La dieta paleolitica, conosciuta anche con altri nomi come paleo dieta o dieta delle caverne, ipotizza un ritorno a un’alimentazione precedente all’introduzione di agricoltura e allevamento, quindi data dalle attività di caccia, pesca e raccolta.
Quest’alimentazione sarebbe quella per cui l’uomo è stato ‘programmato’ nel Paleolitico e sarebbe tuttora valida (trascurando qualche migliaio di anni di cambiamenti genetici, tecnologici, culturali).
Secondo i sostenitori della paleo dieta sarebbe necessario tornare a un menu più ‘primitivo’.
In cosa consiste questa “alimentazione paleolitica”?
E cosa ne pensa la nostra dietista, la dottoressa Anna Gerbaldo?
Per scoprirlo, leggete il post!

cliomakeup-paleodieta-paleo-1.jpg

Credits: @1zoom.me

COS’È LA PALEO DIETA?

La Paleo Dieta è una filosofia alimentare che si ispira al regime nutrizionale degli uomini vissuti prima dell’agricoltura e dell’allevamento, quindi durante il Paleolitico.

cliomakeup-paleodieta-uomo-paleolitico-2

Credits@tinglink.com


Per oltre due milioni di anni gli umani si alimentarono grazie alla caccia, pesca e raccolta di vegetazione spontanea; a sostenere la dieta paleolitica sarebbe pertanto l’assunto che a livello genetico e fisiologico l’uomo non ha subito grossi mutamenti dal paleolitico ad ora, sebbene si sia assai evoluto dal punto di vista culturale, tecnologico e scientifico.

cliomakeup-paleodieta-caccia-3

COM’È NATA?

cliomakeup-paleodieta-loren-cordain-4

Via @pinterest.com

Il concetto di dieta paleolitica è diventato famoso con Loren Cordain, fondatore del movimento “The Paleo Diet Movement” e autore del libro “The Paleo Diet“.

cliomakeup-paleodieta-libro-5

Prima di Cordain, diversi si interessarono a questo tipo di alimentazione: nel 1975 Walter Voegtlin scrisse il libro “The Stone Age Diet“.

cliomakeup-paleodieta-Walter-voegtlin-6

Credits: @commons.wikimedia.org

Successivamente, nel 1985, Stanley Boyd Eaton pubblicò un paper intitolato “Paleolithic Nutrition – A consideration of its nature and current implications“.

cliomakeup-paleodieta-eaton-7

COSA SI PUÒ E COSA NON SI PUÒ MANGIARE?

La Paleo Dieta consente di mangiare ogni qualvolta insorga l’appetito, purchè vengano consumati solo gli alimenti consentiti, che sono:

LA PALEO DIETA SI BASA SULL’ASSUNZIONE DEGLI ALIMENTI TIPICI DEL PALEOLITICO

– carne bianca e rossa, selvaggina, rettili, vermi, bachi, insetti, uova, pesce
– spezie, erbe aromatiche, olio
– bacche, verdure, frutta, tuberi, radici, bulbi, semi oleosi, alghe

Invece gli alimenti non permessi sono:
– latte e derivati
– cereali e farinacei
– legumi
– sale, zucchero, grassi da condimento
– cibi contenenti additivi,conservati e lavorati
– bevande zuccherate e alcoliche

cliomakeup-paleodieta-alimenti-si-e-no-8

EFFETTI COLLATERALI DELLA PALEO DIETA

cliomakeup-paleodieta-stanchezza-9La riduzione drastica dei carboidrati, può portare alla produzione di corpi chetonici, che causano stanchezza, perdita di appetito e alito cattivo.

cliomakeup-paleodieta-alitosi-10

La chetosi è il sintomo di un alterato metabolismo degli acidi grassi e si manifesta durante il digiuno prolungato e durante una privazione di carboidrati alimentari a lungo termine.

Inoltre l’eccessiva assunzione di proteine non sane (in particolare dalla selvaggina) può causare un aumento del colesterolo “cattivo” (LDL) e dell’acido urico (che in caso di accumulo può sfociare nella gotta).

cliomakeup-paleodieta-gotta-11

La gotta è una malattia caratterizzata da attacchi ricorrenti di artrite infiammatoria acuta con dolore, arrossamento e gonfiore delle articolazioni, causati dal deposito di cristalli di acido urico.

Ragazze, è una delle tante diete alla moda o è scienza? Verrà promossa o bocciata dalla dottoressa Anna Gerbaldo? Scopritelo leggendo pagina 2!

100 COMMENTI

  1. Pensate che avevo letto degli articoli in cui dicevano che le modelle di Victoria’s Secret fanno la paleo-dieta per restare in forma. Ma a quanto pare era una bufala, dubito seriamente che facciano una dieta così poco salutare… Infatti quando ho visto il titolo ho detto: “che bello vediamo come fanno ad essere così gnocche le modelle di VS, vediamo se si può fare!” La risposta è no xD

  2. Ahahahahah! Controbatto con una bella pizza da asporto, così non devi né cucinare, né lavare dopo!!!! 😀

  3. Io vorrei che venisse approfondito il problema del lattosio. Ok.. personalmente soffro di colite, quindi a parte lo yogurt e parmigiano, o i prodotti senza lattosio, il resto lo pago molto caro.
    In genere si potrebbe fare un post sul gonfiore addominale?
    E circa la dieta mediterranea, a me piacerebbe un articolo sulle quantità da rispettare e in caso e non di dieta.
    Graziee

  4. Io sapevo che l’enzima che Digerisce il lattosio si perde quando il bambino cresce, ma alcune persone o lo mantengono o lo risviluppano. Non parlo di intolleranza eh, ma proprio di fatica a digerire e gonfiore. Io per esempio potrei bere il latte al posto dell’acqua e non avere nessuno sintomo di fastidio, ma ho tanti amici che se ne bevono una tazza poi restano gonfi tutto il giorno

  5. La dieta Paleo per sè mi ha sempre fatto ridere, è una di quelle con delle basi da fantascienza … ci sono però molte versioni della dieta meno estreme che includono anche patate dolci, legumi e frutta tipo fragole, lamponi e mirtilli e in alcuni casi anche i latticini, l’unico alimento sempre escluso sono i cereali. Diventa quindi una semplice dieta low-carb e pur eliminando i cereali non è tra le più malsane e la trovo anche abbastanza sostenibile a lungo termine. L’aspetto positivo da non trascurare di questo tipo di dieta è che elimina completamente i cibi pronti e processati, incoraggia a mangiare alimenti freschi e a cucinare invece di dipendere dalla convenienza dei cibi confezionati e preparati. L’aspetto negativo è che eliminando i cereali molte versioni della dieta propongono alternative come la farina di cocco o comunque ingredienti difficili da reperire e costosi (e anche poco etici a livello di carbon footprint perchè arrivano sempre dall’altra parte del mondo, ma andiamo troppo off topic)

  6. Anch’io conosco tante persone che dicono di essere intolleranti, una celiaca comprovata dal medico e un’altra con la sindrome da intestino irritabile che volenti o nolenti devono seguire una dieta no carb. Ma gli altri?

  7. Quoto per il post sul gonfiore addominale, problema che mi affligge costantemente. Anche perché essendo magra si nota subito, a volte sembro incinta di 5 mesi e non è bello sentire sempre chi ti fa la battuta “ma sei incinta?ahahah” Ovviamente ho fatto il test delle intolleranze e mi è uscita intolleranza ai latticini che però non mangio tutti i giorni. Quindi non so neanche a cosa dare la colpa…

  8. Ho letto che in realtà la celiachia non è così diffusa come si pensa che tutti quelli che dicono di essere celiaci in realtà fanno solo fatica a digerirlo, la celiachia vera e propria dovrebbe essere parecchio grave come disturbo…

  9. Ciao! Parmigiano sono abbastanza sicura non abbia lattosio. Lo yogurt mi pare poco. Comunque avevo visto un video di Bressanini sul lattosio, se non ricordo male c’era proprio “lattosio” nel titolo, in cui spiega queste cose. Per tornare al discorso forse è quello il motivo per cui lo senti meno.
    Assolutamente si il post sul gonfiore addominale! Sono abbonata, potrei avere la pancia piattissima e invece sono sempre gonfia. Probabilmente mangio troppi carboidrati, non saprei, sono intollerante a qualcosa, disbiosi? So che quando ho preso i fermenti lattici per una settimana in piú rispetto al necessario avevo di nuovo la pancia piatta.

  10. Sarebbe l’equivalente della filosofia kilometro zero, cioè cercare di usare ingredienti prodotti il più vicino possibile a te, per limitare l’inquinamento dovuto al trasporto. Quindi usare produttori locali e ingredienti di stagione il più possibile, tipo evitare le fragole a dicembre che arrivano dal Perù. L’altra faccia della medaglia è che ci sono piccoli produttori in paesi sottosviluppati che vivono grazie al commercio con i grandi rivenditori, si chiama “fair trade” filosofia per cui è diventato famoso il Body Shop che ha messo in piedi tante piccole aziende in paesi sottosviluppati che producono gli ingredienti per i prodotti che vendono … però bisogna sempre trasportarli e si inquina, quindi è un po’ un dilemma. E’ comunque tutto un altro discorso rispetto alla dieta Paleo.

  11. Ma lo so che yogurt e parmigiano ne contengono meno. Mi ero informata. Ma vorrei un post più approfondito sul lattosio in genere. Comunque i fermenti lattici me li scordo sempre… o comunque li prendo saltuariamente. E sbaglio

  12. Prima di scrivere che la dieta è bocciata perché una dottoressa lo ha detto sarebbe meglio fare ricerche. Scrivere stupidaggini superficiali del tipo “come sempre landieta mediterranea resta la migliore” e fare un discorso così generico, come pure condividere il oensiero non comprovato scientificicamente che le diste ipoproteiniche causino colesterolo cattivo è da ignoranti. Prima di sparare a zero frasi senza senso è meglio almeno documentarsi a fondo se non si ha avuto modo di provarla a fondo questo tipo di dieta. #L’ignoranza.è.una.brutta.bestia

  13. Per quelli non li prendo mai ma quella volta ne avevo bisogno e poi sono andata avanti per non lasciare la scatola a metà. Sarebbe buona cosa fare due volte all’anno la “pulizia” intestinale o un bel ciclo di fermenti lattici ma non lo faccio.

  14. Questi articoli sono interessanti, anche se personalmente non ho mai subìto il fascino di regimi alimentari drastici. Basta un po’ di buonsenso per capire che spesso hanno più svantaggi che benefici, soprattutto nelle versioni fai da te.

  15. Urca!! Meno male che non capita a me, perché non potrei mai stare senza latte! Spero che almeno non ti piaccia…

  16. del latte ne faccio anche a meno lo compro solo per farci il gelato hahahah! Ma di formaggio vivrei … lo adoro in tutte le forme e denominazioni

  17. Guarda per questo non saprei dirti un “dosaggio”. Credo che come si risponda ai fermenti lattici sia soggettivo e non dipende dalla quantità. Magari contenetevano anche altre sostanze? Perché spesso non sono solo batteri ma anche altro e potrebbe essere quello che da fastidio. Mi pare che in alcuni ci fosse l’inulina quindi non dobrebbero bloccare.

  18. Magari non mi piacesse! In inverno me ne frego e mi tengo il gonfiore…in estate magari lo bevo la sera o il pomeriggio se resto a casa…
    Sono pazza per i latticini, tutti..

  19. Ne conosco tanti che dicono di essere magari intolleranti al lattosio semplicemente perché non amano il formaggio..

  20. I veri celiachi sono pochi ma ad esempio mia cognata lo è. Finisce all’ospedale se mangia l’anno pasta classica.

  21. La proteina problematica del latte è la caseina… uno fosfoproteina altamente infiammatoria nonché ladra di ioni dei sali minerali (calcio in primis!!).

  22. Nella paleo non si mangiano cereali, legumi, latte e latticini e prodotti industriali. Tutto il resto non è paleo.

  23. Gli altri semplicemente non vogliono arrivare ad avere una patologia che hai descritto sopra. (la meno peggio la IBS)

  24. Scusami io evito i cereali perchè mi sento in genere appesantita e mi piace seguire comunque un tipo di dieta povera di amidi ma non
    ho mai pensato di andare a dire in giro che ho una patologia e nemmeno
    che se continuo a mangiare cereali me ne viene una … ma conosco
    persone che dicono di essere allergiche e poi si vanno a mangiare una
    pizza al sabato, preferisco pensare che esagerino piuttosto che abbiano
    tendenze suicide

  25. Ho letto che ultimamente si stanno diffondendo “intolleranze” diagnosticate con test senza basi scientifiche valide e da persone che non hanno titolo per farlo, tipo l’erborista. Inoltre anche molti non celiaci comprano alimenti senza glutine perché convinti che siano migliori, ma se non si è celiaci non ha senso, anzi può essere dannoso per la salute.

  26. Ma fa male a tutti? A chi ha condizioni di salute particolari? Vale per tutte le età? Ci sono studi scientifici?

  27. Oh ragazzi uccidetemi qui e subito, ma questa polemica mi sta deprimendo. Alla fine della fiera a me piace cucinare e mangiare e il cibo è uno dei piaceri della vita. Anche se cerco di mangiare bene la maggior parte del tempo e decisamente non mangio i cibi industriali che secondo me non hanno proprio posto in nessun regime alimentare, anzi odio quando ti dicono che i cibi industriali fanno bene mangiati “come parte di un regime alimentare bilanciato” perchè non sono mai sani … non ce la faccio ad immolarmi all’altare di regimi alimentari che escludono i latticini, li adoro, come adoro le lenticchie, i ceci e i fagioli e pure la torta al cioccolato e anche la pizza … il pensiero di non cucinare più una bella torta con uova farina zucchero e cioccolato o non mangiare più queste cose a vita mi sconforta enormemente. Mi sto avvelenando con le melanzane alla parmigiana? Probabilmente si, ma una volta ogni tanto non me le toglie nessuno.

  28. Si infatti. Anni e anni di evoluzione medica e la gente si affiderebbe a chiunque fuorché ai medici

  29. Non sono una dietologa al contrario di chi ha scritto questo articolo, quindi io ho commentato rispetto a ciò che ho letto nell’articolo! Che sia vero o no, io non posso saperlo!

  30. se sei molto intollerante al lattosio anche i fermenti LATTICI possono darti fastidio come a me e peggiorare la situazione, ci sono apposta fermenti senza lattosio per le persone come noi (finalmente, fino a qualche anno fa erano introvabili), io sono gravemente intollerante, ho tutti i sintomi dell’allergia vera e propria tranne l’asma e lo shock anafilattico, non posso mangiare nemmeno lo yogurt di capra o i latticini delattosati, solo 30 grammi di parmigiano stagionato oltre i 30 mesi a settimana

  31. Ma dai non sapevo! Comunque credo di non avere questo livello d’intolleranza. Ma li potrei provare comunque

  32. Questa dieta ultimamente va molto di moda negli USA e sui social, soprattutto nella versione paleo raw vegan che è davvero troppo limitante (in pratica bacche e semi come gli uccellini), interessante vedere come certi nickname e utenti mai visti prima compaiano qui sul blog per la prima volta solo per creare polemiche ad hoc, quelli che una volta contavano le calorie e erano fissati sul light e zero grassi e non avrebbero mai toccato la frutta secca adesso hanno la fobia dei carboidrati e calcolano le proteine, tutto tranne un approccio equilibrato, tutto tranne fidarsi di medici veri, molti piatti originali contadini della tradizione italiana e mediterranea sono GIA vegan e vegetariani, “paleo” ed equilibrati, senza bisogno per forza di farsi insegnare a mangiare “healthy and fit” dall’ennesime influencer modaiole

  33. Mia nonna è morta a 93 anni senza aver mai visto un ospedale ignorando completamente l’esistenza della dieta Paleo, Lemme, Ananas, Planck … mangiando quello che le pareva e bevendosi un bel bicchiere di rosso a tutti i pasti. L’altra mia nonna ne ha quasi 95 e anche lei ignora l’esistenza della Paleo … guarda un po’ … poi le lasagne sono la sua specialità, grazie nonna!

  34. ciao 🙂 ti faccio una domanda per pura curiosità e non per polemica 🙂 non ti viene mal di pancia? Io ho il colon irritabile, se mangiassi mezzo kg di crauti con cipolla, carote, le fragole e la banana in un giorno solo come hai fatto tu starei malissimo proprio da un punto di vista fisico (fitte così dolorose da farti svenire) non solo estetico (pancia enorme come se fossi incinta per almeno una settimana nonostante i mille addominali e l’attività fisica costante quotidiana), ci sono davvero troppe fibre nel mio caso, per questo penso si dovrebbe parlare di diete adatte ad ogni singolo caso e non di una per forza più sana delle altre 😉

  35. Ti dò ragione è la dieta che faccio sempre anch’io mangio tanto e non mi stressa anche se tanto come te non posso mangiare lo stesso perchè ingrasso anche con questa, inoltre è quella che dà risultati migliori se segui un regime di pesi. Provato sulla mia pelle. Ma da lì a diventare fascista e ad aspettarmi un fulmine dagli antichi dei della Paleo perchè ho sgarrato e ho osato mangiare un panino col salame invece del salmone con i broccoli ne deve passare di tempo …

  36. Sì è quello che volevo commentare anch’io, ma hanno tutti diritto al loro parere e al loro commento atrimenti diventiamo come le pancine. Non capisco il punto perchè se io dovessi girare per blogs e lasciare un commento acido a tutto quello che ritengo contrario al mio modo di pensare non avrei mai finito, commento qui perchè trovo la maggior parte dei post interessanti, ma dubito che i nuovi utenti lasceranno un commento sulle palette di ombretti estive. Come nel caso del post sulla famigerata Lemme gli utenti che hanno postato commenti polemici poi non si sono più sentiti … comunque ripeto non è un circolo privato tipo pancine è un blog aperto a tutti e tutti i commenti se pertinenti sono benvenuti.

  37. Ok, va benissimo ho detto che diventa una dieta low-carb, o comunque se vogliamo essere precisini senza amidi perchè per carb si intendono in genere gli amidi e quindi anche le patate normali … ma la panzana dell’uomo preistorico e quello che mangiavano i nostri antenati non presta certo affidabilità alla dieta se è effettivamente basata su tutti questi studi scientifici e se sei onesto ammetti che bene o male è spacciata abbondantemente su tutti i siti dedicati alla Paleo come se fosse oro colato. La verità è che a livello di dieta è semplice da seguire anche a lungo termine, non rovina completamente la vita sociale e funziona, a livello di stile di vita permanente è tristissima. Te lo dico perchè la faccio spessissimo anch’io ma a vita non ci riesco.

  38. Premesso che queste cose si imparano sul campo e facendo gli aggiornamenti quando si lavora per cui in campo di fermenti lattici devo ancora imparare, ma se contengono lattosio non credo sia perché sono fermenti lattici ma perché magari viene aggiunto come eccipiente (tipo capsule o bustine di fermento lattico) o in qualche modo ne contengano tracce, come per il glutine. Visto che hai dovuto informati perché ne soffri, sarai più informata di me.

  39. Un applauso sonoro!!!!
    Sono le mamme panchine della dieta, quelli che non vogliono maestrine e sanno tutto. Ma andate a farvi una doccia fredda che magari rinsavite..

  40. Hai fatto un bel commento..e mi hai fatto riflettere, in effetti anche la dieta mediterranea è cambiata nel tempo…nelle proporzioni sicuramente.
    Apprezzo il modo in cui hai esposto il tuo pensiero…che di solito su questi post è alquanto acido, denigratorio e non costruttivo.

  41. Esatto, purtroppo ormai qualunque ciarlatano ha più credito di un professionista che ha studiato anni, per non parlare di chi non fa vaccinare i figli perché “su Facebook ho letto che fa male”. Ma ricordiamoci, come ha detto Piero Angela, che “La velocità della luce non si decide a maggioranza”.

  42. Quante new entry!! Basta parlare di diete(regime alimentare) o se una persona abbia il giusto BMI e arrivano commenti “poco educati” rivolti a un medico!!! Ma….ce ne sono tante di persone disposte a farsi fare il lavaggio del cervello credendo che regimi cone questo facciamo davvero bene. Riparliamone tea 6 mesi se riuscite a fare una dieta come questa per questo tempo senza avere nessun problema di salute. Una domanda, ma l’acqua è prevista? Perché anch’essa è un alimento. Il buon senso è sicuramente un “alimento” che manca!!! Bye bye!!!

  43. Mamma mia che polverone nei commenti oggi! Non ho le basi per valutare questa dieta ma i carboidrati sono utili, così come i latticini, e chi lo nega sta chiaramente tirando acqua al suo mulino. Peraltro anche le carni rosse sono state trovate potenzialmente dannose quando assunte in grandi quantità. Ad ogni modo non potrei mai seguire una dieta del genere perché i carboidrati io li adoro e anzi ultimamente sto cercando di mangiare più proteine perché faccio più attività fisica del solito ed è stra difficile!! Infine aggiungo che una dieta con un impatto ambientale così alto e così prevalentemente “animale” non mi farebbe stare per niente bene con la mia coscienza.

  44. Si inventano… eliminano il glutine senza aver verificato scientificamente che sia quello il motivo del loro malessere e poi, se per caso riprovano a mangiarlo, il loro corpo non più abituato a digerirlo reagisce male alimentando la loro convinzione! Quanti ne conosco anche io… ma poi non li ho mai capiti, sono io l’unica che comunque rischierebbe la vita per mangiarsi una pizza?!?

  45. se si potesse mettere mi piace a questo commento lo avrei già fatto. Finalmente qualcosa di sensato.

  46. E vorrei aggiungere, tanto per andare sul pratico, che almeno il 90% di chi ha subito cure dentarie con otturazioni ha sviluppato la tiroidite di hashimoto (il 90% in medicina significa praticamente tutti). PubMed è strapieno di studi che osservano come l’abolizione del glutine sia collegata ad un’importante diminuzione della risposta autoimmunitaria…

  47. i latticini sono utili in cosa perdonami? E’ un alimento totalmente innaturale. Poi che ti piaccia è un altro conto. Per quanto riguarda i carboidrati, ovvio, sono necessari, è la fonte dei carboidrati che conta e gli zuccheri semplici non sono una buona fonte.

  48. io sto seguendo una dieta paleo con qualche sgarro saltuario e sono calato di 8 kg in 2 mesi senza soffrire minimamente la fame…

  49. come se un medico fosse depositario della verità, informati, leggi le ricerche scientifiche nel merito…in Italia siamo al medioevo culturale ormai, i medici si affidano a conoscenze di 20-30 anni fa

  50. Certo 🙂 intendevo proprio questo: la maggior parte dei fermenti lattici più comuni, noti e venduti contiene lattosio come eccipiente, molti intolleranti non lo sanno e peggiorano la situazione, bisogna esplicitamente chiedere quelli senza che fino a poco tempo fa erano introvabili e ancora oggi molti farmacisti purtroppo ne ignorano l’esistenza, le prime volte che li chiedevo mi ridevano in faccia dicendo che “i fermenti lattici non possono esistere senza lattosio”…

  51. In effetti nella vita ci vorrebbe un po’ più di umiltà o perlomeno se sai qualcosa più di un altro divulgalo in modo più garbato e costruttivo con meno prepotenza. Sembrano sempre sulla difensiva, come se questo articolo li avesse lesi direttamente sul personale! Sembra solo a me o con Internet queste persone hanno trovato il modo per sfogare la loro arroganza? In generale, comunque, non solo qui nel blog in specifico, ovunque, Facebook, YouTube, Instagram, sembra che ci siano quelli che non vedono l’ora di offendere e sminuire gli altri. Se c’è una cosa che non mi piace che però non mi può recare alcun danno , guardo e passo avanti. Faccio un esempio, a me la Ferragni non piace ma non sono mai andata ad insultarla sotto i suoi post o a pubblicare post offensivi verso di lei. Il buon senso e l’educazione questi sconosciuti…

  52. Sì sì, ho visto l’attacco di quella bulla nei tuoi confronti, non potrei definirla in altro modo visto che non si è limitata a risponderti nelle discussioni varie che lì ci poteva stare, ne avvengono in continuazione discussioni più o meno accese nei commenti ma ha fatto pure un nuovo commento nominandoti pure, cercando di “umiliarti” aldilà che tu possa aver avuto ragione o no, non si fa così… Veramente pessima, fossi il TeamClio prenderei qualche provvedimento… Secondo me comunque è una hater…

  53. Si, vero anche io la penso cosi’. Pero’ poi dicono che ci siamo adattati nel corso dei millenni a bere il latte e digerire il lattosio, ma sara’ vero??
    Credo che data la giusta quantita’ di tempo l’uomo si puo’ adattare a qualsiasi cibo, cio’ non vuol dire che sia gia’ accaduto pero’…

  54. Il calcio per esempio? E cosa intendi per innaturale? Sugli zuccheri semplici siamo d’accordo, ma da qui ad eliminarli completamente ce ne passa un po’…

  55. Solitamente no, per comodità faccio un pasto abbondante al giorno verso sera e durante il giorno qualche spuntino. Quando arrivo al pasto principale son sempre ben felice di mangiare tutto quello che m’è concesso. Ma nulla ti vieta di fare 4/5/6 pasti al giorno più piccoli – all’inizio facevo così, ma perdevo troppo tempo ai fornelli o nel prepararmi spuntini per la giornata.

    La paleo se la rispetti difficilmente ti da mal di stomaco. Caso contrario, se sgarri lo senti. Se mangio una pizza o la pasta (nell’ultimo anno meno di 20 pasti del genere, e sempre per motivi sociali) mi sento davvero gonfio e mi vien voglia di buttarmi a riposare.

    Per rispettarla si intende:
    • Verdure abbondanti, frutta di stagione
    • Carne da bestie possibilmente allevate ad erba
    • Pesce pescato e non d’allevamento e di piccola pezzatura
    • Niente sale
    • No aceto (rispondendo alla tua domanda mezzo kg di crauti presi in lattina che se non sbaglio sono sotto aceto o salamoia e sicuramente danno mal di pancia pure a me)
    • Niente legumi, cereali, latticini, semi od olii di semi
    • Niente alcolici – concesso il vino di tanto in tanto in quanto è prodotto dalla fermentazione di un frutto.
    • Uova bio
    • Sempre e comunque integrazione di omega 3 di alta qualità in caso di difficoltà di reperimento di carne allevata ad erba – 1 grammo netto di epa+dha ogni 100gr di carne
    • Vitamina D3 monitorata tra 80 e 100 e integrazione di K2.

    Non entro nel tecnico perché non ho le competenze, ma la somma di queste cose cambia totalmente la maniera in cui il tuo corpo assimila il cibo.

    Inutile dirti che solo togliendo sale, aceto, salamoia, legumi, formaggi e cereali si inizia a smuovere pesantemente il metabolismo.

    Come tutte le diete servono peró:
    • forza di volontà
    • pazienza e sostegno di chi ci sta accanto in casa.

    Questa da una parte è comoda perché non c’è da contare calorie o pesare ció che si mangia, dall’altro serve una grande cultura in fatto di COSA si sta mangiando. È una dieta difficile da approcciare.

    Non è quella del minestrone,
    Non è quella delle 3 fette biscottate a colazione, 50 grammi di pasta a pranzo, spuntino con lo yogurt e cena di pollo e insalata.

    È una dieta che offre risultati ottimi ma è una gran rottura per altri motivi.

    Poi che alla gente piaccia l’idea della dieta mediterranea lo capisco, perché è la via migliore di convincersi che noi italiani grazie alle nostre eccellenze culinarie abbiamo anche la migliore dieta del mondo, oltre che una scusa.

    Le persone purtroppo associano alla dieta mediterranea la cucina della nostra tradizione.

    Anche il calzone fritto e la stessa pizza contengono ingredienti tipici della dieta mediterranea … ma a lungo andare non è che facciano così bene.

    Gli stessi dottori dicono di mangiare “poco di tutto” anziché “poco di quello concesso” e questo non aiuta la massa a convincersi che noi italiani mangiamo buono ma male.

    Abbiamo una media di obesi superiore al resto d’europa se non mi sbaglio …

    Inutile dirti che come tutte le diete è difficile rispettarle al 100%, ma se mai vorrai provarla una volta che ti abituerai a fare la spesa secondo quanto concesso e svuoterai la credenza da tutto il resto non ti resta che trovare dei piatti da cucinare che ti piaciono e andare avanti ad oltranza. Sai che nelle occasioni sociali sgarrerai, come tutti e questo è normale.

    Inutile dirti che è bene leggere i libri di riferimento per avere un quadro completo.

    Cerca quelli di Rob Wolf e Loren Cordain.

  56. Per il calcio magnati due noci che sono molto più efficaci…e poi il calcio abbonda ovunque, il problema è la carenza di magnesio o selenio…

  57. La sterilita’ del tuo commento sul bere le secrezioni da adulti e’ allucinante, sono tante le cose che gli umani fanno di diverso dagli animali, se non te ne fossi accorto… Mi pare inutile discutere su questo livello e mi chiedo se davvero non abbiate di meglio da fare che iscrivervi a un blog di make up per alimentare e rimarcare le vostre convinzioni.

  58. Premetto che non sono una sostenitrice della dieta paleo “pura” ma ritengo che dietro questa filosofia ci siano degli elementi interessanti secondo me un po banalizzati nel post.
    1) la dieta paleo pura al 100% è indubbiamente difficile da seguire e dubbia da alcuni di vista ma ha il vantaggio di sottolineare l’importanza dei vegetali, delle proteine animali e della frutta nell’alimentazione
    2) ci sono sempre più studi, come sottolineato anche da altri commenti, che evidenziano il ruolo pro-infiammatorio del glutine e dei latticini nel lungo termine, indipendentemente dalla presenza o meno di intolleranze
    3) sono contraria anche io ad una dieta che elimini del tutto i cereali ma sono sempre più i professionisti nel campo della nutrizione che spingono verso l’uso di un uso moderato di cereali a base si glutine e di un aumento dell’utilizzo di cereali integrali gluten free, primo tra tutti il riso (sarà un caso se molte popolazioni asiatiche, grandi consumatrici si riso, verdure e pesce, hanno un’aspettativa di vita tra le più alte al mondo e una bassa percentuale di malattie metaboliche ?!?!)
    4) l’aspettativa di vita dell’uomo paleolitico non era molto diversa da quella di un paio di secoli fa, il vero cambio di rotta l’hanno dato l’avvento degli antibiotici e una più ricca disponibilità di alimenti per tutti, vedi la fine delle carestie….

  59. ma dove li vedete tutti sti polveroni ?!?! A meno che alcuni commenti che non ho letto siano stati cancellati, quelli che vedo mi sembrano tutti piuttosto rispettosi. Il fatto che non concordino con le teorie dell’autrice del post li renderebbe acidi secondo voi ?!?! Che senso ha commentare solo per dire “ma che bel post, ma come sono d’accordo !!” Le discussioni interessanti nascono da uno scambio di opinioni differenti, secondo me…

  60. Mi scusi se ho sbagliato aggettivo, so bene la differenza… Sta di fatto che comunque è qualcuno che ne sa più di me in campo di diete, quindi non capisco perché l’altro utente abbia attaccato me se l’articolo non gli è piaciuto!

  61. Il medico che è stato criticato è la dott.ssa Gerbaldo in merito alla sua valutazione medica su questa dieta. Per quanto riguarda le new entry sono tutti benvenuti!!

  62. Intanto bisogna fare una distinzione. Secondo alcuni studi ciò che in realtà fa male è la proteina del latte, ossia la CASEINA, che è presente nel latte e in tutti i suoi derivati.
    Il lattosio è lo zucchero presente nel latte (e solo in alcuni derivati. Ad esempio i formaggi molto stagionati non ce l’hanno).
    Per cui in generale si pensa che eliminando il lattosio si possa bere latte a volontà risolvendo ogni problema, quando invece il problema reale è la caseina, che non si può ovviamente eliminare da latte e formaggi.
    Se leggete il libro THE CHINA STUDY è spiegato abbastanza bene il perchè la caseina è considerata la proteina più deleteria per l’organismo adulto. In seconda battuta le proteine della carne.
    Poi uno può dire che son tutte balle, non crederci, e scegliere liberamente cosa mangiare, ma gli studi ci sono.
    Per quanto riguarda il calcio, come sopra è stato detto, lo si può tranquillamente assumere con altri alimenti come mandorle, spinaci (e altri…)

  63. A leggerlo tutto sembra avere senso. E gli studi lo confermano. Il problema e’ che poi ci sono altrettanti studi che “confermano” il contrario…confusion confusion….
    The China Study e’ stato contestato parecchio da molti….

  64. Sterile nel senso che il tuo commento non puo’ favorire la discussione, mostra chiaramente una tua posizione inamovibile che io non condivido. E ok, non ti sei registrato apposta ma sei pesante lo stesso. Il mio commento iniziale era super neutro e della paleo dieta mi importa ben poco, ancora di meno mi interessa discuterci su con uno dei suoi saccenti sostenitori.

  65. Grazie per aver argomentato in modo educato il tuo punto di vista, che e’ un’interessante aggiunta all’articolo. Si distingue chiaramente chi frequenta normalmente il blog da chi e’ venuto di passaggio con prepotenza a darci delle ignoranti… 🙂

  66. Il latte pastorizzato non e’ consigliabile perche’ la pastorizzazione elimina enzimi ed elementi che lo rendono piu’ assimilabile.
    Riguardo la caseina non so se sia vero o no. Leggo di tutto e il contrario di tutto.
    In italia, USA, ecc, mangiamo troppi carboidrati a mio parere tra pasta, pane, grissini, crackers, dolci.
    Non ho idea se il nostro organismo si sia gia’ adattato all’assunzione di certe proteine contenute in certi cibi. Certo 10’000 anni di agricoltura contro 2 millioni di anni sono pochi in confronto.

  67. Il The China Study non è uno studio ma un libro. La comunità scientifica non lo riconosce altrimenti sarebbe stato pubblicato su una rivista scientifica, non come libro. Non credo ci sia una visione così netta ad oggi.
    Seconda cosa: il calcio nei vegetali non è biodisponobile, ovvero non viene assorbito dall’organismo. Gli ftaliati e gli ossalati presenti nei vegetali lo chelano e non ne permettono l’assorbimento.
    Per quanto riguarda la frutta secca non saprei dire, mi informeró.

  68. Anna Gerbaldo, di cui non discuto la professionalità e la competenza, non è un medico dietologo ma una dietista. Sono due mestieri diversi. Che poi in Italia si chiami dottore chiunque sia laureato è una pratica tutta nostra. Altrove nel mondo i dottori sono solo i medici o chi ha conseguito un dottorato di ricerca dopo la laurea. Ma questa è un’altra storia…

  69. Ti ringrazio di avermi corretta, anch’io come tante persone ho fatto confusione, in ogni caso non mi è sembrato giusto veder criticato il lavoro altrui che ha comunque solide basi. Tutto qui. Ciao e buona giornata.

  70. Certo che è un libro. Io non ho detto che è uno studio.
    Ma all’interno sono citati diversi studi, condotti sia in America che in Cina.
    Quelli americani, tra l’altro, sono studi cominciati circa 20/25 anni fa per cui condotti su un tempo abbastanza lungo, e neppure ancora terminati.
    Comunque io l’ho citato, perchè l’ho letto, e non perchè credo che sia la Bibbia, ci mancherebbe altro.
    Tra l’altro non è che ho smesso di mangiare carne o formaggi, perchè ho preso tutto per oro colato. Diciamo che mi ha fatto pensare, e mi ha aiutato a mangiare in modo differente, limitando le proteine animali a favore di altri tipi di alimenti.
    Non volevo passare per quella che ha la verità in tasca, ci mancherebbe.

  71. Ti correggo un paio di imprecisioni:
    nella paleo si consiglia l’uso della frutta ma con molta moderazione, per evitare i picchi glicemici, quindi no alla frutta zuccherina se non un assaggi
    L’aspettativa di vita dell’uomo paleolitico era bassa per motivi indipendenti all’alimentazione, inoltre ci si sofferma sull’aspettativa quando sarebbe molto più utile parlare di qualità della vita

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here