Ciao ragazze!

Quanto siete disposte a investire per ottenere la pelle perfetta che avevate da bambine? Non parlo solo di soldi, ma anche di tempo, dolore, impegno… Avete cicatrici, rughe, acne, danni solari, segni di ustioni o smagliature? Ma soprattutto, avete paura degli aghi? Se le vostre risposte sono “qualsiasi cosa”, “sì” e “no”, allora il dermarolling potrebbe fare al caso vostro! Di cosa si tratta? Scopriamolo subito! m-titamium-dermaroller-l

Il dermarolling è un trattamento molto di moda qui in America che consiste nel passare sulla pelle un rullo ricoperto di…aghi! Questi aghetti possono essere di diverse lunghezze, da 0.13 a 3 millimetri, da scegliere in base al problema da curare; i più piccolini possono essere usati anche su una pelle senza grandi imperfezioni per facilitare l’assorbimento di creme e prodotti di skincare (ma anche di sieri per la crescita dei capelli!), mentre quelli più grandi aiutano a migliorare l’aspetto di cicatrici, segni dell’acne, rughe… Il procedimento è semplice: in pratica i buchetti lasciati dal rullo permettono in primo luogo una migliore penetrazione di sieri e lozioni, mentre il miracoloso effetto a lungo termine è una produzione forzata di collagene!

Aghi piccoli...
Aghi piccoli…
...e grandi!!!
…e grandi!!!

Le più mature sapranno bene che il collagene è una proteina presente naturalmente nei nostri tessuti, che rende la pelle soda, ben riempita ed elastica; il problema, però, è che con il passare degli anni questa sostanza si deteriora, causando l’invecchiamento della cute e le tanto odiate rughe! A quanto pare le creme a base di collagene sono assolutamente inutili, perché la pelle non riesce ad assorbirne le proprietà, quindi capite bene come uno strumento in grado di stimolare la produzione della proteina dall’interno sia un vero miracolo! 

No, tu non servi!
No, tu non servi!

Il dermarolling può venir fatto dal dermatologo ed è abbastanza costoso, ma da non molto è stato lanciato anche il kit casalingo, che si può trovare su Ebay per meno di 30 dollari, circa 20 euro. Effettivamente il meccanismo è molto semplice: bisogna semplicemente passare il rullo sulle zone da trattare, quindi l’unica difficoltà è superare la paura e l’impressione! Chi utilizza gli aghi piccoli e quindi non ha grandi problemi da curare, ma vuole solo rendere più efficace la skincare routine e stimolare il collagene, può semplicemente applicare la crema da far penetrare in profondità prima o dopo il trattamento. Chi invece usa gli aghi più lunghi per migliorare difetti più evidenti deve stare più attento, ripetere il trattamento con meno frequenza, disinfettare la pelle e il rullo e prendersi cura della pelle arrossata e irritata nei giorni che seguono. Essendo un’azione più aggressiva, infatti, è possibile che si formino rossori e gonfiori, come dopo un pomeriggio passato al mare in Agosto senza protezione; è fondamentale mantenere la pelle ben idratata ed evitare il trucco e l’esposizione al sole per qualche giorno.

I risultati sono visibili dopo qualche mese; se non siete troppo deboli di stomaco potete vedere qui qualche “prima e dopo“, ma sappiate che fanno un po’ impressione:

ResultsAcneScarring dermaroller_ba_1m dermaroller_acne stretch-marks-1024x558 dermaroller_hyperpigmentation Dermaroller-AcneScarsBeforeAfter_3

Ragazze, vi dico la verità, a me questo dermarolling incuriosisce molto, però la questione degli aghi…mmm, sono fifona, non so che farci! Voi conoscevate già questa pratica? L’avete mai provata? Avete qualche amica coraggiosa che ne è fan? Un bacione!