Le diete low carb sono oggetto di dibattito da molti anni, soprattutto da quando su Internet se ne trovano per tutti i gusti.

Si basano sulla diminuzione dei carboidrati, in particolare di pane, pasta e cereali, al fine di diminuire le kcal totali giornaliere e portare quindi al calo ponderale.
Ma non si tratta solo della loro efficacia dimagrante, ma anche delle possibili ripercussioni sulla salute (anche perchè se fossero effettivamente le migliori da adottare, i dibattiti a riguardo sarebbero già stati conclusi da anni).
Scopriamo su quali principi si basano queste diete e quali effetti hanno sul peso e sull’organismo!

cliomakeup-lowcarb-diet-1

Credits: @diseasesnsolutions.pw

Oggi le principali cause di sovrappeso e obesità sono rappresentate dall’eccesso calorico da grassi e da zuccheri semplici e da una scarsa attività fisica.

cliomakeup-lowcarb-obesità-2

Via @Pinterest

Come spesso accade, il concetto di limitare gli zuccheri semplici (effettivamente dannosi per l’organismo se assunti in quantità eccessive) è stato estremizzato, dando vita alle diete low carb.

cliomakeup-lowcarb-zuccheri-semplici-complessi-3

Via @Pinterest

Un po’ per l’entusiasmo che suscitano le novità, un po’ per l’ottima strategia di marketing messa in atto e sicuramente per l’efficacia dimagrante, le diete low carb hanno subito preso piede negli Stati Uniti e sono arrivate fino in Italia.

DI DIETE LOW CARB NE ESISTONO PARECCHIE E SONO DIVENTATE MOLTO FAMOSE

Queste diete sono quelle che più comunemente si trovano tra quelle “commerciali” o comunque “famose” (pensiamo per esempio alla Dukan o alla Paleo Dieta).

cliomakeup-lowcarb-paleodieta-4.jpgSi basano su un contenuto di carboidrati inferiore rispetto a quello raccomandato per una sana alimentazione, quindi ne contengono meno del 45% rispetto alle calorie totali giornaliere.

cliomakeup-lowcarb-ripartizione-nutrienti-5

Una dieta equilibrata dovrebbe contenere il 45-60% di carboidrati, 20-35% di grassi e la restante quota di proteine.

Le diete low carb in genere portano ad una perdita di peso molto rapida, ma bisogna sottolineare che hanno anche un contenuto calorico molto basso.

cliomakeup-lowcarb-lowcarbmeal-6

Credits: @isabellelancray.us

Comunque la letteratura medica ha da tempo determinato che per il calo ponderale è più importante il deficit calorico rispetto alla composizione della dieta in termini di macronutrienti.
Diverso è l’effetto che ha sulla salute una dieta low-carb.

cliomakeup-lowcarb-deficitcalorico-7

DEFINIZIONE DI DIETA LOW CARB

Una dieta low carb limita i carboidrati, enfatizzando gli alimenti proteici e grassi.
Esistono diversi tipi di diete low carb ed ognuna ha una propria restrizione rispetto al tipo e alla quantità di carboidrati da assumere.

cliomakeup-lowcarb-lowcarb-8

Credits: @gulenconference.us

MA COSA SONO I CARBOIDRATI?

I carboidrati comprendono un vasto gruppo di sostanze che rivestono un importante ruolo energetico e funzionale.

I CARBOIDRATI COMPRENDONO AMIDI, ZUCCHERI SEMPLICI E FIBRA ALIMENTARE

La richiesta di glucosio da parte di alcuni tessuti li rende indispensabili per il metabolismo.
Le principali fonti nella dieta sono:
amidi, in particolare da cereali e derivati e patate

cliomakeup-lowcarb-amidi-9zuccheri, da prodotti dolciari, frutta, latte e alcuni derivati e da bevande alcoliche e zuccherate

cliomakeup-lowcarb-zuccherisemplici-10.jpg

Credits: @educazionenutrizionale.granapadano.it

fibra alimentare, da cereali e derivati (soprattutto integrali), a legumi, frutta e verdura.

cliomakeup-lowcarb-fibra-11
QUAL È IL NOSTRO FABBISOGNO DI CARBOIDRATI?

Il glucosio è la fonte energetica preferita dalla gran parte delle cellule dell’organismo.
Inoltre, le cellule del sistema nervoso, gli eritrociti e le cellule di altri tessuti utilizzano il glucosio come unica fonte energetica.

cliomakeup-lowcarb-cervello-12Il cervello, come altri tessuti, utilizza come “benzina” i carboidrati. Credits: @mirvokrug.net

Secondo logica, la dieta deve quindi assicurare un apporto minimo giornaliero di carboidrati, sufficiente a coprire il loro fabbisogno.
In condizioni di deficit di carboidrati di origine esogena, l’organismo attiva la gluconeogenesi, quindi converte aminoacidi e glicerolo in glucosio per sopperire alla carenza.
Nel digiuno prolungato compare la chetosi, che può essere prevenuta assumendo 50-100 g di carboidrati al giorno.
Tuttavia questa quantità non è sufficiente a soddisfare le normali esigenze energetiche dell’organismo, pertanto la quota di carboidrati deve essere compresa tra il 45 e il 60% dell’energia totale giornaliera.

Ragazze, siamo solo a metà! Nella prossima pagina la nostra dietista, la dottoressa Anna Gerbaldo ci spiegherà anche il fabbisogno di zuccheri semplici e fibra alimentare, l’effetto sull’organismo e sul peso delle diete low carb e quindi se è corretto utilizzarle oppure no!