Ciao a tutte!

Quando si tratta di Grammy siamo tutte affascinate dai look delle star e dalle loro performance. Ma ci sono dei retroscena altrettanto interessanti su cui vale la pena soffermarsi.

A tal proposito, il sito thisisinsider.com ha pubblicato l’elenco dei regali — alcuni dei quali veramente assurdi, ve lo possiamo assicurare! — dati ai partecipanti degli ultimi Grammy, che tra cantanti e presentatori erano più di 50 persone.

Mentre l’anno scorso la gift bag aveva un valore di 22.000$, quest’anno è salito a ben 30.000$! Noi abbiamo letto la lista e siccome ci ha incuriosite e divertite molto, abbiamo pensato di condividere con voi alcuni di questi originalissimi cadeaux. Tra prodotti beauty e una pizza gratis, siete pronte a vederne delle belle? Leggete sotto!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-adele

UN VIAGGIO PER UNA SETTIMANA AL GLOBEN DOOR SPA IN SOUTHERN CALIFORNIA, 8.850$ 

Partiamo subito con il regalo più costoso. Una settimana da sogno tra cocktail a bordo piscina e massaggi rilassanti in una lussuosissima spa. D’altronde i VIP sono molto stressati e hanno proprio bisogno di un po’ di relax…

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-globen-door-spaCredits: topworldplaces.com

Si tratta però di un regalo a fin di bene. Il centro benessere ha infatti deciso di donare il 100% dei suoi profitti per combattere gli abusi sui minori. Chapeau!

BALSAMO LABBRA DI CHAPSTICK, 4.99$

E dopo il regalo più costoso, ecco quello più economico.

Il ChapStick Total Hydration Moisture + Tint è disponibile in 3 tonalità: “Rose Petal”, “Coral Blush” e “Merlot”. Un balsamo idratante 100% naturale con un tocco di colore! Lo vedremo presto sulle labbra di Adele e Lady Gaga?! Forse!!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-chap-stick-balsamo-labbraCredits: bloglovin.com

UN TAPPETO PER MESSAGGI DI SWEETCHEEKS PER RIDURRE LA CELLULITE, 99$

Il sogno di tutte? Eliminare la cellulite senza sforzi! Dalla descrizione sembrerebbe che, con questo tappeto, sia sufficiente sedersi sopra, lasciarsi massaggiare e aspettare che la cellulite ci abbandoni: “Sit down and say bye to cellulite”. Sssseee, troppo bello per essere vero, no?!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-tappeto-celluliteIl tappeto promette, oltre che di ridurre visibilmente la cellulite, anche di migliorare la circolazione. Credits: asseenontv.pro

UN CUSCINO DA VIAGGO TRTIL

Sembra una calda sciarpa, magari poco stilosa, ma all’interno nasconde un sostengo per il collo. Per dormire ovunque, utilissimo per le celebrities che viaggiano spesso. Che gesto premuroso da parte degli organizzatori!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-trtil-sciarpa-cuscino-collo

UN BUONO REGALO PER UNA PIZZA LARGE DA D’AMORE’S FAMOUS PIZZA IN CALIFORNIA

Qui si va sul sicuro, la pizza piace a tutti. Definita la pizza più “sana” d’America (anche se, dalle foto…), oltre che la pizzeria più famosa della California, la D’Amore’s Famous Pizza. Tanto poi usano il tappeto anti-cellulite!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-pizza-amoreE a voi invita la pizza di D’Amore’s pizza?

UN MANICOTTO PER CAPELLI DI PONYDRY, 19,99$

Ecco una soluzione ingegnosa per lavare i capelli solo alla radice, senza bagnare le lunghezze. Inserendo la coda in questo “manicotto” si può preservare la piega ed evitare i danni da troppi shampoo. Un regalo davvero originale: dite che Rihanna preserverà così i lunghissimi capelli castani che tutti le hanno invidiato?!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-ponydry-capelliCredits: beautyrsvp.com

LUSSUOSE EXTENSION PER CAPELLI DI THE LAUREN ASHYN COLLECTION, 850$

Queste sono utili per le/i meno capellute/i. E a giudicare da quanto valgono… devono fare proprio i miracoli!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-lauren-ashyn-extensionCredits: thelaurenashyncollecion.com

UN PROGRAMMA DI ALLENAMENTO FXP HULA HOOP FITNESS

Il kit contiene un hula hoop, i DVD di fitness, un tappettino per gli esercizi e una sessione di allenamento personale con un trainer professionista in sei città (Los Angeles, New York, Boston, Nashville, Atlanta e Chicago). Per i più sportivi!

ClioMakeUp-grammy-2017-gift-bag-celebrities-fxp-hula-hoopCredits: fix-fitness.com

Queste sono solo alcune delle cose contenute nella gift bag dei Grammy 2017. C’erano anche scatole di pastelli, bigliettini motivazionali e molto altro. A pagina 2 trovate altri curiosi regali!

53 COMMENTI

  1. Io amo provare le cose mi prendo tutto ok??? Poi il bavaglino lo uso come strofinaccio in casa, il manicotto per capelli lo proverò e poi quasi sicuramente me ne sbarazzerò e il buono per D’amore’s Pizza lo regalo a voi per quando farete una scappata in California. Poi vado nella spa con la crema per i piedi, il cioccolato, il libro e il siero e mi godo la vita…

    a parte gli scherzi secondo me sta roba le celebrities la regalano ai domestici

  2. ????? non ho capito il senso di tutta stà roba … e in generale il senso di regalare degli oggetti abbastanza comuni a delle star che si possono comprare tutto quello che vogliono … ma fare direttamente beneficenza con l’importo destinato ai regali no? che poi tante di queste cose sembrano uscite dal catalogo degli “introvabili” presente? tutte quelle robe a cui nessuno aveva mai pensato e che dovrebbero rivoluzionarti la vita … :-))))) americani!

  3. la pizza e il cioccolato?!? ad Adele ?!? ma non era a dieta … Scherzi a parte il cuscinetto anticellulite non mi dispiacerebbe considerando che sono seduta in ufficio 8 ore al giorno. Farò ricerche spero che non si debba usare in mutande …
    L’hula hoop ce l’ho da anni incluso DVD, molto divertente e anche funziona come massaggio, ma state attente ai vasi e ninnoli in casa, io ho fatto strage!
    Le cremine per I capelli e le rughe anche no grazie, le boccette sono troppo simili, e va a finire che oltre a spendere 2000 dollari mi ritrovo pure con la barba.

  4. A parte che secondo me manco la vedono la gift bag…
    Ma il senso di questa cosa me lo spiegate? Perché non riesco proprio a capirlo…. :O

  5. Perché dovrebbe? Si tratta di una società che si occupa esclusivamente dell gift box che vengono regalate ai Grammy ed ad altri eventi di questo genere (anche al ballo del Met, anche se il valore box è di dimensioni ridotte); non si tratta di un ente di beneficenza:)
    Che poi alcuni regali siano bizzarri è fuori dubbio, ma è giusto che ognuno decida di riutilizzarli come meglio crede!

  6. Il manicotto per capelli ponydry per quelle che come me hanno la cute grassa che si sporca facilmente e le lunghezze che tendono a seccarsi sarebbe una manna dal cielo XD

  7. Credo che anche a loro piaccia provare prodotti nuovi…alla fine non è diverso da quando noi proviamo dei campioni o Clio prova i sample. Solo si tratta di prodotti sicuramente più costosi!

  8. Il senso è che certe aziende si fanno giustamente la pubblicità presso il proprio target di mercato. Alcuni prodotti sono per le tasche di molti, altri no. È pubblicità e marketing. L’anima del commercio.

  9. perchè si farebbero pubblicità migliore dando i proventi in beneficenza piuttosto che regalare matite a gente che non se ne fà niente …

  10. i Vip non li trovo un target di mercato … oppure sì ma di altre cose non di pastelli o pizze gratis .. ho capito che lo fanno per farsi pubblicità ma penso che figurare tra gli sponsor dell’evento gli regali uguale visibilità, non penso che Adele si metta a fare la review del cuscino anticellulite … o sì :-))))

  11. Ma il punto è che la società si occupa SOLO di quello, ovvero di raccogliere tutti i prodotti che vengono messi a disposizione dalle varie case produttrice, e di unirli nella Gift Box

  12. Concordo e sinceramente non ci vedo nulla di male!
    Se ne parla perchè sono personaggi pubblici, ma un po’ di tempo fa ho fatto la hostess ad un convegno di medici, e vi assicuro che i prodotti dati in omaggio non erano molto diversi. Certo, il valore complessivo era inferiore, ma il genere era lo stesso!

  13. Mmm…a parte il viaggio e la spa , il resto mi sembra così cheap…da comuni mortali. Sono convinta che le star abbiano tante di quelle comodità che non usufruiscono di tutti questi gadget 🙂

  14. non ti preoccupare che i medici ricevono ben altro in omaggio, non alle fiere ma dai rappresentanti farmaceutici …

  15. Ma infatti non serve che faccia una review perché non è il suo mestiere. In realtà già parlandone su questo Blog come su altri l’obiettivo pubblicitario è raggiunto. Capisco che i pastelli e la pizza sembrano fuori luogo, ma trattamenti lusso d Spa hanno come target di mercato chi ha bei soldi come le celebs, che ricordiamoci sono dei consumatori anche loro sebbene con un potere d’acquisto quasi infinito.

  16. Sono le tipiche pizze d’oltremare/oltreoceano, purtroppo non hanno il concetto della semplicità nel cibo … devi vedere cosa riescono ad infilare tra 2 fette di pane per un panino. Se menzioni solo pane e salame (senza burro, maionese, cetriolini, cipolla, formaggi vari etc) si straniscono

  17. Sai che ci avevo pensato anch’io? Ma secondo voi Queen Bey, J-Lo, Katy Perry & company hanno la cellulite, le radici dei capelli grasse, le rughe, le labbra secche e pochi capelli? Ma certo che no, se fossi in loro sarei mortalmente offesa dalle allusioni anche non troppo velate.

  18. ma va’, anche il mio ragazzo dice che gli ingredienti in Italia sono molto meglio e che non c’è bisogno di abbellirli (lui è inglese) Gli anglosassoni non apprezzano la genuinità dell’ingrediente punto e basta. non ho ancora capito se è una cosa recente o meno perchè la cucina tradizionale è semplice. Per esempio gli arrosti della domenica che fanno gli inglesi sono insuperabili, chissà perchè devono pasticciare con altre cose. A me viene da svenire quando vedo Jamie Oliver fare un risotto con 20 ingredienti, e in Inghilterra è un’autorità sulla cucina italiana.

  19. Non mi ispira proprio quella pizza perché il basilico si mette a foglia intera. E si usano i pomodorini non i san Marzano sulla pizza.

  20. Bello! E da quanto abiti la’? Io ci sono stata 2 volte ma ci tornerei anche adesso!! Mi e’ piaciuta tanto sia la citta’ che le persone!

  21. Mah, io invece credo che abbiano le imperfezioni come tutti, ma hanno a disposizione mezzi più sofisticati per nasconderle 😉

  22. Non dico che non succeda, ma buttarla così sul generale lo trovo propio fuori luogo. Chissà quante oneste dottoresse seguono il blog. Se da dottoressa leggessi un commento del genere, mi incavolerei a morte.
    E comunque non è ciò di cui si parlava!

  23. Ti contraddico, e a ragion veduta… I tempi delle vacche grasse quando i medici andavano in vacanza spesati dalle case farmaceutiche sono finiti da un bel pò di anni!!! In Italia e in tutta Europa ci sono leggi ben precise che regolano i rapporti tra i rappresentanti farmaceutici e i medici di cui si occupano!

  24. Ripeto ciò che ho già scritto sopra : i tempi sono cambiati e queste sono accuse pesanti e a parer mio senza fondamento sopratutto se fatte in maniera generalizzata…pur essendone certa non sta a me convincerti ma spero almeno che tu abbia delle prove concrete per avallare quello che dici così a cuor leggero.

  25. Innanzitutto non l’ho detto io. Io ho solo “confermato” che sono cose che possono accadere. Rilassatevi prima di attaccare!

  26. Beh, per me anche puntare il dito contro un’intera categoria di professionisti dicendo “non è un accusa ma un dato di fatto” é un attacco…anche piuttosto grave… Se confermi qualcosa devi averne la certezza e certe frasi sibilline non fanno bene a nessuno. Sono assolutamente rilassata ma non lascio passare inosservate certe frasi senza ribattere.

  27. lo spero bene … ma non sarei così sicura, di scandali ne sono usciti anche ultimamente! la linea teorica è sempre ben diversa da quella pratica e per fare un “regalo” ad un professionista, ovviamente disinteressato, c’è sempre ampio spazio.
    chiudo qui perchè ne nascerebbe polemica sterile e che non porta a niente, siamo e resteremo il paese dei corrotti, in ogni ambito.

  28. guarda che non ho insultato nessuno, e centra anche con il post! non ho detto niente di nuovo e fare un regalo ad un professionista è pratica MOLTO comune in ogni ambito! se a qualcuno sfugge questa cosa non è colpa mia… i miei titolari vanno spesso in vacanza con soggiorni regalati dai fornitori, è un “ringraziamento” per gli ordini consistenti fatti nel corso d’anno … e un invito a farne ancora per il prossimo, il mondo và così se non volete vederlo fatti vostri

  29. il commento era ironico, visto che si parla sempre della bellezza irraggiungibile di questi personaggi … comunque se io fossi J-Lo che si ritrova il tappetino anticellulite per il didietro … beh insomma gli direi usalo tu io sono diventata famosa per il retro e se non ti dispiace lo tengo così come è hhahhahha. A proposito ho fatto ricerche (perchè non ho il retro della J-Lo) e mi sembra abbastanza inutile.

  30. Che pesantezza!!! Non ho mai detto che siano pratica comune. Solo che succede. L’ho specificato dopo…per essere più chiara. Chiudiamo il discorso ora.

  31. Che discorsi, certo che lo vedo, ma non puoi generalizzare così. E comunque non è l’ambito di cui stiamo parlando; qui si parla di pubblicità e marketing.
    Tu ti sei riferita a qualcosa che è molto meno “pulito”. Se permetti gli ambito sono molto diversi.

  32. affatto! non è “meno pulito” accettare ringraziamenti da fornitori .. funziona così per tutto, anche per te che fai la raccolta punti del supermercato… la differenza consiste solo nella differenza di importi e valore dei “regali”

  33. Grazie per la risposta pacata… Lavoro in Francia e ho lavorato in Italia quindi so bene, ahimé, cosa significa la differenza tra corruzione diffusa e corruzione sporadica e non ben vista dalla società. Chiaro che i corruttibili ci sono sempre, ovunque, da noi molto più frequentemente che in altri paesi europei. Nel mio commento di prima volevo però segnalare che, essendo del mestiere, posso assicurarti che certe pratiche poco etiche sono, per fortuna, sempre meno diffuse e sempre più punite nell’ambito medico

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here