghan-trainor-all-about-that-bass-remix-samm-rosee

Diventato un vero e proprio tormentone, il pezzo di Megan Trainor è un inno a chi ha un fisico tutto concentrato sulla parte bassa del corpo. Ma non solo: la cantante non risparmia una bella critica a Photoshop e conclude dicendo “lo so che credi di essere grassa, ma io sono qui per dirti che ogni tuo centimetro è perfetto, dalla testa ai piedi”.

meghan-1428435817

2. Whitney Houston – The Greatest Love of All

Whitney+Houston+Greatest+Love+Of+All+HQ+PNG

Qual è il segreto dell’amore più grandioso di tutti? Ce lo ha svelato molto tempo fa Whitney Houston… amare se stessi!

singsnap_greatest-love-of-all

 

[Ho trovato il più grande amore di tutti dentro di me]

3. Taylor Swift – Shake it Off

Taylor-Swift-Shake-It-Off-Judah-2014

 

Taylor, nel video di questo pezzo, ci mostra ed enfatizza tutti i suoi impacci: prima è una goffa ballerina di danza classica, poi una tremenda atleta di ginnastica artistica, poi tenta di far ballare le mani come il suo talentuoso collega e fallisce miseramente… Il tutto per dire che, non importa chi tu sia, cosa tu sia in grado di fare, cosa la gente dica di te: tu puoi sempre divertirti e ballare e se anche dovessi sembrare un pazzoide, scrollarti di dosso ogni critica pretestuosa seguendo un semplice consiglio: shake! 😉

 

sass

4. Alicia Keys – Superwoman

alicia

Alicia ce lo dice chiaro e tondo: ogni donna, in qualche modo, anche quando è un disastro, alla fine si rialza, mettendosi il costume con la S sul petto e trasformandosi in una supereroina! Non è forse successo anche a voi di sentirvi così?

melodicquotes.tumblr.comCredits: melodicquotes.tumblr.com

5. Natasha Bedingfield – Unwritten

natasha-bedingfield-unwritten

Ad essere “unwritten”, non-scritta, sei tu – ci dice Natasha. La nostra vita è una pagina bianca sulla quale possiamo scrivere e disegnare solo noi e “no one else, no one else”, nessun altro. Quindi vivi la vita con le braccia aperte perché nessuno può vivere al tuo posto! YOLO, girls!

6. Lady Gaga – Born This Way

lady-gaga-born-this-way-like-orlan-artist-on-invicta-venust-jpg

“Non c’è niente di sbagliato nell’amare ciò che sei“: Lady Gaga si schiera coi diversi, perché tutti lo siamo. Non importa chi amiamo o come siamo fatti: siamo nati così e non esistono nati “sbagliati“! Insomma tutti possono e devono poter dire dire “I’m beautiful in my way”, sono bellissima a modo mio.

Lady_Gaga,_Born_This_Way_(Nick_Knight)

7. Madonna – Express Yourself

Express-Yourself-Madonna

Diciamolo: non ci fosse stata Madonna, probabilmente non sarebbe mai esistita nessuna Lady Gaga. La prima vera regina del Pop aveva anticipato molto le mode e le idee di oggi e aveva furoreggiato e “scandalizzato” con il pezzo “express yourself”, esprimi te stessa, in cui Madonna consigliava ad ogni ragazza di non aver timore ad esprimersi, anche dal punto di vista sessuale: “se lo vuoi ora, mostragli come fare”!

@@madonna-express-yourself-video-set-0006

8. Christina Aguilera – Beautiful 

0

Un’altra che aveva preceduto le Megan Traninor&Co. era Christina Aguilera che, in modo completamente diverso da Madonna, fece un vero e proprio boom con “Beautiful“, canzone contro i pregiudizi e le critiche meschine basate sugli stereotipi e canta: “tu sei bellissima, non importa cosa dicano loro, le parole non possono abbatterti“.

hqdefault

9. Aretha Franklin – Respect

bet-is-giving-aretha-some-r-e-s-p-e-c-t

Facciamo un salto nel passato con la meravigliosa ed eterna canzone di Otis Redding, diventata poi un classico della mitica Aretha Franklin. Se la versione originale era concepita dal punto di vista maschile – un uomo che chiede rispetto alla sua donna – Aretha ha invertito i sessi, e non la canta a un solo uomo, ma a tutta la società, chiedendo rispetto per il suo esser donna e – soprattutto per l’epoca in cui era stata scritta – per il suo essere una donna afroamericana.

aretha-franklin

10. India.Arie – Video

61Nzc4b5ALL._SY470_

Se non la conoscete, ve la consigliamo! Si tratta di un pezzo che inizia dicendo “a volte mi rado le gambe, a volte no. A volte mi acconcio i capelli, a volte non lo farò”: insomma, prepararsi e farsi belle non è un dovere e una schiavitù, ma un piacere che facciamo innanzitutto per noi stesse: “tutto ciò dipende da quanto mi sento bene con la mia anima“, canta India.Arie. Insomma, solo amando noi stesse a livello più profondo, possiamo dare un senso anche alla cura più frivola che ci concediamo. Sì, compreso “pitturarci gli alluci”!! E tutto ciò non fa di noi “la ragazza media da video musicale“, necessariamente supersexy solo perché oggetto sessuale, passivo, di qualcun altro!

india-arie-that-grape-juice-she-is-diva

Allora, vi sentite già più cariche? Avete anche voi delle canzoni che vi fanno stare meglio, anche dal punto di vista dell’autostima? Conoscevate tutte queste canzoni? Qual è la vostra preferita? Raccontateci dei vostri gusti musicali e cosa c’è ora nella vostra playlist estiva! Un abbraccio dal Team!