Ciao ragazze!

Come avevo anticipato, ecco qui il primo post dedicato ai fondotinta! Visto che è iniziata a tutti gli effetti l’estate, inizierò con il genere più richiesto nei commenti, la crema colorata!

endless-summer_1214_1

Caldo, sole, afa e sudore sono dei pessimi alleati del fondotinta “pesante” che usiamo senza problemi in inverno: non solo iniziamo a “sentirlo” (quando teoricamente dovrebbe fondersi con la pelle e non recare alcun fastidio), ma in caso di forte traspirazione inevitabilmente si scioglierà nel corso della giornata. Non parliamo poi di tutte le complicazioni come l’ostruzione dei pori e il colore, che diventa subito sbagliato dopo le prime esposizioni al sole…! Se poi aggiungiamo il fatto che GENERALMENTE d’estate la nostra pelle è più bella e con meno imperfezioni, abbiamo sufficienti motivazioni per mettere da parte il fondotinta e passare a un prodotto più leggero come la crema colorata.

Hayden Panettiere ha sempre una pelle molto luminosa e fresca, non sembra appesantita dal fondotinta
Hayden Panettiere ha sempre una pelle molto luminosa e fresca, non sembra appesantita dal fondotinta

Quel “GENERALMENTE” è molto importante, perché ovviamente non è una regola che vale per tutte, anzi, a molte persone il sole non asciuga i brufoli, ma ne fa uscire ancora di più 🙁 In questi casi è preferibile restare sul fondotinta, magari passando a quelli compatti fatti apposta per l’estate (ve ne parlerò nel prossimo Back To Basics): tra i tanti pregi della crema colorata, infatti, non troviamo la coprenza!

Trattandosi di un prodotto leggero, ovviamente, tenderà più che altro a uniformare il colorito eliminando i rossori più evidenti, ma non aspettatevi che faccia sparire brufoli, cicatrici e discromie! Se avete poche zone problematiche potrete semplicemente applicare un bel correttore secco e pastoso sulle imperfezioni, ma se per esempio combattete con l’acne diffuso su tutto il viso ha più senso continuare con il fondotinta!

BAxkpSPCMAEw24D
Blake Lively

Ma cos’è veramente una crema colorata?

Diciamo che a prima vista la si potrebbe confondere con un normale fondotinta, ma appena la spalmiamo sul viso ci rendiamo conto della sua trasparenza; il pigmento, infatti, si “diluisce” all’interno della crema idratante e non va a creare uno strato sulla pelle. Per questo motivo spesso troviamo poche colorazioni di creme colorate, a volte addirittura solo due, una chiara e una scura: dal momento che si tratta di un prodotto “sheer”, non c’è bisogno di trovare la tonalità che si accorda alla perfezione alla nostra carnagione, proprio perché in ogni caso non si dovrebbe creare uno stacco troppo netto (questo non vuol dire che se siete bianco latte potete utilizzarne una per pelli scure!).

In alcuni casi le creme colorate contengono filtri solari, soprattutto le marche che si acquistano in farmacia; tenete in considerazione questo fatto se avete in programma di essere fotografate col flash, perché in foto l’Spf tende a farci sembrare più bianche (ricordate questo post?)

Il modo migliore per applicarle è con le mani, ma con un pennello compatto si riesce a costruire un po’ più di coprenza: a voi la scelta!

La crema colorata più famosa al mondo è di Laura Mercier, il Tinted Moisturizer Spf 20: esiste in versione normale, illuminante, oil-free e anche compatta. La mia preferita invece è di Clarins, la HydraQuench Tinted Moisturizer Spf 6, l’ho regalata anche a mia mamma che non si trucca e le piace molto perché dà un bel colorito sano! 🙂

polina-kouklina-501

Come al solito vi propongo un’alternativa casalinga semplicissima da realizzare: abbiamo detto che le creme colorate sono creme idratanti con all’interno dei pigmenti. Otterremo un prodotto altrettanto valido mischiando qualche goccia di fondotinta o un po’ di fondotinta minerale in polvere alla crema viso che usiamo normalmente! Se siamo abbronzate e il nostro fondo normale non va più bene abbiamo due alternative: utilizzare uno dei tanti fondotinta del colore clamorosamente sbagliato che abbiamo comprato nella nostra vita e dimenticato in un cassetto, o sfruttare finalmente i milioni di campioncini che troviamo nelle riviste o che ci danno in profumeria, sempre e comunque troppo scuri! 🙂

Ultimo ma non ultimo: a chi consiglio le creme colorate?

-A chi ha una pelle abbastanza bella e uniforme da non aver bisogno di un fondotinta molto coprente

-A chi proprio non sopporta la sensazione del fondotinta, ma vuole comunque un piccolo aiutino

-A chi ha una pelle secca o normale, perché si tratta comunque di creme idratanti e luminose

-Alle adolescenti, perché un fondotinta pesante e coprente rischia di ostruire i pori e di non far respirare la pelle

-A chi ha faticosamente ottenuto una bella abbronzatura e non vuole coprirla con un mascherone di fondotinta

-A chi ha delle belle lentiggini e non le vuole nascondere! 🙂

Cintia Dicker
Cintia Dicker

Una considerazione finale: vi siete accorte che ormai sembra che le creme colorate stiano “andando in pensione” da quando è scoppiato il trend delle BB-Cream, delle CC-Cream (e ora delle DD-Cream)? Farò un post dedicato a questi nuovi prodotti, ma secondo me in molti casi sono comunque delle semplici creme colorate a cui hanno cambiato il nome per strategie di marketing! 😉

Ecco fatto ragazze, spero che questo post vi sia stato utile se non conoscevate ancora i benefici delle creme colorate! Voi le utilizzate? Come vi trovate? Se potete specificate anche che tipo di pelle avete e con quali marche vi trovate bene, così vi aiutate a vicenda! 🙂