Ciao ragazze!

In questa serie dedicata alla base vi ho presentato le creme colorate, le BB-cream, i compatti, le mousse e i fondi liquidi, ed è giunto il momento di parlarvi del fondotinta minerale!

936full-frida-gustavsson

Se mi seguite fin dall’inizio della mia avventura su Youtube, saprete che i prodotti minerali sono stati a lungo tra i miei preferiti, mentre da un po’ di tempo mi sono riconvertita ai fondi liquidi, più adatti alla mia pelle molto secca.

Il mio “incontro” col minerale risale a circa 6 o 7 anni fa, quando lo scoprii per caso qui in America; a quei tempi in Italia non era ancora diffuso, perciò non avevo proprio idea di cosa aspettarmi! Figuratevi che la marca più famosa, la Bare Minerals, non esisteva ancora nei negozi, ma si acquistava con le televendite; poi si è iniziata a diffondere da Sephora e dopo poco c’è stato il boom. 3 anni fa sembrava che il minerale fosse la scoperta del secolo e ogni casa cosmetica ha iniziato a lanciare la propria versione, sfruttando lo stesso principio che stiamo vedendo oggi con le BB-cream e le CC-cream, ovvero “se una semplice parolina aiuta a vendere, mettiamola in più prodotti possibili”! Andando a guardare gli ingredienti di questi fantomatici fondotinta, blush, ombretti e rossetti minerali, si vedeva chiaramente che all’interno compariva giusto un elemento della famiglia dei minerali, di certo non sufficiente a farli rientrare in questa categoria! Soprattutto si era diffusa l’idea che i cosmetici minerali fossero adatti alle pelli più sensibili e problematiche, quando in realtà non sono assolutamente anallergici come si pensava, anzi, molte pelli reagiscono male se in contatto con queste sostanze!

baby-boom-bei-den-models_3620421_v650xx

Sicuramente il minerale comporta un modo diverso di truccarsi: il fondo in polvere libera dona un look naturale e non troppo coprente, risultando perfetto per chi non ha grandi imperfezioni e non sente il bisogno di nascondere la propria pelle con un prodotto cremoso. Questa leggerezza lo rende adattissimo all’estate, quando cerchiamo prodotti opacizzanti per contrastare il sudore e l’incarnato lucido. Personalmente lo utilizzo solo in estate, perché d’inverno la mia pelle diventa davvero troppo secca e una polvere non farebbe altro che sottolineare ancora di più il problema.

Schermata 2013-08-03 a 19.40.36

I principali difetti di questi prodotti sono proprio l’assenza di sostanze idratanti, l’effetto polveroso che rimane sul viso se non li lavoriamo bene col pennello o se la loro grana non è abbastanza fine e il fatto che evidenzino la peluria (mentre un fondotinta liquido, più pesante, li va ad “appiattire” e nascondere). Si tratta di seccature infami, perché visibili solo alla luce naturale, mentre quando ci trucchiamo in camera o in bagno ci sembrerà tutto a posto! Il mio controlla-fondotinta ufficiale è Claudio, che appena nota qualcosa di sbagliato me lo fa sapere con tatto e dolcezza (=”sembri una vecchia”, “ti fa la pelle secca”, “si vedono tutti i peletti”) 😉

Tra i fondi minerali che possiedo e ho provato troviamo il classico Bare Minerals, Neve Cosmetcs, Korres e Youngblood; quest’ultima è la mia marca preferita in assoluto, le sue polveri sono davvero sottili e impalpabili (ma i prodotti sono belli costosetti).

Schermata 2013-08-02 a 17.56.28

Tra l’altro è proprio grazie alla Youngblood ho scoperto un trucchetto molto interessante, che consiste nell’applicare dopo l’idratante una cipria HD per asciugare la crema, in modo che il fondotinta non si vada ad attaccare creando delle macchie di colore!

E voi ragazze utilizzate i fondotinta minerali? Come vi trovate? Che tipo di pelle avete? Conoscevate il trucco della cipria dopo la crema?