COSA SIGNIFICA FARE GHOSTING? COME SUPERARE LA DELUSIONE?

  1. Con il termine ghosting si fa riferimento a una pratica al giorno d’oggi molto diffusa, specialmente quando ci si conosce sulle app di incontri. Il significato letterale è sparire come un fantasma, troncare una relazione (di amore o amicizia) senza lasciare traccia.
  2. Chi fa ghosting fugge e non consente all’altra persona di avere un confronto. Questo comportamento in psicologia viene attribuito principalmente a una personalità narcisista, ma ci sono anche persone che fanno ghosting a causa di problemi affettivi.
  3. Quando si subisce ghosting, si soffre e si arriva a provare ansia, stress e attacchi di panico oppure perfino depressione. Come superarlo e come comportarsi? Bisogna prendere coscienza di non avere colpe e andare avanti con la propria vita.
  4. Vendicarsi nei riguardi di chi fa ghosting è un inutile spreco di energie: il modo migliore per liberarsi del ricordo di queste persone è voltare pagina e capire che non facevano per noi.
  5. Chi fa ghosting ritorna a volte e questo comportamento si chiama zombieing. Diffidate di queste persone, perché con ottime probabilità spariranno di nuovo.

cliomakeup-ghosting-teamclio-cover

Credits: Foto di Pexels | Cottonbro

Sparire senza lasciare traccia: questo vuol dire fare ghosting e, anche se non è di certo una novità, sta diventando un fenomeno sempre più diffuso specialmente quando le relazioni interpersonali iniziano sui social.

Cerchiamo di fare il punto sul significato del termine ghosting e di capire chi fa ghosting solitamente. Esiste, infatti, un profilo psicologico ben preciso in cui far rientrare questo tipo di persone, accomunate prevalentemente da scarsa empatia e inaffidabilità. Ci concentreremo anche sulle conseguenze, alle volte devastanti, del ghosting su chi lo subisce e su come superarlo.

Vi daremo anche alcuni consigli su come comportarsi con chi fa ghosting, soprattutto quando queste persone ritornano come se nulla fosse.

GHOSTING: COS’È? IL SIGNIFICATO

Ghosting – dall’inglese “ghost” ossia fantasma – significa letteralmente sparire e chiudere una relazione, di amicizia o di amore, troncando ogni tipo di comunicazione in modo drastico e definitivo, senza dare la possibilità all’altro di un confronto.

cliomakeup-ghosting-teamclio-2

Via Giphy


Si sente parlare sempre più spesso di ghosting anche se, a onor del vero, questo tipo di comportamento non è affatto una novità. Di certo c’è, però, che nell’era dei social è diventato un fenomeno sempre più diffuso.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-2

Credits: Foto di Pexels | Cottonbro

Sparire e non lasciare traccia di sé risulta difficile al giorno d’oggi, ma in realtà basta “bloccare” la persona che non si vuole più sentire su tutte le piattaforme social e continuare a evitare ogni tipo di contatto anche nella vita reale.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-4

Credits: Foto di Pexels | Cottonbro

Fare ghosting significa smettere di rispondere ai messaggi e alle chiamate, tagliare tutti i ponti con la persona che si vuole “abbandonare”. Può sembrare un processo rapido e indolore – e, sicuramente, nella maggior parte dei casi lo è per chi fa ghosting – ma questo tipo di comportamento è in realtà estremamente doloroso per chi lo subisce.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-3

Credits: Foto di Pexels | Cottonbro

Chi lo fa si scarica la coscienza, rifiutando ogni responsabilità emotiva ed evitando il confronto, alle volte persino “autoassolvendosi” e convincendosi che lo si fa per il bene dell’altro.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-10

Credits: Foto di Pexels | Pedro Figueras

Le principali cause per cui si fa ghosting possono essere così riassunte:

  • paura del confronto quando si decide di troncare;
  • totale disinteresse;
  • autoconvinzione che si sta facendo la cosa giusta per l’altro.

L’IDENTIKIT DI CHI FA GHOSTING: LE CATEGORIE DI PERSONE DA CUI DIFENDERSI

Studi recenti hanno dimostrato che fare ghosting (sia in amore che in amicizia) è una pratica estremamente diffusa e che tutti – specialmente i giovani tra i 18 e i 30 anni – hanno avuto questo tipo di comportamento almeno una volta nella vita o l’hanno subito.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-11

Credits: Foto di Pexels | Rodnae Productions

Può essere difficile delineare un profilo psicologico di chi fa ghosting, ma ci sono delle categorie di persone che secondo la psicologia sono più predisposte a questa pratica.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-12

Credits: Foto di Pexels | Ryan Miguel

Il narcisista, colui che è affetto da egocentrismo patologico (e che spesso è in grado di provare solo amore tossico), è un ottimo candidato: si tratta di persone che ricercano l’ammirazione altrui per alimentare l’ego ma che risultano scarsamente empatiche. Oscillano con facilità dal coinvolgimento totale alla freddezza più assoluta e, cosa preoccupante, passano da un estremo all’altro in tempi repentini.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-5

Credits: Foto di Pexels | Dziana Hasanbekava

Chi adotta questa pratica sceglie – alle volte per paura, ma nella maggior parte dei casi per puro disinteresse – di fuggire da una situazione che li spingerebbe inevitabilmente a un confronto con gli altri e a mettersi in discussione. I narcisisti, per definizione, non amano sentirsi messi in discussione: meglio sparire.

cliomakeup-ghosting-teamclio-foto-6

Credits: Foto di Pexels | Eternal Happiness

Specialmente sui social, è bene stare attenti anche a chi si mostra in modo ambiguo e misterioso e alle persone che dimostrano un comportamento eccessivamente permaloso e atteggiamenti passivo-aggressivi. Per tutte queste ragioni – e, in particolar modo, per la scarsa empatia di queste categorie di persone – non chiedetevi se chi fa ghosting soffre: la risposta è no. Se vi state chiedendo anche cosa pensa o cosa prova, sappiate che nella maggior parte dei casi il tutto si traduce con un grande e sonoro niente.

ALCUNE PERSONE CHE FANNO GHOSTING PROVANO A LORO VOLTA SOFFERENZA

Tuttavia, molti psicologi sostengono che chi fa ghosting – in alcuni casi particolari – sperimenta a sua volta la sofferenza. Attenzione, in questo caso non parliamo di narcisisti ma di persone che, loro malgrado, non sanno sostenere una reale vicinanza emotiva. Si parla di filofobia, incapacità di amare di solito strettamente collegata al contesto in cui si è cresciuti.

Ragazze, non abbiamo ancora finito! Girate pagina e continuate a leggere per scoprire come comportarsi con chi fa ghosting e come superare la delusione che ne deriva!