Il deodorante, soprattutto quando fa caldo o si indossano indumenti sintetici, è diventato, ormai, un prodotto indispensabile e strettamente necessario per evitare che si presentino disagi a livello sociale ed estetico! In commercio se ne trovano tra i più disparati e, avendo parlato recentemente dei pro e dei contro che presentano le varie tipologie, abbiamo potuto constatare come siano presenti molte curiosità riguardo i deodoranti senza sali di alluminio.

Sebbene, infatti, essi siano delle sostanze che sono state scagionate ufficialmente dalla scienza dalle accuse di favorire, se non addirittura provocare, malattie come il tumore al seno, sono ancora visti con diffidenza, e sono tantissime le persone che, per la propria igiene personale, vogliono quindi optare per prodotti che ne sono privi.

Nel post di oggi, dunque, vogliamo approfondire il discorso riguardante i deodoranti senza alluminio, cercando di darvi una mano a capire quali scegliere, quali sono quelli più quotati in commercio e, soprattutto, darvi qualche suggerimento per farne durare di più gli effetti! Curiose, ragazze, di scoprire di cosa si tratta? Allora non vi resta che continuare a leggere!

cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-10

Via revelist.com

COME SCEGLIERE TRA I DEODORANTI SENZA ALLUMINIO QUELLO PIÙ ADATTO PER NOI?

Se si desidera optare per un deodorante senza alluminio, sottolineiamo che non si deve in ogni caso fare questa scelta ad occhi chiusi poiché, considerato che le aziende che producono questo tipo di prodotti stanno cercando di replicarvi l’efficacia degli antitraspiranti, potrebbero esserci (come, del resto, in ogni cosa) degli ingredienti che potrebbero potenzialmente causare allergie.

cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-2Via Giphy

anche i deodoranti senza alluminio potrebbero essere irritanti!

Naturale e biologico, infatti, non significa sempre sicuro, e sostanze come gli oli essenziali o l’alcol, spesso presenti nei deodoranti senza sali di alluminio per via della loro azione antibatterica, potrebbero irritare le pelli più delicate e sensibili.


cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-6

Inoltre, considerato che, a differenza dei deodoranti antitraspiranti, quelli senza alluminio non impediscono al sudore di fuoriuscire, non è raro trovarvi anche delle profumazioni mirate a coprirne l’odore, ma esse possono presentare uno o più allergeni dunque, se usate un prodotto di questo tipo per la prima volta, è sempre consigliabile fare una prova e vedere come la pelle vi reagisce!

cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-9

E comunque, c’è anche chi pensa che “le signore non sudano, ma brillano!”

MANEGGEVOLEZZA E PRATICITÀ: I REQUISITI PIÙ IMPORTANTI DI QUESTI DEODORANTI

Altro elemento da tenere in considerazione è il formato: i deodoranti senza alluminio, infatti, per ovvie motivazioni vanno riapplicati con una frequenza maggiore rispetto a quelli antitraspiranti e, per questo, è molto utile trovare il formato più comodo per voi, non solo per l’applicazione, ma anche per un eventuale trasporto se si sta fuori per tutta la giornata.

cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-8

il formato è un criterio importante nella scelta del deodorante

I deodoranti senza alluminio si trovano sia in versione spray, che roll-on o stick: sta a voi considerare quale preferite, e qual è quella con cui avete più dimestichezza. Lo stick e il roll-on hanno dimensioni più piccole e, dunque, per sono più maneggevoli da portare con sé, ma quelli in spray, dovendo essere spruzzati, offrono un raggio d’azione più ampio e tempistiche di applicazioni minori. L’unica cosa da fare, insomma, è provare!

cliomakeup-deodoranti-senza-alluminio-7

Ragazze, il bello deve ancora arrivare! Nella pagina successiva, infatti, vi parleremo dei 5 deodoranti senza alluminio più quotati sul web e ve ne riporteremo l’INCI, e vi daremo anche qualche consiglio su come far durare questo tipo di prodotti più a lungo! Scoprite tutto a pagina 2!

23 COMMENTI

  1. Quello di Lavera mi interessa questa estate ho provato il loro gel detergente viso ed è davvero ottimo!

  2. Uso da un paio d’anni con soddisfazione il neutro Roberts 0% in spray. Lo metto rigorosamente dopo essermi lavata le ascelle e senza peli (tra l’altro non brucia per nulla, potete spruzzarli subito dopo il rasoio) a me così dura bene a lungo. L’ho preso principalmente perché è l’unico che non brucia, ma anche perché dopo essermi informata, ho deciso che non ne volevo più sapere di sali di alluminio, deodoranti che promettono effetti per 24 ore ecc… Preferisco i deodoranti senza sali, anche se non hanno la stessa identica durata

  3. Anche io li uso, insieme a quelli Infasil sono i miei preferiti, li alterno perchè dopo un pò trovo che la pelle si abitui e sono meno efficaci

  4. Lo usa anche mio marito da tanto e si trova benissimo!!per un periodo l’ho usato anche io ma a me piace cambiare 😉

  5. Io uso il Neutro Robert non quello rosso, ma quello rosa o quello verde al lime che ha una profumazione molto buona e mi dura un sacco.

  6. Sul fatto che vanno riapplicati non sono d’accordo, se rimetti il deodotante sull’ascella non pulita è proprio lí che si sprigiona un cattivo odore!
    Poi ho letto che molte persone hanno cominciato ad usare questi deodoranti proprio perchè quelli “normali” gli causavano irritazioni (ovvio che se sei allergica ad un ingrediente non fa testo).
    Bisogna trovare quello giusto e questo è vero, che non tutti i deodoranti ecobio fanno per tutti.

  7. Non mi convince molto il fatto che non durino e vadano riapplicati… Per me il deodorante deve essere rigorosamente long-lasting. I migliori che abbia mai provato sono della linea di farmacia DermaFresh, però costicchiano (circa 10 €). Ottime alternative economiche sono il Sauber e il Dove roll-on antimacchie. Con questi deodoranti vado tranquilla, sono efficacissimi e non mi hanno mai dato irritazioni o allergie, e io sono una che suda parecchio e soprattutto ha i conati di vomito quando sente la puzza di sudore anche da lontano.

  8. Il deo dell’Eurospin, mi fa puzzare dopo 1 ora e mezza. Sono quasi sicura che senza deodorante, nn puzzerei.
    Anch’io saoevo che i deo vanno nessi a pelle pulita, altrimenti causano irritazione. Anni fa, era cosi. Le poche volte che ci ho provato, ho avuto brutte sorprese. Magari, adesso le formule sono cambiate e si può provare…

  9. Ho provato quello Neutro Roberts, però con la confezione verde…è come non usarlo, non dura per niente. E puzza di alcool 🙁

  10. Davvero funziona? Sono praticamente solo eccipienti! Non l’ho mai usato, non metto in dubbio che sia buono, però letto così non mi ispira.

  11. Giusto. È un errore che fanno in molti . Applicare il deodorante sull’ascella sporca, ovvio che non funziona. Mi ricordo alle superiori che non avevamo docce in palestra e dopo la lezione di educazione fisica c’erano ragazze che spruzzavano il deodorante direttamente sull’ascella sudata. Ancora inorridisco. Inoltre Anche a me quelli classici mi irritavano parecchio (ed io non sono allergica a nulla in particolare) , se volevo depilare le ascelle poi, dovevo evitare il deodorante per almeno due o tre giorni o mi si formavano irritazioni e gonfiori. (Costatando che poi i peli sulle ascelle crescono molto il fretta…) Col neutro Roberts senza alcool mi trovo da dio. lo metto subito dopo la lametta e zero problemi. Inoltre a me dura praticamente da mattina a sera, finché non vado in palestra almeno.

  12. Se ti può interessare quello col tappo rosso è ottimo. Dura a lungo, non irrita ed è senza alcool. Ha un profumo molto fresco, leggero e per nulla pesante

  13. Io ci ho provato a fare a meno dell’alluminio, ma c’è poco da fare, il mio sudore si sente troppo.
    Quando leggevo robe tipo non applicare il deodorante dopo la depilazione mi chiedevo su quale pianeta vivessero.
    Io, senza deodorante, inizio a puzzare dopo 15-20 minuti, a quel punto devo rilavarmi.
    I deodoranti senza alluminio mi durano 3-4 ore, se non c’è caldo, altrimenti in 2 ore è già finito l’effetto.
    Quelli in polvere poi, sono, a mio parere, i peggiori: non mi durano niente, si impastano col sudore diventando una cremina e vanno riapplicati ogni 2-3 ore, tralasciando che macchiano i vestiti.
    Purtroppo, senza sali d’alluminio, chi ha un sudore forte come il mio, non può uscire di casa senza la perenne preoccupazione di dover riapplicare il deodorante.
    E sinceramente, riapplicare decine di volte il deodorante su un’ascella sempre più sudata, non mi sembra il massimo della salute e dell’igiene.

    PS:Mi chiedo perchè siano tutti così fissati con la traspirazione.
    La pelle non respira, contrariamente a certe sciocchezze pseudoscientifiche che ci danno a bere.
    Se la pelle respirasse, mettersi la pellicola trasparente per sudare o immergersi in piscina, ci farebbe morire soffocati.
    Insomma, è irrilevante se un prodotto che applichi su una zona di pelle minuscola è traspirante o no.

  14. credimi, come non metterlo, non capisco come faccia paolamaria a dire in estate con 40 gradi! Ma manco in inverno!!!!

  15. Anch’io ho provato a stare per più di 1 anno con deodoranti senza alluminio, e ne ho provati parecchi, ma niente puzzavo come mai prima dii allora! Con molta tristezza sono tornata ai deo normali…anche se ho paura del tumore al seno…. 🙁

  16. Si certo che non respira! La traspirazione della pelle riguarda l’acqua e i sali che normalmente fuoriescono dalla pelle per la termoregolazione e una microscopica parte di eliminazione di farmaci. In più c’è la TEWL che è l’acqua che continuamente perdiamo attraverso tutta la pelle senza accorgercene, che non c’entra con la sudorazione (e su cui credo che l’inibizione delle ascelle non sia grave) . Ciò che non piace è che una delle zone in cui si dovrebbe espellere più acqua e sali e altro, non riesca a farlo perché inibita. Almeno spero sia questo: qualunque altra cosa non avrebbe senso. Non il fatto che non passi ossigeno, che non passa da nessuna parte nella pelle! Personalmente ho già scritto quello che penso dell’ “alluminio”. Fino a qualche anno fa ero anch’io scettica nel senso che dicevo “lo stanno studiando, aspettiamo” ma ho quasi finito il percorso universitario, avendo più elementi per valutare da sola ho cambiato idea e sono più propensa al fatto che sia una cosa un po’ campata per aria. Lungi da me avere la verità in mano, però ho la mia idea.

  17. Io per quasi 4 anni ho usato l’allume di rocca a causa del fatto che non sapevano spiegarmi l’origine del prurito diffuso (di cui soffro ancora oggi) che e’ alimentare e cosi’ mi fecero orientare sull’allume di rocca, sull’eliminazione dell’ammorbidente, sui saponi neutri e parfum free, ecc. ecc. Solo l’anno scorso ho reintrodotto gli ascellari- Dove e Nivea- di cui cerco di prendere sempre quelli 0% alcol e alluminio e profumo. Io non sudo particolarmente, ma l’allume lo si deve applicare-bagnandolo- almeno due 2 al di’. Ti sciacqui le ascelle e vai con l’allume.Ora uso Il CL Med. Qui in Germania e’ uno dei migliori e di costo medio e non sto avendo alcun problema. Da premettere che proprio l’allume contiene sali di alluminio che sono tanto demonizzati…In ogni cosa c’e’ la controindicazione. ;-]

  18. Io avevo letto delle cose sulla TEWL in riferimento all’azione delle creme idratanti, che fondamentalmente “tappano” la pelle perché non perda acqua, dal momento che l’unico modo di idratare la pelle è bere e impedire la traspirazione. Ricordo che questi articoli scientifici sono piuttosto spietati nei confronti degli attivi cosmetici, suggerendo che la maggior parte delle vitamine nelle creme sia o inutile per via dello scarsissimo assorbimento cutaneo o persino controproducente (tipo la vitamina C che è fotosensibilizzante o una roba del genere).
    Considerando quanto terrorismo si fa su certe sostanze chimiche come l’allume, i parabeni, i siliconi (un po’ tutti i petrolati, in realtà) ecc. fare ricerche personalmente è fondamentale, anche perché nel mio caso, privarmi forzatamente dei sali d’alluminio mi ha portato più disagi che vantaggi.
    E se c’è una cosa su cui convengono gli articoli scientifici, è che questa faccenda della “pelle che respira” è oltremodo inflazionata – e in maniera del tutto pseudoscientifica, perdipiù!

    Io, non avendo problemi con le ghiandole e soffrendo il problema dell’odore, continuo a usarli, a maggior ragione sapendo che non è poi così dannoso.
    L’unica precauzione che prendo è trattenere il respiro, perchè per i polmoni non è un bene quella roba, questa è l’unica vera controindicazione su cui gli articoli scientifici insistono.

  19. Bè non farà bene respirarlo ma per la quantità che ne respiri spruzzandolo è trascurabile. La pelle che respira, nel senso di respirazione vera e propria, è una panzana!

  20. Da 6/7 anni uso il neutro roberts descritto qui sopra però nella versione extra fresco…è sempre senza sali d’alluminio e in più se si applica un po’ abbondante dura tutto il giorno! È fantastico, da quando l’ho provato la prima volta continuo a ricomprarlo, non voglio nessun altro deodorante!

  21. Vorrei provare il neutro Roberts qui sopra elencato ma siamo sicure ke non macchia indumenti?in teoria con 0 parabeni penso ke non macchia ma vorrei chiedere conferma…

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here