Ciao ragazze!

Avete presente i capelli nelle pubblicità? Lucentissimi, setosi, quasi riflettenti, pieni di sfumature scintillanti? Ecco, quelli probabilmente non esistono e per averli bisogna avere Photoshop, ma l’idea dell’effetto ‘glossy‘ è quella. Se vogliamo fare un esempio reale: basta pensare a Kate Middleton. Ecco: dopo anni e anni in cui l’Hair Gloss è rimasto un prodotto segreto e riservato alle mani del parrucchiere, finalmente è comparso sugli scaffali dei negozi accessibili a noi comuni mortali.

Ma se il trattamento in salone per me è sempre stata una sorta di magia (capelli morbidissimi, lucenti, dal colore pieno e luminoso)…siamo sicure che sia lo stesso con i prodotti ‘fai-da-te’?

Ma poi: che diavolo è l’hair gloss? Per tutto questo: leggete il post!

KateMiddletonCliomakeup_HairGloss
Prima e dopo: capito la differenza? :-D

L’hair gloss è molto celebre in America, ma da qualche tempo se ne sente parlare anche in Italia. Si tratta di un trattamento per i capelli in grado di ravvivare i riflessi dei capelli e di rinforzare i capelli sfibrati o secchi, rivitalizzando tutta la chioma, rendendola morbidissima e annullando l’odioso effetto elettrostatico! 

 

loan
Metteteci anche le luci, ma la differenza c’è!

La cinque caratteristiche che differenziano l’hair gloss dalla tinta tradizionale (e qualche foto prima e dopo!)!

1) non contiene ammoniaca

anna hendrick
Anna Kendrick passa da un color caramello spentino a un bel castano dorato pieno, lucente e ricco di riflessi. In una parola: hair gloss!

Innanzitutto l’hair gloss non contiene ammoniaca, in quanto non penetra nel capello agendo in modo aggressivo. Al contrario, infatti, l’effetto seta riflettente si ottiene con una composizione molto acida che quindi chiude le cuticole dei capelli (invece che aprirle e penetrarle come le colorazioni tradizionali). Avete capito perchè funziona il vecchio trucco dell’impacco post shampo con acqua, aceto e limone?

2) esiste neutro o colorato

natalie portman
Anche Natalie Portman si è glossata ;)

Siccome l’hair gloss serve poi a ravvivare i riflessi e in generale a rendere meno piatto il colore esistono in varie colorazioni da ‘abbinare’ alla propria tinta (o al colore naturale dei propri capelli).

3) è facile da applicare

Non c’è bisogno di trattare le ciocche una per volta: si presenta o in crema o in mousse e si applica come una maschera. Non servono guanti, pettinini ecc! Facile e veloce!

4) non è permanente e non ha bisogno di manutenzione

slide_284915_2671256_free
Bonnie Wright alias Ginny Weasley, per un’occasione elegante sfoggia una caschetto (o un faux bob?) lucente e morbido, ma nella vita di tutti i giorni, come tutti, ha capelli più stressati e spenti! C’è lo zamapino di qualcosa: l’hair gloss!

L’effetto dell’hair gloss non dura a lungo come quello della tinta proprio per i motivi spiegati sopra. Quelli che si possono fare in casa di fatto l’effetto gloss si lava via già in una sola volta (massimo due). Ufficialmente, quello del parrucchiere dovrebbe avere una durata anche di 6 settimane. Sicuro è che sbiadisce da solo e non ha problemi di ricrescite ecc. Tra l’altro non fa interazione con altre possibili tinte se si decide di cambiare colore!

5) nutre e rivitalizza i capelli

cole
Cheryl Cole cotonata quindi un po’ crespa da una parte e lucente e ‘glossy’ dall’altra

L’hair gloss non è solo una colorazione è innanzitutto un trattamento: rende i capelli morbidissssiiimi e setosi, elimina il crespo e le punte ‘pagliose‘ che ci accompagnano spesso a fine estate e annulla l’elettrostaticità. Se di buona qualità rende i capelli dall’aspetto sano e lucente!

Ok, ora che vi ho fatto venire voglia di provare, vi racconto cosa ho provato io! E vi avverto: ci sono clamorosi flop!

Continuate a leggere il post!