Ciao ragazze!

Ehehe, eccirisiamo! Proprio come l’anno scorso ho pensato di dedicare un piccolo spazio proprio a loro: i sex toy! Questo post lo voglio dedicare a chi non si è mai avvicinata a questi oggetti, ma è sempre stata curiosa: come vi ho già detto, negli USA i pregiudizi intorno a vibratori e stimolatori sono ormai datati e anche i negozi dedicati sono dei veri e propri concept store, eleganti e di design… nulla a che fare con squallidi sexy shop anni ’80!

E anche gli oggetti si sono aggiornati: oggi sono discreti e divertenti, perfetti per qualsiasi ragazza, anche per chi non si sente una panterona disinvolta e trasgressiva! E, per chi non ha mai provato, ho cercato qualcosa di economico, ironico e facilmente acquistabile, in modo del tutto anonimo. Siete pronte? 🙂

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-webetopCuriose di scoprire questo giocattolino? Lo trovate a pag. 2! 😉

Innanzitutto, perché non pensiate che si stia parlando di qualcosa di scabroso o dedicato solo “ad un certo tipo di ragazza”, un po’ di storia: intorno al 1880 (ho scritto giusto: stiamo parlando di quasi 150 anni fa!!), quando il primo vibratore è stato poi creato, si stavano studiando alcuni comportamenti femminili ritenuti “anomali” e, all’epoca, ricondotti ad un problema dell’utero, da cui il nome del disturbo: isteria – dal greco hustera, utero.

Irritabilità, ansia, senso di pesantezza: questi erano i sintomi ricondotti all’isteria. La cura? Il matrimonio. Ebbene sì: avete presente quando sentite un commento molto acido da parte di una ragazza e, malignamente, pensate che avrebbe bisogno di una notte di fuoco per rilassarsi? Beh, forse non siete cattive: è scienza. 😀 !

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-betty-draperPiù frustrata di Betty Draper di Mad Men, ce ne sono poche. Non a caso, non disdegna l’effetto della centrifuga della lavatrice a contatto con il suo bacino!

Insomma, ve la faccio breve: l’isteria come malattia uterina non esiste, ma la frustrazione sessuale sì. E il vibratore è nato per evitare che le donne dovessero soffrirne, realizzando una vera e propria rivoluzione sociale che, diciamolo, è in corso ancora oggi (eh, sì, ci stiamo mettendo un po’ tanto tempo, ma non disperiamo!).


ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-primo-vibratoreEcco il primo vibratore!

Se volete divertirvi, seguendo l’incredibile e interessantissima storia del vibratore, vi consiglio il film Hysteria, dedicato proprio al medico che ha poi studiato l’aggeggio adatto a stimolare il piacere femminile. Un cast d’eccezione e uno script intelligentissimo, renderanno il tutto davvero piacevole!

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-primo-vibratore-hysteria-film

Un mini-spoiler a cui volevo proprio arrivare: sapete fino a chi arrivò questa curiosa e APPREZZATISSIMA invenzione? Beh, proprio a lei: Queen Victioria!

E il film non risparmia di certo la scena! Insomma, se non si scandalizzava una regina di più di un secolo fa, chi siamo noi per giudicare? ;-P

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-regina-vittoria-vibratore

E sia chiaro, non pensiate nemmeno che, per essere “gisutificate” ad avere (e usare!) un giochino sessuale elettronico, sia necessario essere frustrate!

Al contrario, era l’assenza di libertà sessuale e la società maschilista, il motivo della frustrazione. Oggi, dopo decenni di lotta per un mondo più aperto e pronto a sopportare il fatto che sì, anche le donne hanno desideri, possiamo ufficialmente dire che i vibratori hanno un unico, chiaro, scopo: il piacere!

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-sex-and-the-city-madonnaAhahaha mi ha sempre fatto ridere la puntata di Sex And The City in cui Miranda si ritrova una statuetta della Madonna al posto dei suoi vibratori, nel cassetto del comodino. La sua donna di servizio, religiosissima e bigotta, li aveva trovati e aveva pensato che Miranda avesse bisogno di ritrovare “la retta via”! Eheheh! Qui sta dicendo, sconvolta “Chi è questa e cosa ci fa nella mia camera da letto?”

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-sex-and-the-city-samanthaSamantha non ha mai avuto di questi problemi, invece! Qui sta dicendo “Mi sto masturbando. Ti ho detto che lo avrei fatto per tutto il giorno”.

Ecco, anche questa volta, ho voluto farvi ridere un po’, prima di passare agli oggettini veri e propri! Pronte?

Sempre per prenderla con un po’ di ironia, partiamo da una proposta un po’ più costosa, del brand più lussuoso che ci sia, nel campo dei Sex Toy.
La Lelo propone un vibratore grande come un rossetto, che si chiama Mia 2, ma che con il Clarisonic non c’entra molto…! Ovviamente, però, anche lui vibra 😉 ! Ha diverse potenze, si ricarica attraverso una presa USB ed è proprio pensato per essere il primo giocattolo sessuale di una ragazza, grazie alla sua semplicità e discrezione (averlo nel beauty case non incuriosirà nessuno)! La potenza, però, è la stessa dei vibratori più grandi e famosi del brand.

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-palline-lelo-mia-2-Lelo Mia 2 – disponibile anche rosa. Prezzo: 52,04€ su Amazon.it (per acquistare questo tipo di prodotto su Amazon bisogna avere almeno 18 anni)

A proposito di rossetti! Ve ne avevo parlato anche l’anno scorso, ma cade a pennello: esiste un vibratore proprio “travestito” da prodotto make-up! Per le timidissime che, però, vogliono provare a vedere se questi oggettini possano fare per lei!

ClioMakeUp-vibratore-sex-toy-primo-inizi-san-valentino-design-discreto-rossettoIl rossetto-vibratore costa solo 6€ su Amazon.it

Ne avete avuto solo un assaggio: a pagina 2 scoprite altri piccoli oggetti ironici e piacevoli, in grado di accendere la serata sia da sole che in dolcissima compagnia! Se siete curiose…girate pagina!

254 COMMENTI

  1. Personalmente non li ho mai usati, ma non escludo che in futuro li userò. Ritengo importante che le donne siano consapevoli del proprio corpo e della propria libertà 🙂

  2. Buongiorno Clio 🙂 troppo carini questi vibratori, il cuore e il diavoletto sono adorabili! io aggiungerei anche la famosa paperella che tempo fa si trovava anche da sephora. Io ce l’ho ma devo ammettere che non la uso più da un bel po’. Comunque la “storia” dell’isteria, o frustrazione sessuale, è verissima, chi di noi non diventa un po’ isterica de non è soddisfatta da quel punto di vista? Non c’è niente da fare, il sesso secondo me rimane la cosa più rilassante del mondo, se fatto bene, ovvio 😉

  3. beh se si dovesse avere consapevolezza del proprio corpo usando il vivratore staremmo fresche …ma tu Cliuzza dicci ne fai uso o hai buttato il post li tanto per …???

  4. Proprio l’altro giorno parlavo con una conoscente ed è venuto fuori l’argomento mestruazioni. Io mi sono sviluppata tra la quinta elementare e la prima media, avevo un flusso molto forte, e facevo nuoto tre volte a settimana. La mia mamma mi ha subito fatto usare i tampax, perché non potevo andare in piscina sennò, e quando l’ho detto la signora mi ha guardata così male, ed è diventata così rossa (tendente al vinaccia) che ho proprio pensato “forse un vibratore (o un uomo) potrebbe aiutarti amica”

  5. Io sono tra quelle che non li trova “scabrosi “eheh..credo che la donna dovrebbe cercare di sentirsi sempre al meglio con se stessa in qualsiasi “campo”, quindi se per sentirci sexy mettiamo un rossetto ad esempio xke per sentirci “soddisfatte” non si potrebbe usare un sex toy? Poi penso che usato in coppia possa diventare un qualcosa di stuzzicante che cambia la routine (magari un sex toy x il piacere di entrambi )..per ora non ho mai provato ma chissà magari potrei farci un pensierino

  6. Ciao ragazze e grande Clio , sei una donna meravigliosa , riesci a parlare di sesso in modo libero senza risultare volgare . Da noi il vibratore è ancora un tabù anche se pare che si stiano aprendo a questo mondo .. la cosa che mi fa specie è , perchè quando una ragazza parla in modo aperto di questi argomenti , passa per una poco di buono cosa che non dovrebbe , in fin dei conti fare l ‘ amore con la persona che si ama e perchè no usare anche qualche giochino è la cosa più bella e naturale che ci sia … buona giornata !!! Il rossetto non è male quasi quasi …

  7. E’ già arrivata l’onda delle moralizzatrici su FB. Come sempre questo spazio e l’altro raccolgono una bacino d’utenza davvero differente.
    Si lamentano che ragazzine di 12-14 anni potrebbero leggere e…
    Uhm, a parte che, se le ragazzine di 12-14 anni hanno accesso libero ad internet, queste cose le hanno già belle che lette, studiate, ricercate o ne sono state bombardate, il più delle volte in tutt’altra chiave.
    Ai miei tempi avrei pagato oro per trovare uno spazio simile dove poterne parlare in libertà, con la giusta leggerezza, delicatezza e senza volgarità.
    Smettere di trattare l’argomento come se fosse da nascondere, una questione “pruriginosa” da tenere sotto il tappetto, è il primo passo per togliergli quell’alone di scabroso che vi aleggia intorno, e il giudizio morale che molti si sentono di esprimere sulle donne che dimostrano di avere una vita affettiva e sessuale sana ed equilibrata.

    Grazie Clio per questa ventata di emancipazione 😉

  8. ahahahaha
    beh io ho quasi 40 anni e le ragazzine della mia generazione credevano che il tampax non si potesse usare se vergini, di conseguenza chi era più sveglia/emancipata e lo usava,nell’immaginario comune era non più vergine che tradotto stava per poco di buono.
    Devo aggiungere altro? figuriamoci se si parlava di sex-toys……non mi stupisco se qualche signora andasse ancora a letto con la camicia da notte col buco!!!!!

  9. Non generalizziamo , sono la prova vivente che si può vivere in castità, serenamente, curando ugualmente il proprio aspetto per rispetto di se stesse e degli altri e constatare quotidianamente che tante donne diventano isteriche ad ogni contrarietà, anche se fidanzate e /o sposate

  10. Verissimo. Siamo decisamente coetanee Monchichi!
    I primi assorbenti interni me li compravo di nascosto, erano un vero tabù. Sono state le mie cugine più grandi a parlarmene e a “spiegarmi” a cosa servissero.

  11. io li ho usati a 30 anni, i primi, e….mai più…..ma ho decisamente dei problemi io! non morali, proprio fisici!

  12. come minimo noi dovremmo avere tutte il vibratore rossetto……solo per il fatto di essere sempre qui a seguire il blog 😉

  13. Pensa che io non posso stare senza! Se non ci fossero non so cosa potrei usare per arginare il mio flusso

  14. si si, capisco. Io fortunatamente ho un flusso scarso e non ho nessun problema di irritazioni……anzi forse è proprio per via del flusso scarso che quelli interni mi danno fastidio!

  15. anch’io vivo in castità da un bel po’……però diciamocelo……l’amore, o anche solo il sesso (per chi è capace….io mi innamoro!) ogni tanto fa taaaanto bene!!!!!

  16. anch’io vivo in castità da un bel po’……però diciamocelo……l’amore, o anche solo il sesso (per chi è capace….io mi innamoro!) ogni tanto fa taaaanto bene!!!!!

  17. La sessuofobia (culturale) non l’ho mai capita.
    Certo, in centinaia di Paesi si sta molto peggio e la condizione della donna (e degli omosessuali) é disumana, ma l’Italia è uno stato dalla “cultura occidentale” e dovrebbe adeguarsi al resto dell’Europa Centro-Settentrionale. Non è possibile che non vi sia una corretta educazione sessuale a partire dalla sesta classe!

  18. eeeehhhhhh ciao!!!!!! non succederà mai, ma non solo in questo ambito. L’Italia è indietro anni luce rispetto agli altri paesi europei!

  19. è sicuramente per questo motivo allora. ricordo che la prima volta che lo provai pure io (ovviamente di nascosto

  20. ancora oggi noto che l’argomento tampax è tabu…o perlomeno quando dico di usarli guardano da tutte le parti come se fosse una specie di relazione extraconiugale!
    per me è una questione di igiene, poi sono gusti anche qui

  21. Ah si può essere! Tipo durante gli ultimi giorni un pochino quando li tolgo mi danno fastidio in effetti…

  22. Io alle medie li usavo perché non ho mai sopportato gli assorbenti esterni e una mia campagna si stupì che li usavo e mi disse: Ma allora non sei vergine

  23. e chi ha parlato di castità? io mi riferisco proprio a quelle che un partner ce l’hanno e la loro insoddisfazione deriva da quest’ultimo. Anche la cura di sé non c’entra minimamente con la soddisfazione sessuale. Secondo me stiamo parlando proprio di 2 cose diverse…

  24. D’accordissimo! Che poi son brave a lamentarsi Clio quando di questi argomenti si è sempre parlato in giornali come Cosmopolitan o Ragazza Moderna (esiste ancora? XD).
    Io li leggevo anche a 10 anni ( li rubavo a mia sorella :P) e non sono diventata né deviata, né sconvolta e nè sessualmente precoce!

  25. Non so se hai mai sentito parlare della coppetta ma a me ha cambiato la vita. Io odiavo gli assorbenti esterni e i tampax di notte è meglio non utilizzarli… Da quando la uso 0 irritazioni, pruriti, fastidi e macchie

  26. Infatti mi dispiace :(! Chissà quanto tempo ci vorrà prima che l’Italia sia al passo con il resto dell’Occidente, e non solo (il Giappone, ad esempio, ha pregi e difetti, come ogni Stato, ma di sessuofobia o di “paura della nudità” non v’è traccia)

  27. Ne ho sentito parlare, ma io sono spesso fuori casa tutto il giorno e in posti tipo la facoltà… E non saprei come cambiarmi con quella, lo trovo meno igienico dei tampax… Alla fine con quelli mi basta lavarmi le mani e toccare solo l’applicatore… Di notte perché dici di no?

  28. nooo molte di più! secondo me sono 8… Almeno, io ho sempre saputo così, anche il mio ginecologo mi ha detto che 8 la notte non danno problemi…

  29. è vero, su alcune istruzioni c’è scritto (gli ultimi che ho comprato dicevano max 6 ore), comunque anche il ginecologo a me aveva detto la notte assolutamente no assorbente interno

  30. Ahahahah io prima usavo i tampax e già era argomento tabù… Adesso che uso la coppetta mestruale (e se esce il discorso non vedo perché dovrei imbarazzarmi a parlarne) dovresti vedere le facce!!!!

  31. Ahahah io del mio ginecologo mi fido ciecamente, per una serie di motivi che non ti sto a elencare… Comunque io li uso dalla 5 elementare (ho 25 anni adesso) e non ho mai avuto mezzo problema. La sera mi lavo e lo cambio, e la mattina idem! Poi va beh durante il giorno, ma lo do per scontato

  32. Ma le palline DuoBalls che si controllano con l’app, le può controllare anche il/la partner? Penso che sarebbe terribilmente divertente regalarle alla mia lei per questo san Valentino, che purtroppo passeremo a studiare per gli esami dell’università!!!

  33. Credo che si possano far controllare da chiunque.. Cmq oltre alle palline ci sono tanti altri vibratori che si usano in coppia e a distanza.. Sia per lei sia per lui.. Tipo anelli vibranti per lui che lei può controllare dallo smartphone quando sei lontano..

  34. Una cosa mi ha sempre fatto desistere dal comprarli: come si lavano e come si conservano???
    Parlando di sex and the city, ho sempre storto il naso nelle scene in cui lo prendono con tanta disinvoltura dal cassetto senza custodia né niente XD

  35. Seee l’educazione sessuale in questo paese è un miraggio… Basti vedere il casino che è successo proprio di recente con la cosiddetta “teoria gender” (inesistente). La gente comune sembra non voler proprio accettare che anche ragazzini e adolescenti hanno desideri sessuali e che forse qualcosa in merito gliela si dovrebbe spiegare, preferiscono chiudere gli occhi e poi stupirsi per il tasso di “baby madri” nel nostro paese e per il fatto che le malattie sessualmente trasmissibili siano in aumento (persino l’aids in questo paese sta tornando a farsi sentire, ed è gravissimo in un paese in cui i preservativi li trovi anche dal tabaccaio per pochi euro!). Specialmente alle ragazze si tiene a non insegnar nulla del loro corpo, illudendosi che resteranno pure altissime e levissime a vita: così invece secondo me si stimola solo una cultura maschilista in cui la donna deve solo “darsi” senza provare quasi niente e l’uomo si diverte, e non voglio fare la pessimista, ma a mio parere questo problema ha più di un collegamento anche con la cosiddetta “cultura dello stupro”. È gravissimo, ma in Italia si fa finta di niente, non sia mai che ai nostri innocenti bambini di 15 anni qualcuno mostri un preservativo, spieghi cos’è il clitoride o come funzionano le mestruazioni.

  36. sarà che la penso così perchè son maschio, ma la masturbazione è la cosa più ovvia e naturale del mondo, sinceramente non vedo perchè per le donne dovrebbe essere un tabù!! e basta anche con tutto questo perbenismo da 2 soldi, il sexy toy non fa male a nessuno e dona un pò di novità se lo si usa da solo, ma anche in coppia!!

  37. Si lavano! ci sono le istruzioni cmq.. Non so se ci hai mai pensato ma il pene (o la mano o chenesoio) degli uomini con cui facciamo sesso, spesso non è la cosa più pulita/igienica/dal ph perfetto.. Quindi vai tranquilla con i vibratori! 😀

  38. Dipende dal materiale, generalmente si lavano senza problemi con un sapone delicato, comunque di solito sono accompagnati da un foglietto che spiega come pulirli bene senza rovinarli. Per conservarli può andare bene anche un semplice fazzoletto pulito per avvolgerli una volta lavati e asciugati!

  39. Dipende dal materiale, generalmente si lavano senza problemi con un sapone delicato, comunque di solito sono accompagnati da un foglietto che spiega come pulirli bene senza rovinarli. Per conservarli può andare bene anche un semplice fazzoletto pulito per avvolgerli una volta lavati e asciugati!

  40. L’angolo del Cioè mi faceva ridere ogni volta! XD e non è che leggendo quelle cose ora mi faccio i lavaggi con la cocacola!

  41. L’angolo del Cioè mi faceva ridere ogni volta! XD e non è che leggendo quelle cose ora mi faccio i lavaggi con la cocacola!

  42. Bellissimo!! Devo informarmi meglio, io e la mia ragazza non ci siamo mai fatte problemi al riguardo (e alla fine che problema dovrebbe esserci a divertirsi con la persona che ami!)

  43. mamma mia! c’era anche un sito, o un forum, che raccoglieva le domande migliori!!
    Pensare che a 10-11-12-13 anni le ragazzine erano costrette a scrivere lettere a un giornalino per avere risposte riguardo la loro sessualità mi mette ancora i brividi!

    Io ricordo che la mia leva agli inizi degli anni 2000 era tra le prime a fare educazione sessuale a scuola, alle medie (era una cavolata, un paio di incontri con dei medici e degli educatori)…e non vi dico che polemica si è scatenata tra i genitori (non i miei per fortuna)… E poi scopri che le figlie erano quelle che scrivevano sul cioè “ho baciato il mio ragazzo… sono incinta????”

  44. Ecco, allora so che devo assolutamente evitare di leggere i commenti sotto quel post! Il bigottismo esasperato e gridato a gran voce sui social è una cosa che mi irrita da morire.

  45. E invece purtroppo per le donne lo è ancora: se ti masturbi l’80% delle volte ti considerano o “una facile” (come se ci fosse qualcosa di brutto nell’apprezzare il sesso) o “una frustrata che ha bisogno di un pene, non lo trova e si arrangia come può” (come se fosse l’unico modo per godere e farlo da soli fosse necessariamente una cosa imbarazzante e di ripiego)

  46. nemmeno io lo vedo su fb, L’ho visto grazie al tuo link…. ODDIO… Hai ragionisssssimo riguardo la differenza tra blog e fb, quei commenti mi fanno voglia di cancellarmi non solo da fb, ma dal mondo intero!!
    Ma davvero esiste ancora gente così?? Vi giuro che mia nonna di 94 anni è più aperta mentalmente

  47. Mia nonna è rimasta incinta a 15 anni, e l’unica cosa che mi ripete è “mi raccomando, fai quello che vuoi, ma niente figli, che per quelli hai tempo!”

  48. Ora sono arrivate quelle che sostengono che l’argomento non è inerente alla pagina.
    Come se Clio avesse firmato con noi un contratto dove è obbligata a parlarci esclusivamente di rossetti (veri 😛 )
    Come se non avessimo mai parlato di cucina/capelli/fai da te/vestiti/storia/arte/serie tv/eventi mondani ecc
    E, soprattutto, come se non sapessero quanto siamo tutte più belle, DOPO!

    L’ho detto veramente!?
    Questa onda di emancipazione mi sta coinvolgendo 😉

  49. Sono assolutamente d’accordo. Poche cose al mondo sono naturali, soddisfacenti e senza controindicazioni quanto la masturbazione!!

  50. Mi sono sempre chiesta cosa ci possa mai essere di così scabroso nei vibratori, e in generale nella masturbazione (sì, chiamiamo le cose con il loro nome), sia maschile che femminile. Alcune amiche quando scoprono che i compagni o mariti praticano tale atto si sentono ferite, messe da parte, neanche fossero state tradite! Io trovo che sia una cosa normalissima, ci sono dei momenti che devono essere solo nostri, e non ci trovo nulla di male. Tra l’altro il vibratore è divertente da usare sia da soli che in coppia.. diciamolo, la “missionaria” dopo un pò stancherebbe chiunque!! E a chi dice che leggono pure le ragazzine, ma ben venga!! Non è demonizzando o nascondendo il sesso che le ragazzine impareranno la sessualità corretta. Molto meglio parlarne, serenamente e con testa, in modo che siano ben informate.
    E comunque parlando di vibratori la prima cosa che mi viene in mente è la puntata di Sex and The City in cui Charlotte diventata schiava del Rabbit, mi fa troppo ridere!!! 😀

  51. In coppia è ancora più stimolante, son dell’idea che sotto le coperte bisogna necessariamente lasciare da parte le inibizioni e provare sempre cose nuove! La noia a letto è una delle prime cause del calo della passione di coppia

  52. Io Clio ero molto scettica quando hai fatto il post sui vibratori l’anno scorso, adesso però mi sono ricreduta, forse perché ho trovato il moroso e sto cercando di combattere la timidezza (ancora non abbiamo combinato xD), comunque devo dire che se prima un po’ inorridivo a sentire parlare di vibratori adesso ammetto che c’è la curiosità e questo post è molto utile 🙂

  53. perfettamente d’accordo! Anche io e il mio ragazzo usiamo giocattoli e anche vestitini tipo costumi, ci divertiamo un sacco… e che male c’è? 😉

  54. Ahahahaha soprattutto quanto siamo più belle dopo! La mia pelle non ha paragone, liscia, luminosa, sguardo felice… Mi dispiace per loro che rimarranno dei cessi incazzati

  55. Niente di niente, secondo me! E poi arrendiamoci signori, c’è a chi piace farlo “tradizionale” e a chi piace sperimentare, e non c’è niente di male in nessuna delle due scelte!

  56. Per me e le mie amiche la masturbazione non è mai stato un tabù ( ed ora siamo più che trentenni e alcune anche sposate) con tre di loro sono entrata in un sexy shop e abbiamo acquistato insieme i nostri giochini, ad un’altra glielo abbiamo regalato alla laurea ( ” per una donna che non deve chiedere mai”!) …Io sto pensando di regalarmene uno LELO, sono stupendi!

  57. E’ una delle cose che mi era rimasta più in testa dal tanto era assurda!! XD
    Che poi… se noi siamo cresciute col cioè che di cose astruse ne aveva… perché le ragazzine di ora se hanno quel po’ di informazione corretta senza che ci sia la bigottaggine dall’altra parte che fa pensare che sono cose che non vanno fatte e che se ne parli vieni etichettata non va bene?

  58. Certamente. In ogni caso l’importante è che sia una scelta personale e non dettata dal “non si fa”.

  59. Sono d’accordissimo con te, e ovviamente perché c’è differenza???? Perché su Facebook (che sono felicissima di non aver mai usato) non c’è lo stesso anonimato che c’è qui. E la maggior parte delle persone sa che ciò che scrive non resterà tra i membri di una community, in cui i volti sono coperti, ma teme di essere giudicata da chi frequenta nella vita reale. Fortunatamente, non per tutti è così.

  60. Siii… E fondotinta/blush/terra diventano inutili… E l’effetto naturale è mooolto meglio di quello dato dal trucco! <3

  61. Cultura retrograda al massimo, l’Italia dovrebbe evolversi e non tornare indietro!
    Anche per la questione omosessuale, sono allibita per l’ostruzionismo di certi italiani! sono sicura che questa gentaglia vorrebbe che si tornasse ai tempi pre-Stonewall : non so se hai visto il film The Boys in The Band di William Friedkin, spiega benissimo l’ingiusto disagio provato da tanti in quel contesto storico.

  62. Io ho iniziato ad usarli a 12 anni, la mia prima estate con le mestruazioni. Mi ha spiegato e mostrato mia mamma come usarli, non voleva che mi perdessi il piacere di un bagno al mare o in piscina! Ed è stata una liberazione! Se penso alle mie amiche che non li usano, quanto si sentono “sfatte” in quei giorni e come potrebbero stare meglio già solo usando un Tampax, bah…

  63. Ho pensato le stesse cose, quindi sottoscrivo ogni tua parola!
    Aggiungo anche che Clio ne ha parlato in modo delicato ed intelligente, raffinato ed elegante. Come sempre. Baciiii

    p.s. sono indecisa tra il set (quello colorato) e le palline. 😀

  64. Si, io la conosco e quando posso la uso! Anche a me sembra molto meglio… Però sono fuori casa per più di dieci ore di solito, non ho ancora trovato un modo comodo per usarla quando sono fuori :-/

  65. L ‘ ho visto e sono rimasta esterefatta , ma quante bacccchettone su fb ci sono , dicono che Clio è stata una delusione perchè l’ argomento non è a tema con il blog … ma vergognatevi poi magari siete le prime a farvi foto sexy per ottenere piú like e non parlo certo di ragazzine ma donne adulte …che si comportano come quindicenni !!!

  66. Ah io ne avevo 10, mia mamma ha fatto esattamente la stessa cosa che ha fatto la tua, senza farsi troppi problemi! E io sono felicissima, mai avuto un problema al mare o in piscina!

  67. Per quanto non conosca l’oggetto dell’articolo trovo molto carino il post e la sua storia ha anche suscitato un certo interesse, complimenti Clio per avere il coraggio di parlare di tutto e per la simpatia con cui lo fai!

  68. Hai ragione….. non potevi usare il Tampax alle medie se non avevi già combinato… infatti lo usavano solo quelle più “furbe”….. come si dice in dialetto: “rob delaltar mund”

  69. Bhe! clio… questo post mi ha fatto divertire, come quello precedente. Ma non solo, leggendo i commenti delle ragazze “della mia età” mi sono venute in mente tantissime cose dei tempi elementari e medie molto divertenti…. che bello, quanta spensieratezza, quanto ridere… anche per nulla!
    Grazie!

  70. scusate…leggo che su Facebook si é scatenata un’indignazione generale “a comando”… ma col post (sempre a tema vibratori) dell’anno scorso era successo lo stesso putiferio? o forse tanto clamore è dovuto al fatto che in questi giorni l’argomento sesso è…come dire..”politicamente spinoso”?
    no perché personalmente m’indigno di certe cose 365 giorni all’anno…

  71. Ahahah mamma che gente frustrata. Io a 12 anni modestamente già avevo scoperto queste cose e ne usufruivo anche. E questo non mi ha trasformata in chissà cosa, ho avuto il primo ragazzo a 14 anni e la prima esperienza a 18… Un po’ di apertura mentis, santiddio!

  72. In Giappone però c’è anche l’effetto contrario. I film porno li trovi anche al supermercato e le protagoniste sembrano (o forse sono) minorenni.

  73. Argomento interessante, e conoscerne la storia fa sempre bene. Dopo 20 anni di unione (nel mio caso), è bello usarli assieme al proprio partner, affina la complicità!

  74. Ho visto il film che citi ed è molto carino, leggero e allo stesso tempo interessante… Non sapevo proprio nulla sull’origine dei vibratori! Per il resto, l’ignoranza e il tabù verso l’argomento in Italia sono tangibili, purtroppo. Posso citare la Spagna, che è la realtà che conosco: li non c’è lo stesso tabù, i sexy shops sono dei negozi “normali” luminosi e con ampie vetrine (non si vede nulla di scandalizzante da fuori, nessun genitore avrebbe problemi a passarci davanti con i figli), i miei amici si sono sconvolti quando hanno scoperto che in Italia non è permesso il matrimonio tra persone dello stesso sesso…. Tutti questi dettagli mi fanno capire che in Italia abbiamo ancora tanta strada da fare e che tutto comincia dall’educazione fin da giovani!

  75. È vero, magari son le prime a fotografarsi con sguardi e pose maliziose pur di ottenere visibilità e complimenti. Poi però loro sono sante!

  76. Un Paese dai mille contrasti. Alcuni uomini hanno la fissazione per il “kawaii” (=amabile) perché non piace la panterona, mette paura.
    Molte sono conciate da ragazzine, ma probabilmente avranno una ventina d’anni. Considera anche https://uploads.disquscdn.com/images/d860fd5d09e71c89739a4cd0f47b415db1fba7e93b3cbf90002f9de22f7388b9.jpg che per noi è difficilissimo dar loro un’età. Ti faccio l’esempio di questo musicista, ha 36 anni ma gliene daresti 15

  77. muoio…
    ahahahahah
    mi sono tolta da fb da un bel po’.. e credo non potessi fare scelta migliore!!
    Ma per carità..

  78. Cosa mi avete ricordato! Il Cioè! Con quell’ angolo posta un po’ triste dove ne trovavi davvero di tutti i colori. E avevamo magari solo 10-11 anni quando leggevamo!! Troppa ignoranza sull’ argomento e ragazzine in panico totale! Poverine, poterne parlare o trovare discussioni educate le avrebbe aiutate certamente di più, e invece scrivevano a un giornaletto aspettando settimane per una risposta. E oggi che abbiamo la possibilità di confrontarci, informarci e discutere c’è ancora chi si lamenta per puro bigottismo! In Italia ancora dobbiamo fare lunghi passi avanti, anche dal punto di vista della coerenza e dell’ipocrisia!

  79. E ne conosco tante credimi , si scandalizzano per cose naturali e poi fanno le porche senza pensare che fb è una vetrina aperta al mondo e chissà come mai hanno una marea di amici virtuali che non sanno neanche da dove arrivino ah amici maschi , ma come si dice , i complimenti piacciono a tutti e allora diamo l’ amicizia a cani e porci .

  80. Il film non l’ho visto, però io sono omosessuale e quel disagio lo vivo ogni giorno, il dibattito di questi giorni mi sta facendo incazzare quotidianamente almeno 5-6 volte! 🙂 Purtroppo in Italia siamo indietro, e quel che trovo assurdo è che molto spesso i politici sono ancor più indietro di chi governano, perché le persone che incontro (soprattutto giovani) sono in maggioranza aperte di mente e tolleranti, chi discrimina ormai è l’eccezione: al governo è il contrario. Boh!

  81. Hai ragione! Ma se temono di essere giudicate, possono in ogni caso non esprimersi se l’argomento ”le mette in difficoltà” (per cosa non lo so ma a quanto pare qualcosa le turba), anziché sollevare un polverone! Insomma nessuno è obbligato a commentare o mettere like su Facebook!

  82. Anch’io sono quasi tutto il giorno in facoltà e uso la coppetta mestruale da 3-4 mesi: ti assicuro che una volta che ti abitui, diventa veloce e pratico svuotarla anche quando si è fuori casa. Basta lavarsi le mani prima, come per un tampax, e svuotarla nel water, poi volendo si può pulire un po’ con una salviettina delicata o nei lavandini e rimetterla. Io all’inizio mi scoraggiavo, facevo fatica, ora in 5 minuti tolgo, svuoto e rimetto e tutto il giorno sto serena senza dovermi preoccupare di macchie e altro! Comunque che io sappia andrebbe svuotata ogni 8 ore massimo, anche se in realtà non ci sono studi che l’associno alla sindrome da shock tossico come succede per i tampax (è per quello che vanno cambiati più spesso), perché la coppetta si limita a riempirsi e contenere, il tampax assorbe e potrebbe “tirar via” anche i fluidi naturali di quella zona.

  83. :(.
    Il film te lo consiglio in lingua originale, certo è pessimista ma come ti ho scritto precedentemente, bisogna considerare il contesto storico pre-Stonewall.

  84. Lo guarderò volentieri, a un buon film non si dice mai di no! A me sull’argomento fanno tantissimo piangere Philadelphia, Dallas Buyers Club e Boys Don’t Cry…

  85. Se ti farà piacere mi farai sapere poi cosa ne pensi :).
    I film che hai citato sono bellissimi! Attori strepitosi, bel montaggio e splendide colonne sonore.

  86. Io ho il mio ragazzo, è pratico, non devo nasconderlo in una pochette e non si ricarica tramite USB . Comunque mi hai fatto soridere, post davvero divertente!

  87. Ma tutto questo casino per dei vibratori?Che cosa ci sia di male ancora lo devo capire, forse chi si scandalizza per così poco dovrebbe iniziare ad usarli!

  88. È vero, posso confermare anche io che a 11-12 anni c’era chi guardava il tampax manco fosse il male per una ragazzina. Certe persone crescendo sono rimaste impigliate a uno strano tabù e non l’hanno quindi mai usato, complicandosi la vita a volte, specie in estate e in certe situazioni (mi son capitate scene davvero ridicole). E in effetti mi son resa conto che quell’atteggiamento è quello delle madri! Che hanno ”passato” alle figlie la stessa impostazione mentale, di diffidenza perché quell’oggetto è strano (sì certo, non sai quanto ti semplifichi la vita a volte). Per carità, se una persona non ci si trova bene o ha un altro impedimento non mi permetterei mai di storcere il naso, ma se tutto è collegato a un retaggio culturale del paleolitico allora mi cadono le braccia! E se per di più guardi storto chi ne fa uno, beh allora senza parole… Alla fine ancora una volta si tratta di una cosa: arretratezza! Io ringrazio la mia mamma che subito mi ci ha fatto avvicinare senza alcuna preoccupazione 🙂

  89. ma cosa vuoi che faccia un vibratore… bah… la gente è strana difatti io non sono mica tanto d’accordo con il detto “il mondo è bello perchè vario” … dipende dalla varietà che c’è in giro… se parliamo di gente che ritiene deviato chi usa giochetti erotici o similari o ne faccio a meno. Le persone ignoranti…nel senso che ignorano… sono quelle più pericolose. L’ho sempre pensato…
    Io non uso oggettini erotici ma credo che male non faccia a meno che non si arrivi al sado maso…quello fa male a gli altri hahahahahh
    vabbè a parte le battute li trovo divertenti e farci su una risata fa sempre bene… ridere fa bene al cuore, all’anima e anche a chi ti vede!
    ps
    ero super appassionata di Cioè il giornaletto da ragazzine che aveva anche un forum sul sesso… non capito una forca ma li leggevamo tutti! hahahahah

  90. ma quelle sfere di metallo vanno davanti o dietro ? comunque carino il post Clio, ogni tanto ci penso a comprarmi un vibratore nei periodi di magra… mi hai dato qualche spunto XD

  91. No sono al max 8 ore 🙂 poi certo meglio tenerlo sempre un po’ meno e cambiarsi quando possibile, regolandosi con un po’ di buon senso 🙂

  92. Riguardo ai commenti sotto al post su FB: i ragazzini e le ragazzine d’oggi vengono a contatto ben presto con argomenti come questi, e magari la maggior parte delle loro fonti trattasse tematiche come la sessualità in modo così aperto e non volgare o, al contrario, perbenista!

  93. Chi si sente minacciato da un vibratore si sente minacciato in generale, evidentemente il feeling fra loro e le loro partner non è così profondo

  94. Io non ho Fb, ma penso appaiano in bacheca i post delle pagine che segui! Si può in ogni caso passare oltre, non commentare e non mettere ”like”. Ma quando c’è da far polemica molti si buttano a capofitto!!!

  95. Esatto! E non sai quante persone si stupiscono del fatto che io, da ventenne, non abbia un profilo FB!
    Che poi ovviamente il problema non è il social in sé, ma il modo in cui tanti utenti lo utilizzano…

  96. Secondo me è molto soggettivo…. Io ho provato a usarli un po’ di volte ma quando ho il ciclo sto così male che non riesco assicuramente a sopportarli 🙁 anche perché purtroppo non reggono abbastanza per me….

  97. Condivido in pieno! io ho avuto la fortuna di avere una madre emancipata e liberale che quando ho avuto le prime mestruazioni (a 10 anni) mi ha spiegato tutto sul sesso e sulla contraccezione senza filtrare e inventare storielle … dovrebbe essere la scuola a farlo per sostituirsi a genitori molto più bigotti anche a 20 anni di distanza ahimè .. inutile nascondersi il sesso è un argomento che incuriosisce tutti di tutte le età, leggevo un articolo su vanity fair dove si parlava di bambini che si avvicinano alla pornografia in italia in media sugli 8-9 anni grazie magari all’amichetto che ha già lo smartphone… alcuni restano scioccati e si sentono a disagio non riuscendo per pudore a raccontarlo ai genitori… nella migliore delle ipotesi crea dipendenza, come raccontava un papà che si è veduto costretto a recuisire il telefono al figlio 11enne perché ormai era dipendente dal porno …

  98. Sono andata nel link di fb.. Si leggono cose assurde tra l’altro visto che fanno i perbenisti lo sanno che a 12,13,14 anni non è legale avere un profilo Facebook.. xd xd anche io sono cresciuta col mitico cioè!

  99. simpaticissimo post !! ahahahah Mi ha divertito leggerlo ..anche se t dirò che finora non ne ho mai comprati, mi farebbe strano farmi arrivare un pacco del genere a casa dato che vivo ancora coi miei! Magari me lo faccio regalare per San Valentino 😉

  100. e’ vero!!! grande che te lo sei ricordata!! “Caro cioe’ ci siamo baciati con la lingua e mi hanno detto le mie amiche che sicuramente sono rimasta incinta!! Sono disperata!!” erano mitiche le ultime pagine del Cioe’!!!

  101. le ragazzine di oggi, a 12-14 anni, la danno già via come il pane senza bisogno di leggere questi post sul vibratore… sono mille volte più scafate di noi quando avevamo la loro età, purtroppo….

  102. evvai!! mi domando perche’ non siano tutti cosi moderni come te nel mondo???!! Sarebbe davvero davvero bello e la vita per tutti piu’ facile!! bravo!!

  103. Ciao Zombee, so esattamente di cosa parli. Pensa che il 17 è il mio compleanno e la legge si voterà il 16.
    Non so nemmeno io come mi sento.
    Un abbraccio virtuale stretto stretto 😉

  104. Grazie giada per il complimento, noi siamo al passo coi tempi, il problema è l antichità degli altri! Io e la mia ragazza usiamo sextoy regolarmente, vibratori e non solo, non ce ne vergogniamo e non ci nascondiamo nonostante le dita puntate.. Poveri loro ci diciamo sempre, schiacciati dalla loro routine

  105. Se invece vi viene voglia di qualcosa di più “leggero” – ma profondissimo al contempo, pur visto in chiave molto ironica – io vi consiglio ” But I’m a Cheerleader ” sul tema delle “Terapie Riparative”

    Un film che invece proietterei obbligatoriamente in tutte le scuole è “Prayers for Bobby”, tratto oltretutto da una storia vera quindi ancora più toccante. Meglio se accompagnate da cioccolata e fazzoletti.

    Mi segno il titolo del film suggerito da Eli27 invece, non lo conoscevo!

  106. Guarda io con il ciclo sto malissimo, ma la sensazione di sangue che esce (scusami, non sapevo come altro dire, mi dà talmente fastidio che non posso farne a meno! Poi solitamente io metto anche l’esterno, da notte, anche se è giorno, perché ho un flusso pazzesco. Però hanno cominciato a farmi allergia

  107. Marko forse tu sei troppo giovane e può darsi che non abbia mai sentito il detto che più ti masturbavi e piú diventavi cieco … io e mio marito portiamo gli occhiali ahah .

  108. Il gattino e il cuoricino sono carinissimi! Penso che l’autoerotismo siano importanti nella vita, soprattutto per noi donne che spesso abbiamo problemi nella sfera sessuale. In questo modo si prende confidenza col proprio corpo e si impara cosa piace e cosa no. Mi dispiace per quelle che sono rimaste scandalizzate perchè qui non si parla di strani feticismi o di pratiche sessuali estreme…finchè il sesso rimarrà un tabú ci saranno milioni di persone che non sapranno viverlo bene!
    Un bacio Clio e buon S. Valentino ❤

  109. A 11 anni sul Cioè leggevamo cose assurde e non siamo diventate nè cieche nè deviate…perchè se vogliamo proprio sottolinearlo, il messaggio che passa sempre è che bisogna stare bene con se stessi e col proprio partner

  110. Condivido, l’educazione sessuale dovrebbe essere una materia obbligatoria ! Ti rifiuti di frequentare (o meglio, i genitori gridano allo scandalo)? Bocciatura.

  111. In quinta superiore una mia compagna era ancora convinta che la pillola anticoncezionale proteggesse anche dalle malattie

  112. Grazie del consiglio Valerie, non lo conoscevo :)! Prayers for Bobby é bellissimo, tristissimo ma va visto.
    Con una dovuta introduzione al contesto storico, farei vedere agli scolari pure The Boys in The Band (tratto da una piéce teatrale di Mart Crowley), concludendo con un concetto : negli anni 50-60 l’omosessualità era considerata una malattia, alcuni sentivano davvero malati spendendo vagonate di soldi dallo psichiatra, andavano incontro alla depressione o affogavano questo senso di inadeguadetezza nella bottiglia, come fa il protagonista del film. Non dobbiamo più permettere che gli omosessuali si sentano sbagliati, l’amore non é mai sbagliato, compreso quello per sé stessi.
    Quando vidi il sopracitato film venni colta da una profonda angoscia 🙁 , come atmosfera é stato paragonato a Chi ha paura di Virgina Woolf? (altro capolavoro) e anche io ci ho visto delle similitudini. Ho compreso meglio il personaggio di Michael leggendo la storia sulla sua terribile adolescenza “A breeze from the Gulf” (padre alcolizzato, madre bigotta e morbosamente attaccata al figlio) e ho intuito che fosse autobiografico : l’autore é Michael.
    Scusa se mi sono dilungata, ma questo film mi aveva colpita moltissimo, sia per la storia che per la bravura degli interpreti. Non so se esista in lingua italiana, ma un film del genere lo consiglio in lingua madre, magari coi sottotitoli sempre in inglese (parlano velocemente e con un tipico accento americano, comune a molte pellicole dell’epoca).

  113. Clio innanzitutto complimenti per aver trattato un argomento, cosi delicato e anche intimo, in pubblico con molta disinvoltura e sobrietà. Detto ciò non condivido il suggerimento del post poichè penso che ognuna è giusto che condivida questi argomenti in privato, mi piace pensare che le ragazze abbiano ancora qualche aspetto della propria personalità tenuto per se. Non che non debbano sperimentare intendiamoci! 😉

  114. Tu pensa che io ho fatto le superiori dalle suore. Un bel giorno arriva in classe una suora sessuologa…. ossignurrrr che cinema che ne è saltato fuori…..
    Se ci penso mi viene ancora da ridere!!!! Una delle giornate più divertenti dell’anno…..

  115. Si se non quel modello ce ne sono sicuramente altri, far controllare i vibratori dal partner è la cosa più bella infondo

  116. Lelo e Funfactory hanno degli ottimi prodotti!! Ovviamente spendere di più significa affidarsi a prodotti con qualità e materiali migliori!

  117. ho 15 anni e ammetto che letto il titolo del post ci sono rimasta un attimo, ma non per l’argomento,più perché non pensavo che lo avresti trattato qui sul blog.
    a tutte le persone che ricordano che questo blog lo leggono anche ragazze di 12-14 anni, dico solo che ormai il sesso non è più un tabù, si fa educazione sessuale nelle scuole a partire dalla seconda media, per cuo credo che tutti sappiano cosa sia la masturbazione. In più ho compagne di classe (ora faccio la seconda liceo) che hanno già avuto esperienze, chi a partire anche da 13/14 anni, per cui non vedo dove sia il problema in questo post…

  118. Cara Bianca, un opinione dalla persona di cui si parla tanto qua sotto! Meno male che lo hai scritto, perché non è l’età il vero motivo per cui le bigotte qua sotto hanno replicato… Era un pretesto per reclamare e discutere inutilmente, opinioni sciocche di persone frustrate.
    Baci baci e fai sempre attenzione

  119. Siamo tutti e tutte nella stessa barca! Io sono sotto esami e penso che potrei darne uno da 30 e lode sul ddl Cirinnà, ma con l’ansia che ho di sapere se finalmente il mio amore sarà al pari degli altri, riesco a studiare ben poco! Un abbraccio fortissimo, vedrai che questa è la volta buona!

  120. La coppetta può stare 12 ore in vagina(dipende dal flusso ovviamente) senza rischio di infezioni… Il Tampax non può essere tenuto più di otto ore (mi sembra) ma nonostante il flusso poco abbondante dopo 4 h sentivo il bisogni di cambiarlo.

  121. Clio, te l’ho già scritto ma mi ripeto volentieri: sei una grande!! Fai più educazione sessuale tu di tutti gli istituti della mia regione! 🙂

  122. Io il tampax non lo tengo mai più di 8 ore effettivamente, i primi giorni molte meno perché ho più flusso, però quando lo cambio mi basta lavarmi le mani… Invece la coppetta mi sembrava un po’ meno igienica quando si è fuori casa, ecco. In realtà non l’ho mai provata, è solo un’impressione 🙂

  123. AAhahahahah divertentissimo questo post e mi ha rallegrato questa giornata grigia e di pupu’. Io purtroppo non avrei mai il coraggio di usare degli oggetti cosi’, sono troppo timida, ma troppo troppo troppo pero’ se possono aiutare ad avere un piacere piu’ intenso e stimolante perche’ no, ben vengano. Il sesso fa bene, e’ una delle poche cose belle e sane che ci sono rimaste, e sono contenta che se ne parli anche qui, anzi ben vengano altri post del genere! Siamo donne e il sesso e’ una componente molto importante della nostra vita, con tante sfaccettature, complessita’ e sfumature che gli uomini secondo me non potranno mai capire fino in fondo, almeno ci capiamo e confrontiamo tra di noi 🙂

  124. Io certi non ho proprio idea di come si usino, tipo quelli di coppia come l’anello…ma ci sono le istruzioni?

  125. Io certi non ho proprio idea di come si usino, tipo quelli di coppia come l’anello…ma ci sono le istruzioni?

  126. Concordo, son tutti malati di Sex and the City, poi appena qualcuno parla liberamente di questioni e oggettistica appartenenti alla sfera sessuale rimangono tutti scandalizzati. Brava Clio, BRAVA! <3

  127. Grande Clio! È molto simpatico che tu scriva questi post! È un modo per scherzare su un argomento divertente, ma contemporaneamente si fa anche informazione. Se poi qualcuno non gradisce l’argomento, è liberissimo di non leggerlo senza doversi sentire in obbligo di critcare. Io cmq ho visto il film histeria e mi è piaciuto molto! Consiglio di vederlo 🙂

  128. Certo che bisogna essere anche un po’ rincretiniti eh… Cioè adesso con internet è tutto sicuramente più facile, ma santo dio, basta leggere un bugiardino per sapere alcune cose

  129. Ciao! Sono d’accordo con te, ma almeno fino a quando andavo io alle superiori (cioè un anno fa) un minimo di educazione sessuale c’era!
    In particolare io avevo una professoressa con la quale abbiamo fatto per due volte una gita all’estero, e come raccomandazione ci diceva sempre: ” mi raccomando ragazze ehh che i preservativi si trovano anche qui!”.
    Insomma lei ci avvertiva, poi stava a noi.

  130. Io credo che il Mia (il modello precedente a quello qui mostrato) sia uno dei migliori regali mi sia mai fatta. Peccato giusto che ora non tenga più la carica 🙁

  131. Secondo me era una roba da registrare e tramandare ai posteri… Ti giuro non so cosa darei per essere stata lì.

  132. Sono anni che dico che nei palazzi di Roma c’è il peggio del peggio del peggio degli italiani. Razzista? Ok, spuntiamo la casella. Omofobo? Ok spuntiamo la casella. Ignorante? Ok, spuntiamo la casella. Disonesto, delinquente, imputato in 100 processi penali? Ok, spuntiamo l’ultima casella, sei pronto per il Governo/Parlamento italiano!

  133. Hai assolutamente ragione! Non era una cima questa ragazza…ma possibile che nessuno glielo avesse mai detto? Boh

  134. dopo una giornata pesante questo articolo mi è piaciuto molto :3
    sinceramente, a quelle che si lamentano tanto consiglierei di provarne uno e far meno le moraliste XD

  135. Sai cos è? Che a quel tempo ero troppo giovane per apprezzare la lezione correttamente …però me la ricordo ancora per le ghignate esagerate

  136. Stamattina, mentre andavo al lavoro, ho visto il post su FB e vedendo il primo commento in cui si gridava allo scandalo perché il blog è seguito anche dalle dodicenni non ho potuto non rispondere. Non sopporto le mamme che continuano a voler mantenere una campana di vetro sui propri figli e insegnare loro che il piacere è una cosa di cui vergognarsi. Ad ogni modo, parlando di cose serie:
    qualcuna ha mai provato i Lelo? Lo scorso weekend ho controllato il loro sito e ho visto delle recensioni in giro, come faccio con il makeup. Credo che il mio preferito sia Gigi 2, ma vorrei provare anche il Luna smart bead (nemmeno qui c’entra molto il foreo), è un ovetto che ti allena a fare i kegels, ti dice a che livello sei e ti aiuta a migliorare. I prezzi mi frenano. Vorrei sapere se qualcuna ha avuto esperienze con i loro prodotti.

  137. ma difatti, l’età di sicuro non è il vero problema!
    baci anche a te, e starò attenta, anche se per ora non me se caga nessuno ahahah xD

  138. Assolutamente si!.. Io uso il vibratore da tempo!.. Sia da sola sia per….. “Giochini in coppia”… E bene che stiamo!!! Però prima, soprattutto da ragazza ho imparato a conoscere me stessa ed il mio corpo… Credetemi è MOLTO importante!… Prendetevi il vostro tempo… Esplorate! Esplorate!

  139. alle elementari mia mamma me lo vietava perchè si imparavano cose sbagliate (e non aveva tutti i torti). Ho iniziato a comprarmelo da sola credo alle medie quando si andava a fare il giro in centro al sabato pomeriggio….senza mamme!!!!

  140. ma i genitori dove sono? i miei, pur andando indietro 30 anni,e pur con tutte le vergogne del caso, le nozioni di base sulla sessualità me le hanno date. Ok, parlavano tra i denti, usavano paroline al post dei nomi scientifici, ma io da quando sono stata in grado di capire, ho sempre saputo come si facevano i figli, come non farli, come ero fatta io e come era fatto un uomo,e come non beccarsi malattie. Le basi! certo non mi parlavano di vibratori o di piacere, ma tanta manna!

  141. Io la uso anche all’università! Basta una bottiglietta d’acqua per sciacquarla nel water, salviettine intime per pulirla e funziona benissimo 🙂 poi si può tenere tranquillamente anche fino a 8 ore, quindi al massimo ti capiterà di cambiarla una volta durante la giornata 🙂

  142. io sono dotata di parenti che appena ho detto “che palle al mare ci voglio andare anche se ho ciclo, mi sa che mi prendo i tampax” mi hanno guardato come fossi una pazza ahahah

  143. pensa che ben due ragazzi con cui sono uscita alle superiori erano convinti che si potesse restare incinta facendo sesso orale! cioè manco l’anatomia xD

  144. in giappone parlano tantissimo di sesso ma non lo fanno, hanno il tasso di nascite più basso al mondo, tanti uomini sono talmente attratti dalla sessualità “ostentata” che poi il rapporto vero non regge il confronto.. quindi direi che anche l’eccesso nell’altro senso è sbagliato 🙂

  145. Io per carità capisco che magari a qualcuno non vada proprio giù la cosa, ma da qui a fare perbenismo, a giudicare facile una ragazza (o pervertito un ragazzo) che usi un vibratore o altro ce ne passa eh!! Anche noi facciamo giochini di coppia con sextoy ma anche con costumi e make-up di ogni tipo e viviamo la nostra vita sessuale benissimo

  146. Io la penso esattamente come te riguardo alla cultura maschilista del sesso!! Sono stato con una ragazza in passato che aveva gusti diciamo misti va le piacevano sia i ragazzi che le ragazze, ma non sopportava d’essere “presa”, lei voleva “prendere” il partner non so se mi spiego…aveva la repulsione per il maschio dominante ( e ammetto che nonostante fossi un po’ titubante all’inizio le ho concesso il mio corpo al 100% e non me ne sono mai pentito!)

  147. Ciao bianca, il web è pieno di sessualità libera gratuita e dunque alla portata di tutti, giovani adulti e anziani! Ognuno di noi si apre alla sessualità a suo modo, chi prima chi dopo ma accade sempre. La cosa più importante è scegliere una via che doni soddisfazione nel rispetto assoluto del proprio corpo e della propria salute

  148. Cerchiamo di essere serie per una volta…porca la miseria!!!!
    Ma con un giocattolino delle dimensioni di un ROSSETTO……che mi ci devo fare il solletico???

  149. Eh tesoro datti un paio d’anni e la consapevolezza della donna che sei e vedrai che li stendi tutti! Io l ho riconosciuta giusto 3 annetti fa e ti confermo che esserne consapevoli e coscienti cambia moltissimo il modo in cui ti vedi ti senti e di come ti guardano. Saprai che impressione fai… Ma ora è presto per te, goditi la tua giovane età cara!
    Ah si, ho quasi 27 anni ahaha nn l ho detto!

  150. Ti capisco bene! Quando uscì Philadelphia avevamo appena saputo che un carissimo cugino aveva l’ADS e, oltre al dolore. Io e i miei abbiamo assistito con rabbia e incredulità alla reazione di tanti parenti che lo evitavano e sottointendevano sempre che in qualche modo se lo fosse cercato per via della sua identità sessuale !!!! Ovviamente ci biasimavano per il fatto che gli stavamo vicino più che mai!!! Ripensarci mi fa stare così male….

  151. Mi dispiace tanto per te e la tua famiglia! Purtroppo in questo paese siamo pieni di pregiudizi orribili, e non vogliamo renderci conto di quanto influiscano sulla vita delle persone, di quanto facciano male. Un grandissimo abbraccio!

  152. A quanto ho capito io non è obbligatorio insegnarla, dipende dalla coscienza di dirigenti scolastici e professori: nella mia vita scolastica il discorso è saltato fuori una sola volta, alle medie, con il prof di scienze che al capitolo sull’anatomia dell’apparato riproduttivo si è sentito in dovere di fare anche un minuscolo capitoletto del libro sui contraccettivi e le malattie sessualmente trasmissibili. Bene, oltre ad aver esordito con “ragazzi, io non vorrei parlarvene perché magari io ne parlo e poi voi lo fate” (no comment, bigottismo level 1000000), riuscì a dirci, udite udite, CHE L’AIDS SI PUÒ TRASMETTERE ANCHE CON LA TOSSE. Io ero già un po’ informata e mi caddero le braccia, ma non dubito che il 90% dei miei compagni ci abbia creduto davvero.

  153. Purtroppo è una cosa rara: anche i miei un minimo di basi me le hanno spiegate e mia madre, finché non le ho confessato il mio orientamento sessuale, ha “rotto le palle” a me e mia sorella di usare i preservativi, ogni volta che uscivamo la sera o partivamo in gita scolastica. Ma a quanto ho avuto modo di capire la mia famiglia è un’eccezione, più unica che rara, la maggior parte dei genitori per imbarazzo (non si capisce di cosa ma vabbè) non spiega nulla, paradossalmente mettono a rischio la salute dei loro stessi figli per la vergogna che provano nei confronti del sesso: lo ripeto, è un problema squisitamente culturale, gli italiani continuano a vivere il sesso come qualcosa di sporco e peccaminoso (salvo poi spatacchiarlo dove non c’entra niente a spron battuto, per esempio in tv e nelle pubblicità).

  154. Grazie mille! Hai proprio ragione! Sono molto contenta e grata di essere stata cresciuta da due genitori intelligenti che mi hanno cresciuta insegnandomi a vivere al di sopra di pregiudizi e meschinità e che, sin da piccola, mi hanno saputo comunicare con serenità la bellezza e la normalità dell’essere tutti diversi! Quando venne fuori che questo cugino era omosessuale io facevo le elementari e non capivo certi improvvisi strani commenti ed atteggiamenti di molti parenti nei suoi confronti…mi incuriosii sentendo il termine omosessuale, sussurrato con riprovazione e mistero. Ovviamente chiedi ai miei e loro, con grande semplicità, mi risposero che voleva solo dire che mio cugino era innamorato di Domenico proprio come loro due erano innamorati reciprocamente e non c’era nulla di strano o diverso. Mi ricordo che mi sembrò molto chiaro è normale, tra l’altro conoscevo bene Domenico che era ed è delizioso e non trovai strano per nulla che mio cugino se ne fosse innamorato. Questo per dire che i bambini capiscono bene le cose, se non ci si mettono gli adulti ad alterare le cose e a mettere del marcio dove proprio non c’è …

  155. Io da quando ho provato i lines è non li mollo più! Super assorbenti e comodissimi come non sentirli 🙂 Invece io non sopporto avere qualcosa di inserito mentre cammino…. Mi sembra di perderlo e mi fa stare ancora peggio 🙁 non fa proprio per me…

  156. bravissima! in tv allusioni sessuali ovunque, poi però le cose importanti si tacciono. Io fortunatamente (o sfortunatamente, per allora) da ragazzina ero molto bambina e quando mi sono avvicinata al sesso ero già abbastanza adulta, quindi i miei non hanno avuto bisogno di “rompermi le palle”, ma ho anche avuto i giusti insegnamenti, nè troppo libertini, nè troppo bigotti (e i miei appartengono alla generazione dei ’68)

  157. non ricordo quale fosse il comico che riguardo l’anello diceva “la mi sta largo al collo mi va stretto”

  158. Ormai sono diventati dei veri e propri oggetti di design che metterei volentieri in bella vista come soprammobile! Secondo me pochi capirebbero la loro reale funzione…

  159. Magari fosse così. Vedo persone scrivere cose assurde, insulti pesanti, litigi furiosi, messaggi minatori, pur con il loro nome cognome e foto profilo in bella vista.
    In più su facebook può esserci l’anonimato. Dipende da come usi il tuo profilo. Io, per esempio, non ho nessuna mia foto pubblica. Anche quelle dei miei gatti sono private. Ognuno decide chi può leggere quello che viene scritto sul profilo.
    Solo che la maggior parte delle persone non ci arriva al fatto che fb sia personalizzabile e si lamentano che qualcuno abbia letto quello che hanno scritto (e per forza, l’hai messo pubblico…).

  160. No, non compare nel profilo se tu non vuoi. E’ tutto personalizzabile. Scegli tu cosa far vedere e a chi (puoi proprio selezionare dei gruppi di persone o anche una singola persona che legga ciò che hai scritto).
    Queste impostazioni sono ben visibili e ogni tanto fb te lo ricorda e ti fa una piccola guida. Ma ancora molti non lo capiscono -__-

  161. A quanto ho letto la coppetta è molto meglio dei tampax, per una questione di igiene e sicurezza. L’ho comprata, ma non l’ho ancora usata. Il mio flusso è scarsissimo, però vorrei provarla lo stesso.

  162. La coppetta! Sono ottime, funzionano bene e ce ne sono diverse, in modo da poter scegliere in base alle proprie esigenze. Non costano neanche tanto. Bisogna solo farci l’abitudine. So di persone che la tengono su tranquillamente 8 ore. Addirittura la si può svuotare in un bagno pubblico, basta avere qualche accortezza.

  163. Dipende molto dal flusso che hai. Se è molto abbondante l’assorbente potrebbe riempirsi troppo e faticare ad uscire. Ad alcune ragazze si rompe la cordicella e devono andare in pronto soccorso. Ci sono anche alcune persone che magari si alzano più tardi la mattina, perché stanno male e poi non riescono a toglierlo.

  164. La coppetta al contrario dei tampax non contiene sostanze che potrebbero essere mal tollerate dalla delicatissima flora batterica vaginale, in più si limita a raccogliere il flusso e non ad assorbire, quindi non si rischia di togliere via anche i fluidi “buoni” che garantiscono la difesa e la salute di tutto l’apparato. In più è ovviamente più economica ed ecologica, e una volta abituate anche più comoda perché va svuotata meno spesso, non si sente proprio e si può usare anche di notte. Io da quando ce l’ho ho fatto la pace col ciclo!! All’inizio ci vuole un pochino per abituarsi, trovare la posizione e la piegatura più comode, ma poi è solo un win win win completo. Se hai il flusso scarso secondo me è ancora più consigliata, coi tampax rischi di “asciugare” troppo la zona e provocarti molta secchezza, con la coppetta non succede.

  165. Grazie della spiegazione. Io comunque proporrei a tutti di abolire Facebook. Sul serio non riesco a capire cosa ci sia di attrattivo.

  166. Ho letto due giorni fa su ANSA, che la Francia ha avuto le palle di portare a processo Facebook perché ha oscurato un link di un professore che voleva solo condividere il celebre dipinto “l’origine del mondo”.
    Per il social l’arte diventa pornografia, ma possono continuare ad esserci pagine omofobe, razziste, denigratorie e insulti di tutte le specie. Per me questo è un motivo più che sufficiente per boiccottarlo. Non credi??

  167. Grazie delle informazioni! Avevo letto qualcosa, ma non sapevo tutte queste cose.
    Io non ho mai usato tampax, uso gli assorbenti normali, ma ho preso la coppetta per provarla.

  168. Di nulla! Ti consiglio solo di non scoraggiarti se all’inizio ti sembra scomoda, ci vuole un pochino per abituarsi e trovare il modo più comodo per inserirla e posizionarla, se insisti dopo ti troverai benissimo!

  169. Per me invece è una delle “invenzioni” più utili degli ultimi anni.
    Per farti qualche esempio, ci sono pagine di associazioni che aiutano gatti e cani randagi, li curano, li sterilizzano e cercare loro una famiglia. La maggior parte trova casa proprio grazie a facebook.
    L’associazione Il Gattonero Onlus non la conoscerebbe nessuno se non fosse per fb, dove in molti si sono interessati, hanno condiviso, hanno mandato aiuti e hanno adottato! Tantissimi mici salvati solo grazie a fb (i mici sono a Reggio Calabria, ma vengono adottati in tutta Italia).
    La Neve Cosmetic ha devoluto una bella somma a questa associazione grazie alle persone che l’hanno segnalata, persone da tutta Italia, connesse solo grazie a fb.

    Altro esempio sono i gruppi dedicati ai malati. Trovare un gruppo di persone con la tua stessa malattia, trovare qualcuno che ti capisca, avere pareri, sentire esperienze e consigli sui posti dove andare è molto importante per una persona malata. Davvero molto.
    Non puoi capire perché parti prevenuta e non sai cosa ci sia dentro facebook. C’è di tutto, per tutti i gusti e le età.
    Le pagine delle creative che fanno oggetti in fimo poi, sono stupende. Io le ho conosciute anche di persona.
    Sono iscritta a gruppi dedicati al bio, alle bambole, alla Disney, seguo tantissime pagine di creative, illustratori, aziende bio (che ti rispondono se chiedi qualcosa), negozi online, manga, cartoni animati, musica, Giappone.
    Io mi trovo benissimo e ho scoperto tante cose utili e interessanti.

    P.S. perdonami il papiro, me ne sono accorta dopo >__<

  170. No, per niente. Non credo che per un errore si debba abolire un intero “prodotto”.
    Il servizio che fornisce facebook è molto vario.
    Se qualcuno utilizza male un mezzo non per questo si deve abolire il mezzo. Molte persone muoiono in incidenti stradali, non si aboliscono mica le macchine per questo. Vendono coltelli taglienti con i quali alcuni ammazzano altri. Aboliamo i coltelli?
    Io ho visto dei commenti di spam di due pagine pornografiche su una pagina di musica. Ho segnalato le due pagine e poco dopo sono state rimosse da fb.
    La stessa cosa la puoi fare con le foto, con i commenti. Tutto si può segnalare.
    Non so chi sia a controllare le segnalazioni. Di sicuro c’è anche un aiuto automatico che ha oscurato il dipinto perché ha visto del nudo.
    Una mia conoscente ha avuto una segnalazione per un disegno fatto da un suo fan dove si vede il seno. In poco tempo ha risolto.
    Bisogna prendersi la briga di segnalare le pagine e insistere che facebook le rimuova. Nel web c’è parecchio di peggio e nessuno lo rimuove.

  171. No, grazie. Il tuo è un punto di vista nuovo per me, cui non avevo mai pensato.
    Si, se Facebook venisse usato solo in questi modi, piacerebbe anche a me.
    Purtroppo c’è anche tanto esibizionismo e voyeurismo. Però, bisogna fermarsi per questo uso molto sbagliato e troppo diffuso? Forse, no, perché gli interessi che mi hai mostrato sono validi e difendibili. ☺️

  172. Entrambe le coppette che hai citato sono in silicone medico, quindi puoi andare tranquilla, va bene il lubrificante di cui hai messo il link, che è a base acquosa. L’importante è non usarne mai uno a base oleosa perché potrebbe rovinare il materiale della coppetta!

  173. Infatti avevo letto da qualche parte che il blush in origine era stato inventato per donare il rossore alle guance tipico del post amplesso 🙂
    Non a caso il blush serve a farci sembrare più “sane” 🙂

  174. Questi temi dovrebbero essere affrontati non solo tra adulti ma anche nelle scuole, i ragazzi hanno bisogno di conoscersi meglio ed esplorare la loro sessualità in modo sicuro. Se qualcuno vuole approfondire anche altri temi questo blog è nuovo, è di un sexy shop ma finalmente qualcuno comincia ad avere un approccio “normale” al tema: https://amorita.it/blogs/blog

  175. condivido in pieno il tuo pensiero. Ho una figlia di 16 anni che ormai sa tutto. Non c’è stato un ‘momento’ particolare in quale mi sono seduta al tavolo con lei dovendo farle ‘il discorso’. Lei ha appreso tutto da piccina in modo naturale, sa che in casa si può parlare e chiedere di TUTTO. Preferisco così piuttosto vedere le sue amiche che magari scaricando una serie TV in streaming, si ritrovano spaventate davanti a finestre pop-up pornazzose, pensando poi che il sesso debba essere QUELLO. Ritornando al tema: Qualche anno fa c’era in circolazione l’i vibe che si collegava con l’iphone (o ipod), vibrando a ritmo della musica che ascolti 🙂 Ora vorrei provare il ‘womanizer’ , pare che anche se non costa poco, valga davvero il suo prezzo! 🙂

  176. Buona sera 🙂 non sapevo nulla della isteria e grazie dei consigli su i migliori vibratori in commercio

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here