Ciao a tutte!

Per 12 anni ha tenuto nascosta la sua malattia al mondo intero ad eccezione dei suoi genitori: ora Breanne Rice, modella e concorrente del reality show americano “The Bachelor”, ha deciso di togliere il trucco e iniziare una campagna di promozione del self-love, l’amore per sé stessi.

“Ognuno di noi ha le sue insicurezze. TUTTI. Tutti dobbiamo affrontare qualcosa, una circostanza, un problema (magari di salute), una debolezza. (…) Non lasciare che questo ti definisca o rubi la tua gioia. Imparare ad amare sé stessi con le proprie insicurezze, e sentirsi a posto nell’essere semplicemente noi, è una cosa magica”.

Se volete conoscere la storia di Breanne e la sua lotta nei confronti di una malattia, la vitiligine, che può essere devastante dal punto di vista psicologico, vi lasciamo al post!

cliomakeup-modella-vitiligine-1

La vitiligine è una malattia non contagiosa né dannosa per la salute fisica: infatti si parla più di alterazione cutanea. Colpisce all’incirca l’1% della popolazione mondiale (fonte: Wikipedia) e si presenta sottoforma di macchie chiare soprattutto localizzate sul viso (intorno ad aperture come occhi e bocca), collo, mani, braccia e inguine; può colpire anche aree pilifere come ciglia e sopracciglia.

La depigmentazione di queste aree è dovuta alla mancanza di melanina, che smette di essere prodotta dai melanociti, pare, a causa dell’attacco degli anticorpi. Si tratta difatti, secondo le teorie ad oggi più accreditate, di una malattia autoimmune che, sebbene non pericolosa in senso stretto, può avere dei risvolti psicologici molto gravi.

cliomakeup-modella-vitiligine-8-breanne-riceOltre ai disagi provocati dalle macchie già presenti (provate a pensare, in questa stagione, dover evitare il sole per paura che risultino ancor più evidenti con la pelle che si abbronza) si vive nella paura che continuino ad espandersi.

cliomakeup-modella-vitiligine-3-laserPer fortuna le terapie sono in continua evoluzione.

Negli ultimi anni, la vitiligine è diventata relativamente “famosa” grazie alla modella di colore Winnie Harlow, concorrente del reality “America’s Next Top Model” e TOP affermata.

cliomakeup-modella-vitiligine-4-Winnie-Harlow

cliomakeup-modella-vitiligine-5-Winnie-Harlow

cliomakeup-modella-vitiligine-16-Winnie-Harlow

Winnie ha fatto della sua malattia un punto di forza, tanto che ha rifiutato di sottoporsi a trattamenti che potrebbero curare o ridimensionare il problema. Finalmente è arrivata ad accettarsi, dopo un’adolescenza spaventosa: gli atti di bullismo per la sua condizione furono così crudeli da costringere i genitori a farle cambiare scuola più volte, ma nonostante questo Winnie non riuscì a finire gli studi, tormentata dall’angoscia e dai pensieri suicidi.

cliomakeup-modella-vitiligine-6-Winnie-HarlowOggi si è lasciata tutto questo dolore alle spalle!

Se nel caso di Winnie le macchie dovute alla vitiligine risultano molto evidenti per la pelle scura, chi è di carnagione chiara riesce più facilmente a coprirle con il trucco… Ed è quello che ha fatto, ogni giorno per 12 anni, Breanne Rice.

cliomakeup-modella-vitiligine-2-breanne-rice

“A 19 anni mi è stata diagnosticata la vitiligine, che si è poi diffusa rapidamente fino provocare la depigmentazione di oltre metà della mia faccia. Sì. Non la pianta del mio piede o le braccia… Ma SOLO il mio viso. Sono diventata bravissima a truccarmi e ho deciso che non volevo che lo sapesse nessuno. Non potevo guardarmi allo specchio senza piangere, senza sentirmi poco attraente. Se mi abbronzavo, la pelle sana diventava più scura e rendeva la vitiligine ancor più evidente. Mi ci è voluto tantissimo tempo per essere in grado di mostrarmi in questo modo e uscire senza trucco. Perché? Perché è la mia faccia. Vorrei poter dire che ora sono così sicura che non mi fa più nessun effetto, ma a volte lo fa. A volte le persone mi chiedono “Cosa ti è successo alla faccia?” A volte, se ho una cotta per qualcuno, sono preoccupata di ciò che penserà vedendomi senza trucco. (…) Comunque, non c’è molto che posso fare. Posso solo amare me stessa, e non lasciare che le circostanze definiscano il mio valore e la mia autostima. Qual è la definizione di bello in ogni caso? È essere perfetti? Cosa vedete quando vi guardate allo specchio? Forse c’è una situazione e qualcosa che vi rende insicuri. Non lasciate che vi definisca. Vi meritate amore, e siete belli.”

cliomakeup-modella-vitiligine-12-breanne-rice

Nella prossima pagina vi facciamo conoscere un po’ meglio Breanne e il suo messaggio verso chi è colpito da una malattia dall’evoluzione imprevedibile e su cui, in alcuni casi, le cure sembrano non aver alcun effetto.