Ciao ragazze!

Ultimamente ho trovato quello che (forse) potrei definire “lo shampoo della mia vita” e scoprirete perché un’affermazione del genere per me è più unica che rara; siete curiose? 😉

Schermata 2014-06-02 alle 20.52.13

Il mio rapporto con i capelli è decisamente contorto: non sono assolutamente un’esperta, anzi, sto scoprendo piano piano cosa funziona su di me e cosa devo evitare, dal tipo di spazzola ai colori che scelgo. Se devo dire la verità non mi sono mai curata molto dei capelli, nel senso che la mia passione si è sempre limitata a trucchi e skincare (grazie al cielo, pensate se fossi anche ossessionata da creme e prodotti per la chioma…!), però ammetto che quando si tratta di comprare shampoo e balsamo tendo a spendere cifre anche considerevoli. Come mai? Bè, non so perché, ma ogni volta riesco a farmi abbindolare dalle marche più strane e rare, che di solito sono anche decisamente costose, pensando ogni volta che saranno rivoluzionarie. Vi descrivo una situazione tipo: Sephora, mi aggiro tra gli scaffali dedicati ai capelli. “Oh, uno shampoo all’essenza di carciofo, profumo di cipolla e olio di coccinella africana… DEVE ESSERE MIO, SARÀ SICURAMENTE SENSAZIONALE!!!!” Ecco, nella maggior parte dei casi la fase successiva è l’amore folle (AVEVO RAGIONE, I MIEI CAPELLI NON SONO MAI STATI COSÌ BELLI), seguita inesorabilmente dal disinnamoramento dopo appena un paio di mesi (MMM… TORNIAMO DA SEPHORA A CERCARE DI MEGLIO). Insomma, non trovo mai pace!

Per questo motivo vi mostrerò gli shampoo che mi vengono in mente dell’ultimo periodo, ma non vi parlerò nel dettaglio di ognuno di loro, semplicemente perché, pur trovandoli tutti validi, non ho notato differenze sostanziali o cambiamenti drastici nella salute dei miei capelli. L’unico che non mi sento di consigliare è quello della Wen, il Sweet Almond Mint Cleansing Conditioner, un balsamo che si utilizza al posto dello shampoo; non mi sono trovata male, ma richiede di aspettare ogni volta 5-10 minuti e sinceramente non ho tutto quel tempo ogni volta che mi lavo i capelli! Inoltre ho notato che tendevano ad ungersi più rapidamente. Comunque ecco qui la lista:

Wen Cleansing Conditioner
Wen Cleansing Conditioner
Ojon Damage Reverse Restorative Shampoo
Ojon Damage Reverse Restorative Shampoo
John Frieda Brilliant Brunette Moisturizing Shampoo
John Frieda Brilliant Brunette Moisturizing Shampoo
Phyto Phytospecific Ultra-Smoothing Shampoo
Phyto Phytospecific Ultra-Smoothing Shampoo

 

Kérastase Bain Chroma Captive
Kérastase Bain Chroma Captive
Caviar Repair Rx Instant Recovery Shampoo
Caviar Repair Rx Instant Recovery Shampoo
Living Proof Restore Shampoo
Living Proof Restore Shampoo
Evo Ritual Salvation Shampoo
Evo Ritual Salvation Shampoo
Philip B. Peppermint and Avocado Volumizing Clarifying Shampoo
Philip B. Peppermint and Avocado Volumizing Clarifying Shampoo
Amika Balancing Shampoo
Amika Balancing Shampoo

A dire il vero, mi sembra di aver capito che gli elementi in grado di influire davvero sulla salute e sull’aspetto della mia chioma sono l’acqua del luogo in cui mi trovo, l’umidità, il clima, l’asciugatura e l’utilizzo di piastre e ferri. Se per 10-20 giorni piastro o arriccio di continuo i capelli, mi ritrovo a perderne molti di più, invece se limito al massimo il calore mi accorgo che sono subito più belli e forti. Lo stesso vale per l’asciugatura: come sapete preferisco non usare il phon, che me li rende sempre un po’ crespi e stopposi, così vado a dormire con i capelli umidi e al mattino sono perfetti. Insomma, il fattore shampoo per me non è davvero fondamentale quanto il mix di questi elementi!

Schermata 2014-06-02 alle 20.42.38

Ultimamente, seguendo i vostri consigli, sto provando prodotti senza siliconi e petrolati; è passato circa un mese da quando ho iniziato e devo dire che non ho notato differenze pazzesche, anche se con una linea in particolare mi sto trovando benissimo. Il magico shampoo a cui mi riferisco è l’Oat and Bay Conditioning Shampoo della Ren, che ho scoperto per caso durante la mia vacanza a St. Lucia: in albergo c’erano dei grossi flaconi di questa linea e provandoli me ne sono innamorata. Pensate che l’ultimo giorno, dopo aver lasciato una lauta mancia alla cameriera, mi sono portata via questi bei prodotti dal bagno per provarli con calma (tanto lo so che lo facciamo tutte hehe)! Insomma, spero di non cantar vittoria troppo presto, ma credo di aver trovato il mio shampoo: pur essendo naturale, è molto idratante e mi lascia i capelli morbidi anche senza utilizzare il balsamo. Non posso dire lo stesso dell’altro shampoo senza siliconi che ho provato, il Gloss Shampoo della Sante, che trovo più difficile da applicare (infatti finisco sempre per usarne molto di più) e che mi lascia i capelli un po’ stopposi.

Ren Oat And Bay Conditioning Shampoo
Ren Oat And Bay Conditioning Shampoo

 

Sante gloss Shampoo
Sante Gloss Shampoo

Insomma ragazze, per ora sono felice così, anche se come vi dicevo non ho riscontrato dei miglioramenti miracolosi: semplicemente è uno shampoo adatto ai miei capelli con cui mi sto trovando bene. Temo che, come per i cosmetici, non troverò mai pace e vorrò sempre provare qualcosa di nuovo!

Voi ragazze che shampoo utilizzate? Vi affidate ai prodotti da supermercato, alle marche professionali da parrucchiere (quelle che mi affascinano sempre) o ai marchi eco-bio? Trovate davvero che lo shampoo influenzi molto la salute e l’aspetto dei vostri capelli, o come me ci sono altri fattori determinanti?