Ciao a tutte!

Le catene low cost sono una manna dal cielo: ci permettono di regalarci qualche capo nuovo ad ogni cambio di stagione, acquistando pezzi basic a prezzi spesso ridicoli e vestiti trendy e sfiziosi che ci possiamo concedere anche se sappiamo che non li indosseremo fino a consumarli.

Il rovescio della medaglia è, però, che in molti casi il capo in questione è cheap e si vede, abbassando drasticamente il tono di un look che, nelle nostre intenzioni, doveva essere più che decoroso o addirittura elegante.

Come fare per imbrogliare le carte e vestire bene risparmiando, facendo sembrare una mise costata in tutto 50 euro – capospalla compreso – appena uscita dalle pagine di una rivista? Abbiamo raccolto alcuni trucchetti che dovete assolutamente leggere!

cliomakeup-vestire-low-cost-1

NO AD ALONI, MACCHIE E SPIEGAZZATURE

Se amate vestire low cost, la prima regola per voi è la manutenzione dei capi. Se volete che il vostro outfit – e quindi, essenzialmente, sia! – elegante, deve essere impeccabile: niente aloni sotto le ascelle, macchioline indelebili che “tanto non si notano” (si notano eccome) e soprattutto il trucchetto in più è dare un colpo di ferro da stiro appena prima di uscire per un appuntamento importante; è come un lifting immediato per i vestiti un po’ vecchiotti o di un tessuto non eccelso.

cliomakeup-vestire-low-cost-2-stirare

In ogni caso, un capo low cost deve essere perfetto, privo di strappi e segni di usura; e fate caso ai bottoni: se sono questi a renderlo inequivocabilmente cheap, sostituiteli.


BORSE E SCARPE LOW COST

Lo stesso concetto, naturalmente, vale anche per le borse e le scarpe, che devono essere sempre lucide e pulite; le borse vanno ogni volta conservate nella loro dust bag, ed eventualmente riempite di carta velina in modo che mantengano la forma.

cliomakeup-vestire-low-cost-3-borsa-biancheria.jpg

COME INDOSSARE LA T-SHIRT BASICA DA 5 EURO

cliomakeup-vestire-low-cost-5-t-shirt

Se ci fate caso, centinaia di outfit attualissimi che vediamo su Instagram&Co. prevedono una t-shirt in tinta unita, e che sì, probabilmente è stata davvero rubata davvero all’armadio di lui, o comprata in un discount a 5 euro.

cliomakeup-vestire-low-cost-4-maglietta

Per trasformarla in un capo alla moda c’è molto che si può fare: arrotolare le maniche, trasformarla in un crop top legandola sulla schiena, o ancora annodarla sul davanti e lateralmente. Infine, il tocco di classe è una maxi collana capace di attirare tutta l’attenzione!

LA BIGIOTTERIA LOW COST

cliomakeup-vestire-low-cost-7-collana

Infatti, aggiungere accessori in oro (finto, ovviamente :-P) è spesso quel dettaglio in più che fa sembrare il look appena uscito da un fashion blog. Ogni catena low cost degna di questo nome ha un ricco reparto di bigiotteria dove vi potrete sbizzarrire: ricordatevi solo di assicurarvi che le pietre siano ben fissate  e che il metallo sia sempre bello lucido, altrimenti provvedete voi in questo senso.

cliomakeup-vestire-low-cost-6-collana

Ma attenzione a non strafare: meglio UN solo braccialetto vistoso che tre. In generale i pezzi di bigiotteria “importanti” (come carattere e dimensioni) devono essere al massimo due.

Ragazze, siamo a quota 4: nella prossima pagina trovate altrettanti modi per far sì che i vostri capi cheap risultino incredibilmente chic ;-)!!

122 COMMENTI

  1. Io sinceramente non capisco perché spendere 50€ per avere tre cose di pessima qualità che butterai dopo poco e non una di qualità buona. È una cultura dell’usa e getta. Capisco il capo particolare che vuoi provare come ti sta ma non vuoi spendere tanto, ok uno sfizio. Ma quando un capo è di pessima qualità si vede, non c’è trucco che tenga. Forse solo con i jeans si può barare, ed infatti ne ho alcuni pagati max 20€. A prescindere da non riuscire a capire come si mossa indossare la plastica sulla pelle. Ogni volta che vado all’estero e trovo un forever21 faccio un giro sperando di essere smentita, ma trovo sempre cose valgono anche meno dei 10€ che costano. Naturalmente c’è catena e catena, ad esempio pimkie spesso ha cose carine (il sintetico lo trovi anche nelle grandi firme) ma di qualità media.

  2. Un motivo banale per comprare vestiti low-cost sarà forse il fatto che non tutti possono permettersi di fare shopping in altri negozi, oppure (mio caso) che ti interessa talmente poco di vestiti e outfit, che la prima cosa che costa poco ed è accettabile addosso te la compri e fine del cinema! Non tutti sono patiti della moda, quindi il mio ragionamento è: ho un jeans e una maglietta? bene vuol dire che sono vestita e posso uscire di casa senza troppi problemi.

  3. A me piace avere tanti capi e quindi compro sia in catene low cost che in negozi migliori. E per certe cose (scarpe capi spalla borse soprattutto) se una cosa è cheap… si vede!! Poi ripeto, io le compro le metto le abbino e ci esco, però raramente inganni sulla qualità. Zara ha cominciato a fare delle camice di seta che effettivamente fanno scena, ma costano 50€ a capo, quindi non è più low cost. E le foto che sono nel post secondo me non sono con capi low cost, io su pinterest ci sto tutti i giorni per cercare ispirazioni e quando clicco su un abito un maglione un cappotto e via dicendo mi saltano fuori prezzi sempre molto alti!

  4. Oggi pomeriggio sessione intensiva di shopping per i ragazzi e per la mamma dei ragazzi! Quindi mai post potrebbe cadere più a fagiolo. Fatemi gli auguri, a me lo shopping fa vomitare, ma non metaforicamente, proprio per davvero! Ma DEVO assolutamente comprare qualcosa, ieri ho buttato sei sacchi condominiali

  5. io sono sempre dell’idea di comprare un capo in meno ma di investirci un po di più..
    io scelgo i capi perché mi piacciono e cadono come dico io, e non sempre è una ricerca facile.. quindi preferisco ritrovarmeli l’anno successivo ancora come li ho comprati. Purtroppo di questi anni la cosa stà diventando difficile non essendoci più molti negozi di fascia media ma tutte catene low cost o boutique impraticabili …
    detto questo bellissimo il vestito prugna che c’è in 2a pagina di chi è????

  6. Il caso duale a quello di valeri è che a molte persone piace giocare con la moda, ma non possono permettersi capi costosi. Io per esempio se devo andare a un matrimonio non metto uno straccetto addosso, ma per i week end mi piace cambiare spesso outfit quindi compro vestitini meno costosi!

  7. e io che compro tutto a 3 euro sulle bancarelle vintage?! 😛 a volte trovo cose spettacolari a pochissimo! ultimo acquiesto: un jeans benetton a zampa, anni ’70 fino alla fodera delle tasche, nuovo praticamente, pagato 2 euro.. si deve dolo accorciare, ma a questo ci pensa la mia mamma! 😀

  8. Sulle bancarelle c’è ne vuole taaaaaaanta di pazienza, ecco perché io non ci compro mai niente. Oltre al fatto che gran mercatini da me non ce ne sono!

  9. Secondo me, sta tutto nel saper abbinare ed anche la roba più economica può farci fare un figurone e risultare pure elegante. E certo, comprare durante i saldi aiuta. E poi non è mica vero che tutti i vestiti low-cost siano di così pessima qualità. Alcuni abiti di H & M, per esempio, trovo che siano super chic e pure di buona fattura. Poi, ovvio, dipende da come e con cosa li si indossa.

  10. secondo me il trucchetto essenziale sta tutto nel COME abbini il capo low cost. diciamo che mixare low cost con pezzi di fascia media è sempre una buona idea. io amo fare shopping nei vari mango, zara (che ormai di low cost hanno ben poco, comunque), bershka, pimkie etc e magari i capi spalla tipo cappotti e maglioni prenderli alla benetton e sisley: la qualità non sarà di alta sartoria ma migliora sensibilmente, soprattutto le rifiniture. devo cercare di applicare l’ importanza del concetto di qualità anche alle scarpe: spesso prendo ballerine a 10 euro (quelle oviesse sono comodissime per quanto possano essere comode le ballerien, ma almeno non mi fanno uscire bolle) e sneakers intono ai 50 euro massimo, su zalando: sono in genere marche di nicchia poco conosciute ma mi trovo bene e soprattutto chi lo dice che low cost significa che il capo ti dura una stagione al massimo? io ho capi che uso anche da 4-5 anni e sono perfetti: molto importante la manutenzione, per esempio molte cose le lavo a mano e non in lavatrice.

  11. Mi piace il girocollo in pelle con le 2 punte finali in metallo…chissa’ dove si potrebbe trovare…

  12. Considerando che non posso permettermi neanche un outfit nuovo da 50 euro ogni 4..5 anni, fai tu, fatti due calcoli e pensa che nel nostro Paese di famiglie messe come me ce ne sono parecchie, se proprio mi si rompe una scarpa..ci spendo al massimo 20..25 euro, ogni centesimo va ai miei figli..per vestire loro, per sfamarli, per tener calda la casa..per i giocattoli o i giorni liberi alle giostre..
    Eccoti spiegato almeno uno dei motivi..

  13. Dai ollora , preparati psicologicamente a fare spese e non mancare a farci sapere i tuoi acquisti … buon shopping , ciao

  14. Hai pienamente ragione , prima vengono i figli la spesa e le bollette , se poi ci scappa qualcosa , ben venga , tesoro come stai ? Il bimbo quando è nato ? È un po’ che non ti vedo e immagino che tu sia molto presa , un abbraccio forte e un bacio ai pupi , ciao cara .

  15. Io principalmente prendo capi lowcost per le cose che cambio spesso o che devono durare poco. Ad esempio spendo meno per le scarpe elegantissime che metto solo una volta, mentre investo negli stivaletti in cui camminerò tutto l’inverno. Stessa cosa per le giacche, i cappotti classici me li prendo buoni e mi durano ormai da anni e anni e non sento il bisogno di cambiarli, i blazer colorati che mi piace variare sempre invece li prendo low cost. Poi ultimamente trovo cose molto carine da H&M o su forever21 se ho la pazienza di cercare, e non fanno affatto una brutta figura!

  16. Bellissimo post e consigli molto versatili…il look mono colore (tutto nero o blu ad esempio) è molto chic soprattutto se ci abbini un accessorio gioiello che fa la differenza.

  17. Il post mi sembrava orientato ad un altro tipo di discorso, è naturale che non spendo proprio in abbigliamento se ho altre priorità ed io ho vestiti di 10 anni fa che metto ancora. Per lo più io vedo ragazze che spendono 100€ in cose di pessima qualità che l’anno prossimo butteranno e a me sembra solo spreco.

  18. Io per esempio aspetto sempre i saldi e compro solo quello che mi serve. E non vado nelle boutique ma nelle catene dove però posso trovare dei pezzi migliori. Per il mio lavoro non posso mettere una giacca dalle rifiniture pessime, è naturale che invece la maglietta la puoi prendere anche a poco. E mi durano anni, non li butto via da un anno all’altro (altrimenti il
    Risparmio dov’è?)

  19. Perchè io non ho pazienza? Perchè non mi piace fare shopping? Eppure mi piace avere cose nuove, ma l’idea di andare in un negozio, girare avanti e indietro fino a consumarsi le suole, scegliere, andare in camerino (e lì do il meglio di me.. saraccando come pochi perchè anche con -20° io riesco a sudare e uscire dal loculo – di solito sono buchi – che sono un mostro di rabbia, incazzatura etc.)…… Come vorrei avere un personal shopper che mi porta in giro, nei posti giusti, e sceglie lui/lei per me…. e naturalmente tutto mi deve “cadere” a meraviglia….
    Sogni sogni sogni e solo sogni!

  20. Mi sono sempre vestita “low cost” (mercato, bancarelle vintage e seconda mano) anche prima che si diffondessero le catene più note perchè sono cresciuta in una famiglia di contadini con poche possibilità economiche e ricevo spesso grandi complimenti da persone convinte che il mio outfit sia molto più costoso di quello che è in realtà. Il vero problema degli ultimi anni, anche in fasce di prezzo medio alte, è la grave carenza di QUALITA’ nei tessuti, nei materiali, nella resistenza ai lavaggi e all’usura, nelle cuciture, ecc mi capita di confrontare lo stesso capo dello stesso marchio anche a distanza di poco tempo e non c’è assolutamente confronto, non posso spendere molto ma non mi va nemmeno di spendere poco per una cosa che ne vale ancora meno e che spesso si disintegra dopo poco.

  21. Che furbona Cri che sei eh … cerchiamolo insieme questo personal shopper che ci veste lui alla perfezione senza sbattimenti vari , ci stai ? Dividiamo le spese ahah

  22. Concordo in pieno! Mica tutti possono permettersi di spendere tanto specialmente nell’abbigliamento si fanno anche rinunce.purtroppo…ma è così!

  23. Credo che abbiate frainteso strakikki… è ovvio che chi ha famiglia e non dispone di stipendi da sogno si rivolga alle catene low cost per comprare anche l’indispensabile e abbia tutto il suo rispetto. Quello che secondo me vuole dire, trovandomi d’accordo, è che molte ragazze hanno armadi pieni di vestiti low cost e che secondo il suo parere ha più senso avere meno vestiti ma di miglior fattura. Sbaglio?

  24. Capisco benissimo come si sta , anch’ io ero nella tua stessa situazione in più dovevo badare anche a mio padre … poi i figli crescono e un giorno ti ritrovi a rimpiangere di quando erano piccoli … grazie io sto bene , come dicevo a Marko se si lavora e si ha la salute non ci si deve lamentare , so che c’ è gente che sta meglio di noi ma anche peggio , perciò accontentiamoci . Ciao tesoro

  25. Cara Clio, ti seguo da molto tempo ma questo post mi colpisce negativamente. I prezzi dei capi cheap sono “ridicoli”, hai ragione, e dietro un capo cheap c’è una sofferenza inimmaginabile che lo rende tale. Tu, più di tutti, puoi influenzare tante ragazze, ti invito a riflettere e ti linko un bellissimo documentario a riguardo.
    Una grande fan <3
    https://youtu.be/OaGp5_Sfbss

  26. Purtroppo non sempre spendere poco è un risparmio: io non spendo molto per vestirmi ma esclusivamente perché compro solo durante i saldi! Negli ultimi anni ho dovuto partecipare a matrimoni e battesimi, sono sempre stata elegante e ho speso massimo 50€ per il vestito ma solo perché ho preso i vestiti, le scarpe e gli accessori a meno della metà del prezzo originale. La maglietta da 5€ può anche scappare ma dopo anni di soldi buttati in scarpe usa&getta, vestiti da due soldi e borse che si scolorivano dopo un anno, ho deciso di investire in pochi pezzi dal costo più alto: ho l’armadio più sgombro e il portafogli ringrazia!

  27. Faccio esattamente come te. A volte mi tolgo piccoli sfizi a pochi euro, ma su scarpe da mettere tutti i giorni o giubbotti (ne ho uno pagato un occhio della testa, ma anche avendo più di 10 anni è ancora come nuovo e ancora attuale) li si che lo stipendio vola via velocemente!

  28. Credo anch’io che il saper abbinare i capi faccia la differenza al di là che siano di fascia bassa o alta. Ho un’ amica che fa acquisti a pochissimo nella periferia di Milano, lei s’immagina i vari outfit possibili con il capo che sta acquistando… ed è sempre impeccabile. La invidio!!!

  29. Sinceramente mi sembrano consigli x vestirsi bene in generale e nn solo con capi lowcost…….le borse vanno nella loro custodia se low cost e a maggior ragione se costano di più,ovvio che un abito deve starmi alla perfezione,una cosa è accorciarlo e un’altra spendere x gli aggiusti più del prezzo del cartellino!!!
    A me piace cambiare spesso abbigliamento,cm credo a qualsiasi ragazza, xò credo che più che al prezzo bisogna badare alla qualità e x qst preferiscono spendere qualcosina in più piuttosto che poco x abiti che durano giusto il tempo di una stagione!!!
    Cmq in generale negli ultimi anni è raro che compri qlcosa a prezzo pieno a meno che nn sia strettamente necessario; ultimamente compro sempre e solo coi saldi o negli outlet di cui mi fido!!!
    L’ultimo acquisto l’ho fatto ad inizio settembre alla benetton….pantalone a fantasia blu e bianco,100% cotone,marcato sugli 80,poi scontano sui 40 ed infine preso col 70% a soli 15 euro,un affarone!!!!

  30. Sono sicura anche io che il tuo intento non era di offendere le famiglie in difficoltà che sono costrette a stare attente al budget ma é anche vero che il low cost ti permette, anche con una spesa limitata, di poter giocare di più con la moda e avere un guardaroba più ricco… Poi concordo con te che oltre certi limiti la cultura del “fast fashion”, come la chiamano in America, sconfina spesso in una forma molto simile alla dipendenza ed é un disastro per l’ambiente, per i paesi poveri sfruttati per la produzione dei capi…
    Tutto sta nel trovare un certo equilibrio, come sempre…

  31. Concordo sull’incubo camerini !!! I vestiti ti si appiccicano addosso dal caldo, le luci artificiali ti fanno sembrare una cadavere ingrigito, c’é una puzza di stantio che da la nausea e alla fine, a forza di togliere e infilare roba, ti ritrovi ad uscire dal negozio con un’acconciatura che sembra uscita da un film horror

  32. Verissimo, quindici-vent’anni fa trovavi una qualità accettabile anche in marche di fascia medio-bassa…ad esempio ricordo dei maglioncini di cotone o di lana della Benetton che duravano anche una decina di anni se ben curati… Ora la garanzia non ce l’hai nemmeno più spendendo tre volte tanto…pochissimi anni fa mi ero comprata delle sneaker di Prada, in saldo ma comunque non regalate…e quando le ho portato dal calzolaio perché la suola si stava letteralmente crepando in più punti ho scoperto che non era di gomma ma di una lega di plastica di pessima qualità

  33. questi post ..ahhhhhhhhhhhhhh! Ma davvero solo se è low cost il capo lo dobbiamo stirare? dobbiamo stare attente al trucco? dobbiamo usare il deodorante? e metterci sotto l’intimo giusto? ahauhauahahahahahaha

    Mille risate dopo, vi dico la mia! Tra i 300 € a maglietta e 5€ grazie al cielo ci sono mille vie di mezzo, e di ogni marca ci sono le cose che fan schifo (anche di quelle costosissime, poi completamente sintetiche! E se non si vede, si sente..soprattutto d’estate!). Così come molte cose low cost fanno la loro Figura! Mango per esempio è fantastico, così comequalche collezione OVS e H&M (non tutto). Io per es. se decdo di andare sul low cost, vado prima dei saldi dove non tirano fuori di tutto e di più (quella si merce tristissima!)..se invece mi accingo ad avvicinarmi a qualche marca il cui prezzo sale(fino a un certo punto) ovvio se ne parla al 50%

  34. Vogliamo parlare degli specchi, che quando ti provi qualcosa sembri avere improvvisamente il fisico di Belen, per poi tornare alla triste realtà quando sei a casa e vedi come ti sta davvero quel capo…

  35. Vesto spesso low cost perché posso provare più capi e variare ogni giorno l’outfit (e perché fondamentalmente mi piace comprare :)) ), le scarpe sono l’unico capo su cui investo perché se non sono di un buon materiale possono portare a problemi fisici e infatti mi durano anni.

  36. Negli ultimi anni sto cercando di investire, se posso, di più in alcuni capi che poi mi durano anni (soprattutto scarpe, maglioni, cappotti e borse) e limitare gli acquisti low-cost. Ogni tanto una maglia sfiziosa a 5 euro ci sta, però preferisco evitare di ritrovarmi l’armadio pieno di cose che dopo un po’ si sciupano (anche facendoci attenzione) e sono spesso realizzate sfruttando manodopera poverissima. So che non tutti al giorno d’oggi possono fare come me e non critico nessuno, questa è semplicemente la mia scelta.

  37. Ma sai che a me succede tutto il contrario? Gli specchi dei camerini mi fanno vedere cose che in realtà non ho!!!

  38. Mah guarda io con i saldi difficilmente nelle catene trovo cose che realmente mi piacciono, più facile nel negozi singoli. Comunque non sono d’accordo con il fatto di buttare la roba, io non butto mai nulla, ho 25 anni e uso ancora dei pantaloni delle scarpe e dei vestiti di quando ne avevo 15!!

  39. Annullata. Marta ha la febbre e piove a dirotto. Ci siamo pure inca… Almeno il portafoglio tira un sospiro di sollievo, e io non ho la nausea post shopping! W il bicchiere pieno per un terzo (che mezzo è troppo ottimistico!)

  40. Anche a me succede il contrario, negli specchi dei camerini faccio paura ! Però é vero che con le luci artificiali non capisci bene la qualità del capo e poi solo quando esci alla luce del sole ti accorgi che sembra di cartone!

  41. Amo molto Zara perché si trovano cose carine a prezzi abbordabili…..comunque bel post pieno di spunti!

  42. Dopo aver letto il tuo commento ho dato un’occhiata al sito di Carla Gozzi e ho scoperto che fa consulenze personalizzate di stile e makeup anche al di fuori del loro mitico programma… Ignoro il costo ma magari non ha neanche dei prezzi impossibili, per esempio come regalo per un anniversario o un compleanno

  43. Domanda: ma se volessimo creare un blog, quali sono i consigli che ci potreste dare? Quali programmi utilizzare? Come guadagnare? Chiedo scusa per la domanda fuori argomento, ma ho provato a scriverlo nel forum e ho avuto problemi XD

  44. Il fatto è uno più che altro: informarsi un po’, guardare cosa si compra, valutare se prezzo e valore si equivalgono abbastanza e, se si decide di spendere poco, non stupirsi se poi si ha poco in mano e non durano molto.
    Parlando per le scarpe, il mio settore, ho elaborato questa “regola” ➡ 10€=1 mese di uso medio-intensivo, ossia 4-5 ore al dì 4-5 giorni alla settimana. Cioè se per esempio spendere 100€ per le Adidas superstar dovreste farli tranquillamente 10 mesi.
    Io personalmente preferisco spendere un po’ di più in borse e scarpe, comprarle in pelle e quasi mai di marchi famosi, perché non valgono praticamente mai i soldi che chiedono. Anche per i vestiti dipende. Se un abito mi piace tantissimo, costa e vale quei soldi, ma so che non lo metterei più di due volte non lo compro ed è proprio il fatto di non usare mai tanto troppi vestiti

  45. Io credo una cosa: chi ha gusto riuscirà a vestirsi bene anche comprando tutti vestiti del mercato. Al contrario, chi non ha gusto riuscirà ad essere vestito male anche se è firmato dalla testa ai piedi

  46. Ciao TeamClio, brave! Adoro questi post sulla moda!!! 🙂
    Io prendo diciamo sempre cose dai negozi low cost!!! 🙂

  47. Di Low Cost prendo solo alcune Bluse, gonne, vestitini e stop. E pure qui controllo l’etichetta della composizione. Per i soprabiti e le calzature è difficile trovare la qualità a prezzi bassi. E sul cappotto e gli stivali si nota parecchio. Hai voglia a truccarti bene e a mettere e accessori per distogliere l’attenzione… non è possibile. Concordo con chi dice che la qualità è calata. È calata tanto per molti Brand o non è cresciuta di pari passo con il prezzo.

  48. Dove compri? Quanto spendi? Che abbinamenti fai?
    Scusa le troppe domande ma sono molto curiosa. 🙂
    Comunque a volte anche a me capita di ricevere complimenti per qualche cosa che poi l’ho presa ai saldi. Tipo una maglia (bianca o panna non ho ben capito di che colore sia) a 8€ con i fili brillantati oro.

  49. Ma non devi andare fino a consumare le suole. 🙂
    Lo shopping comincia da casa. Cioè devi guardare video e/o riviste e/o blog, farti un’idea su cosa c’è in giro e cosa va di moda e tra le varie mode quali ti piacciono e quali no.
    Poi vai nei negozi e cerchi. E provi solo ciò che ti piace, se una cosa non ti convince, forse è meglio non provala neanche.
    E poi sì portarsi un’amica appassionata di moda aiuta molto. 🙂

  50. I blazer colorati dove li prendi?
    Io ne ho presi tanti bianchi, neri, beije e quindi ne vorrei qualcuno colorato.
    Ad es. mi ispirano quelli rosa di bon prix.

  51. Brava! Anche a me le cose durano anni!
    Io spesso le cose che mi sembrano delicate le lavo in lavatrice e poi centrifugo a mano, appendo quel capo e lo lascio colare nella doccia (dato che a centrifugare a mano non sono molto brava). Anche se forse è inutile perchè ho la lavatrice che ha anche la centrifuga a 600 giri (cioè posso scegliere tra niente, 600, 800 o 1000, 1000 però non lo uso mai).
    Quanto spendi per un cappotto? Tiene abbastanza caldo? Oppure quando fa davvero freddo serve per forza il piumino?
    Scusa le troppe domande, ma io dalla giacca in eco-pelle passo sempre al piumino.
    Poi va be’ abito nel Piemonte, piove spesso e da quel punto di vista penso sia più comodo il piumino.

  52. Bello il cappello!!! 🙂 Hai fatto bene a prenderlo!
    Anche a me sembra geniale il trucchetto dei bottoni! 🙂

  53. Mi hai incuriosito con queste camicie di seta di Zara. (50€ per me sono troppi però sono curiosa)
    Se hai il link mettilo oppure descrivimele. 🙂

  54. Ciao Ragà !! Hai perfettamente ragione… e stessa famiglia! W noi contadini, ma, ormai non più scarpe grosse (per necessità) ma sempre cervello fino !!! Forse per tanti 40€ di jeans sono low cost, ma, per me no; però, dopo sei mesi ritrovarseli bucati come quelli di 10 €…se devo sprecare 120 € su 4 jeans di marca e ritrovarmi col risultato di 4 jeans del mercato, preferisco risparmiarne 80€ e comprarmene altri 8 almeno non ho problemi nel cambiare. E io lavo max 40°…e questo perché le marche devono -non guadagnare- straguadagnare !! E poi, diciamoci la verità, accusiamo tanto le marche anonime di fruttare i più vari lavoratori, quando sono proprio le grosse Firme che producono per prima con lo sfruttamento e si fanno pure stapagare e noi siamo tutti fieri se ci possiamo accaparrare qualche loro pezzo (o pezza ?) ! Io compro-ammesso che lo faccia- le Firme solo con gli ultra sconti, perché credo che quello sia il prezzo “reale” della merce e non quello 4 volte tanto proposto prima. Se ridimensionassimo tutti le cose forse tutti vivremmo un po’ meglio. Ciao Ragà !!

  55. Notare: Cappello preso ai cinesi allo ShunFa…con l’etichetta tutta in italiano: 100% Lana. MADE IN ITALY. Non potevo dire di no.

  56. Io posso anche mettermi una mano sul cuore, ma quando con 500€ devi vivere tu e tuo figlio, la coscienza se ne va un po’ a farsi benedire. E vai di pantaloni a 10€, vestitini da 7€, scarpe al di sotto dei 15€.

  57. Esatto! L’ho anche specificato, ma mi sembrava quasi sottinteso. Indipendentemente dalla marca o dalla catena io guardo la qualità e con i saldi che spesso arrivano anche al 70%, e con i quali puoi comprarti cose carine -sono anni che non compro a prezzo pieno.

  58. Ciao Diana, mi sembra che ti sia già risposta da sola…io ho tanta roba che costa poco, però non sono cose pacchiane, cerco sempre cosettine carine. Dalle mie parti non ci sono negozi di marche low cost, e spesso compro dai cinesi, ma cerco sempre cose decenti. Poi a una maglia semplice ci abbini un pantalone taglio jeans attillato, un paio di tacchi, e il gioco è fatto! Mi raccomando anche il trucco e i capelli, tutto deve essere curato! Baci 😉

  59. Guarda a casa ne ho un po’ (io e la mia mamma abbiamo la stessa taglia quindi ce le scambiamo) e magari ti posto le foto!! Ora guardo sul sito se trovo un esempio:)

  60. Questa per esempio l’ho comprata qualche giorno fa, ha un bel tessuto, è particolare per via dello scollo, il colore sta bene con tutto! Io l’abbino a pantaloni neri (non jeans) a vita alta, mettendo un lembo dentro e il resto fuori, stivaletti o dr Martens, giacca di pelle. Pronta

  61. Se c’è una cosa che proprio non capisco è.. ma come fanno ad indossare maglione, giacca e shorts? xD boh!

  62. Tu sei troppo avanti per me. Probabilmente sei troppo giovane rispetto a me con un’altra mentalità…. quanto ti invidio.
    Amiche appassionate? Purtroppo manco una. Le mie amiche adorate, in carne e ossa, con l’abbigliamento sono terrificanti. Meglio il marito, che però guardandoti con gli occhialini dell’amore (spero) stai bene anche se fai ca**re. Io però, con lui, sono molto più obiettiva 😉

  63. Ammetto che anche io lo faccio… vestitino cappotto e gamba nuda… il motivo è semplice: le gambe (almeno per me) sono poco sensibili al freddo! Se sono coperta ai piedi e sopra, posso permettermi la gamba nuda 🙂

  64. Anch’iooooooo… proprio ieri pomeriggio stavo guardando la loro trasmissione. Mi fanno ridere un sacco le loro battute “cattive”, anche se saranno tutte cose combinate. Ma loro sono troppo forti!

  65. Ohhhh sono contenta che qualcuna mi capisce. Dove abiti? Vengo a casa tua a fare questa difficile operazione. Da sola non ci riuscirei mai, anche perchè non avendo il fisico della Belen o similare, la vedo difficile trovare cose che mi vadano bene al primo colpo. Già non mi piaccio quando me li vedo addosso, poi figurati comprati in internet…. no, non potrei. Non è ancora il mio momento per fare il salto dal “fisico” a “internet”.
    Come dicevo a Diana Mare, sono troppo vecchia!!! 🙂 🙂 🙂

  66. Ahahah ho 25 anni!
    Ho almeno 2-3 amiche appassionate di moda! 🙂
    Poi sul sito bon prix ho messo che voglio che mi mandino la rivista gratuita a casa. E da quella rivista mi piace tutto. Peccato dovrei andare fino a Torino, va be’ che ora c’è la spedizione gratuita, ma i prezzi sono un po’ alti per me.

  67. ne ho un paio di H&M e uno blu che ho preso in america in un negozio low cost, l’ultimo bordeaux l’ho preso da stradivarius.

  68. Grazie mille ero molto curiosa!
    Sono tutte belle da vedere! Però come composizione mi piace solo quello da 50€, perché di viscosa e poliestere io me le compro a 4 e 8€ coi saldi.

  69. Infatti si vedono di quelle cafonerie in giro oppure vestiti firmati ma proprio brutti e pacchiani. Invece persone che si vestono da Primark o H&M che riescono a identificare capi carini e alla moda!

  70. Lo sapevo che eri giovane….
    Cambito solo gli anni, ai tempi di mia mamma c’era il Postalmarket. Chi se lo ricorda?

  71. ciao. allora io abito in Sardegna e sicuramente non fa freddo come in Piemonte, più che altro qua c’è molto umido e spesso vento, essendo sul mare. diciamo che a me capita di usare il piumino (che ho da anni) giusto la notte, durante il giorno capiterà due- tre giorni in tutto l’ inverno. i cappotti li ho presi tutti da Benetton o Sisley, credo di averli pagati un centinaio di euro o forse qualcosa in meno, aspettando i saldi. ho anche qualche cappotto “da battaglia” di Mango, già da qualche anno: non sono male ti dirò.
    cosa intendi per centrifuga a mano? io a mano lavo tipo le camicie, magliette e maglioni, cerco di strizzarli al meglio e poi li stendo. spesso li stendo in piano sullo stendino per evitare che si smollino. mi sono trasferita in una casa che ha la lavasciuga e purtroppo senza balcone per stendere, quindi mi sta venendo un pò in salita lavare tutto a mano…

  72. Grazie per avermi risposto! 🙂
    L’umido e il vento credo ci siano anche qua, anzi sul vento sono sicura.
    Per centrifugare a mano, intendo strizzare a mano, cioè far fare alla lavatrice solo il lavaggio.
    Io le camicie e magliette in cotone le lascio lavare e centrifugare in lavatrice (solo non lavo i pantaloni/jeans con le maglie se no le cuciture delle maglie si rompono) a 800 giri.
    I maglioni che ho io non sono in lana vera quindi li lavo in lavatrice, alcuni però li strizzo a mano.
    Camicie, magliette e maglioni li lavo a 30 gradi.
    Le camicie di poliestere, elastan, le lavo a 30 gradi e poi le strizzo a mano (oppure forse una volta ho provato a centrifugare con la lavatrice a 600 giri, non ricordo).
    Io anche avrei l’asciugatrice ma non la uso (tranne a volte per finire di asciugare un jeans un po’ umido che voglio indossare il giorno stesso), perchè temo possa rovinare i vestiti.

  73. Dai dai, lanciati nel magico mondo dello shopping online! Non so quanti anni hai ma io vado per la quarantina e ho un fisico che é ben lontano da quello di Belen quindi puoi farcela anche tu

  74. D’accordissimo mi hai tolto le parole da bocca. Sto lavando parecchio a mano, unisco giacca buona (Stefanel) con jeans da 39 euro e magliette da 15…

  75. Per forza. Non fa una piega
    Tra l’altro pagare molto non da garanzia del contrario
    Tutti sanno che nei ristoranti cari ci sono gli stagisti peggio trattati del mondo per esempio

  76. Sono rimasta colpita anch’io da quel vestito! E dal l’abbinamento con le scarpe che non l’avrei mai fatto e invece…wow!

  77. Concordo anche con le tods le avevo acquistate 20 anni fa ed erano indistruttibili poi sono diventate di pessima qualità non sempre il prezzo determina la qualità

  78. per i jeans si può risparmiare tranquillamente, io non noto tutte ste differenze… non spendo mai più di 30 euro. adesso mi voglio buttare sui jeggings di calzedonia, dicono essere comodissimi, molto più dei comuni jeans.
    ah e un’ altra cosa che secondo me fa la differenza sono gli accessori: borse, collane e bijoux vari, sciarpe… arricchiscono il look se abbinate bene

  79. con un budget €50, 40 per il vestito e 10 per le riparazioni? solo per stringere un abito o capo spalla ci vogliono minimo €15, se poi devi pure accorciarlo… insomma, i conti non tornano. a quel punto è meglio investire i 50 solo per le riparazioni/rinnovo di un abito che già si possiede

  80. Mi piace come look, solo ecco, grazie per la spiegazione XD io sento molto freddo sulle gambe ..perciò, nulla 🙁

  81. Ahahaha beh io poi quando viene davvero freddo non so come fare per i piedi… mi vengono i geloni con tutte le scarpe

  82. L’unica cosa è che forse i pantaloni li possiamo comprare economici pure perché siamo magre..una mia amica più curvy dice che lei spende di più proprio sulle “parti di sotto” per fare una figura migliore. A questo punto spero il team faccia un post proprio per loro data la sensibilità che stanno già mostrando

  83. Ti ringrazio, gentilissima…li ho visti anchio su aliexpress…ma avendo fatto acquisti in passato, e x la maggior parte deludenti x ora passo…poi, a dir la verita’. i tempi d’attesa sono troppo lunghi…

  84. io l’ asciugatrice la sto usando per le cose ingombranti tipo lenzuola e asciugamani, per forza di cose. i jeans penso non si rovinino più di tanto, magari non li metterei per due ore ecco… ma giusto per dargli un aiutino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here