Ciao a tutte!

Oggi parliamo di un argomento che interessa la stragrande maggioranza di voi: punti neri e punti bianchi!
Questi odiosi inestetismi della belle che puntualmente ci troviamo a combattere ed estirpare per cercare di eliminare il problema una volta per tutte ci fanno perdere la testa?
Ogni skin-care addicted si sa, è sempre alla ricerca della cura a tutti quanti i problemi della pelle e in questo post abbiamo deciso dunque di mostrarvi come si riconoscono i punti bianchi, che hanno il nome specifico di “filamenti sebacei”, a cosa sono dovuti, come vanno trattati e con quali tipi di prodotti! Siete curiose di saperne di più? Se la risposta è sì, allora non vi resta che continuare a leggere il post!

ClioMakeUp-punti-bianchi-naso-dita-schiacciare-cerottini

CHE COSA SONO I PUNTI BIANCHI?

I cosiddetti filamenti sebacei sono dei piccoli grumi di sebo e cellule morte che si accumulano nei pori della pelle. Sono ovviamente microscopici e hanno un caratteristico colore tra il bianco e il giallo. Molto spesso vengono confusi con i punti neri dal momento che le zone più colpite sono quelle del viso: naso, fronte, mento e talvolta guance.

Tuttavia non vanno confusi dal momento che i punti neri, detti anche comedoni aperti, sono delle impurità cutanee derivate proprio dall’apertura dei comedoni chiusi altrimenti detti punti bianchi.

QUALI SONO LE CAUSE CHE DANNO ORIGINE AI PUNTI BIANCHI?

L’origine dei punti bianchi è da ricondurre a un’iperattività delle ghiandole sebacee che nelle pelli a tendenza acneiche è sicuramente maggiore. Altre cause sono invece le alterazioni ormonali, spesso e volentieri infatti compaiono tra i giovani durante la pubertà così come nelle donne che soffrono della sindrome dell’ovaio policistico.

ClioMakeUp-punti-bianchi-naso-dita-schiacciare-punti-neri
Credits: Benessere360.com

Altre cause invece secondarie oltre a quelle appena elencate sono meno frequenti, come la presenza di graffi infetti sulla pelle, una scarsa pulizia del viso, l’utilizzo di detergenti o cosmetici troppo aggressivi, presenza di cicatrici, stress, fattori ereditari e altre forme di alterazioni ormonale come le mestruazioni e la gravidanza, da non sottovalutare anche una costante esposizione ai raggi UV del sole o a lampade artificiali senza una crema protettiva!


Insomma una volta imparato a riconoscerli e a distinguerli dai punti neri dovremo imparare a trattarli e trovare i rimedi più adatti per questo tipo di inestetismo, se siete curiose di scoprire come fare, correte subito a pagina due! 🙂

32 COMMENTI

  1. Vichy Normaderm trattamento idratante anti imperfezioni globale: fantastico per chi ha la pelle secca, ma con pori dilatati soggetti a punti bianchi. Disinfiamma in un giorno anche i brufoli sotto pelle del ciclo. Credo che dipenda dall’Ac. Salicilico.

  2. Io il clarisonic l’ho trovato su Amazon a 69,99! L’ho ordinato ma ci vorrà un mese per averlo, speriamo bene…

  3. Non c’entra particolarmente col post ma ho iniziato ad usare la crema Effaclar Mat dopo aver letto molte opinioni positive e mi sta piacendo un sacco.. contrasta davvero la lucidita’ e migliora la grana della pelle, in più ha un profumo di lamponi che trovo strepitoso! La uso da poco, speriamo continui a funzionare 🙂

  4. Ho sconfitto i punti bianchi che io chiamavo pallini di grasso, con l’uso quotidiano del Clarisonic! Con testina cachemire che consiglio è davvero delicata ma pulisce perfettamente anche la pelle più delicata (e matura) ! ❤️

  5. Ragazze, confermo ciò che dice il team nel post, mai e poi schiacciarli con le dita!!! Cosa che peraltro continuano a fare anche molte estetiste

  6. Scusatemi ragazze,ma io ci capisco davvero poco(non ho ancora compreso che tipo di pelle ho),ma come si distinguono i punti bianchi dai punti neri?? Dal titolo dell’articolo sembrava che si sarebbe spiegato tutto,ma sinceramente no.

  7. Secondo me se guardi bene la pelle e vicino, riconosci la differenza. E poi credo appunto sia soprattutto il colore a distinguerli. Almeno io ho capito così

  8. I punti bianchi sono chiusi e sono, appunto, chiari, mentre quelli neri sono punti bianchi che si sono aperti e, ossidandosi, diventano scuri. I punti bianchi quasi non si vedono, mentre quelli neri li riconosci proprio per il caratteristico pallino scuro sulla pelle. Sono la stessa cosa (sebo accumulato nel bulbo pilifero) solo che il secondo é entrato in contatto con l’aria.

  9. in realtà la parte esposta del filamente sebaceo ossidandosi diventa più scura, quindi può sembrare un punto nero, I punti neri però “ad occhio” sono più brutti e creano come un cratere intorno, mentre intorno ai filamenti la pelle rimane liscia (io li ho sul naso, e chiedendo anche alla dermatologa mi ha spiegato che non sono punti neri, basta esfoliare 1/2 volte a settimana e dare un tonico). i filamenti poi non sono scurissimi, sono giallini o marroncini, ma estraendoli si nota che il colore è solo sulla zona esterna a contatto con l’aria

  10. Per chi è portatrice (sana) di povertà acuta come me e non ha animo di spendere neanche 50 € per la face brush, consiglio quella che a volte si può trovare al lidl, costa 15 € e ce l’ho da 2 anni. Vi consiglio le pile ricaricabili però, quelle normali le esaurisce in fretta.

  11. Ti consiglio le maschere di Caudalie. Ce ne sono per ogni tua esigenza, e funzionano molto bene. Io ho provato la purificante, idratante e detox. Costano sui 20 euro ma ti dureranno per molto.
    Si trovano in farmacia, puoi vedere sul sito ufficiale la più vicina a te.
    La cosa più importante però (a prescindere di quale maschera sceglierai) è la costanza :)))

  12. Ciao TeamClio, grazie dei consigli! 🙂
    Io anche non li distinguo, ma nei commenti c’è scritto che la differenza sta nel colore…

  13. Io al posto del Clarisonic uso… lo spazzolino! Lo so, è un po’ da poracci, ma la dimensione è ottima per le zone in cui mi serve (naso, mento e porzione della fronte in mezzo alle sopracciglia) ed ancora sto valutando quanto questo tipo di trattamento sia effettivamente idoneo per la mia pelle, che è mista ma molto delicata e sensibile.
    Per caso qualcuna di voi ha provato la spazzola simil-Clarisonic che vendono alla Lidl (a circa €15)?

    Buona serata a tutte!

  14. Probabilmente è un fake che arriva dalla cina, io l’ho preso a circa 45€da aliexpress ed è uguale in tutto e per tutto. Mi trovo benissimo.

  15. Grazie mille. Domani correrò in farmacia a comprarla ti faccio sapere ..grazie tante in anticipo e buona domenica

  16. a parte l’idea dello spazzolino… Non vendevano anche delle spazzole viso tipo clarisonic, ma manuali?? Ho in mente che esistono, ma cercando online trovo solo le spazzoline per stendere il fondotinta 🙁

  17. Ecco.. io non ho i punti neri ma i maledetti punti bianchi! Vorrei usare cose tipo il Clarisonic, ma ho anche la tendenza ad avere i capillari evidenti intorno al naso, e dicono che lo scrub&co sui capillari fragili sarebbe da evitare… Non vorrei peggiorare la situazione! Che poi questi maledetti non vanno più via se non col laser…
    Anzi, se qualcuno ha qualche consiglio anche per i capillari (laser a parte, perché ora sono una poraccia e non ho questi soldi da spendere :D)

  18. ciao a tutte!! se per punti bianchi vengono intesi i grani di miglio eccomi presente!! non ho ancora trovato nulla che te li fa sparire magicamente ma mi è sempre stato detto che ci vuole pazienza, pulizia del viso costante e creme non troppo aggressive.. qualcuna ha il mio stesso problema? si accettano consigli e suggerimenti :))

  19. io fra l’altro il clarisonic l’ho trovato su amazon a 70 euro!meno della metà di sephora,questi ladri!!ancora deve arrivare 😉

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here