I social network ci permettono di condividere in modo semplice ed immediato tutto quello che vogliamo, tra cui anche elementi che fanno parte della nostra sfera personale. Lo sanno molto bene anche le celebrity, molte delle quali pubblicano, quotidianamente, tantissimi contenuti! Così facendo, rendono i propri follower e fan partecipi delle loro giornate e, più in generale, della loro vita.

Se da una parte, però, lo star system è ricco di VIP che sembrano proprio non poter fare a meno dei social, dall’altra presenta anche celebs che proprio non vogliono saperne di iscriversi o di ritornare su queste piattaforme, rifiutando questo lato della tecnologia. Chi sono, allora, le celebrity senza social network? E per quale ragione hanno deciso di fare questa scelta? Se siete curiose, bellezze, continuate a leggere il post!

ClioMakeUp-star-senza-social-network-che-non-hanno-instagram-twitter-odiano.001

 


CELEBRITY SENZA SOCIAL: EMMA STONE

Alla fine del 2016, la star di La La Land Emma Stone ha dichiarato, durante un’intervista alla rivista Elle, di non avere un’elevata considerazione dei social come mezzi di comunicazione.

cliomakeup-celebrity-senza-social-2

Per Emma, infatti, contribuiscono a dare un’immagine del successo non veritiera e pompata. Inoltre, per l’attrice soprattutto social network come Instagram o Twitter fanno apparire la vita dei VIP tanto, troppo facile.


cliomakeup-celebrity-senza-social-3

“[…] guardando i social delle star, si pensa che la loro vita sia la migliore possibile. Non è vero!”

Emma ha anche affermato: “Mi fa dare di matto vedere persone che, guardando i social delle star, pensano che la loro vita sia la migliore possibile. Non è vero!” Per questo motivo, Emma non è sui social incriminati, Instagram e Twitter.

cliomakeup-celebrity-senza-social

JENNIFER ANISTON E IL DESIDERIO DI PRIVACY

Anche Jennifer Aniston fa parte delle celebrity senza social network. La sua motivazione principale consiste in un desiderio di privacy!

cliomakeup-celebrity-senza-social-6

Jennifer, mentre era intervistata da Harper’s Bazaar, ha infatti dichiarato come, ogni giorno, lotti per mantenere esclusivamente per sé determinati aspetti della sua vita.

cliomakeup-celebrity-senza-social-5

Il pensiero di condividere tutto con tutti tramite i social network 24 ore su 24 perciò non la attira. Perché? Poiché le sembrerebbe di essere sempre parte di…un enorme show! Tuttavia, Jennifer non critica chi usa i social, anzi, trova che in un certo senso siano divertenti, pur pensando che non facciano per lei.

cliomakeup-celebrity-senza-social-4

DANIEL RADCLIFFE E IL DISINTERESSE NEL MONDO SOCIAL

L’unico social su cui indulge Daniel Radcliffe è Google +, su cui ha un account! Per il resto, il volto iconico di Harry Potter scherza molto su quanto le persone siano sorprese di scoprire quanto sia restio al mondo social.

cliomakeup-celebrity-senza-social-8

Daniel è infatti molto giovane, ma a differenza di molti suoi coetanei, proprio non è attratto da questo mondo!

cliomakeup-celebrity-senza-social-7

Bellezze, non è finita qui! Nella pagina successiva vi parlerò di celebs che non riescono proprio a capire cosa ci sia di interessante nei social network. Parlerò però anche di VIP che se ne tengono lontani perché irritati, se non proprio feriti, dal mondo di internet! Andate a pagina 2 per vedere di chi si tratta!

35 COMMENTI

  1. Concordo con Scarlett: non ci trovo nulla di divertente ed entusiasmante. Julia Roberts ha ragione dicendo che manca la connessione umana e Jennifer Aniston afferma che manca la privacy. Non posso essere più in accordo con loro! Non ho FB e sto benissimo da quando l’anno scorso l’ho chiuso definitivamente (c’è il modo di chiuderlo per sempre e cancellare i dati invece di disattivare solo l’account!) perché mi rendeva schiava di notifiche arrivate ecc. Uso IG ogni tanto, ma niente di che.
    Trovo che forse, anzi ne sono sicura, senza social si vivrebbe meglio e alcune cose orribili che ci circondano non ci sarebbero perché ormai tutti vogliono i famosi 15 minuti di popolarità facendo cose agghiaccianti, solo perché devono fare qualcosa di più di un altro per essere “famoso”, visto, conosciuto che sia nel bene o nel male non importa. Ad esempio il ragazzo che uccise un anziano in diretta Facebook solo per visualizzazioni? Per avere ancora più visualizzazioni, il filippino che ha uccisol a figlioletta in diretta? Ecco queste sono paziente che sicuramente sono date da menti malate che ci sarebbero comunque al mondo, ma sono sicura che sarebbero molto più limitate se non ci fossero i social che le amplificano. C’è una distorsione della realtà davvero terribile e inquietante.

  2. Coi social ci lavoro, quindi rischio di essere imparziale… 🙂
    Penso che siano uno strumento per informarsi, conoscere, condividere, svagarsi. Tutto sta alla nostra intelligenza: a come e quanto li usiamo, a chi/cosa scegliamo di seguire, alla nostra capacità critica di filtrare i contenuti e non “berci” ogni parola…

    Per quanto riguarda le star, posso benissimo capire che non abbiano voglia di mettere in piazza ogni respiro, visto che già ce li mettono i vari paparazzi!

  3. Mi spiace ma i dati non vengono mai cancellati. Nel momento in cui ti iscrivi su Facebook e accetti le loro Condizioni tutto quello che carichi diventa di loro proprietà.

  4. Esatto, condivido pienamente il tuo pensiero. Il problema non sono i social in quanto tali; il problema sta nell’ignoranza di chi li usa!

  5. condivido a pieno tutte le motivazioni, innanzitutto preferisco la vita reale a quella virtuale, poi causano dipendenza e non hanno privacy!!

  6. Io la penso un po’ come Scarlett.. Non capisco cosa ci trova la gente.. Però la risposta non è difficile.. Oggi alla stragrande maggioranza interessa sapere tutto di tutti.. Cosa si mangia, quante volte si va in palestra, tra un po’ anche quante volte si va in bagno.. Io ho Facebook e instagram, e per quanto riguarda il primo l’utilizzo che ne faccio é limitato al gruppo dell’università, perché è davvero utile.. Ma quando ad esempio si fa una serata con amici e le foto già le scambiamo su whatsapp, non capisco perché gli altri le debbano mettere anche su Facebook! Ormai c’è l’ossessione di far sapere a tutti cosa facciamo, dove siamo, cosa indossiamo.. È inquietante vedere le cose che vengono postate.. Mi sono iscritta ad instagram quando Clio faceva spesso i concorsi con i pacchi.. E l’ho tenuto perché seguo alcune celebrities.. Quindi neanche io sono immune da questo fenomeno, per carità.. Però parlando in generale, la gente ne è ossessionata.. È un po triste, secondo me

  7. Se la prossima volta volete parlare di più anche di attori uomini che non usano i social c’è anche Kit Harington. Lui non ha nulla (qualcuno dice che un account Twitter sia suo perché creato dalla publicist, ma comunque è inattivo) e dice sempre che deve già parlare tanto (troppo) della sua vita privata, non vuole condividere altro con io mondo. Già il cellulare gli porta via un sacco di tempo tra mail, messaggi ecc… non gli interessa stare ancora più dietro ad uno strumento tecnologico!
    Baci 🙂

  8. Io non uso i social, qualche anno fa avevo FB ma rendendomi conto che non lo usavo ho cancellato l’account.
    Naturalmente, se usati nel modo giusto, non c’è nulla di male ad avere qualche account.
    Quello che non concepisco è l’abuso: ad es. una mia amica mi ha raccontato questa storia che secondo me è sconvolgente: ad una cena tra amici, le persone presenti al tavolo, fotografavano e commentavano su FB la foto e i piatti! Cioè, quelli presenti! Ma non potete parlarvi? Commentare a voce? Instaurare un dialogo?
    Ecco, io questo non capisco proprio!

  9. Io non sono particolarmente fan dei social, ho solo fb e twitter ed uso poco entrambi… leggo quello che mi interessa, ma soprattutto è un modo in più per tenermi in contatto con amici che sono fisicamente distanti.
    La mania di condividere ossessivamente tutto quanto non mi piace.. e infatti se non mi va di pubblicare determinate cose non lo faccio,ma appunto.. è una mia scelta 🙂
    Sono d’accordo con chi dice che non è in quanto ai social, è più l’uso che se ne fa a esser negativo tante volte.

  10. Abitando all’estero, uso i social e in particolare whatsapp per tenermi in contatto con amici e parenti in Italia; facebook è una fonte di intrattenimento e condivisione di idee; twitter mi piaceva per seguire i vip ma adesso mi annoia; su instagram sono registrata da un annetto.

  11. Io penso che dipenda tanto anche dal lavoro che fa una persona. Questi sono tutti attori, il loro lavoro è recitare su un set e i social per loro sarebbero un extra, un hobby. Per altri famosi tipo le modelle o gente come kim kardashian i social sono indispensabili in quanto strumento che utilizzano per il loro lavoro.

  12. Io ho Facebook da 8 anni. A dire il vero non mi dispiacciono i Social, se usati con criterio. Ma capisco le celebrity, quando la tua vita è comunque sotto gli occhi di tutti, alla fine vuoi un po’ di spazio per te. Probabilmente, se fossi famosa, anche io taglierei di netto i social network.

  13. Oppure quelli che muoiono solo per farsi un selfie estremo solo per avere più like? Quanti se ne sentono, ultimamente poi una valanga!!!

  14. Per usare bene i social ci sono tre semplici regole da comprendere:
    1) non sono un semplice gioco
    2) non sono un semplice gioco!!!
    3) a nessuno frega nulla di quello che posti.
    Il comportamento corretto da adottare viene di conseguenza. Io è già tanto se su facebook condivido qualcosa una volta al mese, figuriamoci se mi metto a postare su instagram ogni 10 minuti quello che mangio, cosa indosso o (soprattutto!!!) foto con altre persone senza chiedere loro il permesso.

  15. Io ho solo Google plus, a cui mi iscrissi anni fa per recensire la app di un amico sul play store e da allora mai più usato, e wathapp. Non ho mai voluto Facebook nè Twitter, Istagram e simili. La mia scelta è dettata dal fatto che lavora dieci ore al giorno davanti al computer e non volevo ulteriori motivi per starci incollata ulteriormente. In realtà poi ho visto tanta gente farne un uso veramente smodato e non volevo fare quella fine. Bello sapere che non sono l’unica nell’universo ad aver fatto questa scelta

  16. Condivido in pieno tutto quello che hai detto. I social sono uno strumento con innegabili potenzialità, però molti utenti si fanno prendere dall’ossessione di sbandierare ogni istante della propria vita. La cosa brutta, che molti non sanno, è che è veramente difficile, se uno si pente, cancellare ogni traccia di quello che si è pubblicato.

  17. Hai ragione purtroppo. Molta gente lo ignora, ma è praticamente impossibile cancellarsi dalla rete una volta che si è iniziato a pubblicare materiale

  18. Visto anche io queste scene a dir poco assurde! Una sera sono usicta con mio marito per una pizza. Locale pieno ma silenzioso: eravamo quasi gli unici a parlare.

  19. Non c’è controllo. Hanno fatto una statistica con 3 milioni di post al secondo dicevano, in tutto il globo. Impossibile controllare tutto.

  20. Condivido pienamente! Per certi vip sono uno strumento che li aiuta a lavorare e fanno bene ad usarli, sanno di essere seguiti e possono scegliere in prima persona cosa e quanto mostrare. Lo trovo meno adeguato alle persone normali che, per emulazione, postano qualunque cosa pensando che al resto del mondo possa davvero interessare. Purtroppo mostrarsi è diventata una moda e ormai molti provano piacere nel seguire questa scia..
    Ps.non sono iscritta a Facebook, Instagram e Twitter xké non ho nulla che voglio mostrare, uso Whatsapp con amici,famiglia e colleghe. Lì condivido molto di me ma solo con i miei contatti e non rendo visibile nulla a chi non è nella mia rubrica

  21. Il mio rapporto coi social è minimo. Ho account IG, Tumblr e DeviantArt. Non ci sono foto che mi ritraggano, solo i miei disegni, le unghie smaltate perchè sono tester di smalti, qualche cavolata tipo i miei occhiali da sole e occasionalmente qualche foto ‘artistica’ di musei o monumenti. I cavoli miei restano i cavoli miei e il mondo ne deve restare fuori. Seguo solo gente che conosco di persona, artisti e chiunque penso che pubblichi roba che mi interessa. E, soprattutto, non ci sto incollata tutto il giorno. Cerco di sfruttare i vantaggi della tecnologia invece di farmi sfruttare dai gingilli tecnologici.
    Posso solo immaginare quanto debba essere difficile per queste celebrities mantenere la propria privacy… Era dura già prima dei social, figuriamoci adesso!

  22. Dopo l’uccisione di quella povera creatura in diretta, ho affrontato questo discorso con un amante di Facebook. E mi chiedo, se Facebook aggiunge sempre nuove funzionalità, se permette di fare dirette, perché a ciò non si accompagna un adeguato controllo? In modo da bloccare in maniera quasi istantanea ogni tipo di contenuto violento? Invece no, certi video degli omicidi son finiti anche su YouTube per qualche ora! È follia! E se questo controllo non è attuabile a causa della mole di condivisioni e post quotidiani, allora a parer mio non deve esistere una funzione simile! Perché non può essere lasciata a se stessa!!! D’altronde cosa porta di essenziale nella vita quotidiana? Nulla! Io capisco che sta alla mente umana usare razionalmente il mezzo, ma le persone fuori di sè esistono, non ragionano in modo normale, e se non c’è controllo accade questo!

  23. Ma bisogna regolare l’accesso anzitutto. Ciò che lo impedisce sono i grossi interessi economici più che la complicata e interessata rete di internet.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here