Si può fare la tinta in gravidanza?

  1. Sì, ma è sempre consigliato aspettare il secondo trimestre ed evitare tinte chimiche.
  2. Durante la gravidanza i capelli risultano rinforzati, in salute, si regola la produzione di sebo e il cuoio capelluto è più irrorato di sangue.
  3. Affidatevi sempre a un parrucchiere professionista, che ha le competenze per consigliare la soluzione più adatta e applicare correttamente il prodotto.
  4. Se optate per una soluzione fai da te, indossate i guanti, diminuite il tempo di posa e state in una stanza ben areata per evitare nausea e altri disturbi tipici della gravidanza.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanzaIl dubbio “tinta sì o tinta no” in gravidanza è forse uno dei più comuni tra le future mamme. Io stessa ho optato per delle maschere riflessanti quando aspettavo Baby Grace, ma in questo post proverò insieme a voi a raccogliere tutte le informazioni sui pericoli e sulle precauzioni da prendere per fare la tinta in gravidanza. Pronte? Via con il post!

PREMESSE: I CAPELLI, IN GRAVIDANZA, CAMBIANO!

Sappiamo già che l’aumento di ormoni durante la gravidanza ha diversi effetti sul corpo della donna e, ovviamente, li ha anche sui capelli. Di norma, durante la gestazione, la capigliatura è più bella, folta e luminosa.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-ragazza

DURANTE LA GRAVIDANZA GLI ESTROGENI RENDONO I CAPELLI PIù FORTI, FOLTI E IN SALUTE

Questi effetti positivi si devono innanzitutto agli ormoni estrogeni, che in parte contribuiscono anche a mantenere i capelli in salute, regolando la produzione di sebo e rinforzando il fusto.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-donna-incintaAgli effetti degli estrogeni si affianca anche l’azione della prostaciclina, una sostanza lipidica prodotta principalmente nella parete arteriosa, oltre che contenuta nella placenta. Dato che va a dilatare i vasi sanguigni, la prostaciclina favorisce l’irrorazione dei tessuti, quindi anche del cuoio capelluto, stimolando così la crescita dei capelli.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-gravidanza-donna-spazzola-capelliQuesto ispessimento del fusto potrebbe far reagire i capelli diversamente ai trattamenti. Dunque, qualora si volesse procedere con la tinta, è più consigliato rivolgersi a un parrucchiere professionista.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-donna-tinta-parrucchiereTINGERSI I CAPELLI IN GRAVIDANZA COMPORTA RISCHI? NI…

Ci sono scuole di pensiero differenti sulla pericolosità della tintura durante la gravidanza; da un lato c’è chi la sconsiglia categoricamente, dall’altro chi afferma non ci sia alcun rischio e, nel mezzo, chi consiglia di aspettare la fine del secondo trimestre, quando gli organi del feto sono tutti formati.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-gravidanza-donna-applica-tintaStudi approfonditi hanno dimostrato che lo scalpo assorbe solo una piccola parte degli agenti chimici delle tinte, quindi teoricamente non dovrebbero esserci problemi. Inoltre, in tutti questi anni, le formulazioni delle tinture per capelli sono molto migliorate e risultano decisamente più delicate rispetto a quelle di dieci o vent’anni fa. Per non parlare della possibilità di ricorrere ai prodotti naturali, che vedremo più avanti.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-donna-tinta-parrucchiere-2

Credits: @donna.fanpage.it

IL CUOIO CAPELLUTO ASSORBE UNA PICCOLA PARTE DEGLI AGENTI CHIMICI DELLE TINTE

Diciamo quindi che, ovviamente, come tutti i trattamenti la tinta non fa bene ai capelli, ma diventa rischiosa quando il cuoio capelluto è irritato o lesionato. Infatti, un’irritazione o escoriazione, può far assorbire più agenti chimici diventando quindi un rischio.

CI SONO DELLE BASI SCIENTIFICHE CHE AFFERMANO CHE LA TINTA FA MALE?

Pare però che non vi siano abbastanza studi scientifici che dimostrino con certezza che la tinta in gravidanza è rischiosa per mamma e feto. È tuttavia vero che tutto ciò che applichiamo sulla nostra pelle, cuoio capelluto compreso, viene assorbito. Quindi? Nel dubbio è sempre bene muoversi con cautela, prendendo le dovute precauzioni.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-kate-middleton.jpg

Credits: @today.com

Sono tante le donne che decidono di rinunciare alla tinta durante la gravidanza. Pensiamo a Kate Middleton, che per tutte e tre le gravidanze ha abbandonato il colore, e alla cognata Megan Markle, che con la gravidanza ha smesso di domare la sua chioma riccia con i trattamenti alla cheratina.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-megan-markle.jpg

Credits: @d.repubblica.it

Io, come sapete, quando ero in dolce attesa di Grace avevo smesso la tinta e usavo le maschere riflessanti di Maria Lina, con cui mi sono trovata benissimo.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-clio-maschere-riflessanti

Qui l’effetto della maschera riflessante Bright Copper di Maria Nila sui miei capelli 

Ci sono poi donne che continuano a fare la tinta, prendendo le giuste precauzioni, come per esempio Ilary Blasy, che nel 2016 la settimo mese di gravidanza era tornata al suo storico biondo platino, e Chiara Ferragni che durante l’attesa di Leone non ha abbandonato il suo inconfondibile colore di capelli.

cliomakeup-pericoli-raccomandazioni-tinta-gravidanza-ilary-blasy-2016Via Instagram @alessiasolidani

Bellezze, non ho ancora terminato! Girate pagina per scoprire quali precauzioni prendere, come testare una tinta e scoprite le tinte naturali che possono essere utilizzate in gravidanza, come ad esempio l’henné. Girate pagina!