Ciao ragazze!

Oggi vorrei fare un po’ di chiarezza su un tipo di prodotto abbastanza nuovo, che molte case cosmetiche stanno iniziando a lanciare sul mercato: i fondotinta liquidissimi che sembrano acqua! Volete saperne di più e scoprire cosa ne penso? Leggete oltre!

Schermata 2014-08-10 alle 11.32.10

Dovevamo aspettarci questo boom: sono passati un paio d’anni dall’uscita del primo di questi fondotinta “rivoluzionari”, l’Armani Maestro (52 euro), e l’entusiasmo generale faceva immaginare che se ne sarebbe parlato a lungo. Qualche mese dopo è arrivato un dupe economico, L’Oreal Eau De Teint (se non sbaglio dovrebbe costare sui 12 euro, prezzo classico per l’Italia), che ha permesso a un pubblico più ampio di testare questo nuovo genere di prodotto.

Schermata 2014-08-10 alle 11.06.22

Al momento sono sempre di più le marche che hanno lanciato la propria versione: troviamo il Perfection Lumière Velvet di Chanel (circa 40 euro), il Miracle Air De Teint di Lancôme (45 euro), il Pure Brightening Serum Foundation di Bare Minerals (29 dollari, circa 21 euro), l’Immaculate Liquid Powder Foundation di Hourglass (55 dollari, 41 euro), il Maybelline Dream Wonder Foundation (circa 7 dollari, 5 euro… quando uscirà in Italia non aspettatevi questo prezzo purtroppo) e l’ultimo, Fusion Ink Foundation di Yves Saint Laurent (sarà intorno ai 45 euro).

Schermata 2014-08-10 alle 11.09.11

Come funzionano questi fondotinta? La consistenza è liquidissima, sembrano davvero acqua, infatti quelli senza pompetta o applicatore (vedi: L’Oreal) sono tremendi, perché se si prova a versare il contenuto sulla mano esce fuori uno tsunami di prodotto! Tranne quello di Bare Minerals, che ha una formulazione minerale, hanno tutti ingredienti molto simili: sono pienissimi di alcol e siliconi, quindi se siete puriste dell’INCI tenetevi assolutamente alla larga da questi prodotti. Una volta applicati l’alcol evapora e lascia solo uno strato sottilissimo di colore sulla pelle, invisibile al tatto e alla vista; inoltre il dimeticone riempie i pori, rendendo la grana omogenea e liscia, con un effetto naturalissimo. È proprio l’assenza di siliconi a non farmi piacere il Bare Minerals, perché mi sembra che evidenzi rughette e pori dilatati, invece di mascherarne l’aspetto. 

Hehe, vi sto facendo vedere la scomodità della boccetta del fondo L'Oreal ;)
Hehe, vi sto facendo vedere la scomodità della boccetta del fondo L’Oreal ;)

Il finish è liquid to powder, non restano troppo luminosi, ma si asciugano creando proprio una seconda pelle. Sicuramente si tratta di prodotti altamente innovativi, tra le poche vere novità presentate nell’ultimo periodo; sono perfetti per tutte le donne che non sopportano la sensazione del fondotinta, perché posso assicurare che non sembra di averli sul viso da quanto sono leggeri. Questa, però, è un’arma a doppio taglio: coprono poco, quindi sono adatti a pelli perfette o quasi, mentre chi ha qualche brufolo dovrà armarsi di un buon correttore. Non è facile adattarsi alla consistenza così liquida, anche perché bastano davvero 3 o 4 gocce per tutta la faccia; chi è abituata a prodotti classici avrà sicuramente qualche difficoltà iniziale e abbonderà con le quantità, trovandosi il viso polveroso e segnato. Anche l’applicazione è particolare: rendono al massimo se stesi con le dita, ma vanno lavorati bene con dei veloci movimenti rotatori (in questo mi ricordano i fondotinta minerali, altri prodotti che richiedono una certa manualità, non basta spolverarli sul viso, ma vanno proprio pressati ella pelle).

Dimenticate pennelli e spugnette, qua serve olio di gomito!
Dimenticate pennelli e spugnette, qua serve olio di gomito!

Per tutti questi motivi prevedo che… non faranno un successo strepitoso o comunque non arriveranno mai a sostituire i fondotinta classici; probabilmente se ne parlerà a lungo quest’anno e ne usciranno di nuovi, ma una volta passato “l’effetto novità” ce ne dimenticheremo presto. Questo perché sono davvero troppo diversi dai prodotti che siamo solite usare e non tutte hanno voglia di abbandonare le vecchie abitudini, soprattutto se farlo vuol dire complicarsi la vita (come dicevo bisogna stare molto attente a non rovesciarne troppo e a lavorarlo bene nella pelle). Inoltre mi rendo conto che non tutte sono alla ricerca di un prodotto super leggero e invisibile, anzi, chi usa il fondo di solito lo fa perché ha qualche difetto da coprire. 

DSC_2586

Io stessa mi rendo conto che, passata la fase del primo innamoramento, ho messo un po’ da parte questi fondotinta e non li uso spesso; resto affezionata all’Armani Maestro (qui la review), secondo me il migliore, e anche all’Eau De Teint di L’Oreal (nonostante la scomodità della boccetta, trovate qui la recensione), ma gli altri stanno pascolando nel cassetto. Se voglio usare prodotto liquido e leggero mi affido sempre a un fondotinta in commercio da moltissimi anni, con formulazione e ingredienti diversi rispetto a questa nuova ondata: il Mac Face and Body, ancora più naturale, dall’effetto luminoso e idratante come piace a me.

mac-face-and-body-foundation

Volete sapere quale sarà la vera novità di cui presto sentiremo parlare da tutte le parti? Cliccate qua per scoprirlo!