Ciao a tutte!

Si può davvero amare il proprio corpo al punto da odiare il fatto che qualcun altro lo corregga? Ebbene sì. Non si tratta, ovviamente, solo di autostima, ma anche di senso di responsabilità: le star più consapevoli sanno di essere, che piaccia o no, dei modelli e degli esempi per le loro fan. E preferiscono che un loro brufolo sia messo in evidenza, piuttosto che avere sulla coscienza il fatto che un’adolescente (ma non solo!) si faccia dei complessi per colpa di una loro foto che, tra l’altro, non ha niente di vero. Ecco allora le 10 star che si sono opposte all’uso improprio di Photoshop e tutti i loro messaggi di positività!

COVER CLIOMAKEUP STAR CONTRO PHOTOSHOP

ZENDAYA

Zendaya

Zendaya è stata l’ultima protagonista della battaglia contro Photoshop. La diciannovenne si è giustamente scioccata guardando una sua immagine pesantemente photoshoppata, al fine farla sembrare davvero molto magra. Ha deciso, quindi, di pubblicare su Instagram la foto originale al fianco di quella modificata e di dichiarare apertamente di non essere affatto d’accordo con la trasmissione di un’immagine di bellezza non reale. Ha affermato di essere per l’amore di sé e per l’onestà e di amare molto la foto che le era stata scattata – prima che venisse rivisitata. Ha comunicato, infine, che la rivista si è presa carico del problema ritirando le copie prima della distribuzione per pubblicare poi la foto che vedeva Zendaya così come è in realtà.

KATE WINSLET

__kate winslet

Kate non è nuova alla battaglia contro i ritocchi: nel 2003 aveva avuto di che lamentarsi con GQ, rivista che aveva scelto l’attrice come protagonista della propria copertina. Peccato che Kate si sia vista pubblicata con le gambe ridotte “di almeno un terzo” e la cosa non le aveva fatto piacere “perché – aveva dichiarato – non solo non sono così, ma nemmeno desidero esserlo. Amo il mio corpo!”. La dichiarazione avrebbe meritato una standing ovation, ma non sortì moltissimi risultati. Nel 2013, infatti, Kate criticò la pubblicazione della sua foto sulla copertina di Vogue USA in cui la sua pelle appare tutt’altro che realistica. Recentemente, però, la neoquarantenne ha ottenuto una modifica al proprio contratto con L’Oreal: nessuna sua foto verrà più modificata al computer. Insomma, se la vedremo bene nelle immagini della sua campagna per Lancôme, sarà solo merito di Madre Natura, dei prodotti e, ovviamente, del fotografo. Non male non credete?

MEGHAN TRAINOR

__megan

I see the magazines working that Photoshop / We know that shit ain’t real. / Come on now, make it stop!” (Vedo i magazine trafficare con quel Photoshop / Sappiamo che quella merda non è reale. Dai ora facciamoli smettere!) canta Meghan nel suo singolo di maggior successo, All about that bass. Ciononostante spesso le sue foto vengono pubblicate dopo aver fatto un giro su Photoshop – ovviamente senza il suo consenso. Quest’estate aveva dichiarato di essersi spesso arrabbiata anche per il fatto che non le fosse concesso di vedere le sue foto prima della pubblicazione: “secondo voi Beyoncé permette che vengano pubblicate le sue foto senza che siano state prima supervisionate? Io non credo”. L’occasione della sua lamentela era data da una foto in cui era stato ritoccato il suo incarnato, per mostrarla più abbronzata. Peccato che Meghan adori la sua carnagione “da Biancaneve”. E ha tutte le ragioni per amarla, non è vero?

--Meghan-Trainor-Badgley-Mischka-2015-Billboard-Music-Awards

Meghan si è sempre detta in pace con il suo corpo e con il suo aspetto e soprattutto ha sempre voluto trasmettere un messaggio positivo. La sua canzone ha sortito molte critiche per una frase in cui insulterebbe ironicamente le ragazze “skinny”: ma in realtà la stessa parola inglese “skinny”, prima degli anni 2000 e dei jeans e prima che essere magrissime ai limiti del sano fosse di moda, non aveva affatto un’accezione positiva, ma si riferiva ad una persona “scheletrica”, che non stava tanto bene. Insomma: Meghan non voleva escludere le ragazze “magre”, ma criticare chi ostenta il proprio essere pelle-e-ossa (ad ogni costo) pensando che sia l’unico modo per essere accettabili e “fashion”. Si è detta fierissima di quel pezzo e ha ricevuto molti messaggi di sostegno, tra cui una madre che le ha detto che con quei tre minuti di musica, Meghan ha salvato la vita di sua figlia.

GISELE BÜNDCHEN

__gisele-johan-portraits3-800x533

La sua non è stata una vera e propria battaglia, anche perché, diciamocelo… ma cosa deve ritoccare?! Però anche una dea come Gisele ha detto la sua sul tema Photoshop quando, per il suo shooting (in cui era pure struccata!) realizzato da Johan Lindeberg, si è deciso di non modificare le immagini in alcun modo.

__gisele-bundchen-by-johan-lindeberg-for-blk-dnm-fall-2013-campaign-3

Ha dichiarato di aver adorato l’approccio del fotografo, il quale non cercava la luce giusta per cammuffare le rughe e le pieghette (che Gisele non ha), lo sguardo per sembrare sexy o, in generale, per sembrare… qualcosa. Semplicemente voleva catturare un attimo del suo essere donna, con tutti i suoi difetti (ma quali?!) e le sue imperfezioni (ma dove?!). Insomma, la modella sognava il momento in cui le donne avrebbero potuto godere delle loro diversità, non solo accettandole, ma vivendole come il loro punto di forza e di unicità (e, quindi, sognava un mondo i programmi di grafica sarebbero serviti solo per realizzare i film della Pixar). E, in quella stessa occasione, si dispiaceva molto del fatto che, con ogni probabilità, questa filosofia sarebbe rimasta un’eccezione e non la norma, nel mondo della moda.

LADY GAGA

__-LADY-GAGA-GLAMOUR-900

Lady Gaga era stata già citata da Clio proprio in occasione della sua campagna per Versace, durante la quale Photoshop era talmente presente da aver sostituito, a tutti gli effetti, il Make-Up Artist. Come si può, allora, definirla una star che odia il ritocchi fotografici? Innanzitutto, siccome anche in quell’occasione aveva fatto girare le foto nella versione pre-ritocco, forse, l’intenzione era quella di prendere Photoshop come un “gioco”, quasi si stesse facendo “esperimento” di make-up digitale.

____lady-gaga-photoshop-versace-3

Poi, possiamo pure pensarla così: una volta è divertente, ma quando si esagera, si esagera. “Mother Monster”, infatti, dal 2012 continua ad inorridire di fronte a sue foto in cui si vede “con una pelle troppo perfetta e dei capelli troppo soffici”. Stufa di questo, la cantante ha voluto specificare, rispetto alla sua immagine apparsa sulla copertina di Glamour nel 2013: “non solo non sono così quando mi sveglio la mattina: io non sono così!”.

lady gaga fisico cliomakeupIn segno di protesta ha pubblicato una sua foto in biancheria per mostrare quale fosse la “vera sé”!

Ha quindi auspicato una rivoluzione contro “le forze che fanno credere alle donne di non essere belle” e tra queste, sì, annovera anche i ritocchi di Photoshop. Pensa che il primo passo saranno le copertine dei magazine e, solo più avanti, si potranno “attaccare” anche i contenuti. Quando le copertine saranno cambiante, dice, sarà la cultura ad essere cambiata. La pensate anche voi così?

Ma chi sono le altre star ad essersi schierate per la bellezza “au naturel”? I ritocchi più assurdi li abbiamo lasciati in fondo e siamo certe che le fan di una certa serie TV rimarranno con gli occhi sbarrati dopo aver visto……. Scoprite cosa, a pagina 2!