Jeffree Star, noto make-up artist, cantante e fashion blogger è ormai celebre per la sua personalità esuberante e per i svariati motivi per cui fa sempre parlare di sé! Lo abbiamo visto criticare apertamente su Twitter i rossetti liquidi di Kylie Jenner e litigare animatamente con la sua ex collega e amica Kat Von D, dunque cosa avrà combinato questa volta e quale sarà il motivo per cui la stampa punta nuovamente i riflettori su Jeffree?

Pare che i protagonisti di questa storia siano lui, Nikkie Tutorials, altra youtber famosissima, nonché sua amica, e Jerrod Blandino, fondatore di Too Faced! Ebbene se siete curiose di scoprire cosa è successo nei giorni scorsi e perché il mondo intero parla nuovamente di Jeffree Star, allora non vi resta che continuare a leggere il post!

ClioMakeUp-jeffree-star-nikkie-tutorials-controversia-palette-critiche-cliomakeup-13Credits: @TeenVogue

COSA C’È AL CENTRO DELLA CONTROVERSIA?

Tutto ha avuto inizio lo scorso anno quando Nikkie Tutorials, nota make-up Artist olandese, ha collaborato con Too Faced per la realizzazione di una palette chiamata The Power Of Make-up By Nikkie Tutorials, in seguito alla pubblicazione del video che l’ha resa famosa in tutto il mondo ottenendo lo scorso anno ben 18 milioni di visualizzazioni.

ClioMakeUp-jeffree-star-nikkie-tutorials-controversia-palette-critiche-cliomakeup-1

Nel video Nikkie si mostrava per metà truccata e per metà completamente al naturale; lo scopo era quello di dimostrare che il trucco è divertimento e non voglia di nascondere le proprie insicurezze.


L’Hashtag #thepowerofmakeup ha riscosso un vero e pRoprio successo su instagram

 

L’hashtag #thepowerofmakeup è stato così tanto condiviso da tantissime ragazze su Instagram, che Too Faced ha pensato appunto di realizzare in collaborazione con Nikkie, la palette in questione.

 

ClioMakeUp-jeffree-star-nikkie-tutorials-controversia-palette-critiche-cliomakeup-2

Si trattava di un’edizione limitata che veniva venduta insieme a un mini-kit di sample dei loro prodotti must-have come ad esempio il mascara Better Than Sex e il primer occhi! Al tutto erano poi allegati una serie di tutorial, sempre firmati Nikkie Tutorials, step by step da realizzare con gli ombretti della palette!

ClioMakeUp-jeffree-star-nikkie-tutorials-controversia-palette-critiche-cliomakeup-7

La palette sicuramente la conoscete tutte dal momento che Too Faced in fatto di qualità di ombretti è sempre una garanzia ed è stato un vero e proprio successo internazionale!

Dunque visto il grande consenso che ha suscitato il lancio del prodotto realizzato proprio da Nikkie, tra le altre cose amica di Jeffree con il quale ha collaborato per la realizzazione di una serie di video, per quale motivo il noto make-up Artist ha sentito il bisogno di sollevare un polverone proprio a distanza di un anno?

ClioMakeUp-jeffree-star-nikkie-tutorials-controversia-palette-critiche-cliomakeup-14

Un presunto compenso inadeguato sta alla base della questione, alla quale si aggiungono anche ipotetici trend rubati ad altri brand! A cosa mi riferisco? Alla moda degli unicorni, che Too Faced ha pubblicizzato tramite alcuni prodotti ispirati a queste colorate bestiole! Dunque curiose di sapere perché Jeffree Star ce l’ha tanto con Jarrod Blandino in favore di Nikkie Tutorials? Scopritelo subito a pagina due!

34 COMMENTI

  1. No.. avete fatto delle imprecisioni. Jerrod, quello di too faced ha scritto #therearentunicorsintheamazon per andare contro all’ultima collezione di Tarte e Jeffrey ha fatto notare che 1 è da cafoni andare contro un’azienda senza un motivo valido e 2 che il primo brand a “lanciare” gli unicorni nel mondo del make-up è stata Limecrime che già molti anni fa ha lanciato i suoi famosissimi rossetti con il packaging lilla con l’unicorno olografico.
    Oltretutto ha fatto notare che Nikkie ha avuto un trattamento scorretto da Too Faced ma lascio perdere perché non avendo il contratto effettivamente sotto mano non si può disquisire in merito.
    Tra l’altro la palette di Nikkie Tutorials (come tutte le palette di too faced da un anno a questa parte) ha creato parecchio discontento in quanto non tutte le palette erano di buona qualità. Molte persone si sono trovate con un prodotto poco scrivente, molto polveroso e non a lunga durata al contrario di altri che si sono trovati con un ottimo prodotto. Questa discontinuità ha portato infatti ad ipotizzare che too faced utilizzi due fabbriche o comunque due procedimenti di produzione diversi che non garantisce un buon prodotto. Questo discorso vale sopratutto per i prodotti in edizione limitata.

    Io personalmente non mi fido più di Too Faced come marchio ed è ora che qualcuno indaghi per bene sulla storia delle palette perché sono dei prodotti interessanti a livello di idee e concetti (e non costano poco).

  2. Quando sento di queste “liti” l’impressione è di quelle liti sempre un po’ fasulle che si vedono nella peggiore TV !

  3. Credi che anche le vecchie palette siano diverse? Se compro ora la natural matte o la natural eyes credi che si possa constatare un calo di qualità rispetto le stesse palette di tre anni fa? E pensare che volevo prenderne una…

  4. esatto, leggendo i vari tweet in lingua inglese si capisce che il discorso è ben più ampio e complesso e mi sto riferendo, esclusivamente, alla palette..

  5. Non posso parlare con sicurezza ovviamente però secondo me una probabilità c’è.. il discorso, come ho scritto, si riferiva più che altro ai prodotti in edizione limitata con cui possono fare di più i furbetti per ovvi motivi..

  6. Diciamo che la miglior cosa è andare a vedere di persona. Sebbene il tester potrebbe essere di qualità superiore. Grazie

  7. Sono del parere che non avendo i contratti alla mano non si possa giudicare : i sospetti sono legittimi ma servono le prove.
    Per il resto, da questa “rissa” sia Too Faced che Jeffree Star ci guadagneranno qualcosa! Qualunque bisticcio o frecciatina via social spesso significano tanti soldi e talvolta credo che siano concordate (mi riferisco all’hashtag di Too Faced contro Tarte)
    Ma ammetto che forse è un mio problema : quando si tratta di social network e mondo dello spettacolo, penso sempre che il detto “purché se ne parli” sia la risposta a molti interrogativi.

  8. Cara Clio, questa volta mi tocca “bacchettarti”. Lo abbiamo capito dal primo post contro JeffreyStar che non ti sta simpatico perchè appartiene a un mondo diverso dal tuo ma non capisco il perchè allora devi dargli importanza. Se a te piacciono i rossetti trasparenti mentre lui ha un pò più voglia di mettersi in gioco con rossetti più audaci perchè devi dargli contro ( mi riferisco a un tuo video ). Non tutti siamo come te Clio e non vedo che cosa ha sbagliato questa volta se non difendere un’amica anche andando contro un Brand famosissimo. Lui parla e si espone e io preferisco questo tipo di persone a quelle che hanno sempre il sorrisino ma non si espongono mai. Dai prova qualche tinta JF vedrai che ne resterai meravigliata!!!

  9. una cosa che ho imparato è: non esiste cattiva pubblicità…twitter è il luogo ideale, se uno ne sta completamente fuori diciamo che manco se ne accorge…. io preferisco la beata ignoranza in questi casi…

  10. Guarda sul discorso della qualità altalenante della too faced ti do ragione al 100%. Io ho comprato da Sephora la sweet Peach dopo aver letto commenti entusiastici da tutto (o quasi, temptalia per esempio non ne aveva parlato benissimo) il mondo del web, tanto che mi sono chiesta se avessi preso lo stesso prodotto. Io tutta questa scrivenza pazzesca degli ombretti non ce la vedo (ho ombretti della Make-up Revolution che scrivono meglio) nè la sfumabilitá. Una palette mediocre che però costa non poco. Forse allora come dici tu la mia palette proviene dall’altra fabbrica, bho?

  11. Clio, capisco il voler dedicare un post a un argomento che fa clamore, ma ci sono diverse imprecisioni: Jeffree Star e Nikkie non si parlano più da tempo, quindi non so se si possono definire ancora amici, poi Jeffree non ha difeso la Tarte dicendo che sono loro ad aver inventato gli unicorni con una linea a loro dedicata, ma rifendicava la libertà dell’azienda di seguire un trend senza dover essere accusata da Too Faced di copiare un’idea o un tema solo perché anni fa hanno fatto un rossetto blu dedicato agli unicorni, quando ad esempio molte altre aziende hanno prodotti di questo tipo o hanno copiato Too Faced in altri modi (un esempio? Vogliamo parlare della Royal peach palette di Kylie o della linea Colourpop interamente dedicata alla pesca? O al nuovissimo mascara L’Oreal che ha il packaging uguale a Too Faced?). Inoltre c’è proprio la questione ombretti: di solito Too Faced è garanzia di qualità, lo sappiamo e lo dici tu stessa (anche perché penso che tu collabori con il brand, no?), ma pare che siano state prodotte due palette: una di qualità migliore mandata agli YouTubers e una di qualità inferiore messa in vendita. Questo ha creato disagi e polemiche, vedi il video di Tati sulla collaborazione tra Ofra cosmetics e NikkieTutorial.
    Quindi: se si vogliono dedicare post a temi come questi, meglio raccogliere più informazioni e dettagli possibili…

  12. Sto sospettando anch’io che si servano di più di una fabbrica! La mia Sweet Peach è pigmentatissima, ma molti si lamentano e dicono che non scriva niente di niente!!!

  13. Ho comprato la natural eyes due mesi fa ed è fantastica in tutto e per tutto. La royal Peach non so dirti, ma comunque non mi ispira quindi non penso che la prenderò

  14. La Royal ? non sapevo nemmeno esistesse… intendevi la Sweet peach? Grazie. A me interessa o la Matt eyes o la Natural eyes.

  15. Sono d’accordo su tutto! Vorrei anche aggiungere che, come confermato da Jeffree, lui e Nikkie non sono più amici (non si seguono nemmeno su Instagram), quindi il motivo per il quale ha sollevato la questione non è proprio quello di difendere l'”amica”…

  16. Sorvoliamo il fatto che il post non sia accurato come dovrebbe, tutti ormai quando ascoltano il nome di Jefree associano la lite di KVD oppure al suocarattere senza peli sulla lingua a volte eccessivo. Ma in questo caso non può che trovarmi d’accordo con lui.
    I contratti subdoli non piacciono a nessuno qui in Italia figuriamoci in america. Una collaborazione con un colosso come too faced fruttata così poco a me sembra una presa per i fondelli.
    Qui si parla anche di servizio clienti, sia ora che per gli scovolini rovinati di Kylie, ai tempi prima che JS portasse su il polverone Kylie non cambiava gli scovolini, uscito fuori JS stranamente hanno iniziato a cambiarli a chi giova la cosa a lui o ai consumatori?
    La storia delle palette di Too Faced che non sono qualitativamente uguali giovano a lui o al consumatore? Io preferisco una persona che ti sputa in faccia la verità dei fatti che una che si nasconde dietro frottole. Ma nel mondo non siamo tutti uguali e per me JS ha fatto bene come ha fatto.

  17. Laura hai espresso esattamente il concetto, sono d’accordo con te su tutto! Ormai i post di Clio , non tutti ma diversi , sono imprecisi e sembrano pubblicati tanto per tenere vivo il blog. Detto questo, sulla questione JeffreyStar siamo sullo stesso pensiero. Ciao!

  18. Altro punto a favore di JF, ha difeso comunque a prescindere dalla persona. Ha difeso un ideale e per questo si dimostra Leale.

  19. da quel che so non si seguono più sui social…se ci hai fatto caso lei non ha sponsorizzato minimamente la collaborazione tra Jeffree e MannyMua e loro non hanno parlato di quella di Nikkie con Ofra…
    Tra l’altro tempo fa c’è stato un evento di Benefit in un’isola del Sud America e loro due non sono mai apparsi insieme, nemmeno in una foto, anzi cercavano di stare proprio lontani

  20. Ho visto che anche Tati ha parlato di questa storia di Too Faced nel suo ultimo video ma non ho ben capito cosa sia successo, qualcuna potrebbe spiegarmi?

  21. Scusa che mi permetto Colette, ciao. Io non le ho prese per questo motivo. Neanch’io le ho mai possedute. Vado avanti con ombretti singoli..qcosa purobio e nabla..

  22. Guarda pure io uso gli ombretti singoli. Però una Palettina too faced era proprio carina. Anche perché è comodissima.

  23. Cara Tiziana se leggi bene quello che ho scritto mi riferivo sopratutto a un video che aveva fatto clio dove diceva che non avrebbe mai provato le tinte JF perché non gli stava simpatico e sinceramente in questo post qualche linea sottile di disapprovazione la si nota. Buona giornata!

  24. Condivido la posizione sul contratto fatto con Nikkie e mi disgusta chi si approfitta delle persone più giovani e magari ingenue (cosa strana da parte di Jerrod Blandino, che da sempre si spende in attività sociali).
    Per quanto riguarda il post, se segui Clio anche sui social sai che le ultime settimane sono state deliranti sia per lei che per il team in Italia, quindi non mi sembra il caso di arrabbiarsi…

  25. In pratica mi hai fatto capire che non hai letto nemmeno il primo rigo del post visto che ho detto che sorvolavo su questo argomento, ma visto che ci sono ti posso dire che un post di questo tipo sapendo che il team di Clio c’è per questo motivo (scrivere gli articoli) e visto che la baraonda è successa settimane fa sarebbe dovuto essere molto più accurato e non buttato così per far capire che JS fa il Vittorio Sgarbi della situazione, visto che il complesso è molto più ampio e si sono scoperti “altarini” che da TF non ci si aspettava, semplice e coinciso.

  26. In poche parole tutto è iniziato con qutaell’hastag sul profilo di Jerrod ThereArentUnicornsInTheAmazon su una foto (presa da una youtuber Chloe Morello senza alcun straccio di credito) riferitosi a Tarte che aveva lanciato la collezione sugli unicorni e che secondo loro li hanno “copiati” (Tarte ha una vasta gamma di trucchi sotto il nome di Amazon da qui l’hastag), da qui JS ha iniziato i Tweet sul fatto che TF (in particolare Jerrod) non è l’inventrice dei unicorni e che doveva essere un poco meno egocentrica, dopo 10 minuti quell’Hastag magicamente sparisce da qui JS lancia un altro tweet su come sia “strano” che ora l’hastag sia sparito e lancia una provocazione a Jerrod dicendo che se aveva le palle di dire determinate cose le deve lasciare li dove sono e non cancellarle quando salgono su le critiche, infatti Jerrod poi cancellò completamente il post da qui JS ha continuato con i tweet sfottendoli sul fatto che visto che Tarte li aveva copiati allora dovevano citare in giudizio anche Starbucks (per via del unicorn milkshake) poi un altro Tweet sempre da JS dove diceva che la prima a cacciare questa storia degli unicorni era stata Lime Crime, ok da qui inizia la bomba a mano lanciata da JS dove Tweetta “Ok @JerrodBlandino devo far vedere a tutti quanto sei stato losco con il contratto di Nikki oppure te lo salvo per un altro giorno?” parlando del contratto sulla #thepowerofmakeup di Nikki dove (oltre al fatto dei soldi) a lei e ad altri youtuber come Tati è stato dato un prodotto e in vendita ne è stato dato un’altro di scarsa qualità che alzò su un polverone assurdo e Nikki stessa nei Tweet degli anni scorsi di quel periodo faceva capire che è stata imbrogliata che si scusava con i suoi follower perchè che tutto quello che aveva visto e testato non era quello che poi effettivamente era la palette uscita fuori ma che non poteva dire nulla (perchè è sotto contratto con TF e non può parlare di quello che è successo un po’ alla Grande fratello) ma torniamo a JS che da qui viene etichettato come il bullo di turno e insultato dalla sorella di Jerrod (persone che dovrebber avere 40 anni e passa da buttare) e dopo un altro paio di tweet di JS dove afferma che la verità fa male i fuoco si affievolisce.
    Io ho cercato di essere il più riassuntiva possibile chiedo venia per il papiro, per chi capisse un po’ di inglese direi di cercare su youtube “jeffree star spills the tea” e i primi due video hanno sia i tweet che i video di snapchat di Jeffree dove parlava di questa cosa e sono molto più accurati del mio commento e di questo articolo

  27. Con “Condivido la posizione sul contratto”, parlavo della situazione generale.
    Per quanto riguarda il Team, è composto da un numero parecchio ristretto di persone che in questo momento si sta occupando di un milione di cose oltre che del blog. Forse dovremmo passarci in prima persona prima di criticare, non credi?

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here