Ciao a tutte!

Di makeover al cinema ne abbiamo visti tanti: attori e attrici trasformati per esigenze di copione resi (quasi) irriconoscibili da trucco e abiti di scena, e calati ancora di più nella parte da recitare perché ‘prestano’ tutto il loro corpo al personaggio. Ma che succede se per una volta il trucco trasforma un’attrice in ‘una come tante’, come lei stessa si è definita? E’ il caso di Tilda Swinton, attrice dall’algido fascino che tutte conosciamo per il suo look androgino e coerente. Volete scoprire qualche dettaglio in più? Allora continuate a leggere il post!

65894

Per il suo ultimo film, Trainwreck, una commedia romantica in uscita il prossimo settembre, l’attrice britannica Tilda Swinton ha abbandonato (e non è la prima volta) il look con cui la conosciamo.

bf18dc3f962237cf_2011-Cannes-Film-Festival-Tilda-Swinton
Only-Lovers-Left-Alive-red-carpet-Tilda-Swinton-accented-her

L’abbiamo già vista completamente trasformata, ad esempio, in film recenti come ‘Grand Budapest Hotel’ o ‘Snowpiercer’. Nel primo parrucca bianca,  pelle invecchiata e fili di perle per interpretare la ricchissima Madame D, nel secondo grandi occhiali e caschetto corto per il ruolo di Mason, una sadica preside di scuola:

the_grand_budapest_hotel_foto_09Gran Budapest Hotel, 2014

43691Snowpiercer, 2013

Ma stavolta, se possibile, ha fatto di più. Già, perché come lei stessa ha dichiarato, è diventata ‘una come tante’, stravolgendo la sua immagine non per interpretare un personaggio sopra le righe, ma per vestire ‘semplicemente’ i panni di una quarantenne dei giorni nostri in carriera.
Una ‘success woman’ che, secondo la stessa Tilda, incarna perfettamente certi stereotipi della donna moderna, a cominciare dal trucco.

Schermata 2015-08-03 alle 07.37.35
Ecco che quindi la sua pelle di porcellana, i capelli biondo platino e il suo sguardo naturale e privo di makeup hanno lasciato il posto a strati di fondotinta più scuro e al contouring, a una chioma più lunga e sapientemente ondulata, a occhi sottolineati da ombretto, eyeliner, mascara e ancora a sopracciglia ben definite.

article-2651724-1E89646500000578-285_634x836

E proprio sugli occhi si è concentrata maggiormente la sua makeup artist Kyra Pachenko che in un’intervista ha dichiarato di amare particolarmente l’eyeliner e di aver puntato proprio su questo prodotto, per il personaggio di Tilda. Ma non solo. Anche la pelle è stata oggetto di una particolare attenzione affinché fosse il più possibile appesantita, scolpita e scurita (‘un’abbronzatura tandoori’, come l’ha definita l’attrice).

A differenza delle altre volte però, la stampa, soprattutto quella inglese, pare non abbia preso proprio bene le dichiarazioni di Tilda sulla sua ultima interpretazione. L’attacco, neanche troppo velato, a quelle ‘signore sterotipate’ e ‘belle perché indossano chili di makeup, grazie al quale tutto possono ottenere quel tipo di bellezza’, non è stato particolarmente gradito.
Chissà come l’avrà presa anche Victoria Beckam, alla quale Tilda Swinton ha detto di essersi ispirata in particolare per gli outifit: ‘Ho avuto l’idea di sviluppare il mio personaggio un po’ come qualcuno che somiglia a Carine Roitfeld’ – l’ex-direttrice dell’edizione francese di Vogue – ma anche qualcuno che si veste come Victoria Beckham perché è convinta che così avrà un aspetto più autorevole. Ma invece no…’.

Secondo noi non deve essere stata molto contenta! 😀

Schermata 2015-08-03 alle 08.25.10

article-2651724-1E8965FD00000578-301_634x955

victoria-beckham--z

Tilda Swinton seen with a new look for her latest movie filming in New York City

Vi piace Tilda Swinton? Quale dei suoi ruoli e dei suoi makeover avete apprezzato di più? Che ne pensate del makeup per questo film e delle sue dichiarazioni? La preferite così come siamo abituate a vederla, sguardo algido e look androgino, o secondo voi le dona anche questa nuova immagine che lei definisce ‘stereotipata’? Fateci sapere cosa ne pensate!
Un saluto a tutte dal TeamClio! 😉

60 COMMENTI

  1. a me lei non piace esteticamente! decisamente meglio più femminile … il potere del make up …una speranza per tutte!! 😉

  2. Lei ha un qualcosa di androgino e glaciale ed è una bellezza molto particolare: o la ami o la odi. La trovo molto eclettica e sapersi adattare in diversi ruoli è da grandi attrici (vedi la divina Charlize Theron in “Monster”). Le sue dichiarazioni sono forti ma credo dicano la verità..

  3. Da makeup addicted apprezzo molto la sua immagine stereotipata 😀 non conoscendola per il suo lavoro ne apprezzo comunque la coerenza e il suo respirare fuori dal coro

  4. Normalmente mi piace poco. La trovo molto più affascinante e molto più femminile con il capello un po’ lungo e un trucco diverso…..

  5. Allora devo dire che con questo nuovo look che ha adottato per il film sta benissimo, ma come ha detto lei, è troppo anonima e poi, chi non starebbe bene con il giusto make-up, pettinatura e vestiti “socialmente accettabili”? No, la preferisco com’è di solito, quando si distingue sia per l’aspetto che la rende davvero sé stessa che, di conseguenza, per il carattere indipendente e che la fa stare lontana dagli stereotipi!

  6. La preferisco come è di solito con la sua forte identità e il suo stile coerente. Così non sta male, anzi, ma resta davvero una tra tante

  7. Grandissima attrice, donna intelligente e molto affascinante (e che lingua lunga! Victoria non avrà di certo gradito ahahah).
    Con trucco e capelli lunghi la trovo davvero bella e penso che abbia un’aria della Carla Bruni di qualche anno fa (prima che il chirurgo la storpiasse), ma vi diró che la preferisco col suo solito look.

  8. Giuro che non l’avevo riconosciuta all’inizio O_O Perché oggettivamente non sta nemmeno male! Ma… non è Tilda!
    Per me l’unico modo per Tilda di portare i capelli lunghi e mantenere il suo stile è nel ruolo di Eve in “Only Lovers Left Alive”! 😀

  9. La trasformazione ha dell’incredibile, sia chiaro sta molto bene, ma sembra totalmente un’altra persona! E la sua particolarità si perde molto! Mi è venuta la curiosità di vedere altre celebrities truccatissime al naturale, secondo me lei non sarà l’unica a “cambiare faccia”!

  10. Grande Tilda!!! Victoria che si sente autorevole!!! Resta come sei che a me piaci molto perchè sei te stessa.

  11. Io me la ricordo in Constantine, dove interpretava il mezzo angelo Gabriele. Penso sia il film dove mi è piaciuta di più. 🙂

  12. La adoro in tutte le sue sfaccettature.. ha dimostrato ancora una volta il suo essere al bisogno…. camaleontica

  13. Particolarissima nel suo look abituale, anonima e appesantita con lo stile omologato. Nel suo look abituale..aggiungerei solo una leggera definizione allo sguardo..per il resto..perfetta nel suo stile.

  14. Non credo che lei tenga ad essere “femminile” quanto, semplicemente, ad essere se stessa 😉

  15. La preferisco come è lei sempre, la sua immagine è sintomo di un grande carattere e di una grande personalità che anche in questo campo non ha smentito vedendo le sue dichiarazioni… anche se ovv mi piace anche in questa sua versione… attrice e donna eclettica. .

  16. Decisamente la preferisco come nel film. Sarà anche come tutte e stereotipata, ma molto più femminile e bella. Secondo me eh!

  17. Io la trovo molto più bella con questo nuovo stile…..e magari tutte come victoria che oggettivamente è molto bella ed elegante secondo me!!!!

  18. Fascino particolare, carattere forte e idee molto chiare..questa è Tilda le altre sono solo creazioni cinematografiche..ma in ogni caso non ci sarà niente da fare tutte le volte che la vedrò mi verrà in mente Jadis la strega Bianca!! 😀

  19. io non riesco ancora a capire perché bisogna demonizzare chi si vuole vestire alla Victoria Beckam o chi si vuole truccare per sentirsi più femminile..ma se fa sentire meglio chi lo fa, perché offendere? se Tilda non vuole truccarsi ma ama i look androgini, va benissimo, ma perché accanirsi con chi non ha i suoi stessi gusti..? comincia a stufarmi questa cosa che se ti trucchi o ti vesti “trendy” o “glam” sei una senza carattere, è solo una questione di look, ma insomma!!!

  20. buongiorno a tutteeee!!! ma a me lei non mi fa ne caldo ne freddo, mi piace come attrice, non sapevo fosse lei in grand budapest hotel! pero non capisco la sua dichiarazione su victoria … voglio dire, nella seconda foto lo stile mi sembra un perfetto mix tra sobrio, business e alla moda. (cit.: “ragazze, cosa mi metto? il tubino nero di gucci, il tubino nero di gucci oppure il tubino nero di gucci?”)é esattamente quello che io indosserei se in ufficio va business style come dress code, magari non nero. Poi è vero ora sono in molte con il bronze (blonze?) ondulato e il kanda-condouring. ma non mi pare giusto generalizzare cosi e attaccare chi usa il make up per correggere problemi e sentirsi piu sicure di se e piu belle… non vuol dire mica che hanno un ‘anima nera come la pece!!

  21. No. Non mi piace Tilda Swinton. Si riconferma, con le dichiarazioni da voi riportate, arrogante e superba.
    Già mi era andata in antipatia con le sue dichiarazioni su Harry Potter (forse le bruciava di essere stata poco presa in considerazione – le hanno pur offerto il ruolo della Cooman – nel cast, tutto rigorosamente inglese?)
    Vuole demonizzare il trucco? Lo dico da persona che ne fa un uso modico specie di giorno e con il caldo, badate. Ma non mi sento più “originale” e meno stereotipata di chi ne fa un uso più frequente e intenso di me.
    Non capisco proprio queste persone che per esaltare le proprie scelte (specie riguardanti una cosa così personale, come il proprio aspetto) arrivano a “screditare” gli altri.
    Non ti piace una cosa? Ok, non usarla o non farla. Ma non sentirti superiore a chi sceglie diversamente.

  22. Dite quello che volete,ma com’è conciata di solito(androgina a tutti i costi,senza un filo di trucco,capello cortissimo)mi è sempre sembrata brutta(e pure un po’ inquietante),truccata e con i capelli lunghi risulta una donna attraente.
    “Una come tante”?No,semplicemente una che si prende un po’ cura del suo aspetto.A me ‘ste donne che vogliono a tutti i costi imbruttirsi per farsi prendere sul serio come attrici stanno parecchio sulle scatole.In realtà vogliono solo apparire originali.Non c’è niente di male ad usare un po’ di make up e portare i capelli lunghi,non si è superficiali e “una come tante” per quello.

  23. D’accordissimo con te,sono dell’opinione che non serve imbruttirsi per farsi prendere sul serio,basta avere il cervello.Se poi a una piace prendersi cura di se stessa ancora meglio.Di certo non fa una bella figura a criticare altre persone,dimostra di essere lei la ”superficiale”!

  24. Mi piacciono i capelli, il colore un po’ meno slavato le dona, il trucco occhi, perché non apprezzo le bionde senza nemmeno un filo di mascara ( anche io, senza trucco occhi ho l’espressività di un criceto

  25. Lei non è certo la mia icona di bellezza…l’ho apprezzata nei film, ma mi sembra che si renda brutta….le basterebbe poco per sembrare meglio. Ma l’importante è che si piaccia lei…. io di certo non la ricorderò per il look. Trovo che la sua ultima trasformazione non sia male, ma non amo il trucco pesante sulla pelle..trovo che le doni invece il trucco sugli occhi e i capelli lunghi da ‘donna normale’ come sembra voler dire lei. Ogni tanto potrebbe farseli così anche al di là del ruolo, perchè oggettivamente con un po’ di trucco sugli occhi e quei capelli, fa tutta un’altra impressione. E invece troppo androgina com’è di solito….bè sembra un uomo.

  26. Completamente d’accordo. Non è uscendo senza un filo di trucco, che si dimostra di essere una donna intelligente. Vuoi essere originale uscendo di casa con la stampa del cuscino? Va bene, se sta bene a te. Però non è che la tua faccetta stropicciata accresca il tuo QI più del mio mascara.

  27. una bella donna qualunque, come ce ne sono tante e son tutte standardizzate, truccate, pettinate e vestite con lo stampino. Insulse. Per fortuna cisono ancora persone come lei, perchè vedere solo fotocopie in giro è noioso. Brava!

  28. Davvero irriconoscibile °___°. Non brutta eh, anzi ma….non sembra davvero più lei 😛

  29. Tratto dal sito Fantasy Magazine “L’attrice, in particolare, sostiene che i libri della saga di Joanne K. Rowling rendano affascinante ciò che per lei rappresenta solo “un’infanzia solitaria”. “Sono riluttante a dare un giudizio positivo sulla vita in college” — ha dichiarato l’attrice. “Non sono ammiratrice di Harry Potter perché i suoi libri mitizzano le scuole per bambini”.
    Come Tony Blair (ex Primo Ministro britannico), anche la Swinton ha frequentato il Fettes College di Edimburgo e successivamente la West Heath Girls’ School con la Principessa Diana, ma i suoi ricordi scolastici sono evidentemente piuttosto negativi. “.
    Diciamo che non mi sento di giudicarla per questa frase, data la rigidissima educazione ricevuta e gli aspri contrasti con una famiglia cosí altolocata (dove, per essere accettata, doveva vestirsi e truccarsi in un certo modo.)
    Riguardo al makeup, non ne ha mai fatto mistero e non é la prima volta che lo dice, ha sempre avuto una linguaccia : anche io penso che non debba essere demonizzato a tutti i costi.
    Concludo dicendo che il carattere e il vissuto di un regista o un attore per me passa completamente in secondo piano, solo se sa fare egregiamente il suo mestiere (altrimenti dovrei buttare tanti dvd e pure i libri

  30. Tilda dovrebbe solo ringraziare se le è concesso di indossare gli abiti di Victoria!Può esser criticabile a livello personale,ma lasciatela star a livello di stilista…e mi spiace che le piaccia o meno Victoria è ben più autorevole nel suo campo rispetto a Tilda

  31. Io la trovo intelligente, ma non perché dichiara di uscire senza trucco :), lo penso sulla base di interviste in cui venivano trattati determinati argomenti.
    A me piace truccarmi in modo leggero, non lo faccio spesso, ma ogni tanto mi piace. E per me non sono “povere sceme” (lo avevo letto su facebook) coloro che cambiano lineamenti grazie al makeup : ognuno, nel suo privato, può vestirsi o truccarsi come vuole. Io sono di gusti difficili e possono non piacermi molti makeup o stili, ma é giustissimo poter scegliere (chissà a quanti non piace il mio abbigliamento del tempo libero!)
    Se si parla di lavoro, a seconda del lavoro, il discorso cambia.

  32. Incredibile! Un viso extra terrestre trasformato in un volto banale…Tilda che diventa una qualsiasi bella donna!

  33. Leggo spesso fantasy magazine, quindi ero al corrente del pezzo, delle motivazioni, e anche che le era stata offerta una parte.
    Non conosco la sua infanzia, ovviamente. La conosce solo lei, e le persone con le quali l’ha trascorsa.
    Da altre sue interviste, comunque, non mi risulta avesse contrasti con la sua famiglia altolocata, anzi.
    Semplicemente, ha seguito un’educazione il cui iter era già consolidato.
    Tuttavia non riuscire ad apprezzare una saga letteraria che ha avuto il pregio di riavvicinare i giovani alla lettura, vedere solo questo personalissimo aspetto negativo, mi sa di minimizzare l’opera altrui, oltretutto di una connazionale (la Rowling) di cui bisognerebbe andare molto fieri.
    Io non la sta giudicando come attrice. La reputo molto brava. Non sono mica stupida da precludermi i film in cui recita, se sono degni di nota. Tengo le cose molto ben distinte.
    Ma se leggo le sue dichiarazioni, noto una vena polemica. Vuole essere differente. Che lo facesse. Ma non mi piace se per spiegare le sue scelte, critica quelle altrui, come in questo caso.

  34. Nei contenuti speciali del dvd Orlando racconta anche del rapporto con la sua famiglia.
    Anche a me piacciono i romanzi di Harry Potter, invece non riesco ad apprezzare il Signore degli anelli (parlo dei romanzi).

  35. Ciao Team, il nuovo look mi piace, tranne per la carnagione che su di lei è poco realistica… Anche il suo look normale è bello. 😀

  36. Al di là del pensiero sull’attrice in se rimango molto colpita da come il trucco può da solo modificare completamente un volto!!

  37. Ho visto Orlando, ma non avendo il Dvd, me la sono persa.
    Sul Signore degli anelli, non mi posso pronunciare perché, ammetto la colpa! Non li ho letti, ma vorrei farlo, sono in lista di attesa assieme ad un po’ di altri romanzi che ho preso.
    Invece, sempre per rimanere in tema Tilda Swinton, ho letto le prime trecento pagine delle cronache di Narnia, ma poi ho smesso (!!!! Non lo faccio quasi mai con i libri..) per via del sottotesto cristiano.
    Come mai non hai apprezzato il Signore degli anelli? Goodnight! 😉

  38. È che, come ha riportato più sopra Ely, non lo apprezza per motivi soggettivi e personali, e a mio avviso ha poco senso.

  39. si davvero che noia. Come quelle donne che per sembrare serie si tagliano i capelli e si mettono vestiti da governante. Combattere gli stereotipi creando stereotipi.

  40. NOOOOOOO uno che mi critica Harry Potter va silurato attaccato a una sonda diretta oltre Plutone.

  41. Non mi ha fatto impazzire lo stile di scrittura (preciso che ho letto solo il primo libro in inglese) e non mi ha conquistato la bellissima e originalissima storia (non sono sarcastica, sono consapevole che sia una bella saga). Quando ho espresso sto parere me ne hanno dette di tutti i colori, pure peggio di “devi essere silurata su Plutone” ……
    Di Narnia ho visto solo i film e di Dune ho letto solo i primi due libri.
    Venendo a qualcosa di più moderno, di Games of Thrones ho visto solo le serie

  42. “Combattere gli stereotipi creando stereotipi” io fossi in te lo registrerei come marchio! =)
    Frase azzeccatissima, spiega benissimo il concetto.

  43. Anche io ho visto solo le serie di Game of Thrones. E sono fantastiche. Non mi ci metto nemmeno a leggere i libri. Ci volevo provare, ma credo che a questo punto, possa solo crearmi sovrapposizioni controproducenti.
    Per il Signore degli anelli hai aumentato la mia curiosità. Comunque la gente è matta… Mica deve piacere a tutti universalmente.

  44. Beh così sta bene,è innegabile…però non è più lei!
    La particolarità di questa donna è che è completamente diversa da tutte le altre…toglile quella diversità e diventa una tra tante,anche se forse oggettivamente più bella!

  45. Bruttina e per nulla fascinosa.
    Presuntuosa, pretenziosa e antipatica, a quanto pare.
    Si sente speciale, ma in virtù di cosa? In virtù di un naso asimmetrico e di labbra sottili? Sapesse quante donne che lei definisce ‘normali’, hanno questi difetti.
    E inoltre, il suo attacco che doveva essere, non so?, intelligente?, sembra solo uscito dalla bocca di una persona scema che nel 2015 ancora pensa di poter giudicare l’autenticità di una persona dal makeup che usa.

  46. Leggeteli, i libri di Games of Thrones!!! Lo so, sono tanti e lunghissimi, ma talmente belli da non essere per nulla pesanti, anzi, si leggono in un soffio! Per quanto riguarda la differenza tra serie e libri, si nota principalmente nell’ultimo libro, e in effetti manda un po’ in crisi.. ma ne vale la pena! 😀 Al contrario, ho provato mille volte a leggere Lo Hobbit ma proprio non ci riesco… Troppi personaggi che non riesco a focalizzare, scrittura troppo descrittiva (sia chiaro, è sicuramente un libro bellissimo, ma non fa per me)… quindi temo che nemmeno il Signore degli Anelli sia alla mia portata! 🙂

  47. ho provato a leggere il signore degli anelli ma mi sono fermata a pag.100.. come dici te relativamente a Lo Hobbit (che non ho letto) è molto molto descrittivo, troppo che personalmente non ho sopportato quindi penso che anche per te potrebbe essere lo stesso. ciao!!

  48. guarda, sono stata a lungo combattuta. Però, per il momento ho desistito. Preferisco godermi la serie. Questa mia scelta mi fa strano perché leggo sempre i libri da cui sono tratti i film, ma mi sento di rimandare la lettura. In questo periodo ho molti libri da leggere (amo i classici) e gli do la priorità.

  49. Look decisamente bocciato quello del film non perchè non sia gradevole allo sguardo ma perchè sembra davvero finta,i fans non sono abituati a questo “camouflage”.I commenti sulle signore “stereotipate” penso siano sensati,critica chi ha un determinato look,non perchè rispecchi la propria personalità ma quasi per inerzia,non perchè davvero ci si sente adatte a quell’outfit.etc etc

LASCIA UNA RISPOSTA