cliomakeup-morning-routine-avene3

Ciao ragazze!

Cerco sempre di spiegarvi la differenza tra avere la pelle secca e la pelle disidratata, ma ciononostante, c’è un errore – forse più grave – che si fa spessissimo, in primis a causa dell’uso (improprio) della…lingua italiana! Sto parlando della differenza SOSTANZIALE tra idratare e nutrire la pelle. L’inglese ha termini assolutamente differenti per questi step e noto che in USA e in UK, è molto più difficile fare confusione, ma in Italia, invece, l’errore è dietro l’angolo.

Ma stiamo solo parlando di un errore semplicemente di lessico, o di qualcosa che ha un impatto anche sulla nostra pelle? Purtroppo, di questo secondo caso.

E cosa può succedere se si fa questa confusione? Pelle che rigetta ogni prodotto, pelli grasse e disidratate insieme, pelli che potrebbero essere “normali” e che invece risultano aride, spente e “svuotate”, invecchiamento precoce della pelle e sì, anche rughe, oltre che occhiaie e colorito smorto. Un bel quadretto, non vi pare?

Allora, se è importante usare prodotti di qualità, è ancora più importante saperli scegliere e saperli usare, in base alla propria pelle, lo sapete? E allora oggi vi spiego nel dettaglio tutto quanto, per evitare di sbagliare ancora!!

cliomakeup-morning-routine-avene3

 

PELLE SECCA VS PELLE DISIDRATATA: LA SAPETE LA DIFFERENZA?

Per riassumere quanto ci siamo già dette, la pelle secca è una pelle che non produce abbastanza sebo. È una tipologia di pelle e quindi, chi ce l’ha, la può migliorare ma non cambiare del tutto – a meno che non ci siano cambiamenti macroscopici nella propria vita (sbalzi ormonali, l’età, cambiamenti climatici e di stile di vita).

La pelle disidratata invece è una condizione, uno stato che può colpire qualunque tipologia di cute, anche le pelli grasse o miste (ovvero quelle che producono troppo sebo in alcune zone o su tutto il viso), oltre che le secche. E, in questo caso, c’è una causa ben precisa che si può trattare usando i giusti prodotti cosmetici, per un risultato ottimale.

ClioMakeUp-avene-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.jpg.001

 

La disidratazione consiste nella carenza di acqua. Le cause possono andare da uno stile di vita frenetico, ad una skincare errata, all’esposizione ai raggi solari, alla mancanza di sonno, o alla permanenza in ambienti molto riscaldati o con aria condizionata. La pelle disidratata può tranquillamente essere trattata andando alla radice del problema o compensando con i giusti prodotti.

IDRATARE = HYDRATE, NOURISH, MOUSTURIZE?

Ecco, ora torniamo al nostro problema iniziale. Cosa vuol dire “idratare” la pelle? La pelle secca, la pelle matura e la pelle disidratata (che sia questa grassa, mista o arida), vanno idratate tutte? E tutte allo stesso modo?

Come vi dicevo, l’inglese, per esempio, su questo tema è molto specifico rispetto all’italiano. Io stessa so benissimo di usare il termine “idratare” sia nel senso di to hydrate che to nourish. Questo perché lo consideriamo come un verbo generico, un gesto per cui si applica una crema al fine di rendere la pelle morbida e dall’aspetto sano – gli inglesi direbbero semplicemente to moisturize.

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturizeL’italiano è una lingua ricchissima, ma è bello conoscerne altre proprio perché si imparano tantissime cose!

MA IN ITALIANO: Il fatto di tradurre to moisturize e to hydrate sempre con “idratare” crea una bella confusione anche al momento dell’acquisto di un prodotto!

IDRATARE E NUTRIRE NON SONO LA STESSA COSA

Ho capito quanta confusione si faccia ancora tra questi due step, nel momento in cui ho avuto occasione di “curiosare” tra tutti i prodotti della gamma di un famoso brand di skin care: ed ecco qui, in questo post in collaborazione con Eau Thermale Avène, tutto quello che ho imparato! Spero sia utile anche a voi!

Il fatto è che credo che capiti a tutte, di fronte ad una gamma davvero vasta di prodotti, di ritrovarsi un po’ spaesate: tra i nomi commerciali, le traduzioni dalle varie lingue e i dubbi di base sulla nostra pelle, sentirsi scoraggiate è un attimo.

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturize-perplesso.001

Per fare ordine un po’ alla radice, idratare, nel senso inglese di to hydrate – e non genericamente di to moisurize – significa restituire alla pelle l’acqua che ha perso e cercare di far sì che quest’acqua venga trattenuta dalla pelle. Ecco perché lo step dell’idratazione è importante per tutte le pelli! Non dare acqua a una pelle grassa, per esempio, significa renderla disdidratata e quindi, ai problemi che già ha, si aggiunge una crescente sensibilità, il colorito spento, le pellicine, i rossori…

Con il termine nutrire, invece, si indica in modo specifico, il processo per cui si cerca di restituire alla pelle il film lipidico che necessita, apportando quindi ingredienti oleosi o burrosi, ideali per le pelli secche o mature – che vedremo nello specifico più avanti.

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.001

COME TRATTARE LE DIVERSE TIPOLOGIE DI PELLE: LA RISPOSTA EAU THERMALE AVÈNE

Per rispondere alla domanda di prima, ovviamente no, non si “idratano” allo stesso modo le pelli grasse, le pelli secche, le pelli mature, e le pelli disidratate. E se tutte hanno bisogno di essere idratate, nel senso di arricchite di acqua, nutrire troppo una pelle disidratata, che magari si è scambiata per secca o che si crede di “ristorare” con creme ricche, potrebbe risultare controproducente. Una pelle che magari di per sé sarebbe normale, infatti, potrebbe iniziare a comportarsi come una pelle grassa o mista, dando problemi. Ecco perché è importante fare chiarezza!

ROUTINE PELLE DISIDRATATA: ECCO COME RISOLVERE

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.gifI pori dilatati sono un classicone di chi soffre di disidratazione!

Partiamo dalla pelle disidratata: apparentemente è la più difficile, ma in realtà è la più semplice di cui parlare. Se vi dicessi di dirmi il primo prodotto Eau Thermale Avène che vi viene in mente, non mi rispondereste “l’acqua termale”? Ebbene sì, tutti i loro prodotti sono a base di acqua termale, e quindi tutti sono idratanti: anche quelli nutrienti e quelli opacizzanti!

ClioMakeUp-avene-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.jpg.002Eau Thermale Avène, Acqua Termale Spray 300ml. Prezzo: 11,90€

 

Per chi però, non solo ha bisogno di prevenire la disidratazione, ma di trattarla, io consiglio tantissimo il loro siero Hydrance Optimale, di cui vi ho parlato già prima di questa bella collaborazione, inserendolo nei top del mese.

ClioMakeUp-avene-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.jpg.005Eau Thermale Avène, Hydrance Optimale Siero idratante. Prezzo: 24,90€

Non avete ancora capito a cosa cavolo serve il siero? È venuto il momento di comprenderlo!

Il siero è un “di più” al nostro trattamento quotidiano che, grazie ad una texture particolarmente impalpabile, viene facilmente assorbito dalla pelle, che poi è pronta per la crema quotidiana. Spessissimo, i sieri hanno proprio come scopo l’essere un booster di idratazione, in senso proprio, laddove le formule delle altre creme non apportano abbastanza acqua alla pelle! Ecco perché, senza sapere la differenza tra idratare e nutrire, è difficile capirne il senso!!!

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturize-5Una “doccia” di idratazione, da far precedere a tutti gli altri step: ecco cos’è il siero!

Questo siero, pertanto, non solo è un toccasana per chi ha di suo la pelle sensibile o molto disidratata, ma anche per tutte le altre pelli che oltre alla disidratazione, hanno magari problemi di aridità o di sovrapproduzione di sebo. Sappiamo bene che, soprattutto in questo ultimo caso, potrebbe non essere facile associare un potere fortemente idratante ad uno opacizzante e regolatore: beh, il siero è la soluzione giusta!

Questo a me è piaciuto molto: lo uso anche picchiettato sopra al trucco durante la giornata, quando inizia a comparire qualche pellicina; si assorbe subito grazie alla texture leggerissima e la pelle ringrazia!

ROUTINE PER PELLE MISTA/GRASSA: ECCO I MIX GIUSTI!

ClioMakeUp-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-avene-differenza-hydrate-noutrish-moisturize-4Vi pare che solo la cipria vi capisca? Allora la vostra pelle produce troppo sebo!

Se state usando prodotti specifici per pelli grasse o miste, sappiate che sarebbe meglio non concentrare l’intera routine sulla lotta contro il sebo o le imperfezioni. Il siero idratante è, quindi, uno step ottimo e la combinazione perfetta sarebbe insieme ad un detergente delicato come la Mousse detergente. Pur avendo la funzione di limitare la lucidità nella zona T è talmente leggera che l’ho usata anche io, senza rilevare nessun problema, anzi mi è piaciuta! È quindi un prodotto che non secca la pelle ed è perfetto per le pelli normali, miste o grasse ma sensibili.

 

ClioMakeUp-avene-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.jpg.004Eau Thermale Avène, Mousse Detergente. Prezzo: 17,10€

Io ovviamente non l’ho testato perché non adatto a me, ma ho trovato molto interessante e molto smart il concetto che sta dietro al Cleanance Hydra crema detergente: un prodotto per chi si sta sottoponendo a trattamenti farmacologici anti-acne e che quindi, a differenza di come alcuni pensano, hanno bisogno di reidratare e lenire la pelle.

 

ClioMakeUp-avene-pelle-secca-pelle-disidratata-idratare-nutrire-differenza-hydrate-noutrish-moisturize.jpg.008Eau Thermale Avène, Cleanance Hydra Crema Detergente Lenitiva. Prezzo: 15€

A seguire, la propria crema o trattamento quotidiano, che deve avere la texture giusta: quindi idratante e non nutriente.

In questo modo, ci si prende cura dei problemi specifici, la pelle viene trattata in modo mirato, ma non se ne trascura l’equilibrio, avete capito? Ma come fare per le pelli secche, le pelli che mostrano le prime rughette e quelle che, magari, oltre ai segni del tempo soffrono anche di un po’ troppo sebo? Tutte le risposte le trovate a pag. 2!!