Ciao ragazze!

Di pubblicità abbiamo già parlato in diverse occasioni qua sul blog: troppo photoshoppate, giocate su contenuti esplicitamente sessuali, emozionanti per il periodo natalizio, ma anche con la vostra Clio come protagonista! Oggi, invece, analizzeremo dei casi un po’ particolari, in cui per promuovere dei cosmetici, quindi prodotti tipicamente femminili, vengono scelti degli… uomini! Cerchiamo di capire il perché di questa decisione: se l’argomento vi interessa, leggete il resto del post!

17e6f913da3d26f2269417671b534098 

In realtà gli uomini sono da sempre presenti in molte pubblicità di profumi femminili, ma anche di abbigliamento, gioielli e accessori; senza entrare troppo nel dettaglio, i più grandi critici in materia hanno osservato che in queste occasioni l’uomo tende ad essere la figura forte e dominante dell’immagine, mentre le donne compaiono spesso in atteggiamenti languidi, in posizioni di passività e sottomissione e in adorazione dei loro coprotagonisti.

DolceGabana-Light-Blue-Ad-Campaign-230810-2

Il braccio intorno alla vita della ragazza denota un senso di protezione, ma soprattutto di dominio da parte dell’uomo 

gucci-guilty-pour-homme-ad

Evan Rachel Wood, nella pubblicità di Gucci Guilty da uomo, è in una posizione di sottomissione rispetto a Chris Evans; un’altra caratteristica ricorrente è il fatto che l’uomo guardi fisso nell’obiettivo comunicando con il pubblico, mentre la donna rivolge il suo sguardo verso di lui

Le immagini che vi voglio proporre, invece, capovolgono la situazione e vedono la donna in uno status di potere e superiorità; certo, non si tratta di una novità, anzi, esistono infiniti esempi presi da altre pubblicità in cui la modella non è passiva e indifesa, ma forte e intraprendente, però trovo che in questo caso, trattandosi di prodotti cosmetici, valga la pena analizzarle meglio. Il primo esempio viene da Tom Ford, che partecipa in prima persona in quanto modello del suo brand. In entrambi i casi la donna è in una posizione di supremazia nella composizione dello scatto, infatti la troviamo sopra l’uomo nella prima foto e davanti a lui nella seconda. Non vengono mostrati i prodotti, ma indirettamente si capisce che è il make-up a renderla irresistibile e seducente, suggerendo che chiunque compri questa linea avrà lo stesso effetto sugli uomini.

3737-tom-ford-beauty-

main_092412

È sempre firmata Tom Ford la sensualissima campagna ‘Lips and boys’, che vede due splendide modelle utilizzare i rossetti del brand, e poi baciare una serie di uomini, colorando in questo modo le loro labbra:

Di nuovo traspare un senso di libertà e forza, dato anche dall’imparità numerica: le donne sono due, gli uomini ben di più, ma le ragazze passano da uno all’altro con disinvoltura, come se fossero degli oggetti. Addirittura, nelle fotografie vediamo che le modelle hanno direttamente truccato le labbra dei loro compagni con il rossetto, quasi a suggerire che, data la loro condizione di vantaggio, possono ‘obbligarli’ a sottoporsi a un atto considerato poco virile.

m_head_long_122614

Tom-Ford-Lips-and-Boys-ad-campaign

Tom-Ford-Lips-Boys_1

Scelta interessante per Revlon, che per presentare i suoi smalti utilizza le mani di una donna… sul volto in un uomo! Di nuovo, riconosco anche in queste immagini un senso di potere, perché, anche se della modella non appare la faccia, vediamo che gioca con i ragazzi come se fossero dei pupazzi, facendo fare loro le smorfie, o addirittura tappando loro la bocca.

17e6f913da3d26f2269417671b534098

RV2H14_AdS03-620x421

mikey

È un’idea interessante e originale, e sicuramente attira più l’attenzione rispetto alle pubblicità classiche del brand; l’idea per questo post, infatti, mi è venuta proprio sfogliando una rivista e trovando una di queste immagini! Di nuovo, anche qua si capisce che è lo smalto a legittimare la superiorità della donna, tornando all’idea del trucco come arma di seduzione.

revlon-top-speed-nail-enamel1

revlon-nail-art-expressionist-print-ad-1

 

Volete scoprire la mia interpretazione e opinione personale sulla questione? Cliccate qua!