Ciao ragazze!

Vi siete mai accorte che certe azioni legate al make-up e ai capelli sono facilissime da realizzare su noi stesse, ma decisamente complicate quando si tratta di riprodurle su un’altra persona? E che, viceversa, alcuni procedimenti sono semplici sugli altri, mentre quando arriva il momento di sperimentare su di noi diventano praticamente impossibili? Oggi vedremo quali sono le tecniche più delicate per entrambe le situazioni e vi svelerò i miei personali talloni d’Achille. Siete pronte? Iniziamo!

Une-lettre-d-amour-adressee-par-le-joueur-de-base-ball-Joe-DiMaggio-a-sa-femme-de-l-epoque-une-certaine-Marilyn-Monroe-a-ete-adjugee-a-78-12_portrait_w858

Si dice sempre che nell’ambito del trucco il vero segreto sia la pratica: se qualche procedimento ci mette in difficoltà, basta provarlo e riprovarlo finché non diventerà un gesto automatico, facile come bere un bicchier d’acqua. Io stessa credo fermamente in questa teoria, ma so anche che non si può generalizzare, e in alcuni casi bisogna rassegnarsi all’idea di non riuscire a fare qualcosa. Per esempio, l’eyeliner è ancora l’incubo principale della maggior parte delle donne, nonostante chiunque abbia sicuramente avuto innumerevoli occasioni per esercitarsi: basta avere una palpebra non adatta, per esempio non proprio tiratissima, i famosi occhi incappucciati, o anche semplicemente la mano un po’ tremante, ed ecco che un’azione assolutamente basilare per molte diventa un ostacolo insormontabile per altre. Già che ci siamo, ci tengo a ricordare a questa categoria di persone che, per quanto possa essere un trucco bello e versatile, esistono altri modi per aggiungere definizione e allungare lo sguardo senza la frustrazione dell’eyeliner; potete ottenere un effetto simile utilizzando una matita (da sfumare con un pennellino, per fissarla ed evitare che si stampi sulla palpebra), decisamente a prova di ciompa, o anche un ombretto particolarmente pigmentato e un pennello angolato (se è metallizzato potete anche inumidirlo e creare così una specie di cremina, quasi un eyeliner vero).

putting-eyeliner-on

Applicare l’eyeliner: “l’occhio sinistro è perfetto ma il destro non va bene. Riempirò di più la codina sinistra. Uffa, ora sono troppo spessi… Oddio ho provato a pulire con uno struccante e si è sbavato tutto… Riapplico l’eyeliner. Pazienza, sarò un panda.”

Sempre restando in tema di eyeliner, anche chi ha una forma di occhi meno complicata avrà sperimentato la difficoltà di realizzare due codine uguali e alla stessa altezza su di sé, perché avvicinandoci allo specchio per compiere il gesto finiamo inesorabilmente per perdere la visione d’insieme del viso e delle sue proporzioni. Qui il trucchetto è davvero semplice e probabilmente ne avrete già sentito parlare: prendete due pezzetti di scotch (andranno benissimo anche i segnapagina adesivi, un po’ meno appiccicosi) e posizionateli in diagonale tra la parte esterna dell’occhio e la fine del sopracciglio. In questo modo diventano dei righelli che vi aiuteranno a ottenere due codine gemelle con la giusta angolazione! Ricordate, però, che non sempre gli occhi sono perfettamente identici, quindi in alcuni casi la simmetria precisa potrebbe non essere la soluzione ideale.

Scotch-Tape-Cat-Eye4

 

Credits: fashionbistro.co

Un altro temuto tranello del make-up è l’incapacità di selezionare i colori giusti per il nostro viso: mi riferisco ovviamente al fondotinta, ma si può presentare lo stesso problema anche con blush, terre, ombretti e rossetti. Certo, ognuna ha il diritto di truccarsi come preferisce, ma in certe occasioni mi sembra davvero impossibile che non ci si renda conto di alcuni errori molto visibili. Anche io in passato sono stata colpevole di usare colori a caso su di me, eppure non me ne accorgevo proprio e uscivo tranquillamente di casa con la pelle marrone o cadaverica, a seconda dell’acquisto sbagliato del momento.

2006+MTV+Video+Music+Awards+Arrivals+w3EFVdCatugl

Quale sarà il motivo? In parte mi sento di incolpare le luci sbagliate che possiamo avere nella stanza in cui ci trucchiamo, ma ho anche un’altra teoria: sapete che l’immagine riflessa nello specchio non è mai obiettiva al 100%, perché si mette in moto una sorta di “filtro” che ci porta a osservarci dal nostro lato migliore, a sorridere, a ignorare i possibili difetti, eccetera (pensate a quando vi guardate in foto e vi vedete “diverse”). Di conseguenza, immagino che tendiamo a non fare caso a dettagli come il colore della pelle, perché il nostro cervello ha altri elementi su cui concentrarsi. Che ne dite, può avere senso? In questi casi il consiglio migliore che vi posso dare è ascoltare i suggerimenti di chi vi sta accanto: se un’amica, la mamma, una collega o il vostro fidanzato vi fanno notare che qualcosa non va nel vostro make-up, fidatevi della loro opinione perché a volte è davvero necessario uno sguardo esterno per realizzare che qualcosa non va.

Nella prossima pagina scoprirete le mie debolezze, nonché i trucchi più difficili da applicare sugli altri!