Ciao ragazze!

 Questa serie di post sui “basics” è pensata per quelle di voi che si sono avvicinate da poco al make-up, o che non hanno ancora le idee molto chiare sui diversi prodotti in commercio.

Oggi parleremo di blush, detto anche fard!

blush[9]

Iniziamo con un piccolo esperimento: immaginate di poter possedere un solo cosmetico… quale scegliereste? Sono sicura che la maggior parte delle donne risponderebbero senza rifletterci due volte “mascara”, “fondotinta” e “rossetto”. Solo pochissime penserebbero al blush, perché all’apparenza non è quel passaggio fondamentale della nostra routine di bellezza che cambia drasticamente il viso e l’effetto d’insieme. A dire la verità questo prodotto riesce spesso ad aggiungere quel tocco finale, quel dettaglio armonico, quell’accenno di colore che fa apparire ogni look veramente completo.

 Ho voluto stilare una lista dei diversi tipi di blush che si possono trovare nelle profumerie; mi concentrerò unicamente sulle texture, cioè sulle consistenze, e non sui colori, che sono unicamente legati a cosa ci piace e a cosa ci dona maggiormente. Se volete vi metto qui un video VECCHISSIMO, uno dei primi che ho girato, sull’applicazione del blush! Ero timidissimaaa 😀 😀

 Blush in polvere compatta: è il genere più diffuso e semplice da utilizzare, inoltre è adatto a quasi tutti i tipi di pelle (giusto in caso di forte secchezza potrebbe sottolineare la cute disidratata). Se applicato sul fondotinta non perfettamente asciutto rischia di creare delle macchie, quindi è preferibile stendere prima un velo di cipria per rendere più omogenea la superficie.

givenchy le prisme blush in vogue orange
Givenchy Le Prisme Blush in Vogue Orange

 Blush in polvere libera: il concetto è lo stesso del fard in polvere pressata, ma dovete stare molto attente quando lo usate perché…vola da tutte le parti! Sconsigliato quindi se lo dovete portare in giro (rischia di aprirsi e di spargersi nel beauty) e se vi truccate con le finestre aperte hehe 🙂 Normalmente in questa forma si presentano i blush minerali, naturali e privi di schifezze e siliconi.

neve cosmetics  Delhi
Blush minerale di Neve Cosmetics in Delhi

 Blush in crema: perfetto per chi ha la pelle secca e vuole evitare un effetto polveroso. Può essere applicato con un pennello, possibilmente a setole sintetiche, o direttamente con le dita (in questo modo il prodotto si scalderà leggermente e il risultato sulle guance sarà naturalissimo). Volendo può essere usato come “base” per un fard in polvere, per far sì che duri tutto il giorno.

sula natural lip and cheek tint in I saw him first
Sula Natural Lip & Cheek Tint in I Saw Him First
Maybelline Dream Bouncy Blush in Coffee Cake: questo ha una consistenza stranissima, gommosa, se lo schiacciate poi il prodotto "rimbalza"
Maybelline Dream Bouncy Blush in Coffee Cake: questo ha una consistenza stranissima, gommosa, se lo schiacciate poi il prodotto “rimbalza”

Blush “cream to polder”, crema a effetto cipriato: questo genere è consigliassimo per chi soffre di pelle grassa. Si presenta con una consistenza cremosa, ma una volta applicato diventa quasi una polvere vellutata, opaca; si perde il beneficio della luminosità del fard in crema tradizionale, ma come sapete chi combatte con una pelle che si lucida facilmente non ha nessuna voglia di aggiungere prodotti ulteriormente idratanti.

Topshop Cream Blush in Pinch
Topshop Cream Blush in Pinch
Mufe HD Microfinish Blush in Nip Slip: questo non mi piace molto, trovo che l'applicatore a pompetta renda difficile dosare la quantità giusta di prodotto, soprattutto perché è molto pigmentato!
Mufe HD Microfinish Blush in Nip Slip: questo non mi piace molto, trovo che l’applicatore a pompetta renda difficile dosare la quantità giusta di prodotto, soprattutto perché è molto pigmentato!

Blush liquido o in gel: è un prodotto abbastanza recente, non ancora diffusissimo sul mercato italiano. Normalmente può essere utilizzato sia sulle guance, sia come tinta per labbra; l’esempio più conosciuto è il Benetint della Benefit, che si presenta come un liquido rosso trasparente. È a lunghissima tenuta, ma attenzione, si fissa subito, quindi va lavorato velocemente per evitare che formi delle macchie. Il modo migliore per applicarlo è con le dita.

Ysl Voile de Blush in 01 Carmine Veil: consistenza in gel, fresca, leggera e modulabile
Ysl Voile de Blush in 01 Carmine Veil: consistenza in gel, fresca, leggera e modulabile
Josie Maran Coconut Watercolor Cheek Gelee in Berry Bliss
Josie Maran Coconut Watercolor Cheek Gelee in Berry Bliss
stila lip and chhek stain in yumberry crush
Stila Lip and Cheek Stain in Yumberry Crush: spesso i prodotti “due in uno” sono troppo secchi per le labbra o troppo cremosi per le guance. Questo invece no, è l’eccezione che conferma la regola: promosso a pieni voti (e dura un sacco)

Bonus: il rossetto! Se avete un rossetto di un colore che amate, provate a picchiettarlo sulle guance e a sfumarlo bene; non è detto che funzioni con ogni rossetto (con quelli troppo opachi e coprenti si rischia di fare dei pasticci), ma tentare non nuoce 🙂 Inoltre è un perfetto metodo salva-spazio, perché avrete un solo prodotto con due funzioni.

Ok ragazze, spero di aver chiarito i vostri dubbi! Se ancora non conoscete le magie del blush compratene uno seguendo le indicazioni sui vari tipi e vedrete che non rinuncerete mai più al bell’effetto salute che vi donerà! Un bacione!